(Allegato XXIX )
                            Allegato XXIX
                 PRESCRIZIONI PER I SEGNALI LUMINOSI

1.  Proprieta'  intrinseche  1.1.  La  luce emessa da un segnale deve
produrre  un contrasto luminoso adeguato al suo ambiente, in rapporto
alle condizioni d'impiego previste, senza provocare abbagliamento per
intensita'   eccessiva   o   cattiva   visibilita'   per   intensita'
insufficiente.
1.2.  La  superficie  luminosa emettitrice del segnale puo' essere di
colore uniforme o recare un simbolo su un fondo determinato.
1.3.   Il   colore  uniforme  deve  corrispondere  alla  tabella  dei
significati dei colori riportata all'allegato I, punto 4.
1.4.   Quando   il  segnale  reca  un  simbolo,  quest'ultimo  dovra'
rispettare,  per  analogia,  le regole ad esso applicabili, riportate
all'allegato II.
2.  Regole particolari d'impiego 2.1. Se un dispositivo puo' emettere
un  segnale  continuo  ed uno intermittente, il segnale intermittente
sara'  impiegato per indicare, rispetto a quello continuo, un livello
piu'  elevato  di  pericolo  o una maggiore urgenza dell'intervento o
dell'azione richiesta od imposta.
La  durata  di  ciascun lampo e la frequenza dei lampeggiamenti di un
segnale  luminoso  andranno calcolate in modo- da garantire una buona
percezione  del messaggio, e da evitare confusioni sia con differenti
segnali luminosi che con un segnale luminoso continuo.
2.2. Se al posto o ad integrazione di un segnale acustico si utilizza
un  segnale  luminoso  intermittente,  il  codice  del segnale dovra'
essere identico.
2.3.  Un  dispositivo  destinato  ad  emettere  un  segnale  luminoso
utilizzabile  in  caso  di  pericolo  grave  andra' munito di comandi
speciali o di lampada ausiliaria.