Art. 7 
 
                     Formazione e addestramento 
 
  1.  Al  codice  dell'ordinamento  militare  di   cui   al   decreto
legislativo n. 66 del 2010 sono apportate le seguenti modificazioni: 
    a) all'articolo 722: 
      1) al comma 1, lettera b) le parole: «un anno» sono  sostituite
dalle seguenti: «due anni»; 
      2) al comma 2, dopo la parola: «ruolo» sono inserite le parole:
«, se appartenenti all'Esercito  italiano,  alla  Marina  militare  e
all'Aeronautica militare» e dopo la parola: «anno» sono  inserite  le
parole: «, se appartenenti all'Arma  dei  carabinieri,  dopo  i  pari
grado provenienti dai corsi ordinari che terminano il ciclo formativo
nello stesso anno»; 
    b) l'articolo 734 e' sostituito dal seguente: 
  «Art. 734 (Corso di applicazione e corso di perfezionamento). -  1.
I sottotenenti del ruolo normale dell'Arma dei carabinieri che  hanno
frequentato l'accademia militare e completato con esito favorevole il
biennio formativo,  sono  ammessi  alla  frequenza  di  un  corso  di
applicazione della durata di due anni e di  un  successivo  corso  di
perfezionamento della durata di un anno. 
  2. Per i sottotenenti di cui al comma 1 che  superano  i  corsi  di
applicazione il  nuovo  ordine  di  anzianita'  e'  determinato,  con
decreto ministeriale, in base alla graduatoria stabilita  secondo  le
norme previste dal regolamento. 
  3. Gli ufficiali di cui al comma 1 completano  il  ciclo  formativo
frequentando un corso di perfezionamento della  durata  di  un  anno,
regolato dall'ordinamento  della  Scuola  ufficiali  carabinieri,  al
termine del quale l'anzianita' relativa e' rideterminata con  decreto
ministeriale, sulla  base  della  graduatoria  stabilita  secondo  le
modalita' previste dal regolamento, fermo restando  quanto  stabilito
dal comma 2, lettera b), dell'articolo 651-bis. 
  4. I sottotenenti che non superano per una sola volta uno  dei  due
anni del corso di applicazione  per  essi  previsto  sono  ammessi  a
ripeterlo e se lo superano sono promossi con l'anzianita'  attribuita
agli ufficiali unitamente ai quali hanno superato il predetto  corso.
Gli ufficiali che superano il corso di applicazione  o  il  corso  di
perfezionamento con ritardo per motivi di servizio  riconosciuti  con
determinazione  ministeriale  ovvero  per  motivi  di  salute,   sono
iscritti in ruolo al posto che a essi sarebbe  spettato  se  avessero
superato il corso al loro turno.»; 
    c) all'articolo 735: 
      1) al  comma  1,  alinea  dopo  la  parola:  «prescritto»  sono
inserite le seguenti: «sono collocati nella categoria del complemento
con obbligo di ultimare la ferma contratta.»; 
      2) al comma 1, le lettere a), b) e c) sono soppresse; 
      3) al comma 1-bis, le parole:  «1-bis»  sono  sostituite  dalla
seguente: «3» e dopo  le  parole:  «pari  grado,»  sono  inserite  le
seguenti: «che ha frequentato l'accademia militare,»; 
    d) l'articolo 736 e' sostituito dal seguente: 
  «Art. 736 (Corso applicativo per ufficiali del ruolo normale). - 1.
I  sottotenenti  del  ruolo  normale  provenienti  dai  ruoli   degli
ispettori, sovrintendenti e appuntati e carabinieri  sono  ammessi  a
frequentare un corso applicativo: 
    a) anche con modalita' telematica, di durata non inferiore a  sei
mesi se vincitori del concorso di cui alla lettera  b)  del  comma  1
dell'articolo 651-bis; 
    b) di durata non inferiore a due anni se vincitori  del  concorso
di cui alla lettera c) del comma 1 dell'articolo 651-bis. 
  2. Per i sottotenenti di cui  al  comma  1  che  superano  i  corsi
applicativi per essi prescritti il  nuovo  ordine  di  anzianita'  e'
determinato, con  decreto  ministeriale,  in  base  alla  graduatoria
stabilita secondo le norme previste dal regolamento,  fermo  restando
quanto stabilito dal comma 2, lettere a) e b), dell'articolo 651-bis. 
  3. I sottotenenti di cui al comma 1, lettera b)  che  non  superano
per una sola volta uno dei due anni del corso  applicativo  per  essi
previsto sono ammessi a ripeterlo e se lo superano sono promossi  con
l'anzianita' attribuita agli  ufficiali  unitamente  ai  quali  hanno
superato il predetto corso. 
  4. I  sottotenenti  di  cui  al  comma  1  che  superano  il  corso
applicativo per essi previsto con  ritardo  per  motivi  di  servizio
riconosciuti con determinazione ministeriale, ovvero  per  motivi  di
salute, sono iscritti in ruolo al posto che a essi  sarebbe  spettato
se avessero superato il corso al loro turno. 
  5. I sottotenenti di cui al comma  1  che  non  superano  il  corso
applicativo  per  essi  previsto   rientrano   nella   categoria   di
provenienza. Il periodo di durata del corso e' in tali casi computato
per intero ai fini dell'anzianita' di servizio.»; 
    e) all'articolo 737: 
      1)  nella  rubrica,   le   parole:   «tecnico-logistico»   sono
sostituite dalla seguente: «tecnico»; 
      2) al comma 1: 
        1.1) le parole:  «tecnico-logistico»  sono  sostituite  dalla
seguente: «tecnico»; 
        1.2) le parole: «sei mesi» sono  sostituite  dalle  seguenti:
«due anni»; 
    f) all'articolo 738: 
      1) il comma 2 e' sostituito dal seguente: 
  «2. Gli ufficiali reclutati nel ruolo  normale  a  nomina  diretta,
all'atto dell'ammissione al corso  applicativo  di  cui  all'articolo
722, sono vincolati a una ferma di sette anni, decorrente dall'inizio
del rispettivo  corso  applicativo,  che  assorbe  ogni  altra  ferma
precedentemente contratta.»; 
      2) al comma 3, le parole: «tecnico-logistico»  sono  sostituite
dalla seguente: «tecnico»; 
    g) all'articolo 740, comma 1, la lettera c) e'  sostituita  dalla
seguente: «c) tenenti dell'Arma dei carabinieri in ferma  prefissata,
ausiliari del corrispondente ruolo tecnico o forestale.»; 
    h) l'articolo 749 e' abrogato; 
    i) all'articolo 755: 
      1) al comma 1: 
        1.1) al primo periodo, le parole: «e tenenti  colonnelli  del
ruolo normale» sono sostituite dalle seguenti:  «dei  ruoli  normale,
forestale e tecnico»; 
        1.2) al secondo periodo,  le  parole:  «l'acquisizione»  sono
sostituite dalle seguenti:  «il  miglioramento»  e  dopo  le  parole:
«assolvimento   delle   funzioni»   e'    inserita    la    seguente:
«dirigenziali»; 
      2) al comma 3, dopo la parola:  «frequenza»  sono  inserite  le
seguenti: «anche con modalita' telematica». 
 
          Note all'art. 7: 
              - Si riporta il testo degli  articoli  722,  735,  736,
          737, 738, 740, 749, 755 del decreto  legislativo  15  marzo
          2010, n. 66, come modificati dal presente decreto: 
              "Art. 722 (Formazione degli ufficiali a nomina  diretta
          dei ruoli normali). - 1. I  candidati  utilmente  collocati
          nelle graduatorie di merito dei concorsi  straordinari  per
          ufficiali dei ruoli normali a nomina diretta: 
              a) se appartenenti all'Esercito italiano,  alla  Marina
          militare  e  all'Aeronautica  militare  frequentano   corsi
          applicativi di durata non superiore a un anno accademico le
          cui modalita'  sono  disciplinate  con  determinazione  dei
          rispettivi Capi di stato maggiore; 
              b) se appartenenti all'Arma dei carabinieri frequentano
          un corso applicativo della durata non inferiore a due anni,
          le cui modalita' sono disciplinate con  determinazione  del
          Comandante generale dell'Arma dei carabinieri. 
              2. L'anzianita'  relativa  dei  predetti  ufficiali  e'
          rideterminata, a seguito del  superamento  degli  esami  di
          fine corso, dalla media del punteggio della graduatoria del
          concorso e  di  quello  conseguito  al  termine  del  corso
          stesso. Gli stessi sono iscritti in ruolo, se  appartenenti
          all'Esercito   italiano,    alla    Marina    militare    e
          all'Aeronautica militare, dopo i pari grado provenienti dai
          corsi regolari  delle  rispettive  accademie  militari  che
          terminano  il  ciclo  formativo  nello  stesso   anno,   se
          appartenenti all'Arma dei carabinieri, dopo  i  pari  grado
          provenienti dai  corsi  ordinari  che  terminano  il  ciclo
          formativo nello stesso anno. 
              3. I candidati che non superino  il  corso  applicativo
          sono collocati  in  congedo,  se  non  devono  assolvere  o
          completare gli obblighi di leva, ovvero sono restituiti  ai
          ruoli di provenienza. Il periodo di  durata  del  corso  e'
          computato per intero ai fini  dell'anzianita'  di  servizio
          per i militari in servizio permanente  e  per  il  restante
          personale non  e'  computabile  ai  fini  dell'assolvimento
          degli obblighi di leva." 
              "Art.   735   (Mancato   superamento   dei   corsi   di
          applicazione e di perfezionamento). - 1. I sottotenenti del
          ruolo normale che non superano il corso di applicazione per
          essi  prescritto  sono  collocati   nella   categoria   del
          complemento con obbligo di ultimare la ferma contratta. 
              a). (abrogata). 
              b). (abrogata). 
              c). (abrogata). 
              1-bis. I tenenti del ruolo normale che non superano  il
          corso di  perfezionamento  per  essi  prescritto  non  sono
          ammessi    a    ripeterlo    e    nella    rideterminazione
          dell'anzianita', di cui all'articolo  734,  comma  3,  sono
          iscritti in ruolo dopo l'ultimo  dei  pari  grado,  che  ha
          frequentato  l'accademia   militare,   avente   la   stessa
          anzianita'. 
              (Omissis). 
              "Art. 737 (Corso  formativo  per  ufficiali  del  ruolo
          tecnico). - 1. I tenenti del ruolo tecnico sono  ammessi  a
          frequentare un corso formativo, della durata non  inferiore
          a due anni, al termine del quale e' determinata  una  nuova
          anzianita' relativa in base  all'ordine  della  graduatoria
          finale del corso. 
              Art. 738 (Obblighi  di  servizio).  -  1.  Gli  allievi
          dell'Accademia  all'atto  dell'ammissione  ai  corsi   sono
          vincolati a una ferma di tre anni. All'atto della nomina  a
          sottotenente sono vincolati a una nuova ferma di nove anni,
          che assorbe quella da espletare. 
              2. Gli ufficiali reclutati nel ruolo normale  a  nomina
          diretta, all'atto dell'ammissione al corso  applicativo  di
          cui all'articolo 722, sono vincolati a una ferma  di  sette
          anni,   decorrente   dall'inizio   del   rispettivo   corso
          applicativo, che assorbe ogni altra  ferma  precedentemente
          contratta. 
              3. I vincitori dei concorsi per la nomina  a  ufficiale
          del ruolo tecnico e del ruolo forestale,  se  non  gia'  in
          servizio permanente, sono vincolati a una  ferma  di  sette
          anni,   decorrente   dall'inizio   del   rispettivo   corso
          formativo, che assorbe  ogni  altra  ferma  precedentemente
          contratta.". 
              "Art. 740 (Superamento dei corsi di formazione e nomina
          nel grado). - 1. Gli allievi che superano gli esami di fine
          corso sono nominati: 
              a) sottotenenti o guardiamarina  in  ferma  prefissata,
          ausiliari del corrispondente  ruolo  speciale  della  Forza
          armata d'appartenenza, se il titolo di studio richiesto dal
          bando di concorso e' il diploma di istruzione secondaria di
          secondo grado; 
              b)  tenenti  o  sottotenenti  di  vascello   in   ferma
          prefissata,  ausiliari  del  corrispondente  ruolo  normale
          della Forza armata d'appartenenza, se il titolo  di  studio
          richiesto dal bando di concorso e' il diploma di laurea; 
              c)  tenenti  dell'Arma   dei   carabinieri   in   ferma
          prefissata, ausiliari del corrispondente  ruolo  tecnico  o
          forestale. 
              2. L'anzianita' relativa e' determinata dalla media del
          punteggio  della  graduatoria  del  concorso  e  di  quello
          conseguito al termine del corso stesso.". 
              "Art. 755 (Corso d'istituto). - 1. Il corso  d'istituto
          per  gli  ufficiali  in   servizio   permanente   effettivo
          dell'Arma  dei  carabinieri  e'  svolto  presso  la  Scuola
          ufficiali  carabinieri  dai  maggiori  dei  ruoli  normale,
          forestale e tecnico. Il corso tende  all'affinamento  della
          preparazione culturale, giuridica  e  tecnico-professionale
          dei frequentatori, anche  attraverso  il  miglioramento  di
          competenze e abilita'  per  l'assolvimento  delle  funzioni
          dirigenziali nel successivo sviluppo di carriera. 
              2. Le conoscenze e le capacita'  acquisite  nonche'  le
          potenzialita' espresse dai frequentatori formano oggetto di
          specifiche valutazioni. Il corso si conclude con  un  esame
          sostenuto davanti ad  apposita  commissione,  nominata  dal
          Comandante generale dell'Arma dei carabinieri. Il punteggio
          di fine corso, determinato sulla base delle  valutazioni  e
          dell'esame conclusivo, e la relativa graduatoria, approvati
          dal Comandante generale  dell'Arma  dei  carabinieri,  sono
          comunicati  agli  interessati  e  pubblicati  nel  Giornale
          ufficiale del Ministero della difesa. 
              3.  Nel  regolamento  sono  stabilite  la  durata,   le
          modalita' di ammissione, di svolgimento, di frequenza anche
          con modalita' telematica, di  rinvio,  di  valutazione  dei
          frequentatori, nonche' le modalita' di funzionamento  della
          commissione di cui al comma 2.