(Allegato-art. 6 )
                               Art. 6. 
 
 
                        Legame con l'ambiente 
 
    I fattori che determinano la  reputazione  e  le  caratteristiche
riconoscibili della Patata Rossa  di  Colfiorito  sono  riconducibili
alle  particolari   caratteristiche   pedoclimatiche   dell'area   di
riferimento. Particolare importanza assume l'aspetto  pedologico:  le
condizioni del suolo, infatti, contribuiscono in modo determinante  a
definirne   l'accrescimento,    la    conformazione,    nonche'    le
caratteristiche chimiche ed organolettiche ed infine la qualita'  che
ne fanno un prodotto agricolo riconoscibile  e  con  una  reputazione
affermata. 
    L'area definita all'art. 3 in cui e' coltivata la  «Patata  Rossa
di Colfiorito», da un punto di vista granulometrico e' costituito  da
terreni  che   contribuiscono   alla   differenziazione   di   questa
particolare  coltura,  ovvero  terreni  silicei   con   presenza   di
scheletro, leggermente acidi, leggeri, sciolti, permeabili, profondi. 
    La Patata Rossa di Colfiorito si differenzia  in  relazione  alle
caratteristiche antropiche,  pedologiche,  ambientali,  climatiche  e
riferite all'altitudine dell'area di produzione, che conferiscono  al
prodotto: la forma irregolare, la consistenza e la durezza. 
    La Patata Rossa di Colfiorito subisce  una  influenza  ambientale
che tende a variarne la morfologia a causa della «sofferenza»  subita
dal tubero durante la crescita per fattori dipendenti dalla variabile
territorio. La compattezza della polpa e della forma irregolare  sono
infatti da imputare al terreno ricco di scheletro tipico dell'areale,
al clima e al ridotto apporto di irrigazione. 
    Numerose sono le testimonianze orali e scritte  che  testimoniano
il  consolidato  legame  storico-culturale-sociale  tra  prodotto   e
territorio. 
    La  zona  degli  altipiani  di   Colfiorito   e'   stata   sempre
tradizionalmente conosciuta come vocata  per  la  coltivazione  della
patata rossa.  La  comparsa  di  questo  tubero  negli  altopiani  di
Colfiorito risale alla fine della seconda  meta'  del  XVIII  secolo,
quando venne introdotta con ogni  probabilita'  dal  passaggio  nello
Stato Pontificio delle truppe  Imperiali  e  successivamente  durante
l'occupazione francese nel periodo napoleonico. Tale  ipotesi  sembra
estremamente verosimile, e comunque  e'  la  piu'  accreditata  dagli
studiosi della storia della patata, dato che questa coltura era  gia'
stata avviata numerosi anni prima in Francia e Germania con una buona
riuscita.  La  patata  per  le  sue  qualita'   nutrizionali   e   di
conservazione era un'ottima risorsa alimentare per le esigenze di  un
esercito.  Questi  passaggi   sono   ampiamente   documentati   dalla
storiografia folignate; di fatto, la zona di  Colfiorito  e  Casenove
era una tappa obbligatoria per raggiungere le Marche, non solo per il
passaggio degli eserciti, ma anche  dei  pellegrinaggi  mariani  alla
volta di Loreto. Di conseguenza la fama  di  Colfiorito  e  dei  suoi
prodotti  come  la  patata,  si  e'  diffusa   proprio   per   questa
possibilita' offerta dagli scambi culturali e commerciali grazie alla
battutissima via di comunicazione che oggi si identifica nella Strada
Statale 77, che salendo dal vicino centro urbano di  Foligno  per  il
valico di Colfiorito, si immette nell'alta valle del Chienti fino  ad
arrivare al Mare Adriatico. 
    Uno dei motivi principali di questa propensione alla coltivazione
della Patata Rossa sono le particolari  caratteristiche  geografiche,
in particolar modo l'altura: in tali condizioni la  patata  trova  un
clima ideale per la coltivazione, oltre che nelle minori possibilita'
di contrarre patologie o infestazioni parassitarie. 
    Tali caratteristiche comportano determinate qualita'  intrinseche
che  ne  sanciscono  la  riconoscibilita'   e   la   reputazione   di
differenziabilita', a livello commerciale e da parte del  consumatore
finale. Le caratteristiche inequivocabilmente  riconosciute  sono  la
compattezza e la  tenuta  alla  cottura,  qualita'  indispensabili  e
ricercate per la preparazione di determinati piatti  che  necessitano
di frittura o di elevate temperature di cottura. 
    Riviste specializzate,  fotografie  e  testimonianze  audiovisive
attestano la grande reputazione della «Patata Rossa di Colfiorito». 
    Infine riveste un ruolo fondamentale la reputazione e il successo
con il consumatore e la inscindibile relazione tra  la  denominazione
geografica di Colfiorito con il colore rosso della  patata  coltivata
nell'areale.