Art. 2.
  Dopo  l'art. 718 e con il conseguente spostamento della numerazione
degli articoli successivi sono aggiunti  i  seguenti  nuovi  articoli
relativi  alla  istituzione  della  scuola diretta a fini speciali di
logopedia.
             Scuola diretta a fini speciali di logopedia
  Art.  719.  -  E'  istituita  la  scuola diretta a fini speciali di
logopedia presso l'Universita' degli studi di Torino.
  La  scuola  ha  lo  scopo  di  preparare personale sanitario per il
trattamento diagnostico, preventivo, abilitativo e riabilitativo  dei
pazienti  con  disturbi  del  linguaggio  e  della comunicazione (con
particolare orientamento didattico in tema di sussidi riabilitativi e
protesici  per i soggetti compromessi nelle capacita' comunicative in
conseguenza di interventi chirurgici conservativi e demolitivi  della
laringe), fornendo le relative competenze professionali.
  La scuola rilascia il diploma di "logopedista".
  Art.  720.  -  La  scuola  ha  la  durata  di  tre  anni  e  non e'
suscettibile di abbreviazioni.
  Ciascun anno di corso prevede almeno seicento ore di insegnamento e
di  attivita'  pratiche  guidate  (tirocinio  professionale),  queste
ultime per almeno il 50% delle ore previste.
  In base alle strutture ed attrezzature disponibili, la scuola e' in
grado di accettare il  numero  massimo  di  iscritti  determinato  in
quindici  per  ciascun  anno di corso per un totale di quarantacinque
studenti.
  Art. 721. - per l'attuazione delle attivita' didattiche programmate
dal consiglio della scuola  provvedono  la  facolta'  di  medicina  e
chirurgia e l'istituto di otorinolaringoiatria.
  Art.  722.  -  Sono  ammessi alle prove per ottenere l'iscrizione i
diplomati degli istituti di istruzione secondaria di  secondo  grado,
maturita' quinquennale.
  Qualora  il numero degli aspiranti sia superiore a quello dei posti
disponibili, l'accesso alla scuola, nei limiti dei posti disponibili,
e'  subordinato al superamento di un esame mediante prova scritta con
domande a risposte multiple per il 70% dei punti disponibili e  dalla
valutazione  del  voto  del diploma di scuola secondaria superiore in
misura pari al 30% del punteggio complessivo.
  Art. 723. - Le materie d'insegnamento sono le seguenti:
  1  Anno:
   anatomia e istologia;
   fisiologia umana;
   fonetica e linguistica (*);
   fisica generale, fisica acustica, principi di elettronica (*).
  2  Anno:
   foniatria;
   riabilitazione logopedica I;
   semeiotica;
   psicologia del linguaggio (*);
   audiologia (*);
   nozioni di patologia e clinica speciale ORL (*);
   legislazione sanitaria ed etica professionale (*).
  3  Anno:
   neurologia;
   foniatria;
   riabilitazione logopedica II;
   riabilitazione protesica;
   neuropsichiatria infantile;
   elementi di psicopedagogia;
   psicologia;
   informatica e strumentazione biomedica (*).
  Gli  insegnamenti  con  asterisco sono di regola mutuabili anche da
altre scuole dirette a fini speciali.
  Gli studenti sono altresi' tenuti a frequentare un corso di inglese
scientifico. L'esame relativo,  da  svolgersi  mediante  colloquio  e
traduzione  di  testi  scientifici,  sara'  effettuato entro il primo
biennio.
  Art.  724.  - Durante i tre anni di corso e' richiesta la frequenza
nei seguenti reparti/divisioni/ambulatori/ laboratori:
   un reparto di otorinolaringoiatria;
   sei ambulatori di otorinolaringoiatria;
   un laboratorio presso l'istituto di otorinolaringoiatria;
   tre   servizi   presso  l'istituto  di  otorinolaringoiatria  (ivi
compreso il centro di riabilitazione laringeotomizzati).
  La  frequenza  per  almeno  seicento  ore complessive annue avviene
secondo delibera del consiglio della  scuola,  deve  essere  tale  da
assicurare  ad  ogni  studente un adeguato periodo di esperienza e di
formazione professionale.
  Lo  studente  ha  facolta'  di  ripetere  il  tirocinio  in caso di
valutazione negativa.
  Il   consiglio   della   scuola  predispone  apposito  libretto  di
formazione, che consente allo studente  ed  al  consiglio  stesso  il
controllo  dell'attivita'  svolta  e  dell'acquisizione dei progressi
compiuti, per sostenere gli esami annuali e finali.
  Gli esami annuali si riferiscono a ciascuna materia di insegnamento
ed  il  superamento  degli  stessi  e'  condizione   necessaria   per
l'ammissione all'anno successivo.
  Art. 725. - All'esame di diploma, lo studente viene ammesso solo se
abbia frequentato i corsi e superato gli esami annuali prescritti  ed
abbia   ottenuto   un   giudizio  favorevole  riguardo  al  tirocinio
professionale.
  Detto  esame, sostenuto al termine del ciclo di studi, ha valore di
esame di Stato.
  L'esame   di  diploma  e'  sostenuto  davanti  ad  una  commissione
presieduta dal rettore o da un professore ordinario suo delegato.
  La   commissione   e'   costituita   secondo   le   vigenti   norme
universitarie.
  L'esame  di diploma consiste nella discussione di una dissertazione
scritta su  un  argomento  di  natura  teorico-applicativa  assegnato
almeno sei mesi prima della data dell'esame.
  Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
   Torino, 31 gennaio 1991
                                                 Il rettore: DIANZANI