(all. 1 - art. 1 )
                                                             Allegato
               CURRICULUM VITAE DI MARIA TERESA MARRAS
Studi e formazione.
    1980  -  diploma  di perito tecnico industriale, specializzazione
chimica industriale con votazione 56/60 con seguito presso l'Istituto
G. Maria Angioy di Sassari;
    1989 - corso sulla comunicazione PNL livello 1;
    1990 - corso su tecniche di PNL nell'attivita' lavorativa;
    1992 - corso "Projet Manager";
    1993  - corso per referenti di sviluppo comunitario (legislazioni
comunitarie - progettazione);
    1998  -  partecipazione a laboratori del Job Centre nelle materie
relative all'orientamento al lavoro e alle tecniche di ricerca;
    1999 - corso di tecniche "Empowerman";
    1987-99 - partecipazione a convegni/seminari sulle materie lavoro
e formazione;
    dal 5/2000 - frequenza corso individuale di lingua inglese.
Conoscenze informatiche.
    Windows 95-98;
    Word-Lotus 123.vers.5 - Amipro;
    Exell. pacchetto Office 2000.
Esperienze lavorative.
    1982-1983   -   attivita'   di   capoufficio  presso  agenzia  di
assicurazioni;
    novembre  1983-1984  - impiegata presso ufficio tributi comune di
Sassari;
    1985-1986 - segreteria direzione personale regione Liguria;
    1986-1989  - collaboratore amministrativo presso ufficio problemi
del  lavoro  del comune di Genova; attivita': supporto alle decisioni
politiche settore aziende in crisi/occupazione giovanile;
    1990-1993  -  responsabile ufficio problemi del lavoro del comune
di Genova;
    1993   -   docenza   c/o   Isforcoop   per  corsi  di  formazione
professionale sulle materie relative alle politiche del lavoro;
    1993-1994  -  coordinamento  gruppi di lavoro per progetti mirati
all'occupazione  formati  anche da enti e/o organizzazioni esterne al
comune di Genova quali agenzie per l'impiego della Liguria, centri di
informazione  disoccupati, provincia di Genova, Federazione regionale
solidarieta' lavoro, ecc.;
    dal  1995  ad  oggi:  responsabile  ufficio  politiche attive del
lavoro del comune di Genova;
    dal  1995 ad oggi: relatore varie manifestazioni, convegni, sulle
materie   relative   al   lavoro,   alla   cooperazione   sociale   e
all'accoglienza dei minori (adozione-affido);
    dal  1998  -  componente  gruppo  tecnico  sottoprogramma  2 "Job
Centro" progetto Zenil iniziativa comunitaria Urban;
    dal   maggio   1999  -  componente  commissione  regionale  della
cooperazione sociale (nomina ANCI).
Pubblicazioni.
    1.  Coordinamento  gruppo  redazionale guida "Sto creando lavoro"
(opuscolo informativo su costituzione di impresa) ed 1996;
    2.   coordinamento   gruppo  redazionale  "Sto  cercando  lavoro"
(opuscolo informativo sulla ricerca lavoro) ed. 1995-1996-2000;
    3. collaborazione guida cooperative sociali ed. 1997.
Altre esperienze ed interessi.
    Dal  1995  socio  dell'associazione  "Famiglie per l'accoglienza"
partecipazione a gruppi di aiuto per famiglie che fanno esperienza di
accoglienza  di  minori  sulle (affido e/o adozione) anziani, ragazze
madri,  seminari  di  approfondimento  sulle  problematiche collegate
all'esperienza;
    dal   1994   collaboratore   iniziative   dell'Associazione  AVSI
(volontari per il servizio internazionale);
    raccolta  di  fondi  per  progetti  in  atto in Italia e in Paesi
extracomunitari  (Brasile,  ex Jugoslavia, Romania, Lituania, Uganda,
Sierra Leone, ecc.);
    adozione a distanza.
Competenze ufficio politiche attive del lavoro.
    1) Trattamento di situazioni di crisi aziendali con parti sociali
ed  imprese  (cura  dei  rapporti  con  gli  interlocutori e supporto
all'assessore).
    2)  Promozione  dell'occupazione  attraverso protocolli d'intesa,
convenzioni,  collaborazioni  ad  iniziative,  in  collaborazione con
enti, associazioni pubblico - private.
    3) Avvicinamento al lavoro di giovani disoccupati, qualificazione
e/o riqualificazione di uomini e donne espulsi dal ciclo produttivo o
disoccupati di lunga durata attraverso la progettazione. L'avvio e la
gestione  di  progetti  mirati  all'occupazione  (es: cantieri scuola
lavoro,   lavori   socialmente   utili,   borse  studio  lavoro)  con
particolare  attenzione, nella individuazione dei criteri di accesso,
gestione,  organizzazione  del  lavoro,  individuazione delle sedi di
lavoro, ai principi contenuti nella legge n. 125/1991.
    4)   Servizio   di  informazione  ai  disoccupati  attraverso  la
collaborazione  con  centri di informazione al lavoro di associazioni
sindacali  e di volontariato (Movimento primo lavoro ACLI, Centro per
il  lavoro CGIL, Sportello giovani CISL, Sportello di orientamento al
lavoro UIL, Cento di solidarieta' della compagnia delle opere).
    5)   Promozione   della   cooperazione   sociale   (rapporti  con
associazioni  datoriali,  sindacali,  associazioni di volontariato ed
imprese  non profit), progettazione iniziative mirate all'occupazione
di  uomini  e  donne in condizione di disagio sociale. Collaborazione
con  le  direzioni interessate ad affidare attivita' alle cooperative
sociali.  Partecipazione alle commissioni di valutazione dei progetti
presentati dalle Cooperative sociali.
    6)   Progettazione   o  collaborazione  alla  sperimentazione  di
interventi,     anche     coofinanziati     dalla     U.E.,    mirati
all'accompagnamento  al  lavoro  di disoccupati e/o espulsi dal ciclo
produttivo.
    Es.  1995  -  Ufficio  capofila  progetto  Job Centre - Centro di
transizione  al  lavoro  -  Iniziativa comunitari a Urban (finanziato
dalla UE);
      1998  -  Coordinamento progetto di accompagnamento al lavoro di
uomini  e  donne  impegnati  in attivita' socialmente utili presso il
comune  di  Genova (costruzione di un catalogo delle professionalita'
presentato alle associazioni datoriali);
      1999  -  Collaborazione  ad  un  gruppo  di  lavoro  formato da
operatori del Job Centre, dell'Agenzia per l'impiego, della provincia
di  Genova  e  dell'ufficio politiche attive del lavoro del comune di
Genova,  finalizzato alla ricollocazione lavorativa di uomini e donne
espulsi dal gruppo Interklim - ex Fonderie San Giorgio, nelle Aziende
insediate   nell'area  ex  Fonderie  -  Pra  (colloqui  con  imprese,
lavoratori, rapporti con organizzazioni sindacali).
    7) Sperimentazione di modalita' di primo inserimento al lavoro di
uomini  e  donne in condizione di svantaggio sociale e collaborazione
ad interventi finalizzati all'inserimento lavorativo:
      Es.  1989  -  attraverso  la costituzione di una cooperativa ed
affidamento  alla  stessa  delle  attivita'  di  apertura  e chiusura
parchi,  da parte della civica amministrazione, in collaborazione con
la Federazione regionale solidarieta' lavoro;
      1992/1994  - attraverso l'affidamento a cooperative sociali dei
servizi  di  pulizia  di  civici  caseggiati, di pulizia dello stadio
Luigi Ferraris, di civici uffici, di alcune scuole cittadine;
      1995/2000  -  attraverso  la  ricerca,  all'interno dei servizi
comunali, di attivita' diverse da affidare alla cooperazione sociale.
    8)   Sperimentazione   di   percorsi   finalizzati  a  dare  pari
opportunita'  per un reinserimento nel mondo del lavoro, a lavoratori
e lavoratrici licenziati da aziende in crisi:
      es.  1992 - ideazione e collaborazione alla progettazione di un
programma  di  riconversione  professionale  di  donne  licenziate  a
seguito  fallimento di impresa e costituzione, da parte delle stesse,
di  una  cooperativa  sociale,  in  collaborazione con la Federazione
regionale solidarieta' lavoro;
      1994/1995  -  progetto  di  riqualificazione  e  di inserimento
lavorativo di donne gia' iscritte alle liste di mobilita' finalizzato
alla  creazione di impresa nel settore dei servizi rivolti ai bambini
di eta' 0/6 anni, in collaborazione con l'Agenzia per l'impiego della
Liguria;
      1996/1998  -  progetto di riqualificazione di donne fuoriuscite
dalla  mobilita', utilizzando lo strumento lavori socialmente utili e
di pubblica utilita', finalizzato al conseguimento della qualifica di
rilegatore   e  ad  inserimento  lavorativo,  in  collaborazione  con
l'Agenzia per l'impiego della Liguria.
    9)  Studio  e  aggiornamento sulla normativa regionale, statale e
comunitaria relativa alle Politiche del lavoro, all'occupazione, alla
parita'  e  alle  pari  opportunita',  con particolare riferimento al
mondo del lavoro; all'imprenditoria giovanile e femminile, ai servizi
sociali.  Sino  al  1997  curava  anche  la  raccolta  di  ricerche e
documentazione  inerente  le  materie  di  cui  sopra, ora curata dal
Centro di documentazione del Job Centre.
    10)  Collaborazione alle iniziative promosse dal settore Sviluppo
economico e lavoro:
      Es.  1997/2000  -  partecipazione al Salone del lavoro formula,
promosso  dall'Agenzia  per  l'impiego  (ora Agenzia Liguria lavoro),
dall'Universita' di Genova, dalle Provincie, dal comune di Genova;
      2001 - iniziativa comunitaria Equal, partecipazione al convegno
di  studio  e  proposte  organizzato  in  collaborazione  con la rete
sociale europea REV;
      2001  -  progetto  finalizzato a favorire lo sviluppo locale da
realizzare con il contributo del fondo sociale europeo per il periodo
2001-2003  denominato  "Sviluppo  economico e delle risorse umane nel
ponente  di  Genova",  avente  come  misura  prevalente  "A"  - campi
trasversali  di  intervento  del F.S.E.: pari opportunita' e societa'
dell'informazione.
                    Curriculum di Valeria Maione
    1947 - Anno di nascita a Genova, dove risiede tuttora;
    1966 - Maturita' scientifica (liceo Fermi di Genova);
    1970  - Laurea in scienze politiche (tesi in statistica - massimi
voti) Universita' di Genova.
    1971 - Inizia collaborazione con facolta' di scienze politiche di
Genova prima in statistica (prof. Ludovico Boretti) e successivamente
(1975)  in  politica economica e statistica (prof. Giorgio Dellacasa)
in   qualita'   di   cultore   della  materia  e  effettua  cicli  di
esercitazioni agli studenti (fino al 1983).
    1973-1983   -  Funzionario  presso  l'ufficio  di  corrispondenza
regionale  dell'ISTAT  a  Genova - compiti principali: gestione delle
fonti   (organizza   il   servizio   biblioteca)  e  controllo  delle
statistiche  correnti  (in  particolare rilevazione trimestrale delle
forze di lavoro).
    1979-1981  -  Collabora  con  Scuola  di  formazione superiore di
Genova  (gruppo di ricerca su organizzazione del lavoro nella piccola
e media impresa).
    1980-1981 - Settore di censimento a Savona.
    1983  -  Vince  concorso  libero  per  ricercatore  universitario
indetto  da  facolta'  di  scienze  politiche  di  Genova (materie di
afferenza politica economica e statistica).
    1984  -  Organizza  il corso di economia e politica economica per
l'Universita'  della  terza  eta'  di Savona (che continua a dirigere
fino al 1998). Diventa membro della Societa' italiana di statistica.
    1985 - Con G. Dellacasa, G. Ferro, A. Panattoni, G.M. Ugolini, F.
Zaccaria e' incaricata dalla regione Liguria di predisporre un "Libro
bianco"  sull'agricoltura; le vengono affidati gli approfondimenti su
produzione, occupazione e contabilita' economica del settore.
    1986-1990  -  Direttore  di  ricerca  per  il CNR (contributo per
predisposizione  di  una  banca dati a livello territoriale su scambi
demografici e mercato del lavoro locale).
    1990  -  Inizia  uno  studio  sul  lavoro  femminile nella teoria
economica finanziato, da UNI.GE per 60%.
    1991  -  Professore  supplente  di  statistica  alla  facolta' di
scienze politiche di Genova (tuttora in attivita).
    1992  -  Responsabile  per  la  facolta' di scienze politiche dei
corsi UNI.T.E.
    1994  - L'Universita' di Oxford la invita a tenere seminari sulla
situazione  economica  italiana,  inizia  collaborazione con studiosi
locali.
    1995  -  Collabora  con  il Servizio beni culturali del comune di
Genova per il quale successivamente dirige e coordina rilevazioni sui
visitatori dei musei cittadini e sulla mostra di Van Dyck.
    1995  - Direttore di ricerca per progetto CNR su "emarginazione e
segregazione delle donne nel mercato del lavoro".
    1996  -  La  Scholl  of  Economic  di  Varsavia  la  invita  alla
Conferenza "Entreprise in Europe. The role of Women in private sector
developement"   alla   quale   presenta   una   relazione.   Aderisce
all'International Forum of Women.
    1996-97  - Tiene due seminari per il Centre for European Research
di  Oxford su "Occupazione e mezzogiorno" e "Occupazione femminile in
Italia dal dopoguerra ad oggi".
    1998  -  Aderisce  al Women's/Gender Research Forum e partecipa a
studio   internazionale   su   occupazione   femminile   nel  turismo
(rilevazione a Genova e Savona).
    1998   -  Inizia  ricerca  su  donne  imprenditrici  nel  settore
alberghiero, i cui primi risultati vengono presentati all'Universita'
di Urbino nel Convegno "I processi innovativi nelle piccole imprese".
    1999  -  Inizia  la  ricerca su "Donne manager in Universita'" in
collaborazione   con   la   Oxford   Brookes   University  e  il  CPO
dell'Universita' di Genova.
    2000  - Professore supplente di economia del lavoro alla facolta'
di  Scienze  internazionali  e diplomatiche di Genova. Diventa membro
della  Societa'  italiana degli economisti. Presenta una relazione al
terzo   Convegno  nazionale  dei  Comitati  pari  opportunita'  delle
Universita'  italiane (Padova) e un paper alla 2a European Conference
on Gender Equality in Higher Education (Zurigo). La rivista "Women in
Management"  pubblica  un  suo  articolo  sul  lavoro  delle donne in
Italia.
    N.B.  -  A  piu' riprese e per piu' progetti direttore di ricerca
CNR e membro di progetti strategici, direttore di ricerca di progetti
finanziati  al  60% dell'Universita' di Genova (uno all'anno dal 1984
al 1998, vengono soprariportati soltanto quelli attinenti a tematiche
del lavoro).
    Membro  di  numerose associazioni tra le quali: Societa' italiana
degli   economisti,  societa'  italiana  di  statistica,  Laboratorio
politico di
donne,   OSSIAN,   International   Forum   for   Wormen   (Varsavia),
Women's/Gender   Research   Forum  (Oxford).  Fa  parte  di  Comitati
scientifici   e   collabora  con  riviste  specializzate  italiane  e
straniere.
    Principali settori di ricerca (per i quali ha avuto finanziamenti
CNR o UNI.GE):
      qualita' della vita e misurazione della qualita';
      flussi  migratori  da  e  per  l'Italia:  aspetti quantitativi,
conseguenze  economiche,  il  risparmio,  con particolare riferimento
alle sue motivazioni;
      il   lavoro  delle  donne:  sottooccupazione,  discriminazione,
segregazione; economia culturale, il ruolo delle strutture museali;
      gli anziani come "risorsa".
Studi e ricerche sul lavoro femminile.
    Il  mio  interesse  per  il  lavoro delle donne risale agli inizi
degli  anni 90 quando ho intrapreso la ricerca "teorie economiche sul
mercato del lavoro femminile".
    Pensando  che  le interpretazioni siano spesso condizionate dalla
situazione  contingente  rispetto  alla  quale  vengono  espresse, ho
ritenuto opportuno aprirmi verso l'esterno per confrontare la realta'
italiana   con   quella   di  altri  Paesi.  Ho  preso  contatti  con
l'Universita'  di Oxford nella quale operavano ricercatori con i miei
stessi  interessi  e ho iniziato a collaborare con loro, il confronto
era  molto  stimolante  in  quanto  il mercato del lavoro italiano e'
decisamente  piu'  regolamentato  e  rigido  di  quello  inglese, che
tuttavia  spesso anticipa alcune nostre tendenze. Sono stata invitata
nel  1994  a tenere, in questa stessa Universita', dei seminari sulla
situazione  economica  italiana  e  da  questi  ho  tratto  ulteriori
stimoli.
    Nel  1995  ho  ottenuto  un  finanziamento  CNR  per  dirigere un
progetto  di  ricerca su emarginazione e segregazione delle donne nel
mercato  del  lavoro  e ho collaborato con l'Institute for employment
research  dell'Universita'  di  Warwick. Nel 1996 sono stata invitata
dalla  Scholl  of Economic di Varsavia ad intervenire alla Conferenza
"Entreprise   in   Europe.  The  role  of  women  in  private  sector
developement"  alla  quale  ho  presentato  una  relazione  su  Women
entrepreneurs  running  small  and  medium size business: the italian
exsperience,  poi  pubblicata  -  anche  in  polacco  - sulla rivista
"Kobieta  i Biznes"; in quella occasione ha aderito all'International
Forum for Women. Nel 1996 e nel 1997 ho tenuto alcuni seminari per il
Centre for European Research di Oxford su "Occupazione e mezzogiorno"
e "Occupazione femminile in Italia dal dopoguerra ad oggi".
    Nel   1998   le  colleghe  di  Oxford,  che  avevano  fondato  il
Women's/Gebder  Research  Forum,  al  quale  avevo  aderito, mi hanno
coinvolto  in  uno  studio internazionale sulla occupazione femminile
nel  turismo  svolto  anche  Genova  e Savona. Il contatto con questo
settore,  la  convinzione  che il lavoro autonomo possa rappresentare
uno  sbocco  interessante per le donne e la supposizione che ci siano
ambiti  nei  quali  l'attivita' di cura e di lavoro riescono meglio a
conciliarsi    mi    hanno   indotta   a   concentrare   l'attenzione
sull'imprenditoria   femminile  nell'alberghiero.  Ho  cominciato  da
Imperia,  poi  sono  passata  a  studiare  le altre provincie liguri.
Attualmente l'attivita' di rilevazione si e' conclusa e sto ultimando
l'elaborazione  statistica  del  materiale raccolto. Alcuni risultati
della   ricerca   sono  stati  presentati  nel  Convegno  "I processi
innovativi  nelle  piccole  imprese" (Urbino 1998) e pubblicati nella
rivista   "Piccola   impresa/Small   Business"   n.  1,  1999  (Donne
imprenditrici  nel  settore  alberghiero:  prime evidenze empiriche).
Sull'argomento ho anche prodotto un articolo - in inglese e polacco -
per la rivista "Women & Business" (n. 1-2, 1999).
    Nel   1999  ho  iniziato  una  ricerca  sulle  donne  manager  in
Universita'  in  collaborazione  con l'Oxford Brookes University e il
CPO  di  Genova (che dal 2000 mi ha designata "invitata permanente"):
l'obiettivo  e'  quello di individuare le componenti del successo, le
sue  eventuali  connotazioni  di  genere  e  renderle  visibili  alle
comunita' accademica e all'esterno insieme agli ostacoli che le donne
incontrano  nei  loro percorsi lavorativi. Abbiamo proceduto mediante
questionari  e  interviste  dirette, che si sono gia' concluse, e' in
corso  l'operazione di codifica delle risposte. Intendiamo presentare
due case study paralleli Oxford-Genova nei quali vorremmo individuare
fattori  di  convergenza  e di divergenza tra le due realta'. Notizie
sull'impostazione  della  ricerca insieme a alcune prime indicazioni,
tratte dallo spoglio delle interviste, sono state da me presentate al
3o   Convegno   nazionale   dei   Comitati  pari  opportunita'  delle
Universita'  italiane  (Padova,  2000)  e,  in  collaborazione con la
collega  Simonetta Manfredi di Oxford, alla 2a European Conference on
Gender  Equality  in  Higher  Education  (vedi  paper, Zurigo, 2000).
Sempre nel 2000 e' stato pubblicato il mio articolo The female labour
market in Italy from a historical perspective nella rivista "Women in
Management".
    La  facolta'  di  scienze  internazionali  e  diplomatiche  mi ha
conferito nel 2000 la supplenza di economia del lavoro. Nelle lezioni
che  ho  gia' concluso ho dapprima esaminato le teorie economiche sul
lavoro  dai  classici fino ai giorni nostri, mi sono occupata poi del
mercato  del  lavoro  italiano  dal dopoguerra a oggi, ho considerato
infine  lo  "stato  dell'arte"  e  le  recenti politiche del lavoro e
dell'occupazione   in  Italia  e  in  Europa.  Ho  posto  particolare
attenzione  ai  modelli  interpretativi  moderni:  segmentazione  del
mercato, contratti impliciti, salari di efficienza, insider-outsider,
isteresi  e ho cercato di evidenziare agli studenti la difficolta' di
spiegare  in  maniera  convincente  e completa un sistema che diventa
sempre  piu'  complesso.  Proprio  sulla  new  economy  e  sulle  sue
conseguenze  sociali, che ritengo coinvolgeranno in maniera rilevante
le donne, si stanno attualmente dirigendo i miei studi. Il lavoro che
ho  fin  qui  svolto  mi  induce  a  impegnarmi attivamente affinche'
aumenti   la  rappresentanza  femminile  nelle  istituzioni  e  nella
politica.
                                                       Valeria Maione
Elenco delle pubblicazioni di Valeria Maione.
    Note statistiche sulla "legge" di Engel, Maccari Parma, 1971.
    Considerazioni  su  una  opinabile  formulazione  geometrica  del
concetto  di  elasticita'  puntuale,  in  "Annali  della  facolta' di
scienze politiche" (Universita' degli studi di Genova), 1978-79.
    Il  contesto  socio-economico: dati statistici, parte del volume:
V. Maione,  S.  Pastorino,  A.  Ragazzoni,  G. Tamburri, V. Traverso,
Vivere in fabbrica, CEDIS, Roma, 1980.
    Un  tentativo  di  misurazione del livello di vita in Liguria, in
collaborazione    con   G.   Dellacasa,   su   "Rassegna   statistica
dell'economia ligure", n. 6 - 1980;
    Note  in  tema di sviluppo e produttivita' delle regioni italiane
negli  anni  recenti - 1970-79), in "Annali della facolta' di scienze
politiche" (Universita' degli studi di Genova), 1980/1982.
    Nota  sui flussi turistici statunitensi, canadesi e giapponesi in
Italia,  in  "Scritti in onore del prof. Paolo Emilio Taviani, Annali
della  facolta'  di  scienze  politiche"  (Universita' degli studi di
Genova), 1983/86, Tomo I.
    Appunti di statistica descrittiva, Bozzi, Genova, 1986.
    Alcune  considerazioni sull'emigrazione dalla Liguria nel periodo
1876/1924, in "Atti del Convegno I fenomeni migratori nella provincia
di Genova nei secoli XIX e XX", Genova, 19 giugno 1987.
    L'agricoltura  in  Liguria:  situazione,  problemi e prospettive,
Universita'  degli  studi  di  Genova, facolta' di scienze politiche,
Istituto  di  studi economici, Genova, 1989, in collaborazione con G.
Dellacasa, G. Ferro, A. Panattoni, G.M. Ugolini, F. Zaccaria.
    Il   pendolarismo  in  Italia  ai  censimenti  1971  e  1981,  in
collaborazione con M.A. Ferrera, su "Trasporti", n. 48-49, 1989.
    Il  turismo  passivo  italiano  tra  il  1960  ed il 1985, Papers
dell'Istituto di studi economici (Universita' degli studi di Genova),
n. 2 - 1989.
    Per una valutazione statistica dell'emigrazione dalla Liguria nel
periodo   1876-1924,   in   collaborazione  con  G.  M.  Ugolini,  in
"L'emigrazione  nelle  Americhe  dalla  provincia di Genova", vol. I,
Patron Editore, Bologna, 1990.
    Il  turismo  estero  italiano  secondo  le  indagini  ISTAT sulle
vacanze  degli  italiani,  Papers  dell'Istituto  di  studi economici
(Universita' degli studi di Genova), n. 3 - 1990.
    Il turismo degli anziani, in "Oggidomani anziani", n. 2 - 1990.
    In  margine  a  "Il  risparmio  nella  economia pura" di Giovanni
Montemartini   (1896   Papers   dell'Istituto   di   studi  economici
(Universita' degli studi di Genova), n. 5 - 1990.
    Il risparmio degli anziani, in "Oggidomani anziani", n. 2 - 1991.
    Brevi  considerazioni  sulla possibilita' di misurare la qualita'
dei  servizi  destinati agli anziani, in "Oggidomani anziani", n. 3 -
1994.
    Alcune  considerazioni  su  un  modello  per la misurazione della
qualita' dei servizi, in "Senectus", n. 4 - 1995.
    Women entrepreneurs running small and medium size businesses: the
italian experience, relazione presentata per la Conferenza"Entreprise
in  Europe.  The  role  of  women  in  private  sector  development",
Varsavia, Maggio 1996. in "Kobieta i Biznes", n. 2/3, 1996, (versione
inglese) (versione polacco).
    Annotazioni  sulla rilevazione statistica effettuata in occasione
della iniziativa Oro-Arte, in "Bollettino dei musei civici genovesi",
n. 48/50/51, 1995.
    Osservazioni   in   margine   alla   rilevazione  statistica  sui
visitatori  della  mostra  "Van  Dyck  a  Genova,  Grande  pittura  e
collezionismo",   in  "Bollettino  dei  musei  civici  genovesi",  n.
52/53/54 - 1996.
    The  female labour market in Italy from a historical perspective,
in "Women in Management" n. 2, aprile 2000.
    L'UNI.T.E.  di  Genova  alla  luce  di una rilevazione statistica
effettuata  sui frequentatori dell'area giuridico-politico-economica,
in "Senectus", n. 14 - 1998.
    Anziani  e immigrati, riflessioni sulla possibilita' di risolvere
contemporaneamente  due  problemi,  in  "Oggidomani  anziani", n. 3 -
1999.
    Donne  imprenditrici  nel  settore  alberghiero:  prime  evidenze
empiriche, in "Piccola impresa/small business", n. 1 - 1999.
    L'anziano  come  risorsa partecipe di una societa' in evoluzione,
atti del convegno "Anziani da buttare?", comune di Sondrio, 1999.
    Women  entrepreneurs  in  the  hotel  industry  in Italy/Kobiety,
przedsiebiorcy  w  branzy  hotelarskiej  we  Wloszesch, in "Kobieta i
Biznes", n. 1, 1999.
    Dove va l'assistenza agli anziani, in "Senectus" n. 1, 2000.
    Women  in  Academia  in  Italy  and  the  UK:  the  tale  of  two
Universities,  in atti "2nd european conference on Gender eguality in
Higher education", Uni/Eth Zurich, settembre 2000.
    *  il  volume  e' giunto alla quinta edizione; nel tempo e' stata
riveduto  e,  nel  1998, sono stati pubblicati, dallo stesso editore,
Esercizi di statistica.