(Allegati-Allegato VI)
                             Allegato VI 
                              (art. 4) 
             Condizioni che devono soddisfare le sementi 
 
I - COLTURE ERBACEE DA PIENO CAMPO 
A) Barbabietole 
1. Le sementi devono presentare identita' e purezza del tipo o  della
varieta' in grado sufficiente. 
2. La presenza di malattie che riducano  il  valore  d'impiego  delle
sementi non e' tollerata che nella misura piu' limitata possibile. 
3. Le sementi devono inoltre rispondere alle seguenti condizioni: 
a) 
    

=====================================================================
|                                 |          |             | Tenore |
|                                 | Purezza  |  Facolta'   |massimo |
|                                 |  minima  | germinativa |   di   |
|             Specie              |specifica |minima (% dei|umidita'|
|                                 |(1) (% in | glomeruli o |(1) (%in|
|                                 |  peso)   | semi puri)  | peso)  |
+=================================+==========+=============+========+
|1                                |2         |3            |4       |
+---------------------------------+----------+-------------+--------+
|a) Barbabietole da zucchero      |          |             |        |
|- sementi monogermi:             |97        |80           |15      |
|- sementi di precisione:         |97        |75           |15      |
|- sementi plurigermi di varieta' |          |             |        |
|la cui percentuale in diploidi   |          |             |        |
|supera 85:                       |97        |73           |15      |
|- altre sementi:                 |97        |68           |15      |
|b) Barbabietole da foraggio:     |          |             |        |
|- sementi plurigermi di varieta' |          |             |        |
|la cui percentuale in diploidi   |          |             |        |
|supera 85,                       |          |             |        |
|sementi monogermi, sementi di    |          |             |        |
|precisione                       |97        |73           |15      |
|- altre sementi                  |97        |68           |15      |
+---------------------------------+----------+-------------+--------+
|La percentuale in peso di sementi di altre piante non deve superare|
|lo 0,3.                                                            |
+-------------------------------------------------------------------+

    
 
(1) Esclusi eventualmente gli antiparassitari granulati, le  sostanze
    di rivestimento e altri additivi solidi. 
 
(b) Condizioni supplementari richieste per le sementi monogermi e per
   le sementi di precisione: 
   aa) sementi monogermi: 
   almeno il  90%  dei  glomeruli  germinati  devono  dare  una  sola
   plantula. 
   La percentuale in glomeruli che porta tre plantule o piu' non deve
   superare il 5% dei glomeruli germinati; 
   bb) sementi di precisione di barbabietole da zucchero: 
   almeno il 70% dei glomeruli germinati deve dare una sola plantula. 
   La percentuale dei glomeruli che danno tre  plantule  o  piu'  non
   deve superare il 5% dei glomeruli germinati; 
   cc) sementi di precisione di barbabietole da foraggio: 
   per le varieta' la cui percentuale di diploidi supera  85,  almeno
   il 58% dei glomeruli germinati deve dare  una  sola  plantula;  in
   tutti gli altri casi almeno il 63% dei glomeruli germinati  devono
   dare una sola plantula; la percentuale di glomeruli che danno  tre
   plantule o piu' non deve superare il 5% dei glomeruli germinati; 
   dd)  per  le  sementi  della  categoria  "sementi  di  base",   la
   percentuale in peso di materia inerte non deve superare  l'1,0  %.
   Per  le  sementi  della  categoria   "sementi   certificate",   la
   percentuale in peso di materia inerte non deve superare  lo  0,5%.
   Per quanto concerne le sementi  confettate  delle  due  categorie,
   l'osservanza della rispettiva  disposizione  viene  verificata  su
   campioni   prelevati   ufficialmente   da   sementi    trasformate
   parzialmente decorticate (per strofinamento  o  frantumazione)  ma
   non ancora confettate,  fermo  restando  l'esame  ufficiale  della
   purezza analitica minima sulle sementi confettate. 
c) Altre condizioni speciali: 
gli Stati membri provvedono a che nelle zone dichiarate indenni dalla
rizomania in virtu' di specifiche procedure dell'Unione  non  possono
essere introdotte sementi di barbabietole la cui percentuale in  peso
di materia inerte superi lo 0,5%. 
 
4.  La  durata  di  efficacia  della  germinabilita'  dichiarata   e'
stabilita come segue: 
   a) in mesi 12 per  le  sementi  contenute  in  imballaggi  non  «a
tenuta» di umidita' (sacchi di juta, di cotone, ecc.); 
   b) in mesi 30 per le sementi contenute in imballaggi «a tenuta» di
umidita' (recipienti metallici, o  di  altro  materiale,  a  chiusura
ermetica). 
Trascorsi  tali  termini  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. In tal caso la responsabilita' resta a carico del  detentore
della semente, il quale, senza manomettere il cartellino ufficiale  e
del  produttore,  e'  tenuto   ad   apporre   sugli   involucri   una
dichiarazione, che potra' essere  costituita  anche  da  una  scritta
indelebile, dalla quale risulti: 
     - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
     - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
     - la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
I diversi tipi di  varieta',  compresi  i  componenti,  portasemi  ed
emittenti di polline, destinati alla certificazione,  possono  essere
specificati  e  definiti  conformemente   alla   procedura   prevista
dall'articolo 23. 
 
B) Cereali 
1. Le sementi devono presentare  identita'  e  purezza  varietali  in
grado sufficiente o, nel caso  di  sementi  di  una  linea  «inbred»,
sufficiente identita' e purezza relativamente ai suoi caratteri.  Per
quanto riguarda  le  sementi  di  varieta'  ibride,  le  disposizioni
succitate si applicano anche ai caratteri dei componenti. 
In particolare, le sementi delle specie sottoelencate  devono  essere
conformi alle seguenti norme o condizioni seguenti: 
A. Avena nuda, Avana sativa, Avena strigosa, Hordeum  vulgare,  Oryza
sativa, Triticum aestivum, Triticum durum, Triticum spelta,  comunque
diverso dagli ibridi, la purezza minima varietale deve essere: 
 
=====================================================================
|                                                     |   Purezza   |
|                                                     |  varietale  |
|                      Categoria                      | minima (%)  |
+=====================================================+=============+
|Sementi di base                                      |99,9         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
|Sementi certificate, 1° riproduzione                 |99,7         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
|Sementi certificate, 2° riproduzione                 |99,0         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
 
 
La purezza varietale  minima  deve  essere  esaminata  principalmente
mediante ispezioni in  campo  effettuate  alle  condizioni  stabilite
dall'allegato IX. 
 
B. Varieta' di xTriticosecale ad autofecondazione esclusi gli ibridi 
 
 
=====================================================================
|                                                     |   Purezza   |
|                                                     |   minima    |
|                      Categoria                      |varietale (%)|
+=====================================================+=============+
|Sementi di base                                      |99,7         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
|Sementi certificate, 1° riproduzione                 |99,0         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
|Sementi certificate, 2° riproduzione                 |98,0         |
+-----------------------------------------------------+-------------+
 
 
La purezza minima  varietale  e'  esaminata  principalmente  mediante
ispezioni sul campo di produzione effettuate  secondo  le  condizioni
stabilite nell'allegato IX. 
 
C. Ibridi di  Avena  nuda,  Avena  sativa,  Avena  strigosa,  Hordeum
vulgare, Oryza sativa, Triticum aestivum,  Triticum  durum,  Triticum
spelta e xTriticosecale ad autofecondazione. 
 
La purezza minima varietale delle sementi  della  categoria  "sementi
certificate" e' del 90%. 
Nel caso di sementi di Hordeum vulgare  prodotte  mediante  l'uso  di
componenti maschiosterili (CSM) la purezza varietale e' dell'85%.  Le
impurita' diverse dal ristoratore non superano il 2%. 
La purezza varietale minima e' valutata durante controlli ufficiali a
posteriori su una proporzione adeguata di campioni. 
 
D. Sorghum spp. e Zea mays. 
 
Se per la produzione di sementi certificate  di  varieta'  ibride  un
componente femminile maschiosterile ed un componente maschile che non
ristori la  maschiofertilita'  siano  stati  utilizzati,  le  sementi
devono essere ottenute: 
    - o miscelando, in proporzione propria alla  varieta',  lotti  di
      sementi prodotte attraverso l'impiego,  da  una  parte,  di  un
      componente  femminile  maschiosterile  e,  dall'altra,  di   un
      componente femminile maschiofertile; 
    - o coltivando, in proporzione propria alla varieta',  componenti
      femminili  maschiofertili.  La  proporzione  entro  queste  due
      componenti deve essere controllata mediante ispezioni in  campo
      effettuate alle condizioni stabilite nell'allegato IX. 
 
E. Ibridi di Secale cereale e ibridi CSM di Hordeum vulgare. 
 
Le  sementi  possono  essere  definite  come  "sementi   certificate"
soltanto in base ai risultati di un controllo ufficiale a posteriori,
su campioni di sementi  di  base  prelevati  ufficialmente,  eseguito
durante il periodo vegetativo delle sementi per  le  quali  e'  stata
presentata una domanda di certificazione come "sementi  certificate".
Tale controllo ha lo scopo  di  verificare  se  le  sementi  di  base
rispondono, per quanto riguarda i caratteri dei componenti,  compresa
la maschiosterilita', alle condizioni stabilite  per  le  sementi  di
base in materia di identita' e purezza. 
 
2. Le sementi devono essere conformi  alle  seguenti  norme  o  altre
condizioni relative  a  facolta'  germinativa,  purezza  specifica  e
contenuto di semi di altre specie di piante: 
A - Tabella 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
B - Norme o altre condizioni applicabili  allorche'  ne  viene  fatto
riferimento nella tavola di cui al punto 2, lettera A,  del  presente
allegato: 
    a) il contenuto massimo di semi di cui alla colonna  4  comprende
       anche i semi delle specie di cui alle colonne da 5 a 10; 
    b) un secondo seme non deve  essere  considerato  come  impurita'
       qualora un secondo campione dello stesso peso  sia  esente  da
       semi di altre specie di cereali; 
    c) la presenza di un seme di Avena fatua, Avena sterilis o Lolium
       temulentum in un campione del peso stabilito non  deve  essere
       considerata come impuria' se un secondo campione dello  stesso
       peso e' esente da semi di queste specie; 
    d) nel caso delle varieta' di  Hordeum  vulgare  (orzo  nudo)  la
       facolta' germinativa minima richiesta e' ridotta al 75%  delle
       sementi pure. L'etichetta ufficiale reca la dicitura "Facolta'
       germinativa minima 75%". 
 
C - Requisiti particolari per quanto riguarda la  presenza  di  Avena
fatua da accertarsi a richiesta degli interessati la coltura e' priva
di  Avena  fatua  al  momento  dell'ispezione  in   campo   ufficiale
effettuata in conformita'  alle  disposizioni  dell'allegato  IX  del
presente  decreto  e  un  campione   di   almeno   kg   1   prelevato
ufficialmente, e' privo di Avena fatua all'atto dell'esame ufficiale;
oppure: un campione di almeno kg 3 prelevato ufficialmente  e'  privo
d'Avena fatua all'atto dell'esame ufficiale. 
 
3. Le sementi  sono  praticamente  esenti  da  organismi  nocivi  che
riducano il valore di utilizzazione e la qualita' delle sementi. 
 
Le sementi soddisfano inoltre i  requisiti  relativi  agli  organismi
nocivi da quarantena rilevanti per l'Unione, agli organismi nocivi da
quarantena rilevanti per le zone protette e agli ORNQ previsti  negli
atti di esecuzione adottati a norma del regolamento  (UE)  2016/2031,
nonche' le misure adottate a norma dell'articolo 30, paragrafo 1,  di
tale regolamento. 
 
La presenza di  ORNQ  sulle  sementi  e  sulle  rispettive  categorie
soddisfa i seguenti requisiti indicati nella tabella: 
    

+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+
 Nematodi
+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+
|                |Piante  |             |             |             |
|                |da      |             |             |             |
|                |impianto|             |             |             |
|ORNQ o sintomi  |(genere |Soglie per le|Soglie per le|Soglie per le|
|causati dagli   |o       |sementi      |sementi di   |sementi      |
|ORNQ            |specie) |pre-base     |base         |certificate  |
+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+
|Aphelenchoides  |Oryza   |             |             |             |
|besseyi Christie|sativa  |             |             |             |
|[APLOBE         |L.      |0 %          |0 %          |0 %          |
+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+
 Funghi
+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+
|Gibberella      |Oryza   |             |             |             |
|fujikuroi Sawada|sativa  |Praticamente |Praticamente |Praticamente |
|[GIBBFU         |L.      |esente       |esente       |esente       |
+----------------+--------+-------------+-------------+-------------+

    
 
4. La presenza di corpi fungini  sulle  sementi  e  sulle  rispettive
categorie soddisfa i seguenti requisiti indicati nella tabella: 
    

+------------------------------------------------+------------------+
|                                                |Numero massimo di |
|                                                |corpi fungini,    |
|                                                |quali sclerozi o  |
|                                                |ergot, in un      |
|                                                |campione del peso |
| Categoria                                      |indicato nella    |
|                                                |colonna 3 della   |
|                                                |tabella di cui    |
|                                                |all'allegato IV   |
+------------------------------------------------+------------------+
|Cereali, esclusi gli ibridi di Secale cereale:  |                  |
|- sementi di base                               |1                 |
|- sementi certificate                           |3                 |
|Ibridi di Secale cereale:                       |                  |
|- sementi di base                               |                  |
|- sementi certificate                           |  4(*)            |
+------------------------------------------------+------------------+
|(*) La presenza di cinque corpi fungini, quali sclerozi o          |
|frammenti di sclerozi o ergot, in un campione del peso prescritto  |
|e' considerata conforme alle norme se un secondo campione dello    |
|stesso peso contiene non piu' di quattro corpi fungini.            |
+-------------------------------------------------------------------+

    
 
5. Il tenore massimo di umidita' non deve superare  il  13%  in  peso
delle sementi di Zea mays ed il 14% in peso delle sementi delle altre
specie. 
6.  La  durata  di  efficacia  della  germinabilita'  dichiarata,  e'
stabilita come segue: 
   a) in mesi 9 per le sementi contenute in imballaggi non «a tenuta»
di umidita' (sacchi di juta, di cotone, ecc.), ad eccezione del  mais
per il quale la validita' della dichiarazione e'  prolungata  a  mesi
12; 
   b) in mesi 30 per le sementi contenute in imballaggi «a tenuta» di
umidita' (recipienti metallici, o  di  altro  materiale,  a  chiusura
ermetica). 
Trascorsi tali termini il prodotto puo' essere mantenuto in commercio
purche' rispondente ai requisiti previsti dal  presente  decreto.  In
tal caso la responsabilita' sul valore della germinabilita'  resta  a
carico del detentore delle sementi, il  quale  senza  manomettere  il
cartellino ufficiale e del produttore, e'  tenuto  ad  apporre  sugli
involucri una dichiarazione, che potra' essere  costituita  anche  da
una scritta indelebile, dalla quale risulti: 
 - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
 - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
 - la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
C) Foraggere 
I. SEMENTI CERTIFICATE 
 
1. Le sementi devono presentare  identita'  e  purezza  varietali  in
grado sufficiente. 
Le sementi delle specie sottoelencate devono rispondere alle seguenti
norme e altre condizioni. 
La purezza minima varietale deve essere pari a: 
-  Poa  pratensis  (varieta'  apomittiche),   Brassica   napus   var.
napobrassica, Brassica oleracea convar. acephala: 98%; 
- Pisum sativum e Vicia faba: 
       - sementi certificate di prima generazione: 99%; 
       - sementi certificate di seconda generazione: 98%. 
- Trifolium subterraneum, Medicago  spp.,  eccetto  M.  lupulina,  M.
sativa, M. x varia: 
       - per la produzione di sementi di base: 99,5%; 
       -  per  la  produzione  di   sementi   certificate   ai   fini
dell'ulteriore riproduzione: 98%; 
       - per la produzione di sementi certificate: 95%. 
 
La purezza minima varietale e' controllata principalmente all'atto di
ispezioni ufficiali in campo  effettuate  alle  condizioni  stabilite
nell'allegato IX lettera B) Foraggere. 
2. Le sementi devono essere conformi  alle  seguenti  norme  e  altre
  condizioni relative alla facolta' germinativa, purezza specifica  e
  contenuto di semi di altre specie di piante, inclusa la presenza di
  semi amari in varieta' dolci di Lupinus spp.: 
A - Tabella 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
B - Norme o altre condizioni applicabili  allorche'  ne  viene  fatto
riferimento nella tavola di cui alla sezione 1, punto 2,  lettera  A,
del presente allegato: 
  a) tutti  i  semi  freschi  e  sani  non  germinati  in  seguito  a
     trattamento   preliminare   devono   essere   considerati   semi
     germinati; 
  b) entro i limiti  massimi  ammessi,  i  semi  duri  devono  essere
     considerati come semi suscettibili di germinazione; 
  c) un contenuto massimo totale pari allo 0,8% in peso  di  semi  di
     altre specie di Poa non deve essere considerato come impurita'; 
  d) un contenuto massimo pari all' l% in peso di semi  di  Trifolium
     pratense non deve essere considerato come impurita'; 
  e) un contenuto massimo totale pari allo 0,5% in peso  di  semi  di
     Lupinus albus,  Lupinus  angustifolius,  Lupinus  luteus,  Pisum
     sativum,   Vicia   faba,   Vicia   spp.   in   un'altra   specie
     corrispondente non deve essere considerato come impurita'; 
  f) la percentuale massima in peso stabilita per i semi di una  sola
     specie non si deve applicare ai semi di Poa spp.; 
  g) un contenuto massimo totale pari a 2 semi di Avena  fatua  e  di
     Avena sterilis, in un  campione  del  peso  stabilito  non  deve
     essere considerata come impurita' se un secondo  campione  dello
     stesso peso e' esente da semi di queste specie; 
  h) la presenza di un seme di Avena fatua e di Avena sterilis, in un
     campione del peso stabilito non  deve  essere  considerata  come
     impurita' se un campione di peso doppio e'  esente  da  semi  di
     queste specie; 
  i) la determinazione del contenuto in numero di semi di Avena fatua
     e di Avena sterilis  puo'  non  essere  effettuata  a  meno  che
     sussista un  dubbio  sul  rispetto  delle  condizioni  cui  alla
     colonna 12; 
  l) la determinazione del contenuto in numero  di  semi  di  Cuscuta
     spp. puo' non essere effettuata a meno che  sussista  un  dubbio
     sul rispetto delle condizioni di cui alla colonna 13: 
  m) la presenza di un seme di Cuscuta spp., in un campione del  peso
     stabilito non deve  essere  considerata  come  impurita'  se  un
     secondo campione dello stesso peso e' esente da semi di  Cuscuta
     spp.; 
  n) il peso del campione per  la  determinazione  del  contenuto  in
     numero di semi di Cuscuta spp. e' il doppio del  peso  stabilito
     nell'allegato IV, colonna 4, per le specie corrispondenti; 
  o) la presenza di un seme di Cuscuta spp. in un campione  del  peso
     stabilito, non deve essere  considerata  come  impurita'  se  un
     secondo campione di peso doppio di quello stabilito e' esente da
     semi di Cuscuta spp.; 
  p) la determinazione del contenuto in numero di semi di Rumex  spp.
     diverso da Rumex acetosella e Rumex maritimus e' necessaria solo
     se sussistono dubbi sul rispetto delle condizioni  di  cui  alla
     colonna 14; 
  q) la percentuale in numero di  semi  di  Lupinus  spp.  di  colore
     diverso non deve superare: 
- in lupino amaro: 2%; 
- in Lupinus spp. diverso dal lupino amaro: 1%; 
  r) la percentuale in numero di semi amari di Lupinus  spp.  diverso
     dal lupino amaro non deve superare il 2,5%. 
 
3. Le sementi  sono  praticamente  esenti  da  organismi  nocivi  che
riducano il valore di utilizzazione e la qualita' delle sementi. 
 
Le sementi soddisfano inoltre i  requisiti  relativi  agli  organismi
nocivi da quarantena rilevanti per l'Unione, agli organismi nocivi da
quarantena rilevanti per le zone protette e agli ORNQ previsti  negli
atti di esecuzione adottati a norma del regolamento  (UE)  2016/2031,
nonche' le misure adottate a norma dell'articolo 30, paragrafo 1,  di
tale regolamento. 
 
La presenza di  ORNQ  sulle  sementi  e  sulle  rispettive  categorie
soddisfa i seguenti requisiti indicati nella tabella: 
 
=====================================================================
|                  | Piante da |           | Soglie  |              |
|                  | impianto  |Soglie per | per le  |Soglie per le |
|  ORNQ o sintomi  | (genere o |le sementi | sementi |   sementi    |
|causati dagli ORNQ|  specie)  | pre-base  | di base | certificate  |
+==================+===========+===========+=========+==============+
|Clavibacter       |           |           |         |              |
|michiganensis ssp.|           |           |         |              |
|insidiosus        |           |           |         |              |
|(McCulloch 1925)  |           |           |         |              |
|Davis et al.      |Medicago   |           |         |              |
|[CORBIN]          |sativa L.  |0 %        |0 %      |0 %           |
+------------------+-----------+-----------+---------+--------------+
|Ditylenchus       |           |           |         |              |
|dipsaci (Kuehn)   |Medicago   |           |         |              |
|Filipjev [DITYDI] |sativa L.  |0 %        |0 %      |0 %           |
+------------------+-----------+-----------+---------+--------------+
 
 
4.  La  durata  di  efficacia  della  dichiarazione  concernente   la
germinabilitae' stabilita come segue: 
    a) in mesi 12 per le  sementi  contenute  in  imballaggi  non  «a
       tenuta» di umidita' (sacchi di juta, di cotone, ecc.); 
    b) in mesi 30 per le sementi contenute in imballaggi  «a  tenuta»
       di umidita' (recipienti metallici, o  di  altro  materiale,  a
       chiusura ermetica). 
Trascorsi tali  termini,  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. 
In tal caso la responsabilita' della dichiarazione sul  valore  della
germinabilita' resta a carico del detentore della semente, il  quale,
senza manomettere il cartellino ufficiale e del produttore, e' tenuto
ad apporre  sugli  involucri  una  dichiarazione  che  potra'  essere
costituita anche da una scritta indelebile dalla quale risulti: 
    - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
    - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
    - facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
II. SEMENTI DI BASE 
 
Fatte salve le disposizioni qui di seguito indicate, le condizioni di
cui alla sezione I del presente allegato si applicano alle sementi di
base: 
1. Le sementi di Pisum sativum,  Brassica  napus  var.  napobrassica,
Brassica oleracea conv. acephala, Vicia faba e delle varieta' di  Poa
pratensis devono rispondere alle seguenti norme o  altre  condizioni;
la purezza minima varietale deve essere del 99,7 %. 
La purezza minima varietale e' controllata principalmente all'atto di
ispezioni ufficiali in campo  effettuate  alle  condizioni  stabilite
nell'allegato IX, B) Foraggere. 
2.  Le  sementi  devono  essere  conformi  alle  seguenti   norme   o
condizioni: 
A - Tavola 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
B  -  Norme  o  condizioni  applicabili  allorche'  ne  viene   fatto
riferimento alla tavola di cui alla sezione II, punto 2, lettera  A),
del presente allegato: 
    a) un contenuto massimo totale pari a 80 semi  di  Poa  spp.  non
       deve essere considerato come impurita'; 
    b) la condizione stabilita nella colonna 3 non e' applicabile  ai
       semi di Poa spp.; il contenuto massimo totale di semi  di  Poa
       spp. diversa dalla specie in esame non deve superare 1 seme in
       un campione di 500 semi; 
    c) un contenuto massimo totale di 20 semi di Poa  spp.  non  deve
       essere considerato come impurita'; 
    d) la determinazione del contenuto in numero di semi di Melilotus
       spp. e' necessaria solo se sussistono dubbi sul rispetto delle
       condizioni di cui alla colonna 7; 
    e) la presenza di 1 seme di Melilotus spp.  in  un  campione  del
       peso stabilito non deve essere considerata come  impurita'  se
       un secondo campione di  peso  doppio  e'  esente  da  semi  di
       Melilotus spp.; 
    f) la condizione (c) di cui alla sezione I, punto 2, del presente
       allegato non si applica; 
    g) la condizione (d) di cui alla sezione I. punto 2, del presente
       allegato non si applica; 
    h) la condizione (e) di cui alla sezione I. punto 2, del presente
       allegato non si applica; 
    i) la condizione (f) di cui alla sezione I, punto 2, del presente
       allegato non si applica; 
    j) le condizioni (k) e (m) di cui alla sezione I,  punto  2,  del
       presente allegato non si applicano; 
    k) la percentuale in numero di semi amari di Lupinus spp. diverso
       da lupino amaro non deve superare 1%. 
3. I diversi tipi di varieta', compresi i componenti, destinati  alla
certificazione possono essere specificati  e  definiti  conformemente
all'articolo 25. 
 
III. SEMENTI COMMERCIALI 
 
Fatte salve le disposizioni qui di seguito indicate, le condizioni di
cui alla sezione I, punti 2, 3, 4 del presente allegato, si applicano
alle sementi commerciali: 
    1. per quanto concerne il contenuto massimo di sementi  di  altre
       specie di piante, le percentuali in peso di cui alle colonne 5
       e 6 della tavola di cui alla sezione I, punto  2,  lettera  A,
       del presente allegato sono aumentate dell'1%; 
    2. in Poa annua un tenore massimo totale pari al 10% in  peso  di
       sementi di altre specie di Poa  non  deve  essere  considerato
       come impurita'; 
    3. nelle specie di Poa  spp.  diverse  da  Poa  annua  un  tenore
       massimo totale del 3% in peso di sementi di  altre  specie  di
       Poa non deve essere considerato come impurita'; 
    4. in Hedysarum coronarium un tenore massimo totale  pari  all'l%
       in  peso  di  sementi  di  Melilotus  spp.  non  deve   essere
       considerato come impurita'; 
    5. la condizione (d) stabilita per  il  Lotus  corniculatus  alla
       sezione I, punto 2, del presente allegato, non si applica; 
    6. per quanto riguarda le specie di Lupinus spp.: 
      a) la purezza minima specifica deve essere del 97% in peso; 
      b) la percentuale numerica di semi di  Lupinus  spp.  di  altro
         colore non deve superare: 
      - nel lupino amaro: 4%; 
      - nei lupini diversi dal lupino amaro: 2%; 
    7. in Vicia spp. un tenore massimo totale pari al 6% in  peso  di
       sementi di Vicia pannonica, Vicia villosa, Vicia  benghalensis
       o di specie affini coltivate in un'altra specie corrispondente
       non deve essere considerato come impurita'; 
    8. in  Vicia  pannonica,  Vicia  sativa,  Vicia  villosa,   Vicia
       benghalensis la purezza minima specifica deve essere  del  97%
       in peso. 
    9. Per Lathyrus cicera la purezza specifica minima e' del 90%  in
       peso. Un contenuto totale massimo del 5% in peso  di  semi  di
       specie coltivate affini non e' considerato come impurita'. 
 
IV. SEMENTI COMMERCIALI (specie non previste dall'allegato II sezione
B) 
 
1. Le sementi devono essere conformi  alle  seguenti  norme  relative
alla purezza specifica, al contenuto  di  semi  di  malerbe  ed  alla
facolta' germinativa: 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
2. La presenza di malattie che riducano  il  valore  d'impiego  delle
sementi non e' tollerata che nella misura piu' limitata possibile. 
3. Entro i limiti massimi ammessi, i semi duri sono considerati  come
semi suscettibili di germinazione. 
4. Tutti i semi freschi e sani non germinati in seguito a trattamento
preliminare sono considerati semi germinati. 
5. La presenza di Rumex crispus L., Rumex obtusifolius  L.  non  deve
essere superiore a due semi in 5 grammi. 
6. Le sementi devono essere esenti da Avena  fatua  e  Cuscuta  spp.;
tuttavia, un seme di Avena fatua o di Cuscuta in un campione  di  100
grammi non e' considerato come impurezza se un  secondo  campione  di
200 grammi e' esente da Avena fatua o da Cuscuta. 
7. La percentuale in peso di semi di altre piante coltivate non  deve
superare il 3%. Per quanto riguarda ciascuna delle specie di Poa,  la
presenza di una percentuale del 3% di semi di altre specie di Poa non
e' considerata una impurezza. 
8. In  una  specie  di  Vicia,  una  percentuale  di  semi  di  Vicia
pannonica, Vicia villosa, e di specie coltivate affini, pari a 6%  in
totale, non e' considerata impurezza. 
9. Per quanto riguarda la durata di efficacia della dichiarazione  di
germinabilita' si applica la disposizione  di  cui  alla  sezione  I,
punto 4, del presente allegato. 
 
D) Oleaginose e da fibra 
I. SEMENTI DI BASE E CERTIFICATE 
 
    1. Le sementi devono presentare identita' e purezza varietali  in
       grado  sufficiente.  Le  sementi  delle  specie  sottoelencate
       devono rispondere in particolare alle seguenti norme  o  altre
       condizioni: 
    

=====================================================================
|                                                      |  Purezza   |
|                                                      |   minima   |
|                                                      | varietale  |
|                  Specie e categoria                  |    (%)     |
+======================================================+============+
|Arachis hypogea:                                      |            |
|- sementi di base                                     |99,7        |
|- sementi certificate                                 |99,5        |
|Brassica napus, diverse dagli ibridi e dalle varieta' |            |
|esclusivamente a uso foraggero, Brassica rapa,        |            |
|varieta' diverse da quelle esclusivamente a uso       |            |
|foraggero:                                            |            |
|- sementi di base                                     |99,9        |
|- sementi certificate                                 |99,7        |
|Brassica napus spp., diverse dagli ibridi e dalle     |            |
|varieta' esclusivamente a uso foraggero, Brassica rapa|            |
|varieta' esclusivamente a uso foraggero; Helianthus   |            |
|annuus, varieta' diverse da quelle ibride, compresi i |            |
|loro componenti; Sinapis alba:                        |            |
|- sementi di base                                     |99,7        |
|- sementi certificate                                 |99,0        |
|Glycine max:                                          |            |
|- sementi di base                                     |99,5        |
|- sementi certificate                                 |99,0        |
|Linum usitatissimum:                                  |            |
|- sementi di base                                     |99,7        |
|- sementi certificate di 1° riproduzione              |98,0        |
|- sementi certificate di 2° e 3° riproduzione         |97,5        |
|Papaver somniferum:                                   |            |
|- sementi di base                                     |99,0        |
|- sementi certificate                                 |98,0        |
+-------------------------------------------------------------------+

    
 
La purezza minima varietale e' controllata principalmente all'atto di
ispezioni ufficiali in campo  effettuate  alle  condizioni  stabilite
nell'allegato IX - E) oleaginose e da fibra. 
 
2. Per gli  ibridi  di  Brassica  napus  prodotti  avvalendosi  della
maschiosterilita' le sementi devono essere conformi alle condizioni e
alle norme definite alle lettere da a) a d): 
      a) le sementi devono  avere  sufficiente  identita'  e  purezza
         rispetto alle caratteristiche varietali dei loro componenti,
         comprese  la  maschiosterilita'  o   il   ripristino   della
         fertilita'; 
      b) la purezza varietale minima delle sementi e' la seguente: 
  - sementi di base, componente femminile 99,0%; 
  - sementi di base, componente maschile 99,9%; 
  - sementi certificate di varieta' di colza invernale 90,0%; 
  - sementi certificate di varieta' di colza primaverile 85,0%. 
 
      c) Le sementi possono  essere  definite  «sementi  certificate»
         soltanto in base ai risultati di un  controllo  ufficiale  a
         posteriori,  su  campioni  di  sementi  di  base   prelevati
         ufficialmente,  effettuato  durante  il  periodo  vegetativo
         delle sementi per le quali e' stata presentata  una  domanda
         di certificazione come «sementi certificate». Lo  scopo  dei
         controlli e' verificare se le sementi di base  soddisfano  i
         requisiti di identita'  riguardo  alle  caratteristiche  dei
         componenti, inclusa  la  maschiosterilita'  e  le  norme  di
         purezza varietale minima per le sementi di base soddisfano i
         requisiti definite alla lettera b). 
Per le sementi di base di ibridi, la purezza  varietale  puo'  essere
verificata con idonei metodi biochimici. 
      d) le norme relative alla  purezza  varietale  minima  definita
         alla lettera b) riguardo alle sementi certificate di  ibridi
         devono essere oggetto di controlli ufficiali a posteriori da
         eseguirsi su una  porzione  congrua  di  campioni  prelevati
         sotto controllo ufficiale. Possono essere utilizzati  metodi
         biochimici idonei. 
3. Qualora non  possano  essere  soddisfatte  le  condizioni  di  cui
all'allegato IX, lettera E) oleaginose e da fibra, punto  3,  B),  b)
dd), devono essere rispettate  le  seguenti  condizioni:  se  per  la
produzione di sementi certificate di ibridi di Helianthus annuus sono
stati  impiegati  un  componente  femminile  maschiosterile   ed   un
componente maschile,  che  non  ristorino  la  maschiosterilita',  le
sementi prodotte dal genitore maschiosterile  saranno  miscelate  con
sementi  prodotte  da  sementi  parentali  interamente  fertili.   Il
rapporto  tra  sementi  parentali  maschiosterili  ed   il   genitore
maschiofertile non deve superare il rapporto 2:1. 
 
4. Le sementi devono essere conformi  alle  seguenti  norme  o  altre
condizioni  relative  a  facolta'  germinativa  purezza  specifica  e
contenuto di semi di altre  specie  di  piante,  inclusi  i  semi  di
Orobanche spp.: 
A. Tabella 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
  B. Norme o altre condizioni applicabili allorche'  ne  viene  fatto
riferimento nella tavola di cui alla sezione I, punto 4,  lettera  A,
del presente allegato: 
a) il contenuto massimo di semi di cui alla colonna 5 comprende anche
i semi delle specie di cui alle colonne da 6 a 11; 
b) la determinazione del contenuto totale in numero di semi di  altre
specie di piante non e' necessaria che  sia  effettuata  a  meno  che
sussista un dubbio sul rispetto delle condizioni di cui alla  colonna
5; 
c) la determinazione del contenuto in numero di semi di Cuscuta  spp.
non e' necessariamente effettuata a meno che sussista un  dubbio  sul
rispetto delle condizioni di cui alla colonna 7; 
d) la presenza di un seme di Cuscuta spp. in  un  campione  del  peso
stabilito non deve essere considerata come impurita'  se  un  secondo
campione dello stesso peso e' esente da semi di Cuscuta spp; 
e) la semente deve essere esente da Orobanche spp, tuttavia, un  seme
di Orobanche in un campione di 100 g non deve essere considerato come
impurita' se un secondo campione di 200 g e' esente da Orobanche. 
 
5. Le sementi  sono  praticamente  esenti  da  organismi  nocivi  che
riducano il valore di utilizzazione e la qualita'  dei  materiali  di
moltiplicazione. 
Le sementi soddisfano inoltre i  requisiti  relativi  agli  organismi
nocivi da quarantena rilevanti per l'Unione, agli organismi nocivi da
quarantena rilevanti per le zone protette e agli ORNQ previsti  negli
atti di esecuzione adottati a norma del regolamento  (UE)  2016/2031,
nonche' le misure adottate a norma dell'articolo 30, paragrafo 1,  di
tale regolamento. 
 
La presenza di  ORNQ  sulle  sementi  e  sulle  rispettive  categorie
soddisfa i seguenti requisiti indicati nella tabella: 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
6.  La  durata  di  efficacia  della  dichiarazione  concernente   la
germinabilita' e' stabilita come segue: 
    a) in mesi 12 per le  sementi  contenute  in  imballaggi  non  «a
       tenuta» di umidita' (sacchi di juta, di cotone, ecc.); 
    b) in mesi 30 per le sementi contenute in imballaggi  «a  tenuta»
       di umidita' (recipienti metallici, o  di  altro  materiale,  a
       chiusura ermetica). 
Trascorsi  tali  termini  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. In tal  caso  la  responsabilita'  della  dichiarazione  sul
valore della  germinabilita'  resta  a  carico  del  detentore  della
semente, il quale senza manomettere il  cartellino  ufficiale  e  del
produttore, e' tenuto ad apporre sugli involucri  una  dichiarazione,
che potra' essere costituita anche da una scritta  indelebile,  dalla
quale risulti: 
  - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
  - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
  - la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
II. SEMENTI COMMERCIALI 
1. Le condizioni di cui alla  sezione  I  del  presente  allegato,  a
eccezione del punto 1, si applicano alle sementi commerciali. 
 
III. SEMENTI COMMERCIALI (specie non previste all'articolo 4) 
  1. Le sementi devono essere conformi alle seguenti  norme  relative
     alla facolta' germinativa, purezza specifica e contenuto di semi
     di altre specie di piante: 
 
=====================================================================
|                  |                   |               |   Tenore   |
|                  |                   |               | massimo di |
|                  |                   |               | sementi di |
|                  |     Facolta'      |Purezza minima |altre specie|
|                  |germinativa minima |specifica (% in|di piante (%|
|      Specie      | (% del seme puro) |     peso)     |  in peso)  |
+==================+===================+===============+============+
|Camelia sativa    |        80         |      97       |    0,5     |
+------------------+-------------------+---------------+------------+
|Hibiscus          |                   |               |            |
|cannabinus        |        75         |      95       |    0,5     |
+------------------+-------------------+---------------+------------+
|Ricinus communis  |        80         |      98       |    0,1     |
+------------------+-------------------+---------------+------------+
|Sesamum indicum   |        80         |      98       |    0,1     |
+------------------+-------------------+---------------+------------+
 
 
2. Le sementi devono essere esenti da Avena  fatua  e  Cuscuta  spp.,
tuttavia, un seme di Avena fatua o di Cuscuta spp. in un campione  di
100 g non e' considerato come impurita', se un  secondo  campione  di
200 g e' esente da Avena fatua o da Cuscuta spp.. 
3. La  presenza  di  organismi  nocivi  che  riducano  il  valore  di
utilizzazione delle sementi non e' tollerata che  nella  misura  piu'
limitata possibile. 
4. Per quanto riguarda la durata di efficacia della dichiarazione  di
germinabilita' si applica la disposizione di cui alla sezione I punto
6 del presente allegato. 
 
E) Altre 
 
 
=====================================================================
|                          |             |  Tenore  |               |
|                          |   Purezza   |massimo di|   Facolta'    |
|                          |   minima    | semi di  |  germinativa  |
|                          |specifica (% |malerbe (%| minima (% del |
|          Specie          |  in peso)   | in peso) |  seme puro)   |
+==========================+=============+==========+===============+
|Lathyrus sativus L.       |     98      |   0,1    |      85       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Lespedeza hedysaroides    |             |          |               |
|(Pall)                    |     97      |   0,5    |      80       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Kitagawa L. cuneata (Dum) |             |          |               |
|(Don)                     |     97      |   0,5    |      80       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Lespedeza stipulacea Maxim|     97      |   0,5    |      80       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Nicotiana tabacum L.      |     99      |    0     |      80       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Sanguisorba minor Scop    |     95      |    1     |      75       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
|Sorghum vulgare           |             |          |               |
|Pers.var.technicum (Koern)|             |          |               |
|Jav                       |     98      |    4     |      75       |
+--------------------------+-------------+----------+---------------+
 
  1. La presenza di malattie che riducano il valore  d'impiego  delle
     sementi  non  e'  tollerata  che  nella  misura  piu'   limitata
     possibile. 
  2. La  durata  di  efficacia  della  dichiarazione  concernente  la
     germinabilita' e' stabilita come segue: 
  - in mesi 12 per le sementi contenute in imballaggi non "a  tenuta"
di umidita' (es. sacchi di juta, di cotone); 
  - in mesi 30 per le sementi contenute in imballaggi "a  tenuta"  di
umidita' (es.: recipienti metallici, o di altro materiale, a chiusura
ermetica). 
Trascorsi tali  termini,  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. In tal  caso  la  responsabilita'  della  dichiarazione  sul
valore della  germinabilita'  resta  a  carico  del  detentore  della
semente, il quale, senza manomettere il cartellino  ufficiale  e  del
produttore, e' tenuto ad apporre sugli involucri  una  dichiarazione,
che potra' essere costituita anche da una scritta  indelebile,  dalla
quale risulti: 
  - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
  - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
  - la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
II - COLTURE ERBACEE ORTIVE 
 
I - SEMENTI DI BASE, CERTIFICATE E STANDARD 
1. Le sementi devono presentare  identita'  e  purezza  varietale  in
grado sufficiente.  Per  la  cicoria  industriale  la  varieta'  deve
possedere un valore agronomico e di utilizzazione soddisfacente. 
 
2. Le sementi  sono  praticamente  esenti  da  organismi  nocivi  che
riducano il valore di utilizzazione e la qualita'  dei  materiali  di
moltiplicazione. 
Le sementi soddisfano inoltre i  requisiti  relativi  agli  organismi
nocivi da quarantena rilevanti per l'Unione, agli organismi nocivi da
quarantena rilevanti per le zone protette e agli ORNQ previsti  negli
atti di esecuzione adottati a norma del regolamento  (UE)  2016/2031,
nonche' le misure adottate a norma dell'articolo 30, paragrafo 1,  di
tale regolamento. 
 
3. Le sementi devono essere conformi  alle  seguenti  norme  relative
alla facolta' germinativa, purezza specifica e contenuto di  semi  di
altre specie di piante: 
a) Tabella 
 
=====================================================================
|                                     |         |Tenore |           |
|                                     |         |massimo|           |
|                                     |         |di semi|           |
|                                     |         |  di   |           |
|                                     |         | altre | Facolta'  |
|                                     | Purezza |specie |germinativa|
|                                     | minima  |  di   | minima (% |
|                                     |specifica|piante |    dei    |
|                                     |  (% in  | (%in  |glomeruli o|
|               Specie                |  peso)  | peso) |semi puri) |
+=====================================+=========+=======+===========+
|Allium cepa                          |97       |0,5    |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Allium fistulosum                    |97       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Allium porrum                        |97       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Allium sativum                       |97       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Allium schoenoprasum                 |97       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Anthriscus cerefolium                |96       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Apium graveolens                     |97       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Asparagus officinalis                |96       |0,5    |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|                                     |         |       |50         |
|Beta vulgaris (Cheltenham beet)      |97       |0,5    |(glomeruli)|
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Beta vulgaris (diversa dalla         |         |       |70         |
|Cheltenham beet)                     |97       |0,5    |(glomeruli)|
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Brassica oleracea (cavolfiore)       |97       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Brassica oleracea (diversa dal       |         |       |           |
|cavolfiore)                          |97       |1      |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Brassica rapa (cavolo cinese)        |97       |1      |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Brassica rapa (rapa)                 |97       |1      |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Capsicum annuum                      |97       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cichorium endivia                    |95       |1      |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cichorium-intybus (partim) (cicoria  |         |       |           |
|tipo Witloof, cicoria di tipo        |         |       |           |
|italiano o cicoria a foglia)         |95       |1,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cichorium intybus (partim) (cicoria  |         |       |           |
|industriale)                         |97       |1      |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Citrullus lanatus                    |98       |0,1    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cucumis melo                         |98       |0,1    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cucumis sativus                      |98       |0,1    |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cucurbita maxima                     |98       |0,1    |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cucurbita pepo                       |98       |0,1    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Cynara cardunculus                   |96       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Daucus carota                        |95       |1      |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Foeniculum vulgare                   |96       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Lactuca sativa                       |95       |0,5    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Petroselinum crispum                 |97       |1      |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Phaseolus coccineus                  |98       |0,1    |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Phaseolus vulgaris                   |98       |0,1    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Pisum sativum (partim)               |98       |0,1    |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Raphanus sativus                     |97       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Rheum rhabarbarum                    |97       |0,5    |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Scorzonera hispanica                 |95       |1      |70         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Solanum lycopersicum                 |97       |0,5    |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Solanum melongena                    |96       |0,5    |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Spinacia oleracea                    |97       |1      |75         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Valerianella locusta                 |95       |1      |65         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Vicia faba (partim)                  |98       |0,1    |80         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
|Zea mays (partim)                    |98       |0,1    |85         |
+-------------------------------------+---------+-------+-----------+
 
 
b) Altre norme o condizioni: nel caso  delle  varieta'  di  Zea  mays
(mais dolce -  tipi  super  dolci)  la  facolta'  germinativa  minima
richiesta e' ridotta nei semi puri all'80%. L'etichetta  ufficiale  o
l'etichetta  del  produttore,  secondo  il  caso,  reca  la  dicitura
"Facolta' germinativa minima 80%". 
 
c) La presenza di organismi nocivi regolamentati  non  da  quarantena
(ORNQ) sulle sementi di  ortaggi  non  supera,  almeno  all'ispezione
visiva, le rispettive soglie specificate nella tabella seguente: 
 
    

+----------------------------+-----------------------+--------------+
 Batteri
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|                            |                       |Soglia per la |
|                            |                       |presenza di   |
|                            |                       |ORNQ sulle    |
|ORNQ o sintomi causati dagli|Genere o specie di     |sementi di    |
|ORNQ                        |sementi di ortaggi     |ortaggi       |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Clavibacter michiganensis   |                       |              |
|ssp. michiganensis (Smith)  |                       |              |
|Davis et al. [CORBMI]       |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas axonopodis pv.  |                       |              |
|phaseoli (Smith) Vauterin et|                       |              |
|al. [XANTPH]                |Phaseolus vulgaris L.  |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas euvesicatoria   |Capsicum annuum L.,    |              |
|Jones et al. [XANTEU]       |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas fuscans subsp.  |                       |              |
|fuscans Schaad et al.       |                       |              |
|[XANTFF]                    |Phaseolus vulgaris L.  |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas gardneri (ex    |                       |              |
|Sutic 1957) Jones et al.    |Capsicum annuum L.,    |              |
|[XANTGA]                    |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas perforans Jones |Capsicum annuum L.,    |              |
|et al. [XANTPF]             |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Xanthomonas vesicatoria (ex |                       |              |
|Doidge) Vauterin et al.     |Capsicum annuum L.,    |              |
|[XANTVE]                    |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
 Insetti e acari
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|                            |                       |Soglia per la |
|                            |                       |presenza di   |
|                            |                       |ORNQ sulle    |
|ORNQ o sintomi causati dagli|Genere o specie di     |sementi di    |
|ORNQ                        |sementi di ortaggi     |ortaggi       |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Acanthoscelides obtectus    |Phaseolus coccineus L.,|              |
|(Say) [ACANOB]              |Phaseolus vulgaris L.  |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Bruchus pisorum (Linnaeus)  |                       |              |
|[BRCHPI]                    |Pisum sativum L.       |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Bruchus rufimanus Boheman   |                       |              |
|[BRCHRU]                    |Vicia faba L.          |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
 Nematodi
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|                            |                       |Soglia per la |
|                            |                       |presenza di   |
|                            |                       |ORNQ sulle    |
|ORNQ o sintomi causati dagli|Genere o specie di     |sementi di    |
|ORNQ                        |sementi di ortaggi     |ortaggi       |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Ditylenchus dipsaci (Kuehn) |Allium cepa L., Allium |              |
|Filipjev [DITYDI]           |porrum L.              |0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
 Virus, viroidi, malattie da agenti virus-simili e fitoplasmi
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|                            |                       |Soglia per la |
|                            |                       |presenza di   |
|                            |                       |ORNQ sulle    |
|ORNQ o sintomi causati dagli|Genere o specie di     |sementi di    |
|ORNQ                        |sementi di ortaggi     |ortaggi       |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Pepino mosaic virus [PEPMV0]|Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+
|Potato spindle tuber viroid |Capsicum annuum L.,    |              |
|[PSTVD0]                    |Solanum lycopersicum L.|0%            |
+----------------------------+-----------------------+--------------+

    
4. La durata della responsabilita' del  produttore  o,  nel  caso  di
sementi standard, del  fornitore,  relativa  alla  rispondenza  delle
sementi ai requisiti concernenti la germinabilita', e' stabilita come
segue: 
a) per le sementi di base e le sementi certificate, ad eccezione, per
   quest'ultima categoria dei piccoli imballaggi, con decorrenza  dal
   mese successivo a quello della  chiusura  o  dell'ultimo  prelievo
   ufficiale relativo alla certificazione, indicato sul cartellino di
   certificazione di cui all'allegato VII, sezione I, lettera F): 
 - fino a 6 mesi, qualora le sementi siano  contenute  in  imballaggi
   non «a tenuta» di umidita' (sacchi di juta  di  cotone,  ecc.),  a
   eccezione delle  bietole,  brassiche  e  legumi  per  i  quali  la
   responsabilita' e' prolungata fino a 9 mesi; 
 - fino a 30 mesi, qualora le sementi siano contenute  in  imballaggi
   «a  tenuta»  di  umidita'  (recipienti  metallici,  o   di   altro
   materiale, a chiusura ermetica); 
b) per le sementi standard  e  per  le  sementi  certificate  che  si
   presentano sotto forma di piccoli imballaggi, con  decorrenza  dal
   giorno successivo a quello della fine della campagna indicata  sul
   cartellino del fornitore di cui all'allegato VII, sezione IV: 
 - fino a 6 mesi, qualora le sementi siano  contenute  in  imballaggi
   non «a tenuta» di umidita' (sacchi di juta, di cotone, ecc.); 
 - fino a 24 mesi, qualora le sementi siano contenuti  in  imballaggi
   «a tenuta» di umidita' (recipienti metallici, od altro  materiale,
   a chiusura ermetica). 
Trascorsi  tali  termini  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. In tal caso la  responsabilita'  relativa  alla  rispondenza
delle sementi ai requisiti  concernenti  la  germinabilita'  resta  a
carico  del  detentore  delle  sementi  medesime,  il  quale,   senza
manomettere il cartellino ufficiale e del produttore o del fornitore,
e' tenuto ad apporre sugli involucri  una  dichiarazione  che  potra'
essere costituita  anche  da  una  scritta  indelebile,  dalla  quale
risulti: 
- il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
-  la  data  di  determinazione  della  conformita'  della   facolta'
germinativa; 
- la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
II. - SEMENTI MERCANTILI ORTIVE (specie  non  previste  dall'allegato
     II, sezione C). 
  1. Le condizioni di cui al punto 3,  lettera  c)  della  precedente
     sezione I, si applicano alle sementi mercantili ortive. 
  2. Le sementi devono essere conformi alle seguenti  norme  relative
     alla  facolta'  germinativa,  alla  purezza  specifica   ed   al
     contenuto di semi di altre specie di piante: 
 
A. Tavola 
 
 
====================================================================
|                                    |           |         |Tenore |
|                                    |           |         |massimo|
|                                    |           |         |di semi|
|                                    |           |         |  di   |
|                                    | Facolta'  |         | altre |
|                                    |germinativa|         |specie |
|                                    | minima (% |         |  di   |
|                                    |    dei    | Purezza |piante |
|                                    |glomeruli o| minima  | (% in |
|               Specie               |semi puri) |specifica| peso) |
+====================================+===========+=========+=======+
|Anethum graveolens L.               |75         |95       |1,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Angelica arcangelica L.             |60         |90       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Atriplex hortensis L.               |60         |95       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Barbarea verna (Mill.) Aschess.     |75         |97       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Borrago officinalis L.              |80         |96       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Brassica napus L. var.napobrassica  |           |         |       |
|(L.) Reichb.                        |80         |98       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Capparis spinosa L.                 |50         |95       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Cicer arietinum L.                  |80         |98       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Coriandrum sativum L.               |80         |96       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Cucurbita moschata (Duch.) Duch. ex |           |         |       |
|Poir                                |80         |98       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Cuminum cyminum L.                  |65         |95       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Eruca sativa Mill.                  |85         |97       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Fragaria vesca L.                   |75         |95       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Hibiscus esculentus L.              |75         |95       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Humulus lupulus L.                  |60         |90       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Lagenaria siceraria (mol.)Standi.   |           |         |       |
|(=L.vulgaris Ser.)                  |80         |98       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Lavandula spica L.                  |50         |95       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Lens culinaris Med.                 |85         |98       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Lepidium sativum L.                 |85         |97       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Majorana hortensis Moench.          |75         |95       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Matricaria chamomilla L.            |70         |70       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Nasturtium officinale R. Br.        |80         |95       |0,2    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Ocimum basilicum L.                 |65         |97       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Pastinaca sativa L.                 |75         |90       |1,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Phaseolus lunatus L.                |80         |98       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Physalis alkekengi L.               |85         |97       |0.5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Pimpinella anisum L.                |75         |95       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Rosmarinus officinalis L.           |50         |95       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Rumex acetosa L.                    |80         |95       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Ruta graveolens L.                  |80         |97       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Salsola soda L.                     |65         |90       |1,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Salvia officinalis L.               |75         |97       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Satureja hortensis L.               |75         |97       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Tetragonia expansa Thumb.           |75         |97       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Thymus vulgaris L.                  |50         |95       |0,5    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Tragopogon porrifolius L.           |75         |95       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Valeriana officinalis L.            |75         |95       |1      |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
|Vigna sesquipedalis (L.) Furwirth   |80         |98       |0,1    |
+------------------------------------+-----------+---------+-------+
 
 
  3. La durata  di  efficacia  della  germinabilita'  dichiarata,  e'
stabilita come segue: 
- in mesi 6 per le sementi contenute in imballaggi non «a tenuta»  di
umidita'  (sacchi  di  juta,  di  cotone,  ecc.)  a  eccezione  delle
brassiche e dei legumi per i quali la validita'  della  dichiarazione
e' prolungata a mesi 9; 
- in mesi 30 per le sementi contenute in  imballaggi  «a  tenuta»  di
umidita' (recipienti metallici, o  di  altro  materiale,  a  chiusura
ermetica). 
Trascorsi  tali  termini  il  prodotto  potra'  essere  mantenuto  in
commercio purche' rispondente  ai  requisiti  previsti  dal  presente
decreto. In tal  caso  la  responsabilita'  della  dichiarazione  sul
valore della  germinabilita'  resta  a  carico  del  detentore  della
semente, il quale, senza manomettere il cartellino  ufficiale  e  del
produttore, e' tenuto ad apporre sugli  involucri  una  dichiarazione
che potra' essere costituita anche da una scritta  indelebile,  dalla
quale risulti: 
   - il proprio nome o la ragione sociale della ditta; 
   - la data di determinazione della facolta' germinativa; 
   - la facolta' germinativa (espressa in percentuale). 
 
 
III - MATERIALI  DI  MOLTIPLICAZIONE  COSTITUITI  DA  TUBERI,  BULBI,
RIZOMI E SIMILI 
1. PATATE (Solanum tuberosum L.) 
A. Lotti di tuberi-seme di patate pre-base 
1. I lotti di tuberi-seme di patate pre-base  soddisfano  i  seguenti
requisiti minimi: 
    i) la presenza di terra e  di  corpi  estranei  non  deve  essere
      superiore all'1,0 % in massa; 
    ii) la percentuale numerica di patate colpite da marciume diverso
      dal marciume anulare o dal marciume bruno della patata non deve
      essere superiore allo 0,2 % in massa; 
    iii) la percentuale  numerica  di  patate  con  difetti  esterni,
      compresi  tuberi  difformi  o  danneggiati,  non  deve   essere
      superiore al 3,0 % in massa; 
    iv) la percentuale numerica di patate colpite da  scabbia  comune
      su piu' di un terzo della superficie non deve essere  superiore
      al 5,0 % in massa; 
    v) i  tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea non devono superare lo
      0,5 % in massa; 
    vi) i lotti  di  tuberi-seme  di  patate  pre-base  soddisfano  i
      seguenti requisiti  in  merito  alla  presenza  di  ORNQ  o  di
      malattie  causate  dai  rispettivi  ORNQ  come  indicato  nella
      tabella: 
 
 
=====================================================================
|                                                   | Soglia per la |
|                                                   |  presenza di  |
|                                                   |ORNQ sui lotti |
|                                                   |di tuberi-seme |
|                                                   |   di patate   |
|         ORNQ o sintomi causati dagli ORNQ         |   pre-base    |
+===================================================+===============+
|Candidatus Liberibacter solanacearum Liefting et   |               |
|al. [LIBEPS]                                       |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Ditylenchus destructor Thorne [DITYDE]             |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Croste nere, presenti su piu' del 10 % della       |               |
|superficie dei tuberi, causate da Thanatephorus    |               |
|cucumeris (A.B. Frank) Donk [RHIZSO]               |1,0 %          |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Scabbia pulverulenta, presente su piu' del 10 %    |               |
|della superficie dei tuberi, causata da Spongospora|               |
|subterranea (Wallr.) Lagerh. [SPONSU]              |1,0 %          |
+---------------------------------------------------+---------------+
 
 
vii) la percentuale numerica totale di patate di cui alle lettere  da
ii) a vi) non deve essere superiore al 6,0 % in massa. 
2. I requisiti concernenti i lotti di tuberi-seme di patate  pre-base
della classe PBTC dell'unione sono stabiliti come segue: 
i) i lotti devono essere privi di tuberi-seme di  patate  colpiti  da
marciume; 
ii) i lotti devono essere privi di tuberi-seme di patate  colpiti  da
scabbia comune; 
iii) i lotti devono essere privi di tuberi-seme di patate raggrinziti
per eccessiva disidratazione; 
iv) i lotti devono essere privi di tuberi-seme di patate con  difetti
esterni, compresi i tuberi difformi o con ammaccature o spaccature; 
v) i lotti di tuberi-seme di patate  pre-base  devono  rispettare  le
seguenti soglie per quanto riguarda la presenza di ORNQ, o di sintomi
causati dai rispettivi ORNQ, come specificato nella tabella seguente: 
 
 
=====================================================================
|                                                   |Soglia in massa|
|                                                   |per la presenza|
|                                                   |  di ORNQ sui  |
|                                                   |   lotti di    |
|                                                   |tuberi-seme di |
|                                                   |patate pre-base|
|                                                   | della classe  |
|                                                   |     PBTC      |
|         ORNQ o sintomi causati dagli ORNQ         |  dell'Unione  |
+===================================================+===============+
|Candidatus Liberibacter solanacearum Liefting et   |               |
|al. [LIBEPS]                                       |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Ditylenchus destructor Thorne [DITYDE]             |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Croste nere dei tuberi di patata causate da        |               |
|Thanatephorus cucumeris (A.B. Frank) Donk [RHIZSO] |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Scabbia pulverulenta causata da Spongospora        |               |
|subterranea (Wallr.) Lagerh. [SPONSU]              |0%             |
+---------------------------------------------------+---------------+
 
 
3. Le tolleranze  applicabili  ai  lotti  di  tuberi-seme  di  patate
pre-base  della  classe  PB  dell'unione  per  quanto   concerne   le
impurita', i difetti e le malattie sono i seguenti: 
i) i tuberi-seme di patate colpiti da marciume diverso  dal  marciume
anulare o dal marciume bruno della patata non devono superare lo  0,2
% in massa; 
ii) i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu'  di  un
terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iii)  i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
disidratazione dovuta a scabbia argentea non devono superare lo 0,5 %
in massa; 
iv) i tuberi-seme di patate con difetti esterni,  compresi  i  tuberi
difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il 3,0 %
in massa; 
v) la presenza di terra e di corpi estranei non deve essere superiore
all'1,0 % in massa; 
vi) i lotti di tuberi-seme di patate pre-base  devono  rispettare  le
seguenti soglie per quanto riguarda la presenza di ORNQ, o di sintomi
causati dai rispettivi ORNQ, come specificato nella tabella seguente: 
 
 
=====================================================================
|                                                   |Soglia in massa|
|                                                   |per la presenza|
|                                                   |  di ORNQ sui  |
|                                                   |   lotti di    |
|                                                   |tuberi-seme di |
|                                                   |patate pre-base|
|                                                   |della classe PB|
|         ORNQ o sintomi causati dagli ORNQ         |  dell'Unione  |
+===================================================+===============+
|Candidatus Liberibacter solanacearum Liefting et   |               |
|al. [LIBEPS]                                       |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Ditylenchus destructor Thorne [DITYDE]             |0 %            |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Croste nere, presenti su piu' del 10 % della       |               |
|superficie dei tuberi, causate da Thanatephorus    |               |
|cucumeris (A.B. Frank) Donk [RHIZSO]               |1,0 %          |
+---------------------------------------------------+---------------+
|Scabbia pulverulenta della patata, presente su piu'|               |
|del 10 % della superficie dei tuberi, causata da   |               |
|Spongospora subterranea (Wallr.) Lagerh. [SPONSU]  |1,0 %          |
+---------------------------------------------------+---------------+
 
 
vii) la percentuale totale  dei  tuberi-seme  di  patate  interessati
dalle tolleranze di cui ai punti da i) a iv) e vi) non deve  superare
il 6,0 % in massa. 
 
B. Lotti di tuberi-seme di patate di base e certificati 
1. Per le impurita', i difetti e gli ORNQ, o i sintomi causati  dagli
ORNQ, dei tuberi-seme di patate di base e certificati sono consentite
le seguenti tolleranze: 
i) presenza di terra e di corpi  estranei:  1,0  %  in  massa  per  i
tuberi-seme di patate di base e 2,0 % in massa per i  tuberi-seme  di
patate certificati; 
ii) marciume secco e marciume  umido  complessivamente,  purche'  non
siano causati da Synchytrium endobioticum, Clavibacter  michiganensis
ssp. Sepedonicus o Ralstonia solanacearum: 0,5 % in massa, di cui  il
marciume umido con limite di 0,2 % in massa; 
iii) difetti esterni (ad esempio, tuberi difformi o con ammaccature o
spaccature): 3,0 % in massa; 
iv) scabbia comune (tuberi colpiti su una superficie superiore  a  un
terzo): 5,0 % in massa; 
v) tuberi aggrinziti per eccessiva  disidratazione  o  disidratazione
dovuta a scabbia argentea: 1,0 % in massa; 
vi)ORNQ, o sintomi causati dagli ORNQ, sui lotti dei  tuberi-seme  di
patate: 
 
 
=====================================================================
|                                         | Soglia in  | Soglia in  |
|                                         |massa per la|massa per la|
|                                         |  presenza  |  presenza  |
|                                         | degli ORNQ | degli ORNQ |
|                                         |    sui     |    sui     |
|                                         |tuberi-seme |tuberi-seme |
|                                         |di patate di| di patate  |
|    ORNQ o sintomi causati dagli ORNQ    |    base    |certificati |
+=========================================+============+============+
|Candidatus Liberibacter solanacearum     |            |            |
|Liefting et al.                          |0%          |0%          |
+-----------------------------------------+------------+------------+
|Ditylenchus destructor Thorne [DITYDE]   |0%          |0%          |
+-----------------------------------------+------------+------------+
|Croste nere, presenti su piu' del 10 %   |            |            |
|della superficie dei tuberi, causate da  |            |            |
|Thanatephorus cucumeris (A.B. Frank) Donk|            |            |
|[RHIZSO]                                 |5,00%       |5,00%       |
+-----------------------------------------+------------+------------+
|Scabbia pulverulenta della patata,       |            |            |
|presente su piu' del 10 % della          |            |            |
|superficie dei tuberi, causata da        |            |            |
|Spongospora subterranea (Wallr.) Lagerh. |            |            |
|[SPONSU]                                 |3,00%       |3,00%       |
+-----------------------------------------+------------+------------+
 
 
vii) totale delle tolleranze per i punti da i) a vi): 6,0 % in  massa
per i tuberi-seme  di  patate  di  base  e  8,0  %  in  massa  per  i
tuberi-seme di patate certificati. 
2. Le tolleranze applicabili ai lotti di tuberi  seme  di  patate  di
base della «classe S dell'Unione» per quanto riguarda le impurita', i
difetti e le malattie sono le seguenti: 
i)    i  tuberi-seme  di  patate  colpiti  da  marciume  diverso  dal
      marciume anulare o dal marciume bruno della patata  non  devono
      superare lo 0,5 % in massa, di  cui  i  tuberi-seme  di  patate
      colpiti da marciume umido non  devono  superare  lo  0,2  %  in
      massa; 
ii)   i tuberi-seme di patate colpiti da croste nere  dei  tuberi  di
      patata su piu' del 10 % della superficie non devono superare il
      5,0 % in massa; 
iii)  i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu' di un
      terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iv)   i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia pulvurulenta su piu'
      del 10 % della superficie non  devono  superare  il  3,0  %  in
      massa; 
v)    i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea  non  devono  superare
      l'1,0 % in massa; 
vi)   i tuberi-seme di patate con difetti esterni, compresi i  tuberi
      difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il
      3,0 % in massa; la presenza di terra e di  corpi  estranei  non
      deve superare l'1,0 % in massa; 
vii)  la percentuale totale  di  tuberi-seme  di  patate  interessati
      dalle tolleranze di cui ai punti da i) a vi) non deve  superare
      il 6,0 % in massa. 
3) le tolleranze applicabili ai lotti di tuberi  seme  di  patate  di
base della «classe SE dell'Unione», per quanto riguarda le impurita',
i difetti e le malattie sono le seguenti: 
i)    i  tuberi-seme  di  patate  colpiti  da  marciume  diverso  dal
      marciume anulare o dal marciume bruno della patata  non  devono
      superare lo 0,5 % in massa, di  cui  i  tuberi-seme  di  patate
      colpiti da marciume umido non  devono  superare  lo  0,2  %  in
      massa; 
ii)   i tuberi-seme di patate colpiti da croste nere  dei  tuberi  di
      patata su piu' del 10 % della superficie non devono superare il
      5,0 % in massa; 
iii)  i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu' di un
      terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iv)   i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia pulvurulenta su piu'
      del 10 % della superficie non  devono  superare  il  3,0  %  in
      massa; 
v)    i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea  non  devono  superare
      l'1,0 % in massa; 
vi)   i tuberi-seme di patate con difetti esterni, compresi i  tuberi
      difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il
      3,0 % in massa; 
vii)  la presenza di terra e di  corpi  estranei  non  deve  superare
      l'1,0 % in massa; 
viii) la percentuale totale  di  tuberi-seme  di  patate  interessati
      dalle tolleranze di cui ai punti da i) a vi), non deve superare
      il 6,0 % in massa. 
4) le tolleranze applicabili ai lotti di tuberi  seme  di  patate  di
base della «classe E dell'Unione», per quanto riguarda le  impurita',
i difetti e le malattie sono le seguenti: 
i)    i  tuberi-seme  di  patate  colpiti  da  marciume  diverso  dal
      marciume anulare o dal marciume bruno della patata  non  devono
      superare lo 0,5 % in massa, di  cui  i  tuberi-seme  di  patate
      colpiti da marciume umido non  devono  superare  lo  0,2  %  in
      massa; 
ii)   i tuberi-seme di patate colpiti da croste nere  dei  tuberi  di
      patata su piu' del 10 % della superficie non devono superare il
      5,0 % in massa; 
iii)  i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu' di un
      terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iv)   i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia pulvurulenta su piu'
      del 10 % della superficie non  devono  superare  il  3,0  %  in
      massa; 
v)    i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea  non  devono  superare
      l'1,0 % in massa; 
vi)   i tuberi-seme di patate con difetti esterni, compresi i  tuberi
      difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il
      3,0 % in massa; 
vii)  la presenza di terra e di  corpi  estranei  non  deve  superare
      l'1,0 % in massa; 
viii) la percentuale totale  di  tuberi-seme  di  patate  interessati
      dalle tolleranze di cui ai punti da i) a vi) non deve  superare
      il 6,0 % in massa. 
5) le tolleranze applicabili ai  lotti  di  tuberi  seme  certificati
della «classe A dell'Unione», per quanto  riguarda  le  impurita',  i
difetti e le malattie sono le seguenti: 
i)    i  tuberi-seme  di  patate  colpiti  da  marciume  diverso  dal
      marciume anulare o dal marciume bruno della patata  non  devono
      superare lo 0,5 % in massa, di  cui  i  tuberi-seme  di  patate
      colpiti da marciume umido non  devono  superare  lo  0,2  %  in
      massa; 
ii)   i tuberi-seme di patate colpiti da croste nere  dei  tuberi  di
      patata su piu' del 10 % della superficie non devono superare il
      5,0 % in massa; 
iii)  i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu' di un
      terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iv)   i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia pulvurulenta su piu'
      del 10 % della superficie non  devono  superare  il  3,0  %  in
      massa; 
v)    i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea  non  devono  superare
      l'1,0 % in massa; 
vi)   i tuberi-seme di patate con difetti esterni, compresi i  tuberi
      difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il
      3,0 % in massa; 
vii)  la presenza di terra e di corpi estranei non deve  superare  il
      2,0 % in massa; 
viii) la percentuale totale  di  tuberi-seme  di  patate  interessati
      dalle tolleranze di cui ai punti da i) a vi) non deve  superare
      l'8,0 % in massa. 
6) le tolleranze applicabili ai  lotti  di  tuberi  seme  certificati
della «classe B dell'Unione», per quanto  riguarda  le  impurita',  i
difetti e le malattie sono le seguenti: 
i)    i  tuberi-seme  di  patate  colpiti  da  marciume  diverso  dal
      marciume anulare o dal marciume bruno della patata  non  devono
      superare lo 0,5 % in massa, di  cui  i  tuberi-seme  di  patate
      colpiti da marciume umido non  devono  superare  lo  0,2  %  in
      massa; 
ii)   i tuberi-seme di patate colpiti da croste nere  dei  tuberi  di
      patata su piu' del 10 % della superficie non devono superare il
      5,0 % in massa; 
iii)  i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia comune su piu' di un
      terzo della superficie non devono superare il 5,0 % in massa; 
iv)   i tuberi-seme di patate colpiti da scabbia pulvurulenta su piu'
      del 10 % della superficie non  devono  superare  il  3,0  %  in
      massa; 
v)    i   tuberi   raggrinziti   per   eccessiva   disidratazione   o
      disidratazione dovuta a scabbia argentea  non  devono  superare
      l'1,0 % in massa; 
vi)   i tuberi-seme di patate con difetti esterni, compresi i  tuberi
      difformi o con ammaccature o spaccature, non devono superare il
      3,0 % in massa; 
vii)  la presenta di terra e di corpi estranei non deve  superare  il
      2,0 % in massa; 
viii) la percentuale totale  di  tuberi-seme  di  patate  interessati
      dalle tolleranze di cui ai punti da i) a vi) non deve  superare
      l'8,0 % in massa. 
 
2. ORTIVE 
 
 
=====================================================================
|                     Specie                     |    Categoria     |
+================================================+==================+
|Allium cepa L.                                  |        -         |
+------------------------------------------------+------------------+
|Allium sativum L.                               |        -         |
+------------------------------------------------+------------------+
|Asparagus officinalis L.                        |        -         |
+------------------------------------------------+------------------+
|Cynara cardunculus L.                           |        -         |
+------------------------------------------------+------------------+
|Cynara scolymus L.                              |        -         |
+------------------------------------------------+------------------+
 
 
    1. Non sono tollerate impurita' per presenza di terra e di  corpi
    estranei superiori al 2% del peso. 
    2. Non  sono  tollerati  difetti  esterni  (ad  esempio:  tuberi,
    rizomi, bulbi e simili difformi o con ammaccature  o  spaccature)
    in misura superiore al 3% del peso.