Art. 20 
 
                             Tariffario 
 
  1. La scuola nautica  presenta  il  tariffario  all'amministrazione
competente per territorio ai fini dell'apposizione del visto. Analoga
procedura deve essere seguita in caso di modifiche del tariffario. 
  2. Il  tariffario  deve  rispettare  gli  importi  minimi  indicati
nell'allegato III, che  costituisce  parte  integrante  del  presente
regolamento. Con decreto del Ministero  delle  infrastrutture  e  dei
trasporti  si  puo'  procedere  ad  aggiornare  le  tariffe  di   cui
all'allegato III. 
  3. Il tariffario deve indicare: 
    a)  in  relazione  ad  ogni  tipologia  di  patente  nautica,  il
corrispettivo complessivo richiesto per  ciascun  corso,  comprensivo
delle lezioni di teoria e di pratica; 
    b) per ciascun corso, il  numero  delle  lezioni  di  teoria,  il
numero delle esercitazioni a motore ed eventualmente a vela  comprese
nel corrispettivo e la durata delle lezioni; 
    c) i servizi e le prestazioni compresi nel  corrispettivo  dovuto
alla scuola nautica; 
    d) eventuali oneri aggiuntivi non ricompresi nel corrispettivo. 
  4. Le amministrazioni competenti, d'intesa con il  Ministero  delle
infrastrutture e dei trasporti, adottano un modello di tariffario che
le scuole nautiche sono tenute ad utilizzare.