In  esecuzione  della deliberazione del direttore generale n. 292
del  20  ottobre  2003  sono  riaperti i termini per la presentazione
delle domande al pubblico avviso, ai sensi dell'art. 15, terzo comma,
del   decreto   legislativo   30 dicembre  1993,  n. 502  cosi'  come
modificato  dal  decreto legislativo 7 dicembre 1993, n. 517, nonche'
del  decreto  del  Presidente della Repubblica n. 484 del 10 dicembre
1997,  e  dal  decreto  legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, per il
conferimento  dell'incarico  quinquennale  di  direttore di struttura
complessa medicina di laboratorio.
    I  requisiti  per l'ammissione e la procedura per il conferimento
dell'incarico  sono  disciplinati  dal  decreto  del Presidente della
Repubblica n. 484 del 10 dicembre 1997.
    Possono  partecipare  all'avviso coloro che siano in possesso dei
seguenti requisiti specifici:
      a) iscrizione al relativo albo professionale;
      b) anzianita'  di  servizio  di sette anni, di cui cinque nella
disciplina  in cui si intende partecipare o disciplina equipollente,e
specializzazione  nella  disciplina o in una disciplina equipollente,
ovvero anzianita' di servizio di dieci anni nella disciplina.
    L'anzianita' di servizio e la disciplina in cui e' stata maturata
sara'  accertata  ai sensi degli articoli 10, 11, 12 e 13 decreto del
Presidente   della  Repubblica  n. 484/1997,  nonche'  del  combinato
disposto  tra  il settimo comma dell'articolo unico del decreto-legge
23 dicembre  1978,  n. 817,  convertito  con  modificazioni  in legge
19 febbraio  1979,  n. 54  ed  il decreto del Ministero della sanita'
18 settembre 1985;
      c) curriculum,   redatto  ai  sensi  dell'art.  8  decreto  del
Presidente  della  Repubblica n. 484/1997, in cui sia documentata una
specifica  attivita'  professionale  ed  adeguata esperienza ai sensi
dell'art.  6   citato   decreto   del   Presidente  della  Repubblica
n. 484/1997.
    Ai  sensi dell'art.  15, comma 3, nel curriculum si prescinde dal
requisito  della specifica attivita' professionale prevista dall'art.
6 stesso decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997;
      d) attestato  di formazione manageriale. (Fino all'espletamento
del  primo  corso  di  formazione  manageriale di cui all'art.  7 del
decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997, l'incarico sara'
attribuito   senza   l'attestato  di  formazione  manageriale,  fermo
restando l'obbligo di acquisire l'attestato entro un anno dall'inizio
dell'incarico, ovvero nel primo corso utile).
    La  domanda  di  ammissione all'avviso deve pervenire all'ufficio
protocollo  dell'Azienda entro il termine perentorio di giorni trenta
dalla  data di pubblicazione del bando nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica.
    Qualora  detto  giorno  sia  festivo,  il termine e' prorogato al
primo giorno successivo non festivo.
    L'ufficio  protocollo  dell'Azienda  e' aperto nei giorni feriali
(escluso il sabato) dalle ore 9 alle ore 12.
    Nella  domanda, redatta in carta semplice, gli aspiranti dovranno
dichiarare:
      a) cognome  e  nome,  la  data  ed  il  luogo  di  nascita,  la
residenza;
      b) il possesso della cittadinanza italiana, o equivalente;
      c) il  comune  di  iscrizione  nelle liste elettorali, ovvero i
motivi  della  non  iscrizione  o  della  cancellazione  dalle  liste
medesime;
      d) le  eventuali  condanne penali riportate, ovvero di non aver
riportato condanne penali;
      e) il  possesso della laurea in medicina e chirurgia, ovvero in
chimica e tecnologie farmaceutiche o biologia;
      f) il    possesso    del'abilitazione    all'esercizio    della
professione;
      g) il possesso dell'iscrizione al relativo albo professionale;
      i) il domicilio presso il quale deve essere fatta all'aspirante
ad ogni effetto, ogni necessaria comunicazione.
    L'amministrazione  non  assume responsabilita' per la dispersione
di  comunicazioni  dipendente da inesatte indicazioni del recapito da
parte  del  concorrente  oppure dalla mancata o tardiva comunicazione
del  cambiamento  dell'indirizzo  indicato  nella  domanda,  ne'  per
eventuali  disguidi  postali  o  telegrafici  o comunque imputabili a
fatto di terzi, a caso fortuito o forza maggiore.
    Alla  domanda  di partecipazione gli aspiranti dovranno allegare,
il  curriculum professionale redatto su carta libera, datato, firmato
e   debitamente   documentato   con   riferimento  sia  all'attivita'
assistenziale, correlata alla disciplina per un periodo non inferiore
all'ultimo  quinquennio, sia alle attivita' professionali, di ricerca
scientifica  e di studio, per le quali assumono valenza precipua quei
valori  afferenti l'area di specifico interesse in relazione al posto
di funzione direzionale da ricoprire.
    I    concorrenti    potranno    allegare,   altresi',   ulteriori
certificazioni relative ai titoli che riterranno opportuno presentare
agli  effetti  della valutazione da parte della commissione. Dovranno
allegare alla domanda i certificati attestanti i requisiti specifici.
Tutta  la  certificazione  dovra'  essere  prodotta in originale o in
copia  legale o autenticata ai sensi di legge, ovvero autocertificata
nei casi e nei limiti previsti dalla normativa vigente.
    Alla  domanda  dovra'  essere unito, in carta semplice, un elenco
dei titoli e documenti presentati.
    I  candidati  che hanno gia' presentato domanda di partecipazione
al primo bando pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica -
4ª  serie speciale - n. 14 del 18 febbraio 2003, i cui termini per la
presentazione  delle domande e' scaduto il giorno 20 marzo 2003, sono
esentati   dall'obbligo   di   presentazione   di  nuova  domanda  di
partecipazione.  E'  fatta  salva  la  loro  facolta' di integrare la
precedente istanza con nuova documentazione.
    L'incarico  sara' conferito dal Direttore generale sulla base del
parere  di  una  apposita commissione di esperti, costituita ai sensi
dell'art.  15, terzo comma, del decreto legislativo n. 502/1992 cosi'
come  modificato  dal  decreto  legislativo  n.  229/1999, che dovra'
predisporre  l'elenco degli idonei previo colloquio e valutazione del
curriculum  professionale  degli  aspiranti, ai sensi del decreto del
Presidente della Repubblica n. 484/1997.
    Il limite di eta' per conseguire l'assegnazione dell'incarico:
      a) per  coloro  che  sono  gia'  in  possesso  della  qualifica
dirigenziale  di  secondo livello, e' di non aver raggiunto il limite
massimo  di  eta' per il collocamento a riposo all'atto della stipula
del contratto;
      b) per coloro che sono in possesso della qualifica dirigenziale
di  primo  livello,  e'  la  coincidenza  o  il  non  superamento del
sessantacinquesimo   anno   di  eta',  alla  scadenza  del  contratto
quinquennale;
    L'assegnatario  dell'incarico  sara'  tenuto  a  rendere l'orario
settimanale previsto per il personale apicale medico a tempo pieno.
    Nelle  more  della  determinazione  dello  specifico  trattamento
economico,  all'incaricato  sara' corrisposto a titolo di acconto, il
trattamento economico vigente per il personale medico apicale a tempo
pieno.
    Per  quanto  non  previsto  si  rinvia  alle  norme  del  decreto
legislativo   n.   502/1992,   cosi'   come  modificato  dal  decreto
legislativo  n.  517/1993 e dal decreto legislativo n. 229/1999 ed al
decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997.
    Il  direttore  generale  si  riserva  la  facolta', per legittimi
motivi,  di  prorogare,  sospendere,  revocare  in tutto o in parte o
modificare il presente avviso.
    Per  informazione rivolgersi alla Funzione gestione del personale
- Azienda ospedaliera «S. Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona» - Via S.
Leonardo - Salerno - Tel. 089/672086 - fax 089/672192.
                                   Il direttore generale: Pirozzi