TRIBUNALE CIVILE DI CATANIA
Sezione Lavoro

R.G. 2641/10.

(GU Parte Seconda n.136 del 16-11-2010)

 
              Atto di integrazione del contraddittorio 
 

  In esecuzione dell'ordinanza 10/16 agosto 2010  e  del  decreto  23
ottobre 2010  del  Giudice  del  lavoro  del  Tribunale  di  Catania,
dott.ssa C. Delfa, si notifica  a  tutti  i  docenti  inseriti  negli
elenchi prioritari per la Scuola  dell'infanzia  della  Provincia  di
Catania, di cui al decreto M.I.U.R. 29 settembre 2009 n. 82 integrato
dal decreto MIUR 17 dicembre 2009 n. 100  che  la  signora  Mariarosa
Celano, con ricorso ex art.  700  C.P.C.,  RG  2641/10,  ha  proposto
ricorso contro il MIUR, USP di Catania, in persona del legale rapp.te
p.t., ed il Circolo Didattico statale Ā«Cesare BattistiĀ»  di  Catania,
in persona del legale rapp.te p.t., al fine di ottenere l'inserimento
in detti elenchi.  All'uopo  la  ricorrente  ha  dichiarato  di  aver
lavorato per il Circolo Didattico resistente, ininterrottamente,  dal
30  settembre  2008  al  30  giugno  2009  (274  giorni)  circostanza
sufficiente a riconoscerle il pieno diritto ad essere inserita  negli
elenchi suddetti. Ella, in  proposito,  ha  lamentato  la  violazione
dell'art. 2 del decreto del M.I.U.R. 14 dicembre 2009, n. 100,  e  la
violazione del principio di uguaglianza. In subordine  la  Celano  ha
ribadito il suo diritto all'inserimento nei detti elenchi poiche'  ha
prestato servizio, come insegnante  di  sostegno,  presso  l'Istituto
resistente dal 30 settembre 2008 al 31 marzo 2009  (183  giorni).  Al
fine  di  ottenere  il  provvedimento  cautelare  ella  ha   allegato
l'esistenza di un  danno  grave  ed  irreparabile  consistente  nella
perdita dell'unico mezzo di sostentamento,  nella  impossibilita'  di
ottenere nuovi incarichi e acquisire nuovo  punteggio  nonche'  nella
perdita di posizioni in graduatoria. Udienza 15  dicembre  2010,  ore
10. 

                         Avv. Mario Fallica 

 
TC10ABA11093
mef Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato
Realizzazione Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.