Art. 4 
 
Presentazione dei  sottoprogrammi  delle  regioni  e  delle  province
             autonome e del sottoprogramma ministeriale 
 
  1. Le amministrazioni delle regioni e province autonome interessate
trasmettono  via  PEC,  entro  il  30  novembre  2022,   il   proprio
sottoprogramma, comprendente gli interventi e le azioni da  attivare,
nell'ambito degli interventi previsti dal PSP e la  relativa  tabella
recante le richieste finanziarie, all'Ufficio PIUE VI del  Ministero,
all'indirizzo: pocoi6@pec.politicheagricole.gov.it  entro  lo  stesso
termine temporale e' definito il sottoprogramma ministeriale. 
  2. Il Ministero valuta la conformita' dei sottoprogrammi, di cui al
comma  1,  al  PSP  e  in  caso   positivo   comunica,   a   ciascuna
amministrazione, il proprio ┬źnulla osta┬╗ all'emissione  del  relativo
bando per l'assegnazione dei finanziamenti, entro trenta giorni dalla
ricezione  del  sottoprogramma.  In  caso  contrario,  il   Ministero
provvede a trasmettere  all'amministrazione  le  indicazioni  per  la
riformulazione del sottoprogramma in questione, fissando  il  termine
massimo di quindici giorni entro il quale il suddetto  sottoprogramma
deve essere aggiornato e ritrasmesso al Ministero. 
  3. Il Ministero riassume le richieste finanziarie  pervenute  dalle
Amministrazioni, in cinque tabelle, relative a  ciascuno  degli  anni
apistici 2023-2027 e lo diffonde a tutti i portatori di  interesse  e
alle Forme  associate,  di  livello  nazionale,  rappresentative  del
settore apistico. 
  4. Al fine di garantire il coordinamento delle  attivita'  previste
per la gestione del Programma nazionale, e' aggiornato il Comitato di
indirizzo e monitoraggio  istituito  con  decreto  dipartimentale  n.
6805, del 21 dicembre 2018. Il Comitato, che puo' avvalersi anche  di
esperti scientifici esterni, resta in carica fino a  conclusione  del
PSP 2023-2027 ed e' costituito da tredici componenti: 
    due rappresentanti del Ministero - Ufficio PIUE VI  con  funzioni
rispettivamente di Presidente e di Vicario; 
    quattro rappresentanti  delle   regioni   e   province   autonome
designati dalla conferenza delle regioni e delle province autonome; 
    un rappresentante UNAAPI; 
    un rappresentante del CONAPI; 
    un rappresentante dell'Osservatorio nazionale miele; 
    un rappresentante della FAI; 
    un rappresentante di Miele in cooperativa; 
    un rappresentante del CREA-PB; 
    un rappresentante di ISMEA.