IL DIRETTORE CENTRALE 
                        della finanza locale 
 
  Visto  l'art.  161,  comma  1   del   testo   unico   della   legge
sull'ordinamento  degli  enti  locali,  approvato  con   il   decreto
legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in base al quale gli enti  locali
redigono apposita certificazione sui principali dati  del  rendiconto
al bilancio, con modalita'  da  fissarsi  con  decreto  del  Ministro
dell'interno,  d'intesa  con  l'Associazione  nazionale  dei   comuni
italiani (A.N.C.I.), e l'Unione delle province d'Italia (U.P.I.); 
  Visto il comma 2  del  medesimo  articolo,  in  base  al  quale  le
modalita' della certificazione sono stabilite tre  mesi  prima  della
scadenza di ogni adempimento, con decreto del Ministro dell'interno; 
  Visto il decreto legislativo 14 marzo 2011,  n.  23  e  il  decreto
legislativo  8  maggio  2011,  n.  68   concernenti   rispettivamente
disposizioni in tema di federalismo fiscale di comuni e di regioni  e
province; 
  Visto il decreto-legge 6 dicembre 2011,  n.  201,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214; 
  Ritenuta  la  necessita'  di  fissare  modalita'   e   termini   di
compilazione e presentazione del certificato relativo  al  rendiconto
di bilancio dell'anno 2011; 
  Considerato che per le  esigenze  di  coordinamento  statistico  ed
informativo dei dati dell'amministrazione statale  con  quelli  degli
enti locali si richiede l'acquisizione delle certificazioni contabili
anche da parte degli enti locali della regione Friuli-Venezia Giulia,
della regione Valle d'Aosta e delle province  autonome  di  Trento  e
Bolzano, nelle quali vige e viene adottata una disciplina autonoma in
materia di contabilita' e bilanci degli enti locali; 
  Visto il decreto del Ministro dell'interno del 24  settembre  2009,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 238 del 13  ottobre  2009,  il
quale  determina  le  modalita'  per  la  definizione  dei  parametri
obiettivi  ai  fini  dell'individuazione  degli  enti  in  condizione
strutturalmente deficitaria per il triennio 2010-2012; 
  Viste le circolari F.L. 4/2010, F.L.  9/2010  e  n.  14/2010  nelle
quali sono riportate alcune  note  esplicative  per  la  compilazione
della tabella per l'individuazione degli enti  locali  in  condizione
strutturalmente deficitarie; 
  Visto il comma 2 dell'art. 19-bis introdotto dalla legge n. 166 del
2009 di conversione del decreto-legge  n.  135  del  2009,  il  quale
prevede che a decorrere dall'esercizio 2008 e  fino  a  tutto  l'anno
2011 le certificazioni concernenti il rendiconto  al  bilancio  degli
enti locali recano anche le sezioni riguardanti  il  ricalcolo  delle
spese per funzioni e le esternalizzazioni dei servizi; 
  Tenuto conto delle risultanze dei  lavori  effettuati  in  sede  di
Gruppo di  lavoro  Ā«Bilanci  delle  regioni  e  degli  enti  localiĀ»,
costituito con decreto 18 marzo 2009 del  Ministero  dell'economia  e
delle finanze - Dipartimento della ragioneria generale dello Stato; 
  Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001,  n.  165  e  successive
modificazioni, recante norme  generali  sull'ordinamento  del  lavoro
alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche; 
  Ritenuto, pertanto, che l'atto da adottare nella forma del  decreto
in esame consiste nella approvazione di un modello di  certificato  i
cui contenuti hanno natura prettamente gestionale; 
  Considerata l'esigenza di acquisire i dati contabili  con  maggiore
celerita', anche per consentire all'Istat di effettuare e trasmettere
all'Ufficio statistico dell'Unione europea (Eurostat), alle  scadenze
richieste, le analisi e le elaborazioni su alcuni dati finanziari che
sono richieste annualmente in applicazione del  Regolamento  (CE)  n.
479 del 25 maggio 2009; 
  Sentite l'Associazione nazionale dei comuni  italiani,  e  l'Unione
delle  province  d'Italia  che  hanno  espresso   parere   favorevole
sull'articolazione e il contenuto del certificato; 
  Vista la comunicazione della regione Valle d'Aosta con la quale  la
stessa regione ha indicato le sezioni (quadri)  del  certificato  che
gli enti della stessa regione  sono  tenuti  a  compilare,  rimanendo
facoltativa la compilazione degli altri quadri contabili; 
  Considerata che tale tipo di trasmissione, estesa a tutti gli  enti
locali,  consente  peraltro  di  dare  completa   applicazione   alle
disposizioni di cui all'art. 27 del decreto-legge n.  112  del  2008,
convertito,  con  modificazioni,  dalla  legge  n.  133   del   2008,
concernenti la riduzione dell'utilizzo della carta; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
 
       Approvazione modelli di certificazione, soggetti tenuti 
           agli adempimenti e termini per la trasmissione 
 
  1. Sono approvati  i  modelli  di  certificato  del  rendiconto  di
bilancio 2011, allegati al presente decreto, che gli enti locali sono
tenuti a predisporre e trasmettere entro il 10 ottobre 2012. 
  2. I comuni e le comunita' montane della regione Valle d'Aosta sono
tenuti a compilare e trasmettere esclusivamente le  sezioni  (quadri)
del certificato di cui all'Allegato tecnico al presente decreto.