Art. 9.
           Variazione e mancata realizzazione del programma
  1. Le variazioni  concernenti l'oggetto del programma  o i relativi
tempi  di realizzazione  sono  comunicate  dall'impresa al  Ministero
dell'industria, del commercio e dell'artigianato - Direzione generale
per  il  coordinamento degli  incentivi  alle  imprese, con  adeguata
motivazione.
  2. Le  variazioni di cui  al comma  1 che, acquisita  la necessaria
documentazione giustificativa, risultino  coerenti con l'impostazione
originaria del programma approvato,  sono valutate direttamente dagli
uffici   ministeriali.    Le   variazioni   che    possono   incidere
sostanzialmente sulla coerenza con gli obiettivi del programma, cosi'
come originariamente approvato, sono  nuovamente sottoposte al parere
del comitato di cui all'articolo 4.
  3. In caso  di mancata o parziale realizzazione del  programma o in
caso  di  grave  inadempienza  da parte  dell'impresa,  il  Ministero
dell'industria, del commercio e dell'artigianato - Direzione generale
per  il  coordinamento degli  incentivi  alle  imprese, acquisita  la
necessaria documentazione, sentito il comitato di cui all'articolo 4,
procede alla revoca o  alla interruzione dell'erogazione dei benefici
con eventuali applicazioni di penali in misura comunque non superiore
al 2% delle erogazioni gia' effettuate.