Con decreto n. 136 in data 30 giugno 2021 e' stato stabilito  che
le prove scritte del concorso a  quindici  posti  di  avvocato  dello
Stato, indetto con D.A.G. in data 6  luglio  2020,  pubblicato  nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica  italiana  -  4ª  Serie  speciale
«Concorsi ed esami» - del 7 agosto 2020,  n.  61,  abbiano  luogo  in
Roma, presso l'Ergife Palace Hotel - via Aurelia  n.  617/619  -  nei
giorni 19, 20, 21 e 22 ottobre 2021, con inizio alle ore 8,30. 
    I  candidati  ammessi  a  sostenere  le  prove  scritte  dovranno
presentarsi presso il suddetto l'Ergife Palace Hotel - via Aurelia n.
617/619 - il giorno 18 ottobre 2021 - dalle ore 9,00 alle ore 12,00 -
per i seguenti adempimenti: 
      a)  identificazione  personale  mediante  l'esibizione  di   un
proprio documento di riconoscimento valido; 
      b) ritiro della tessera di riconoscimento da utilizzare per  le
prove scritte; 
      c) consegna dei testi di  consultazione,  al  fine  della  loro
preventiva verifica. 
    Non saranno accettati testi  ulteriori  nei  giorni  delle  prove
d'esame. 
    Ai sensi dell'art. 20 del regio decreto 30 ottobre 1933, n. 1612,
sara' consentita la consultazione,  in  sede  d'esame,  soltanto  dei
codici, delle leggi e dei decreti dello Stato,  del  Corpus  Iuris  e
delle Istituzioni di Gaio, in edizione senza note, e, quanto ai testi
latini, con semplici annotazioni relative a varianti di lezione. 
    I predetti testi, sulla copertina esterna  e  anche  sulla  prima
pagina  interna,  dovranno  riportare  in  carattere  stampatello  il
cognome,  il  nome  e  la  data  di  nascita  del  candidato  cui  si
riferiscono. 
    In sede di verifica saranno esclusi tutti i testi non  consentiti
dal regio decreto n. 1612/1933,  in  particolare  quelli  contenenti:
giurisprudenza, note, commenti, annotazioni. 
    Ai sensi del citato art. 20 sara' vietato ai concorrenti  portare
con se' appunti, manoscritti, libri od opuscoli di qualsiasi  genere,
come pure comunicare tra di loro e con estranei in qualsiasi modo. 
    Non  sara'  consentito  introdurre  in  aula   d'esame   telefoni
cellulari, agende elettroniche e qualsiasi altro strumento utile alla
memorizzazione  di  informazioni,  alla  trasmissione  dei  dati   o,
comunque, ad agevolare - anche  solo  potenzialmente  -  i  candidati
nelle prove. 
    Le aule saranno sottoposte a schermatura. 
    Non  sara'  consentito  introdurre  in  aula  d'esame   borse   o
contenitori di qualunque natura e dimensione ad eccezione  di  quelli
contenenti effetti personali indispensabili,  contenuti  in  appositi
sacchetti trasparenti, tuttavia i candidati, al momento  dell'accesso
all'aula di esame,  potranno,  ma  a  proprio  rischio,  affidare  al
personale  di  vigilanza   oggetti   di   cui   non   e'   consentita
l'introduzione in aula, purche' di ingombro contenuto. 
    In  considerazione  della   situazione   epidemiologica   tuttora
esistente sul territorio nazionale, con riguardo alla  quale  non  e'
possibile, allo stato, effettuare previsioni certe e definitive circa
la  concreta  evoluzione,  si  comunica  che,   fermo   restando   la
possibilita' della sospensione, dell'annullamento o del rinvio  delle
prove scritte,  con  successivo  provvedimento,  di  cui  sara'  dato
apposito avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana  -
4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» - n. 77 del 28 settembre  2021,
saranno  adottate  le  idonee  disposizioni  da  osservare   per   il
contenimento della epidemia da COVID-19, unitamente alle  dettagliate
modalita' operative di svolgimento delle prove scritte. 
    Ulteriori  informazioni  utili  saranno  disponibili   sul   sito
www.avvocaturastato.it nell'apposita sezione dedicata al concorso.