Art. 16 
 
                      Disposizioni finanziarie 
 
  1. Agli oneri di cui alla presente ordinanza si provvede nel limite
massimo di  euro  5.670.605,00,  di  cui  euro  3.584.125,00  per  la
realizzazione degli interventi di cui all'art. 3,  comma  1,  e  euro
2.086.480,00 per  la  sola  progettazione  degli  interventi  di  cui
all'art. 3, comma 2. La relativa spesa  trova  copertura  all'interno
delle risorse a valere sulla contabilita' speciale di cui all'art. 4,
comma  3,  del  decreto-legge  n.  189  del  2016,  che  presenta  la
necessaria disponibilita'. 
  2. L'importo da finanziare per singolo  intervento  e'  determinato
all'esito dell'approvazione del progetto  nel  livello  definito  per
ciascun appalto. 
  3.  Fatte  salve  le  modifiche  preventivamente  individuate   nei
documenti  di  gara  ed  eventuali  ulteriori  esigenze  strettamente
connesse  alla  realizzazione  della  singola  opera,  le   eventuali
disponibilita' finanziarie possono essere utilizzate: 
    a) per il completamento dell'opera  da  cui  le  stesse  si  sono
generate; in tal  caso  il  sub  Commissario  autorizza  il  soggetto
attuatore all'utilizzo delle predette disponibilita' finanziarie; 
    b) per il completamento di uno degli interventi tra quelli di cui
all'art. 3, anche a copertura di eventuali maggiori costi dei singoli
interventi; in tal caso il sub  Commissario  autorizza,  con  proprio
decreto e su delega del Commissario straordinario,  l'utilizzo  delle
disponibilita' finanziarie su proposta del soggetto attuatore. 
  4. Ai fini di quanto previsto al comma 3: 
    a) le disponibilita' finanziarie su interventi relativi a singoli
interventi derivanti  da  ribassi  d'asta  sono  rese  immediatamente
disponibili nella misura dell'80% dell'importo; 
    b)  all'esito  del  collaudo  sono  rese  disponibili  tutte   le
disponibilita' finanziarie maturate a  qualsiasi  titolo  sul  quadro
economico. 
  5. Nel caso in cui le disponibilita' finanziarie di cui al comma  3
non fossero sufficienti a coprire gli  scostamenti  tra  gli  importi
degli  interventi  programmati  e  quelli  effettivamente   derivanti
dall'approvazione  dei  progetti,  dai  relativi  computi  metrici  e
dall'esito del collaudo, ai relativi oneri si provvede con le risorse
del Ā«Fondo di  accantonamento  per  le  ordinanze  specialiĀ»  di  cui
all'art. 3 dell'ordinanza n. 114 del 9 aprile 2021; in tal  caso,  il
Commissario  straordinario,  con  proprio  decreto,  attribuisce   le
risorse necessarie  per  integrare  la  copertura  finanziaria  degli
interventi programmati. 
  6. Ove non ricorra l'ipotesi  di  cui  al  comma  5,  le  eventuali
economie che residuano al termine degli interventi di cui all'art. 3,
tornano nella disponibilita' del Commissario straordinario. 
  8. Agli interventi in possesso dei requisiti per il  riconoscimento
degli incentivi del decreto interministeriale  16  febbraio  2016  da
parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.a. si applica  l'art.  8
dell'ordinanza n. 109 del 2020 ai fini della  rideterminazione  degli
importi e del concorso alla copertura  finanziaria  conseguente  agli
incentivi provenienti dal conto termico.