(Allegato-MODULO I1 )
 
MODULO I1 
 
Iscrizione di imprenditore individuale nel registro delle  imprese  o
  di persona fisica nell'apposita sezione REA 
 
AVVERTENZE GENERALI 
    Il modulo e' assoggettato ad imposta di  bollo,  fatte  salve  le
esenzioni previste dalla legge. 
Soggetti utilizzatori del modulo 
    Le persone fisiche che esercitano una attivita' economica con  le
caratteristiche di: 
      • Imprenditore commerciale individuale (non piccolo)  esercente
un'attivita' ricompresa fra quelle indicate dall' art. 2195 c.c.. 
      • Piccolo imprenditore commerciale di cui all' art. 2083 c.c. 
      • Coltivatore diretto di cui all'art. 2083 c.c. 
      •  Imprenditore  agricolo  (non  coltivatore  diretto)  di  cui
all'art. 2135 c.c. 
    E' "piccolo imprenditore commerciale"  ai  sensi  dell'art.  2083
c.c. chi  svolge  attivita'  di  produzione  di  beni  o  servizi  di
intermediazione, ecc.: 
      - con carattere di continuita' 
      - con l'apporto del lavoro proprio e dei familiari 
      - eventualmente con l'utilizzo di dipendenti, ma  comunque  con
prevalenza del lavoro proprio e dei familiari rispetto sia al  lavoro
dei dipendenti, sia del capitale investito nell'impresa. 
    E' "coltivatore diretto" chi svolge un'attivita' agricola con  le
caratteristiche del piccolo imprenditore sopradescritto. 
    E' "imprenditore agricolo"  chi  esercita  un'attivita'  agricola
senza possedere una o  piu'  delle  caratteristiche  del  coltivatore
diretto sopracitate. 
    Oppure: 
      • Persona fisica richiedente l'iscrizione nell'apposita sezione
REA di cui agli artt. da 73 a 76 del decreto legislativo n. 59/2010. 
Finalita' del modulo 
    Il modulo I1 va utilizzato per: 
      1. richiedere l'iscrizione nel R.I. - sezione  ordinaria  -  di
persona fisica esercente un'attivita' di produzione o intermediazione
di  beni  o  servizi   con   le   caratteristiche   dell'imprenditore
commerciale (art. 2195 c.c.) 
      2. richiedere l'iscrizione nel R.I. -  sezione  speciale  -  di
persona fisica esercente un'attivita' di produzione o intermediazione
di beni o servizi, organizzata prevalentemente con il lavoro  proprio
e dei componenti della famiglia (art. 2083 c.c.) 
      3. richiedere l'iscrizione nel R.I. -  sezione  speciale  -  di
persona fisica esercente attivita' agricola o con le  caratteristiche
del  coltivatore  diretto  (art.  2083  c.c.)  o  privo   di   queste
caratteristiche (imprenditore agricolo ex art. 2135 c.c.). 
    Si rammenta che  a  norma  dell'art.  2135  c.c.  sono  attivita'
agricole: 
      • la  coltivazione  del  fondo  cioe'  l'attivita'  diretta  ad
ottenere i prodotti della terra; 
      • la silvicoltura cioe' l'attivita' di coltivazione  del  bosco
diretta alla produzione del legname; 
      • l'allevamento del bestiame cioe' l'allevamento degli  animali
da carne, da lavoro, da latte, da lana ed in  generale  l'allevamento
di animali per i quali vi sia un'attivita' diretta al loro incremento
qualitativo e  quantitativo  e  sussista,  inoltre,  un  collegamento
"funzionale" (diretto o indiretto, parziale  o  totale,  ma  comunque
determinante) con il fondo agricolo; 
      •  le  attivita'  connesse  cioe'  le  attivita'  dirette  alla
trasformazione  e  alienazione  (vendita)  dei  prodotti  agricoli  o
zootecnici, a condizione  che  rientrino  nell'esercizio  normale  (e
quindi tradizionale, storico, ambientale) dell'agricoltura. 
    Sono altresi' agricole: 
      • la coltivazione dei funghi (L. 5 aprile 1985, n. 126) 
      • le attivita' agrituristiche (L. 5 dicembre 1985, n. 730) 
      • l'attivita' di acquacoltura (L. 5 febbraio 1992, n. 102) 
      • l'attivita' cinotecnica svolta da chi alleva un numero pari o
superiore a cinque fattrici e che annualmente producono un numero  di
cuccioli pari o superiore alle trenta unita' (Legge 23  agosto  1993,
n. 349, come integrata dal DM 28 gennaio 1994) 
      4. richiedere l'iscrizione  nell'apposita  sezione  REA  per  i
mediatori occasionali, per le persone fisiche abilitate all'attivita'
di  mediazione,  agente  e  rappresentante  di  commercio,  mediatore
marittimo che non svolgano attivita' d'impresa. 
Ufficio competente alla ricezione del modulo 
    E' quello della sede principale dell'imprenditore o di  residenza
della persona fisica. 
Persone obbligate alla presentazione del modulo 
    L'obbligo ricade sul titolare dell'impresa  o  eventualmente  sul
suo procuratore, o  sulla  persona  fisica  richiedente  l'iscrizione
nell'apposita sezione del REA di cui  agli  artt.  da  73  a  76  del
decreto legislativo n. 59/2010. 
    I termini "titolare" ed "impresa" (ed analoghi) nel seguito hanno
la valenza anche di "persona fisica", ove ne ricorrano i presupposti,
per le informazioni dell'apposita sezione REA. 
Avvertenze per i singoli quadri 
TIPO DOMANDA 
    Va indicata, oltre alla data  di  costituzione  dell'impresa,  la
qualifica giuridica dell'imprenditore che  puo'  essere  una  o  piu'
delle quattro sottoindicate: 
      A - imprenditore commerciale non piccolo 
      B - piccolo imprenditore commerciale 
      C - coltivatore diretto 
      D - imprenditore agricolo "non coltivatore diretto" 
    In tal caso come tipologia va indicato DI=DITTA INDIVIDUALE. 
    Per le persone fisiche da iscrivere nell'apposita sezione del REA
nel campo "data costituzione dell'impresa" va indicata la data  dalla
quale si possiedono i requisiti abilitativi necessari  all'iscrizione
nell'apposita sezione. Come tipologia va indicato PF=PERSONA FISICA 
1/DATI ANAGRAFICI 
    Vanno indicati tutti i dati anagrafici dell'imprenditore anche se
trattasi di minore, inabilitato o interdetto. Va indicato  il  codice
fiscale ed il numero di partita I.V.A. 
2/RESIDENZA ANAGRAFICA 
    Va indicata la residenza  anagrafica  del  titolare  dell'impresa
completa di tutti gli elementi essenziali per la sua individuazione. 
3/LIMITAZIONE ALLA CAPACITA' DI AGIRE 
    Va compilato solo se  l'imprenditore  e'  persona  giuridicamente
incapace. 
    Va indicato lo stato giuridico  dell'imprenditore  corrispondente
al tipo  di  limitazione  della  capacita'  d'agire  (minore,  minore
emancipato, inabilitato, interdetto), riportando anche il  cognome  e
nome del rappresentante  dell'incapace,  per  il  quale  va  allegato
l'Intercalare P riportante i dati di quest'ultimo. 
4/DITTA 
    La ditta e' costituita, o semplicemente dal cognome  e  nome  del
titolare, o da un nome di fantasia seguito almeno dal cognome o dalle
iniziali del titolare. 
    Ove  presente,  la  sigla   della   denominazione   va   indicata
esclusivamente nell'apposito campo. Per sigla si intende una  stringa
di pochi caratteri che  in  modo  conciso  e  condensato  identifichi
comunemente l'impresa (come  ad  esempio  le  sigle  automobilistiche
delle province), e non un'estesa abbreviazione della denominazione. 
5/SEDE DELL'IMPRESA 
    Va  indicato  l'indirizzo  della  sede  principale   dell'impresa
completo di tutti gli elementi essenziali per la sua individuazione. 
    Nella riga "presso o altre indicazioni" deve essere  indicato  un
eventuale dettaglio del numero civico (es. int. 5, scala A, palazzina
F, ecc.) ovvero il "terzo" presso cui  e'  eventualmente  ubicata  la
sede (studio, ecc.). 
    Per gli imprenditori che esercitano una attivita'  non  agricola,
in generale,  la  sede  principale  coincide  con  il  luogo  ove  e'
effettivamente svolta l'attivita'. 
    Per  l'individuazione  della   sede   principale   dell'esercente
attivita' agricola si  fara'  riferimento  a  quanto  indicato  nella
"Dichiarazione di inizio attivita'" all'ufficio I.V.A. competente. 
    Qualora l'attivita' agricola sia svolta anche presso una  o  piu'
unita'  aziendali,  intese   come   insediamenti   (es.   caseificio,
oleificio, ecc.) funzionalmente autonomi e fisicamente distinti dalla
sede d'impresa, va compilato il modulo UL. 
    Nel  caso  di  attivita'  non  agricola  svolta   in   ubicazioni
differenti da quella della  sede,  il  modulo  UL  va  presentato  al
competente ufficio. 
    Si raccomanda di indicare il  numero  di  telefono,  di  telefax,
l'eventuale  sito  internet  e  l'indirizzo  di   posta   elettronica
dell'impresa. 
    Va  indicato  l'indirizzo  di   posta   elettronica   certificata
dell'impresa, come previsto dalla vigente normativa. 
8/ATTIVITA' ESERCITATE NELLA SEDE 
    Va indicato: 
      - la data di inizio attivita' esercitata presso la sede; 
      - la descrizione dell'attivita' primaria; 
      - l'eventuale descrizione dell'attivita' secondaria. 
    Vanno indicati i tipi di attivita'  non  agricole  effettivamente
esercitati presso la sede (commercio al dettaglio  di...,  produzione
di..., noleggio di..., agente di commercio per..., ecc.). 
    Si  vedano  anche  le  indicazioni  riportate  nelle   ISTRUZIONI
GENERALI PER LA COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DEI MODULI al  paragrafo
11 
    Vanno  anche  compilati  il  riquadro   10/ATTIVITA'   PREVALENTE
DELL'IMPRESA ed il riquadro DATA INIZIO ATTIVITA' IMPRESA. 
9/ATTIVITA' AGRICOLA DELL'IMPRESA 
    Si  vedano  anche  le  indicazioni  riportate  nelle   ISTRUZIONI
GENERALI PER LA COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DEI MODULI al  paragrafo
11 
    Vanno  indicate  le  province  ove  viene  effettivamente  svolta
l'attivita' agricola che fa capo all'impresa. 
    Se l'attivita' agricola viene  svolta  in  localita'  diverse  da
quelle della sede, ma non sono presenti strutture tali da individuare
un'azienda agricola a se' stante (esempio magazzini,  stalle,  silos,
ecc.) non deve essere aperta  un'unita'  locale,  ma  l'attivita'  va
indicata esclusivamente nel presente riquadro. Per  la  richiesta  di
iscrizione quale imprenditore agricolo professionale va compilato  il
riquadro 11/DICHIARAZIONE DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE. 
10/ATTIVITA' PREVALENTE DELL'IMPRESA 
    Deve essere indicata l'attivita' economica esclusiva ovvero,  nel
caso in cui  si  svolgano  due  o  piu'  attivita',  quella  ritenuta
prevalente tra tutte le attivita' effettivamente iniziate sia  presso
la sede che presso eventuali localizzazioni, specificando la data  di
inizio  di  detta  attivita'.  Per  l'individuazione   dell'attivita'
prevalente si avra' riguardo al criterio del volume d'affari. 
    Si  vedano  anche  le  indicazioni  riportate  nelle   ISTRUZIONI
GENERALI PER LA COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DEI MODULI al  paragrafo
11. 
11/DICHIARAZIONE DI IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE 
    Solo  nel  caso  di  dichiarazione  di   "IMPRENDITORE   AGRICOLO
PROFESSIONALE"  (I.A.P.)  deve  essere  compilato  il   campo   "data
dichiarazione". 
    Tale dichiarazione va compilata solo  dall'imprenditore  agricolo
che ha i requisiti previsti dall'art. 1 del d.lgs. 99/2004,  in  base
al quale si considera "imprenditore agricolo professionale  (I.A.P.)"
colui il quale, in possesso di conoscenze e competenze  professionali
ai sensi dell'art. 5 del regolamento (CE) n. 1257/1999 del 17  maggio
1999, del Consiglio, dedichi alle attivita' agricole di cui all' art.
2135 del codice civile,  direttamente  o  in  qualita'  di  socio  di
societa', almeno il cinquanta per cento del proprio tempo  di  lavoro
complessivo e che ricavi dalle attivita' medesime almeno il cinquanta
per cento del proprio reddito globale da lavoro. Le pensioni di  ogni
genere, gli assegni ad esse equiparati,  le  indennita'  e  le  somme
percepite  per  l'espletamento  di  cariche  pubbliche,   ovvero   in
associazioni ed  altri  enti  operanti  nel  settore  agricolo,  sono
escluse dal computo del reddito globale  da  lavoro  Nel  caso  delle
societa' di persone e cooperative,  ivi  incluse  le  cooperative  di
lavoro, l'attivita' svolta dai soci nella societa', in  presenza  dei
requisiti di conoscenze e competenze professionali,  tempo  lavoro  e
reddito di cui al  primo  periodo,  e'  idonea  a  far  acquisire  ai
medesimi la qualifica di imprenditore  agricolo  professionale  e  al
riconoscimento dei requisiti per  i  soci  lavoratori.  Nel  caso  di
societa' di capitali, l'attivita' svolta dagli  amministratori  nella
societa',  in  presenza  dei  predetti  requisiti  di  conoscenze   e
competenze professionali, tempo lavoro e reddito,  e'  idonea  a  far
acquisire ai medesimi amministratori  la  qualifica  di  imprenditore
agricolo professionale.  Per  l'imprenditore  che  operi  nelle  zone
svantaggiate di cui  all'art.  17  del  citato  regolamento  (CE)  n.
1257/1999, i requisiti di cui  al  presente  comma  sono  ridotti  al
venticinque per cento. 
    Qualunque riferimento nella legislazione vigente all'imprenditore
agricolo a titolo principale  si  intende  riferito  all'imprenditore
agricolo professionale. 
12/AMMONTARE DEL CAPITALE INVESTITO 
    Va   indicato   l'ammontare   del   capitale   fisso   (immobili,
attrezzature, ecc.) e  circolante  (materie  prime,  merci,  crediti,
ecc.) di cui e' dotata l'impresa per il suo avvio. 
13/NUMERI DI ADDETTI DELL'IMPRESA 
    Va  indicato  il  numero  delle  persone  che   prestano   lavoro
complessivamente per tutte le localizzazioni  dell'impresa,  compresa
la  sede,  distinguendo  tra  i  lavoratori   "dipendenti"   (operai,
apprendisti, impiegati, ecc.) e i "collaboratori familiari". 
    Se si esercita un'attivita' di tipo stagionale, si fa riferimento
alla media stagionale del numero di addetti. 
DATA INIZIO ATTIVITA' IMPRESA 
    Riportare la data di inizio della prima attivita' in assoluto per
l'impresa, indipendentemente da dove sia esercitata, ovvero se presso
la sede o presso una diversa localizzazione. 
14/INSEGNA DELLA SEDE 
    Va  indicata  l'insegna  della  sede  solo  se   la   stessa   e'
identificativa del locale ed e' significativa, cioe' diversa dal nome
della ditta e non generica (sono  considerate  generiche  le  insegne
tipo:  bar,  trattoria,  ristorante,  supermercato,  ecc.).  In  caso
contrario il riquadro non va compilato. 
15/ISCRIZIONI  IN  ALBI,  RUOLI,  ELENCHI,  REGISTRI  ED   ISCRIZIONI
  ABILITANTI 
    Vanno indicati gli estremi delle iscrizioni dell'imprenditore  in
albi, ruoli, elenchi, registri, ecc., e le iscrizioni abilitanti (es:
impiantisti,  autoriparatori,   mediatori,   agenti,   spedizionieri,
imprese  di  pulizia),  alle  quali  e'   eventualmente   subordinato
l'esercizio delle attivita' denunciate nei riquadri 8 e 9. 
    Vanno  compilati  i  campi  interessati   riportando   l'Ente   o
l'Autorita' che ha rilasciato l'iscrizione, scegliendolo  tra  quelli
indicati nella "TABELLA ALBI" (ALB),  la  denominazione  dell'albo  o
ruolo o attivita' scegliendola tra  quelle  indicate  nella  "TABELLA
ALBI E RUOLI" (RAL), la data,  il  numero  del  provvedimento  quando
previsto, e la sigla della provincia dell'Ente o Autorita' che lo  ha
rilasciato. 
    Per  le  imprese  che  esercitano  attivita'  di   impiantistica,
autoriparazione, pulizia, va  indicata  la  lettera  della  specifica
abilitazione posseduta. 
    Vanno indicate eventuali altre informazioni sull'attivita',  come
ad  esempio  limitazioni  sulle  lettere  degli  impiantisti  e,  per
l'attivita'   di   autoriparazione,    le    eventuali    limitazioni
dell'abilitazione connesse  al  periodo  transitorio  previsto  dalla
legge 224/2012 e dalla correlata  circolare  ministeriale  n.  3659/C
dell'11/03/2013. 
    IMPRESE DI PULIZIA E DI FACCHINAGGIO 
    I campi  "fascia  di  classificazione"  e  "data  denuncia"  sono
riservati alle sole imprese di pulizia che hanno  presentato  istanza
di iscrizione nelle fasce di classificazione  per  volume  di  affari
previste  dall'art.  3  del  D.M.  7  luglio  1997,  n.  274  tramite
l'apposito modulo di dichiarazione di cui all'Allegato A al  predetto
decreto,  nonche'  alle  sole  imprese  di  facchinaggio  che   hanno
presentato istanza di iscrizione nelle fasce di  classificazione  per
volume d'affari secondo  le  prescrizioni  dell'art.  8  del  decreto
interministeriale 30 giugno 2003, n. 221.  Per  la  compilazione  dei
suddetti campi  si  utilizzano  i  codici  presenti  nella  specifica
tabella. 
    Per le  imprese  esercenti  attivita'  di  mediazione,  agente  e
rappresentante di commercio, spedizioniere, mediazione marittima, per
le persone fisiche abilitate per tali attivita'  e  per  i  mediatori
occasionali, va compilato il campo "lettera" con il  codice  relativo
alla specifica abilitazione posseduta. I prodotti e servizi  trattati
vanno riportati nel  riquadro  dell'attivita'  prevalente  esercitata
dall'impresa ed eventualmente nell'attivita' esercitata nella sede. 
    I mediatori occasionali devono inserire  la  data  di  cessazione
dell'attivita' occasionale nel riquadro dell'attivita' prevalente. 
    Si  ricorda  che  per  gli  adempimenti  relativi  alle  suddette
attivita' va compilata anche l'apposita modulistica (moduli da C32  a
C39 della tabella DOC) da allegare, con lo  specifico  formato,  alla
pratica di Comunicazione Unica. 
16/LICENZE O AUTORIZZAZIONI 
    Vanno  indicati  gli  estremi  delle  licenze  o   autorizzazioni
rilasciate  all'impresa,  alle  quali  e'  eventualmente  subordinato
l'esercizio delle attivita' denunciate nei riquadri 8 e 9. 
    Vanno  compilati  i  campi  interessati   riportando   l'Ente   o
l'Autorita' che  ha  rilasciato  la  licenza  o  autorizzazione  (es.
Comune) scegliendolo tra quelli indicati nella "TABELLA ENTI LICENZA"
(LIC),  la  denominazione  scegliendola  tra  quelle  indicate  nella
"TABELLA DENOMINAZIONI LICENZA" (LDN),  la  data  ed  il  numero  del
provvedimento. 
17/SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' 
    Il presente riquadro va compilato nei casi previsti dall'art.  19
legge n. 241/1990. 
    Va indicata la data di presentazione della segnalazione di cui al
comma 1 del citato art. 19. 
    Va indicata, inoltre, l'amministrazione cui e'  stata  presentata
la predetta segnalazione,  scegliendola  tra  quelle  indicate  nella
"TABELLA ENTI LICENZA" (LIC). 
18/COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA (D.LGS. 114/98) 
    Nel primo campo  va  indicata  la  data  di  presentazione  della
dichiarazione di apertura dell'esercizio commerciale.  Vanno  inoltre
indicati i metri quadrati costituenti la superficie di vendita  e  la
sigla corrispondente al settore merceologico trattato,  da  scegliere
tra  quelle  riportate  nella  tabella  (A  =  alimentare;  N  =  non
alimentare; T = alimentare/non alimentare). 
20/LAVORO PRESTATO  DA  TERZI  E  FAMILIARI  PARTECIPI  ALL'ATTIVITA'
  DELL'IMPRESA 
    Il riquadro deve  essere  compilato  solo  nel  caso  di  impresa
agricola. Deve  essere  indicato  l'eventuale  numero  di  lavoratori
impiegati a  tempo  indeterminato,  nonche'  il  numero  di  giornate
lavorative prestate da parte di lavoratori a tempo determinato. o per
quanto concerne i familiari partecipi all'attivita' dell'impresa. 
    FAMILIARI PARTECIPI ALL'ATTIVITA' DELL'IMPRESA 
    Per quanto riguarda i familiari che  partecipano  direttamente  e
abitualmente all'attivita' dell'impresa (in  base  ad  uno  specifico
rapporto  di  parentela  o  di  affinita'  previsto  dalla  normativa
vigente) devono essere indicati i nominativi con il rispettivo codice
fiscale. 
    Per ciascun nominativo deve essere  altresi'  specificato  se  si
tratta o meno di coltivatore diretto. 
21/ABILITAZIONI PROFESSIONALI 
    Questo  riquadro  va  compilato  per  descrivere  le   specifiche
abilitazioni professionali conseguite al  fine  dell'esercizio  delle
attivita' dell'impresa. Si  evidenzia  che  questo  riquadro  non  va
utilizzato per indicare le abilitazioni professionali  relative  alle
attivita' di cui alla tabella LET (mediatori marittimi,  impiantisti,
agenti di affari in mediazione, agenti e rappresentanti di commercio,
spedizionieri,   autoriparatori,   disinfestatori,    derattizzatori,
sanificatori),  per  le  quali  va  invece  utilizzato  il   riquadro
15/ISCRIZIONI  IN  ALBI,  RUOLI,  ELENCHI,  REGISTRI  ED   ISCRIZIONI
ABILITANTI. 
AA/DATI ARTIGIANI 
    Le istruzioni che seguono sono state redatte a cura  del  sistema
camerale e dell'INPS 
    Il  riquadro  va  utilizzato  dal   titolare   dell'impresa   per
l'iscrizione alla gestione esercenti  attivita'  artigiane  istituita
presso l'INPS. 
    Si veda anche  il  punto  6  delle  ISTRUZIONI  GENERALI  PER  LA
COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DEI MODULI. 
Collaboratori 
    Queste informazioni riguardano i parenti o affini entro il  terzo
grado che svolgono la propria attivita' lavorativa con i requisiti di
abitualita' e prevalenza nella azienda del titolare.  Il  dichiarante
deve indicare, per ogni coadiutore i dati anagrafici  e  la  data  di
inizio attivita'  dello  stesso.  Tale  dichiarazione  dara'  origine
all'iscrizione  dell'interessato  nella  gestione   degli   esercenti
attivita' artigiane a partire dalla data indicata. 
AC /INPS-ASSICURAZIONE PREVIDENZIALE COMMERCIO 
    Le istruzioni che seguono sono state redatte a cura  del  sistema
camerale e dell'INPS. 
    Il  riquadro  va  utilizzato  dal   titolare   dell'impresa   per
l'iscrizione alla gestione esercenti attivita' commerciali  istituita
presso l'INPS. 
    Il presente riquadro deve essere  utilizzato  per  richiedere  la
prima iscrizione del titolare  e/o  di  un  coadiutore  (familiare  o
affine  entro  il  terzo  grado  che  svolge  la  propria   attivita'
lavorativa  con  i  requisiti  di  abitualita'  e  prevalenza)  nella
gestione degli esercenti attivita' commerciali. 
    La compilazione del riquadro fornisce  all'INPS  le  informazioni
necessarie  per  l'accertamento  dei  requisiti   in   possesso   del
dichiarante che determinano l'obbligo di iscrizione  ai  sensi  della
legge n. 662/96. L'iscrizione dara' origine all'assoggettamento  alle
assicurazioni previdenziali ed alla  contribuzione  prevista  per  la
categoria. 
Iscrizione 
    Il dichiarante compilando il campo afferma di svolgere la propria
attivita' con abitualita' e prevalenza  e  di  possedere  pertanto  i
requisiti   previsti   per   l'assoggettamento   obbligatorio    alle
assicurazioni previdenziali dei commercianti ex lege n. 662/96. Viene
quindi iscritto nella gestione ed assicurato ai fini pensionistici  a
partire dalla data di inizio attivita' indicata nell'apposito campo. 
Non iscrizione 
    Il dichiarante deve compilare questo campo specificando l'ipotesi
che non comporta l'iscrizione alla gestione commercianti: 
      svolge una attivita' di lavoro dipendente  a  tempo  pieno.  In
tale caso e' tenuto ad indicare l'azienda presso la quale  presta  la
propria attivita' lavorativa; 
      e'  esclusivamente  socio  di  capitale  e  non  presta  alcuna
attivita' lavorativa; 
      e' iscritto ad altra forma obbligatoria di  previdenza  Ente  o
Cassa di ordine professionale; 
      e' gia' iscritto alla gestione artigiani e/o  commercianti.  In
tale caso e' tenuto ad indicare il codice azienda INPS. 
Collaboratori 
    Queste informazioni riguardano i parenti o affini entro il  terzo
grado che svolgono la propria attivita' lavorativa con i requisiti di
abitualita' e prevalenza nella azienda del titolare.  Il  dichiarante
deve indicare, per ogni coadiutore i dati anagrafici  e  la  data  di
inizio attivita'  dello  stesso.  Tale  dichiarazione  dara'  origine
all'iscrizione dell'interessato a partire dalla data indicata. 
FIRMA 
    Il modulo va firmato dal titolare. Si veda anche il punto 2 delle
ISTRUZIONI GENERALI PER LA COMPILAZIONE E PRESENTAZIONE DEI MODULI.