Art. 4 
 
 
                 Elementi da indicare nella domanda 
 
 
    1. Il  candidato  in  servizio  nella  Guardia  di  finanza  deve
indicare nella domanda: 
      a) grado, contingente di appartenenza, cognome, nome, matricola
meccanografica, data e luogo di nascita; 
      b) la data di arruolamento nel  Corpo  e  di  nomina  al  grado
attuale; 
      c) il Reparto cui e' in forza; 
      d) il titolo di studio di cui e' in possesso; 
      e) di non essere stato  giudicato,  nell'ultimo  biennio,  ┬źnon
idoneo┬╗ all'avanzamento; 
      f) di non essere imputato in un procedimento penale per delitto
non  colposo  ovvero  sottoposto  a  procedimento  disciplinare   per
l'irrogazione di  una  sanzione  piu'  grave  della  consegna  ovvero
sospeso dal servizio o in aspettativa; 
      g) di non essere gia' stato  rinviato,  d'autorita',  da  corsi
allievi ufficiali, allievi marescialli ovvero allievi  vicebrigadieri
della Guardia di finanza; 
      h) il diploma di cui e' in  possesso  nello  strumento  per  il
quale si concorre o per strumento affine; 
      i)  l'eventuale   possesso   dei   titoli   preferenziali   e/o
maggiorativi di punteggio, tra quelli elencati nell'art.  15  nonche'
stabiliti dall'art. 5 del decreto del Presidente della  Repubblica  9
maggio 1994, n. 487. Le certificazioni attestanti il possesso di tali
titoli - ovvero dichiarazioni sostitutive, nei  casi  previsti  dalla
legge - devono essere presentate con le  modalita'  e  la  tempistica
indicate all'art. 5, comma 4. 
    2. Il candidato che non presta servizio nella Guardia di  finanza
deve indicare nella domanda: 
      a) cognome, nome,  codice  fiscale,  sesso,  data  e  luogo  di
nascita; 
      b) il possesso della cittadinanza italiana; 
      c) lo stato civile e il  numero  dei  figli,  eventualmente,  a
carico; 
      d) il titolo di studio di cui e' in possesso; 
      e) di godere dei diritti politici; 
      f) di non essere stato espulso dalle Forze armate, dalle  Forze
di polizia o dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco; 
      g) di non essere gia' stato rinviato, d'autorita', da corsi  di
formazione della Guardia di finanza; 
      h) di non  essere  imputato,  condannato  ovvero  di  non  aver
richiesto l'applicazione della pena ai sensi dell'art. 444 del codice
di procedura penale per delitti non  colposi,  ne'  di  essere  stato
sottoposto a misure di prevenzione; 
      i) il diploma di cui e' in  possesso  nello  strumento  per  il
quale si concorre o per strumento affine; 
      l)  se  alle  armi,  il  grado  rivestito  ed  il  reparto   di
appartenenza; 
      m) di non essere stato ammesso a prestare  il  servizio  civile
nazionale quale obiettore di coscienza ovvero di  aver  rinunciato  a
tale status, ai sensi dell'art. 636, comma 3, del decreto legislativo
15 marzo 2010, n. 66; 
      n)  l'indirizzo  proprio  e,   eventualmente,   della   propria
famiglia, completo del numero di codice di avviamento postale e, dove
possibile, di un recapito telefonico  e  di  un  indirizzo  di  posta
elettronica; 
      o) l'indirizzo presso  il  quale  desidera  ricevere  eventuali
comunicazioni; 
      p)  l'eventuale   possesso   dei   titoli   preferenziali   e/o
maggiorativi di punteggio, tra quelli elencati nell'art.  15  nonche'
stabiliti dall'art. 5 del decreto del Presidente della  Repubblica  9
maggio 1994, n. 487. Le certificazioni attestanti il possesso di tali
titoli - ovvero dichiarazioni sostitutive, nei  casi  previsti  dalla
legge - devono essere presentate con le  modalita'  e  la  tempistica
indicate all'art. 5, comma 4. 
    3. Qualora i concorrenti abbiano diritto agli aumenti dei  limiti
di eta' di cui all'art. 2, comma 1, lettera b),  punto  2),  dovranno
farne specifica menzione nelle annotazioni integrative. 
    4. I candidati, inoltre, devono  dichiarare,  nella  domanda,  di
essere a conoscenza delle disposizioni del bando di  concorso  e,  in
particolare, degli articoli 11 e 15,  concernenti,  tra  l'altro,  le
modalita' di svolgimento degli accertamenti psico-fisici  nonche'  la
procedura di notifica delle graduatorie finali di merito. 
    5. La domanda di partecipazione ha valore  di  autocertificazione
ed il sottoscrittore attesta, tra l'altro, di essere consapevole che,
in caso di false dichiarazioni, incorre nelle sanzioni  previste  dal
codice penale e dalle leggi speciali e decadra'  da  ogni  beneficio,
eventualmente, conseguente al provvedimento emanato sulla base  della
dichiarazione non veritiera fornita. 
    6. I candidati devono  segnalare  ogni  variazione  di  indirizzo
direttamente, e nel modo piu' celere, al Centro di Reclutamento della
Guardia di finanza, via delle Fiamme Gialle n. 18, 00122 -  Roma/Lido
di Ostia, il quale non assume alcuna responsabilita' circa  possibili
disguidi derivanti da  errate,  mancate  o  tardive  segnalazioni  di
variazioni di recapito o da eventi di forza maggiore.  Deve,  infine,
essere tempestivamente comunicata allo stesso Centro di  Reclutamento
ogni variazione che dovesse riguardare il possesso dei requisiti.