Art. 103.
             Suddivisione in fasce delle ditte boschive
    1.  Ai  sensi  dell'Art.  9,  comma  2,  della legge regionale n.
28/2001  le  ditte  sono  attribuite alle rispettive fasce in base al
punteggio  raggiunto applicando i criteri di cui all'allegato T ed in
particolare:
      a) fascia A: punteggio maggiore di 125;
      b) fascia B: punteggio compreso fra 50 e 125;
      c) fascia C: punteggio inferiore o uguale a 50.
    2.  Gli  interessati  possono  richiedere in qualsiasi momento la
variazione  del  punteggio  assegnato inviando specifica richiesta di
modifica  completa  della  dichiarazione  relativa  ai  dati  ed alle
informazioni  necessarie  ai  fini  dell'attribuzione  del punteggio.
L'ente  competente per territorio provvede ad apportare le necessarie
modifiche  all'elenco  entro trenta giorni dalla richiesta e solo nel
caso  in  cui  tale  modifica  comporti  l'attribuzione della ditta a
fascia diversa.
    3.  La ditte boschive aventi sede legale in altre Regioni ai fini
del  rispetto  dei limiti stabiliti dall'Art. 9, comma 2, della legge
regionale   n.   28/2001   devono   presentare  a  completamento  dei
certificati  previsti  dallo  stesso  Art.  9,  comma  4, i dati e le
informazioni  necessarie  ai  fini dell'attribuzione del punteggio di
cui  al  comma  1.  In  caso  di  assenza  dei  dati  ed informazioni
necessarie  ai  fini  dell'attribuzione  del punteggio la ditta viene
considerata  appartenente  alla  fascia C di cui all'Art. 9, comma 2.
della legge regionale n. 28/2001.