(Allegato VII)
                            ALLEGATO VII 
                                                (Articolo 9, comma 1) 
 
                               PARTE A 
 
REQUISITI DA RISPETTARE PER LE PARTITE  DI  FRUTTI  E  SEMENTI  DELLE
SPECIE DI CUI ALL'ALLEGATO I. 
 
   1. Le partite di frutti e sementi delle specie di cui all'allegato
I possono essere commercializzate solo a condizione di raggiungere un
livello minimo di purezza della specie del 99%. 
   2. Ferme restando le disposizioni del paragrafo  1,  nel  caso  di
specie strettamente collegate  di  cui  all'allegato  I,  tranne  gli
ibridi artificiali, la purezza della specie delle partite di frutti o
di sementi deve essere dichiarata se e' inferiore al 99%. 
 
                               PARTE B 
 
REQUISITI DA RISPETTARE PER LE PARTI DI PIANTE DELLE SPECIE  E  DEGLI
IBRIDI ARTIFICIALI DI CUI ALL'ALLEGATO I. 
 
   Le parti di piante delle specie e degli ibridi artificiali di  cui
all'allegato I devono essere  di  qualita'  leale  e  mercantile.  La
qualita' leale e mercantile e' determinata  da  criteri  morfologici,
fitosanitari e dimensionali.  Nel  caso  di  Populus  spp.,  si  puo'
dichiarare che i requisiti supplementari di  cui  alla  parte  C  del
presente allegato sono soddisfatti. 
 
                               PARTE C 
 
   REQUISITI RELATIVI ALLE NORME DI QUALITA'  ESTERIORE  PER  POPULUS
SPP. PROPAGATO MEDIANTE TALEE CAULINARI E PIANTONI. 
 
 
1. Talee caulinari 
   a) Le talee caulinari vengono considerate di qualita' leale e 
mercantile soltanto se non presentano alcuno dei seguenti difetti: 
      i) il legno ha piu' di due anni di eta'; 
      ii) presentano meno di due gemme ben conformate; 
      iii) sono colpite da necrosi o presentano danni causati da 
organismi nocivi; 
      iv) presentano segni di disseccamento, surriscaldamento, muffa 
o decomposizione. 
   b) Dimensioni minime delle talee: 
      - lunghezza minima: 20 cm; 
      - diametro minimo della cima; 
        Classe CE 1:8 mm 
        Classe CE 2: 10 mm. 
 
2. Piantoni 
   a) I piantoni vengono considerati di qualita' leale e mercantile 
soltanto se non presentano alcuno dei seguenti difetti: 
      - il legno ha piu' di tre anni di eta', 
      - presentano meno di cinque gemme ben conformate, 
      - sono colpiti da necrosi o presentano danni causati da orga- 
        nismi nocivi, 
      - presentano segni di disseccamento, surriscaldamento, muffa o 
decomposizione, 
      - presentano ferite, salvo le ferite prodotte con strumento da 
taglio durante la potatura, 
      - presentano fusti multipli, 
      - presentano fusti con eccessiva curvatura. 
   b) Classi di dimensioni dei piantoni: 
 
    
====================================================================

    
       Classe Diametro minimo Altezza minima (m) 
                      (in mm) a media lunghezza 
    
====================================================================

    
Regioni non mediterranee 
                              N1 6 1,5 
         N2 15 3,00 
    
--------------------------------------------------------------------

    
Regioni mediterranee 
         S1 25 3,00 
         S2 30 4,00 
    
--------------------------------------------------------------------

    
                               PARTE D 
 
   REQUISITI DA RISPETTARE PER IL POSTIME DELLE SPECIE E DEGLI IBRIDI
ARTIFICIALI DI CUI ALL'ALLEGATO I. 
 
   Il postime deve essere di qualita' leale e mercantile. La qualita'
leale  e  mercantile  e'  determinata  da   criteri   morfologici   e
fitosanitari, dalla vitalita' e dalla qualita' fisiologica. 
 
                               PARTE E 
 
REQUISITI  DA  RISPETTARE  PER   IL   POSTIME   DA   COMMERCIALIZZARE
ALL'UTILIZZATORE FINALE NELLE REGIONI A CLIMA MEDITERRANEO. 
 
   Il postime e' commercializzato solo se il 95% di ciascuna  partita
e' di qualita' leale e mercantile. 
 
   1. Il postime viene considerato di  qualita'  leale  e  mercantile
soltanto se non presenta alcuno dei seguenti difetti: 
a) presenta ferite, salvo le ferite prodotte con strumento da  taglio
   durante  la  potatura  o  quelle  dovute  ai  danni  causati   dal
   sollevamento; 
b) mancano gemme in grado di spuntare prima della tallitura; 
c) presenta fusti multipli; 
d) il sistema radicale e' deformato; 
e) presenta  segni   di   disseccamento,   surriscaldamento,   muffa,
   decomposizione o altri segni causati da organismi nocivi; 
f) le piante non sono ben equilibrate. 
 
2. Dimensioni delle piante 
 
    
====================================================================

    
Specie Altezza Altezza Altezza Diametro minimo 
               (anni) minima (cm) massima (cm) del colletto (mm) 
    
====================================================================
Pinus
halepensis       1          8            25              2
2         12            40              3

Pinus
leucodermis      1          8            25              2
2         10            35              3

Pinus nigra      1          8            15              2
2         10            20              3

Pinus pinaster   1          7            30              2
2         15            40              3

Pinus pinea      1         10            30              3
2         15            40              4

Quercus ilex     1          8            30              2
2         15            50              3

Quercus suber    1         13            60              3


3. Dimensioni del container, se utilizzato
====================================================================

    
   Specie Volume minimo (cm3) del container 
    
====================================================================

    
Pinus pinaster 120 
 
Altre specie 200 
    
--------------------------------------------------------------------