(Allegati-Allegato IX)
                             Allegato IX 
                              (art. 21) 
Condizioni  che  devono  soddisfare  le   colture   ai   fini   della
                           certificazione 
 
A) Cereali 
 
   1. I  precedenti   colturali   del   campo   non   devono   essere
      incompatibili con la produzione di sementi della specie e della
      varieta'  coltivata  e  il  campo  di  produzione  deve  essere
      sufficientemente esente da  piante  provenienti  dalla  coltura
      precedente. 
   2. La coltura deve essere conforme alle  norme  seguenti  relative
      alle  distanze  da  fonti  vicine  di   polline   che   possono
      determinare una impollinazione  estranea  indesiderabile  e  in
      particolare nel caso del Sorghum  spp.,  da  fonti  di  Sorghum
      halepense: 
 
=====================================================================
|                                                       | Distanze  |
|                        Specie                         |  minime   |
+=======================================================+===========+
|Phalaris canariensis, Secale cereale a esclusione degli|           |
|ibridi:                                                |           |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi di base                 |   300 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi certificate             |   250 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|Sorghum spp.                                           |   300 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi di base (*)             |   400 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi certificate (*)         |   200 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi di base                 |   50 m    |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|- per la produzione di sementi certificate             |   20 m    |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|Zea mays                                               |   200 m   |
+-------------------------------------------------------+-----------+
 
(*) Nelle zone in cui la presenza di S. halepense o S. sudanense pone
un problema specifico di impollinazione incrociata, si  applicano  le
seguenti disposizioni: 
      a) le colture destinate alla produzione di sementi di  base  di
         Sorghum bicolor o dei suoi ibridi devono essere  isolate  ad
         una distanza di almeno 800 m  da  qualsiasi  fonte  di  tali
         pollini contaminanti; 
      b) le colture destinate alla produzione di sementi  certificate
         di Sorghum bicolor o dei suoi ibridi devono  essere  isolate
         ad una distanza di almeno 400 m da qualsiasi fonte  di  tali
         pollini contaminanti. 
Queste distanze possono non essere osservate se esiste una protezione
sufficiente contro qualsiasi impollinazione estranea indesiderabile. 
 
   3. La coltura deve presentare identita'  e  purezza  varietale  in
      grado sufficiente o, nel caso di coltura di una linea «inbred»,
      sufficiente  identita'  e   purezza   relativamente   ai   suoi
      caratteri. 
      Per quanto  riguarda  la  produzione  di  sementi  di  varieta'
      ibride,  le  disposizioni  succitate  si  applicano  anche   ai
      caratteri dei componenti, compresa la  maschiosterilita'  e  la
      ristorazione della fertilita'. 
      In  particolare  le   colture   di   Oryza   sativa,   Phalaris
      canariensis, Secale cereale a esclusione degli ibridi,  Sorghum
      spp. e Zea mays devono rispondere alle seguenti norme  o  altre
      condizioni: 
 
      A) Oryza sativa 
      Il numero di piante manifestamente  riconoscibili  come  piante
         selvatiche o piante a grani rossi non supera: 
          - per la produzione di sementi di base: 0; 
          - per la produzione di  sementi  certificate,  di  prima  e
            seconda riproduzione: 1 per 100 m². 
 
      B) Phalaris canariensis, Secale cereale esclusi gli ibridi 
Il numero di piante della coltura manifestamente  riconoscibili  come
         non conformi alla varieta' non deve superare: 
          - 1 per 30 m² per la produzione di sementi di base; 
          - 1 per 10 m² per la produzione di sementi certificate. 
 
      C) Sorghum spp.: 
La percentuale di piante di  una  specie  di  Sorghum  diversa  dalla
         specie  della  coltura  o  di  piante   riconoscibili   come
         manifestamente non conformi alla linea consanguinea  o  alla
         componente non deve superare: 
          1. per la produzione di sementi di base: 
             - alla fioritura: 0,1%; 
             - alla maturazione: 0,1%; 
          2. per la produzione di sementi certificate: 
             a) piante   della   componente   maschile   che    hanno
                disseminato  il  polline  quando  le   piante   della
                componente femminile presentavano  stigmi  ricettivi:
                0,1%; 
             b) piante della componente femminile: 
                - alla fioritura: 0,3%; 
                - alla maturazione: 0,1%; 
          3. per la produzione di  sementi  certificate  di  varieta'
             ibride  devono  essere  soddisfatte  le   norme   o   le
             condizioni seguenti: 
             a) le   piante   della   componente   maschile    devono
                disseminare  una  quantita'  sufficiente  di  polline
                quando   le   piante   della   componente   femminile
                presentano stigmi ricettivi; 
             b) se le piante della  componente  femminile  presentano
                stigmi ricettivi la percentuale di  piante  di  detta
                componente  che  hanno  disseminato   o   disseminano
                polline non deve superare lo 0,1%. 
          4. le colture di varieta'  a  impollinazione  libera  o  di
             varieta'  sintetiche  di  Sorghum  spp.  devono   essere
             conformi alle norme seguenti: il numero di piante  della
             coltura manifestamente riconoscibili come  non  conformi
             alla varieta' non deve superare: 
             - 1 per 30 m² per la produzione di sementi di base; 
             - 1 per 10 m² per la produzione di sementi certificate. 
 
      D) Zea mays: 
La  percentuale  in  numero  di  piante   che   sono   manifestamente
riconoscibili come non conformi alla varieta', alla linea inbred o al
componente non deve superare: 
          1. per la produzione di sementi di base: 
             a) linea «inbred»: 0,l%; 
             b) ibridi semplici, ciascun componente: 0,1%; 
             c) varieta' a impollinazione libera: 0,5%. 
          2. per la produzione di sementi certificate: 
             a) componenti di varieta' ibride: 
                - linea «inbred»: 0,2%; 
                - ibrido semplice: 0,2%; 
                - varieta' a impollinazione libera: 1,0%; 
             b) varieta' a impollinazione libera: 1,0%; 
          3. per la produzione di sementi di varieta'  ibride  devono
             essere rispettate anche le seguenti norme o condizioni: 
             a) le piante del componente maschile devono emettere una
                sufficiente quantita' di polline quando le piante del
                componente femminile sono in fioritura; 
             b) ove il caso lo richieda l'emasculazione  deve  essere
                effettuata; 
             c) allorche' il 5% o piu'  di  piante  della  componente
                femminile presenta stigmi ricettivi,  la  percentuale
                di piante di questo  componente  che  abbiano  emesso
                polline o emettono polline non deve superare: 
                - 1% all'atto  di  ciascuna  ispezione  ufficiale  in
                  campo; 
                - 2%  per  l'insieme  delle  ispezioni  ufficiali  in
                  campo. 
Le piante sono considerate come aventi  emesso  o  emettenti  polline
          qualora, su  una  lunghezza  di  50  mm  o  piu'  dell'asse
          principale o ramificazioni della infiorescenza maschile, le
          antere siano fuoriuscite dalle glume  e  abbiano  emesso  o
          emettano polline. 
 
      E) Ibridi di Secale cereale: 
          1) La coltura deve  essere  conforme  alle  norme  seguenti
relative alle  distanze  da  fonti  vicine  di  polline  che  possono
determinare un'impollinazione estranea indesiderabile: 
 
=====================================================================
|                                                        | Distanza |
|                        Coltura                         |  minima  |
+========================================================+==========+
|per la produzione di sementi di base                    |          |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- ove si ricorra alla maschiosterilita'                 |- 1.000 m |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- ove non si ricorra alla maschiosterilita'             | - 600 m  |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi certificate              | - 500 m  |
+--------------------------------------------------------+----------+
 
          2) La  coltura  deve  presentare  sufficiente  identita'  e
             purezza  relativamente  ai  caratteri  dei   componenti,
             compresa la maschiosterilita'. 
             In particolare, la coltura  deve  essere  conforme  alle
             seguenti norme o altre condizioni: 
             a) il numero  di  piante  della  coltura  manifestamente
                riconoscibili come non  conformi  al  componente  non
                deve superare: 
                - 1 per 30 m² per la produzione di sementi di base; 
                -  1  per  10  m²  per  la  produzione   di   sementi
                certificate. 
             Tale regola si  applica  nelle  ispezioni  ufficiali  in
             campo unicamente al componente femminile; 
             b) nel caso  delle  sementi  di  base,  se  viene  fatto
             ricorso alla maschiosterilita', il livello di sterilita'
             del componente maschiosterile deve essere pari almeno al
             98%. 
          3) Se le sementi certificate sono prodotte in coltura mista
             devono  essere   ottenute   combinando   un   componente
             maschiosterile femminile e un componente maschile che ne
             ripristina la fertilita' maschile. 
 
      F) Colture destinate alla produzione di sementi certificate  di
         ibridi di Avena nuda, Avena sativa,  Avena  strigosa,  Oryza
         sativa, Triticum aestivum, Triticum durum, Triticum spelta e
         xTriticosecale autoimpollinante  e  colture  destinate  alla
         produzione di  sementi  certificate  di  ibridi  di  Hordeum
         vulgare mediante una tecnica diversa dalla maschiosterilita'
         citoplasmatica (CSM) 
          1) la coltura e' conforme alle norme  seguenti  per  quanto
             riguarda le distanze da  vicine  fonti  di  polline  che
             possono  causare  inquinamento  da  fonti   di   polline
             estranee e indesiderate: 
             - la distanza  minima  tra  il  componente  femminile  e
               qualsiasi altra varieta' della stessa  specie  diversa
               da una coltura del componente maschile e' di 25 metri.
               Questa distanza puo' non essere rispettata  se  esiste
               una   protezione    sufficiente    contro    qualsiasi
               impollinazione estranea indesiderata. 
          2) la  coltura  presenta  una  identita'  e   una   purezza
             sufficiente per quanto riguarda le  caratteristiche  dei
             componenti. 
          3) Se  le  sementi  sono  prodotte  utilizzando  un  agente
             chimico ibridizzante la  coltura  deve  essere  conforme
             alle altre norme e condizioni seguenti: 
             a) la purezza varietale minima di ciascun componente  e'
             la seguente: 
                - Avena nuda, Avena sativa, Avena  strigosa,  Hordeum
                  vulgare, Oryza sativa, Triticum  estivum,  Triticum
                  durum e Triticum spelta: 99,7%; 
                - xTriticosecale autoimpollinante: 99,0%; 
             b) la percentuale minima di piante ibride  e'  del  95%.
                Essa  va  valutata  in  conformita'  con   i   metodi
                eventualmente seguiti a livello  internazionale.  Nei
                casi in cui la percentuale di ibridi  e'  determinata
                nel  corso  dell'esame  delle  sementi  prima   della
                certificazione non e' necessario valutarla nel  corso
                dell'ispezione in campo. 
          4) Colture destinate alla produzione di sementi di  base  e
             certificate di ibridi di  Hordeum  vulgare  mediante  la
             tecnica (CSM): 
             a) la coltura e' conforme alle norme seguenti per quanto
                riguarda le distanze da vicine fonti di  polline  che
                possono   causare   una    impollinazione    estranea
                indesiderabile: 
 
=====================================================================
|                                                       | Distanza  |
|                        Coltura                        |  minima   |
+=======================================================+===========+
|Per la produzione di sementi di base                   |100 m      |
+-------------------------------------------------------+-----------+
|Per la produzione di sementi certificate               |50 m       |
+-------------------------------------------------------+-----------+
 
             b) la coltura  presenta  un'identita'  varietale  e  una
                purezza varietale sufficienti per quanto riguarda  le
                caratteristiche dei  componenti.  In  particolare  la
                coltura e' conforme alle seguenti condizioni: 
               i. La percentuale in numero di  piante  manifestamente
                  riconoscibili come non conformi al tipo non supera: 
                - per le colture destinate alla produzione di sementi
                  di base: 0,1% per la linea mantenitrice  e  per  la
                  linea  ristoratrice  e  0,2%  per   il   componente
                  femminile CSM; 
                - per le colture destinate alla produzione di sementi
                  certificate:  0,3%  per   il   ristoratore   e   il
                  componente femminile CSM e 0,5%  se  il  componente
                  femminile CSM e' un ibrido semplice. 
              ii. il  livello  di  maschiosterilita'  del  componente
                  femminile e' almeno: 
                   - 99,7% per le colture destinate  alla  produzione
                     di sementi di base; 
                   - 99,5% per le colture destinate  alla  produzione
                     di sementi certificate; 
             iii. i requisiti di cui ai punti a) e b) sono verificati
                  durante controlli ufficiali a posteriori; 
             c) le sementi certificate possono essere prodotte in una
                  coltivazione   mista   combinando   un   componente
                  femminile maschiosterile e un  componente  maschile
                  che ripristina la fertilita'. 
          5) La coltura e' praticamente esente  da  organismi  nocivi
             che riducano il valore di utilizzazione  e  la  qualita'
             delle sementi. 
             La coltura soddisfa inoltre i  requisiti  relativi  agli
             organismi nocivi da quarantena rilevanti  per  l'Unione,
             agli organismi nocivi da  quarantena  rilevanti  per  le
             zone protette e agli organismi nocivi regolamentati  non
             da quarantena ("ORNQ") previsti negli atti di esecuzione
             adottati a norma del regolamento (UE) 2016/2031, nonche'
             le misure adottate a norma dell'articolo  30,  paragrafo
             1, di tale regolamento. 
             La presenza di ORNQ sulle colture  soddisfa  i  seguenti
             requisiti indicati nella tabella: 
Funghi e oomiceti 
    

---------------------------------------------------------------------
                           Funghi e oomiceti
---------------------------------------------------------------------
|          | Piante |               |               |               |
|          |   da   |               |               |               |
|  ORNQ o  |impianto| Soglie per la |               | Soglie per la |
| sintomi  |(genere | produzione di | Soglie per la | produzione di |
| causati  |   o    |    sementi    | produzione di |    sementi    |
|dagli ORNQ|specie) |   pre-base    |sementi di base|  certificate  |
+----------+--------+---------------+---------------+---------------+
|Gibberella|Oryza   |Non piu' di 2  |Non piu' di 2  |Sementi        |
|fujikuroi |sativa  |piante         |piante         |certificate di |
|Sawada    |L.      |sintomatiche   |sintomatiche   |prima          |
|[GIBBFU   |        |per 200 m²     |per 200 m²     |riproduzione   |
|          |        |riscontrate    |riscontrate    |(C1): non piu' |
|          |        |durante le     |durante le     |di 4 piante    |
|          |        |ispezioni in   |ispezioni in   |sintomatiche   |
|          |        |campo          |campo          |per 200 m²     |
|          |        |effettuate in  |effettuate in  |riscontrate    |
|          |        |periodi        |periodi        |durante le     |
|          |        |opportuni su un|opportuni su un|ispezioni in   |
|          |        |campione       |campione       |campo          |
|          |        |rappresentativo|rappresentativo|effettuate in  |
|          |        |delle piante di|delle piante di|periodi        |
|          |        |ciascuna       |ciascuna       |opportuni su un|
|          |        |coltura.       |coltura.       |campione       |
|          |        |               |               |rappresentativo|
|          |        |               |               |delle piante di|
|          |        |               |               |ciascuna       |
|          |        |               |               |coltura.       |
|          |        |               |               |Sementi        |
|          |        |               |               |certificate di |
|          |        |               |               |seconda        |
|          |        |               |               |riproduzione   |
|          |        |               |               |(C2):non piu'  |
|          |        |               |               |di 8 piante    |
|          |        |               |               |sintomatiche   |
|          |        |               |               |per 200 m²     |
|          |        |               |               |riscontrate    |
|          |        |               |               |durante le     |
|          |        |               |               |ispezioni in   |
|          |        |               |               |campo          |
|          |        |               |               |effettuate in  |
|          |        |               |               |periodi        |
|          |        |               |               |opportuni su un|
|          |        |               |               |campione       |
|          |        |               |               |rappresentativo|
|          |        |               |               |delle piante di|
|          |        |               |               |ciascuna       |
|          |        |               |               |coltura.       |
---------------------------------------------------------------------
                                Nematodi
---------------------------------------------------------------------
|          | Piante |               |               |               |
|          |   da   |               |               |               |
|  ORNQ o  |impianto| Soglie per la |               | Soglie per la |
| sintomi  |(genere | produzione di | Soglie per la | produzione di |
| causati  |   o    |    sementi    | produzione di |    sementi    |
|dagli ORNQ|specie) |   pre-base    |sementi di base|  certificate  |
+----------+--------+---------------+---------------+---------------+
|Aphelen-  |Oryza   |     0 %       |      0 %      |      0 %      |
|choides   |sativa  |               |               |               |
|besseyi   |L.      |               |               |               |
|Christie  |        |               |               |               |
|[APLOBE]  |        |               |               |               |
+----------+--------+---------------+---------------+---------------+

    
      6) Il rispetto delle altre norme o condizioni sopra  menzionate
         va verificato, nel  caso  delle  sementi  di  base,  durante
         ispezioni ufficiali  in  loco  e,  nel  caso  delle  sementi
         certificate, durante ispezioni ufficiali in loco  o  durante
         ispezioni effettuate sotto controllo ufficiale. 
      Tali  ispezioni  in  loco  vanno   effettuate   alle   seguenti
condizioni: 
        a) La condizione  o  lo  stadio  di  sviluppo  della  coltura
           consentono un esame adeguato. 
        b) Il numero minimo di ispezioni in loco che sono  effettuate
           e': 
           - per Avena nuda, Avena sativa,  Avena  strigosa,  Hordeum
             vulgare,    Oryza    sativa,    Phalaris    canariensis,
             xTriticosecale,  Triticum  aestivum,   Triticum   durum,
             Triticum spelta, Secale cereale: 1; 
           - per Sorghum spp.  e  Zea  mays  durante  il  periodo  di
             fioritura: 
             a) varieta' ad impollinazione libera: 1; 
             b) linee inbred o ibridi: 3. 
             Se la coltura precedente, dell'anno in corso o dell'anno
                prima, e' costituita da Sorghum spp. e Zea  mays,  va
                effettuata almeno una ispezione in loco specifica per
                verificare il rispetto delle  disposizioni  stabilite
                al punto 1 del presente allegato. 
        c) Le dimensioni, il numero e la distribuzione delle parcelle
           del campo da ispezionare per verificare il rispetto  delle
           disposizioni del presente allegato  sono  determinati  con
           metodi appropriati. 
 
B) Foraggere 
 
   1. I  precedenti   colturali   del   campo   non   devono   essere
      incompatibili con la produzione di sementi della specie e della
      varieta'  coltivata  e  il  campo  di  produzione  deve  essere
      sufficientemente esente da  piante  provenienti  dalla  coltura
      precedente. 
   2. La coltura deve essere conforme alle  norme  seguenti  relative
      alla  distanza  da  fonti  vicine  di   polline   che   possono
      determinare una impollinazione estranea indesiderabile: 
 
=====================================================================
|                                                        | Distanza |
|                        Coltura                         |minima (m)|
+========================================================+==========+
|Brassica spp., Phacelia tanacetifolia                   |          |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi di base                  |   400    |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi certificate              |   200    |
+--------------------------------------------------------+----------+
|Specie o varieta' diverse da: Brassica spp., Phacelia   |          |
|tanacetifolia, Pisum sativum, Poa pratensis:            |          |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi destinate alla           |          |
|riproduzione: campi fino a 2 ha                         |   200    |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi destinate alla           |          |
|riproduzione: campi superiori a 2 ha                    |   100    |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi destinate alla produzione|          |
|di piante foraggere: campi fino a 2 ha                  |   100    |
+--------------------------------------------------------+----------+
|- per la produzione di sementi destinate alla produzione|          |
|di piante foraggere: campi superiori a 2 ha             |    50    |
+--------------------------------------------------------+----------+
 
Queste distanze possono non essere osservate se esiste una protezione
sufficiente contro qualsiasi impollinazione indesiderabile. 
 
   3. Le  piante  di  altre  specie,  le  sementi  delle  quali  sono
      difficili da distinguere nelle  analisi  di  laboratorio  dalle
      sementi della coltura, sono tollerate in misura limitata. 
      In  particolare  le  colture  delle  specie  di  Lolium   o   x
      Festulolium devono rispondere alle seguenti condizioni: 
      a) il numero di piante di una specie di Lolium o x  Festulolium
         diversa da quella della coltura non deve superare: 
          - 1 per 50 m² per la produzione delle sementi di base; 
          - 1 per 10 m² per la produzione delle sementi certificate. 
   4. La coltura deve presentare identita'  e  purezza  varietale  in
      grado sufficiente. 
      In particolare le colture diverse da quelle della specie  Pisum
      sativum, Vicia faba, Brassica napus var. napobrassica, Brassica
      oleracea conv. acephala devono rispondere alle seguenti norme: 
      a) il  numero  delle  piante   della   coltura   manifestamente
         riconoscibile come  non  conforme  alla  varieta'  non  deve
         superare: 
          - 1 per 30 m² per la produzione di sementi di base; 
          - 1 per 10 m² per la produzione di sementi certificate. 
          Nel caso delle specie Pisum sativum, Vicia  faba,  Brassica
          napus var. napobrassica, Brassica oleracea  conv.  acephala
          viene applicata la prescrizione di cui alla prima frase del
          presente punto 4. 
          Nel caso di Poa pratensis  il  numero  delle  piante  della
          coltura manifestamente riconoscibili come non conformi alla
          varieta' non deve superare: 
          - 1 per 20 m² per la produzione di sementi di base; 
          - 4 per 10 m² per la produzione di sementi certificate. 
          Tuttavia, nel caso di varieta'  classificate  ufficialmente
          come "varieta' apomittiche monoclonali"  secondo  procedure
          approvate  un  numero  di  piante  riconoscibili  come  non
          conformi alla varieta' che non sia superiore a 6 per 10  m²
          puo'   essere   considerato   corrispondente   alle   norme
          suindicate per la produzione di sementi certificate. 
   5. La coltura e'  praticamente  esente  da  organismi  nocivi  che
      riducano  il  valore  di  utilizzazione  e  la  qualita'  delle
      sementi. 
      La coltura soddisfa inoltre i requisiti relativi agli organismi
      nocivi da quarantena rilevanti  per  l'Unione,  agli  organismi
      nocivi da quarantena rilevanti per  le  zone  protette  e  agli
      organismi  nocivi  regolamentati  non  da  quarantena  ("ORNQ")
      previsti  negli  atti  di  esecuzione  adottati  a  norma   del
      regolamento (UE) 2016/2031, nonche' le misure adottate a  norma
      dell'articolo 30, paragrafo 1, di tale regolamento. 
      La presenza di ORNQ sulla coltura e sulle rispettive  categorie
      soddisfa i seguenti requisiti indicati nella tabella: 
 
=====================================================================
|                |          | Soglie per | Soglie per |             |
|                |Piante da |     la     |     la     |Soglie per la|
| ORNQ o sintomi | impianto | produzione | produzione |produzione di|
| causati dagli  |(genere o | di sementi | di sementi |   sementi   |
|      ORNQ      | specie)  |  pre-base  |  di base   | certificate |
+================+==========+============+============+=============+
|Clavibacter     |          |            |            |             |
|michiganensis   |          |            |            |             |
|ssp. insidiosus |          |            |            |             |
|(McCulloch 1925)|          |            |            |             |
|Davis et al.    |Medicago  |            |            |             |
|[CORBIN]        |sativa L. |    0 %     |    0 %     |     0 %     |
+----------------+----------+------------+------------+-------------+
|Ditylenchus     |          |            |            |             |
|dipsaci (Kuehn) |          |            |            |             |
|Filipjev        |Medicago  |            |            |             |
|[DITYDI]        |sativa L. |    0 %     |    0 %     |     0 %     |
+----------------+----------+------------+------------+-------------+
 
   6. La rispondenza alle norme summenzionate o ad  altre  condizioni
      viene esaminata, nel  caso  delle  sementi  di  base,  mediante
      ispezioni  ufficiali  sul  campo  e,  nel  caso  delle  sementi
      certificate, mediante ispezioni ufficiali sul campo o ispezioni
      effettuate  sotto  sorveglianza  ufficiale  che  devono  essere
      effettuate alle seguenti condizioni: 
         a) lo stato colturale e lo stadio di sviluppo della  coltura
            devono consentire un esame adeguato; 
         b) si deve procedere ad almeno una ispezione in campo; 
         c) l'ampiezza, il numero e la distribuzione delle parti  del
            campo  che  formano  oggetto  di  ispezione  al  fine  di
            esaminare la  rispondenza  alle  condizioni  fissate  nel
            presente  allegato  devono  essere  determinati   secondo
            metodi appropriati. 
 
C) Barbabietole 
 
   1. I  precedenti   colturali   del   campo   non   devono   essere
      incompatibili con la produzione di  sementi  di  Beta  vulgaris
      della varieta' coltivata e il campo di produzione  deve  essere
      sufficientemente esente da  piante  provenienti  dalla  coltura
      precedente. 
   2. La coltura deve presentare identita' e purezza  della  varieta'
      in grado sufficiente. 
   3. Il produttore di sementi deve sottoporre all'esame del servizio
      di certificazione tutte le moltiplicazioni di  sementi  di  una
      varieta'. 
   4. Nel caso di sementi certificate di qualsiasi categoria si  deve
      procedere ad almeno un'ispezione sul campo, che sia ufficiale o
      sotto sorveglianza ufficiale, e nel caso delle sementi di  base
      almeno a due ispezioni sul campo, una per i vivai ed una per le
      piante da seme. 
   5. Lo stato colturale del campo  di  produzione  e  lo  stadio  di
      sviluppo  della  coltura   devono   consentire   un   controllo
      sufficiente della identita' e della purezza del  tipo  o  della
      varieta'. 
   6. Le distanze minime da colture vicine portaseme devono essere le
      seguenti: 
 
        =====================================================
        |             Coltura             | Distanza minima |
        +=================================+=================+
        |1.Per la produzione di sementi di|                 |
        |base:                            |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-da qualsiasi fonte di polline   |                 |
        |del genere Beta                  |     1.000 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |2.Per la produzione di sementi   |                 |
        |certificate:                     |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |a)di barbabietola da zucchero:   |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-da qualsiasi fonte di polline   |                 |
        |del genere Beta non compresa     |                 |
        |sotto                            |     1.000 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore o uno degli  |                 |
        |impollinatori previsti e'        |                 |
        |diploide: da fonti di polline di |                 |
        |barbabietola da zucchero         |                 |
        |tetraploide                      |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore e'           |                 |
        |esclusivamente tetraploide: da   |                 |
        |fonti di polline di barbabietola |                 |
        |da zucchero diploide             |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-da fonti di polline di          |                 |
        |barbabietola da zucchero la cui  |                 |
        |ploidia sia sconosciuta          |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore o uno degli  |                 |
        |impollinatori previsti e'        |                 |
        |diploide: da fonti di polline di |                 |
        |barbabietola da zucchero diploide|      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore e'           |                 |
        |esclusivamente tetraploide: da   |                 |
        |fonti di polline di barbabietola |                 |
        |da zucchero tetraploide          |      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-tra due campi destinati alla    |                 |
        |produzione di sementi di         |                 |
        |barbabietola da zucchero in cui  |                 |
        |non si fa riscorso alla          |                 |
        |maschiosterilita'                |      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |bdi barbabietola da foraggio:    |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-da qualsiasi fonte di polline   |                 |
        |del genere Beta non compresa     |                 |
        |sotto                            |     1.000 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore o uno degli  |                 |
        |impollinatori previsti e'        |                 |
        |diploide: da fonti di polline di |                 |
        |barbabietola da foraggio         |                 |
        |tetraploide                      |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore e'           |                 |
        |esclusivamente tetraploide: da   |                 |
        |fonti di polline di barbabietola |                 |
        |da foraggio diploide             |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-da fonti di polline di          |                 |
        |barbabietola da foraggio la cui  |                 |
        |ploidia sia sconosciuta          |      600 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore o uno degli  |                 |
        |impollinatori previsti e'        |                 |
        |diploide: da fonti di polline di |                 |
        |barbabietola da foraggio diploide|      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-se l'impollinatore e'           |                 |
        |esclusivamente tetraploide: da   |                 |
        |fonti di polline di barbabietola |                 |
        |da foraggio tetraploide          |      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
 
Le distanze suindicate possono non essere  osservate  se  esiste  una
protezione  sufficiente  contro  qualsiasi   impollinatore   estraneo
indesiderabile. Non e' necessario alcun  isolamento  tra  colture  di
sementi nelle quali viene utilizzato lo stesso impollinatore. 
Per stabilire la ploidia dei due componenti "portasemi" ed "emittente
di polline" delle colture destinate alla produzione di sementi ci  si
deve riferire al catalogo  comune  delle  varieta'  delle  specie  di
piante agricole compilato ai sensi  della  direttiva  2002/53/CE  del
Consiglio, del 13 giugno  2002  e  successive  modifiche,  oppure  al
registro nazionale di varieta'  della  specie  Beta  vulgaris  L.  da
zucchero  e  da   foraggio.   Qualora   per   una   varieta'   manchi
l'informazione, la ploidia e' presunta e in questo caso  deve  essere
osservata una distanza minima di isolamento di 600 m. 
 
D) Tuberi-seme di patate 
 
                  I- Tuberi-seme di patate pre-base 
 
   1.  I  tuberi-seme  di  patate  pre-base  soddisfano  i   seguenti
requisiti minimi: 
      a) i tuberi-seme di patate pre-base provengono da piante  madri
         indenni dai seguenti organismi nocivi: 
         Pectobacterium spp.,Dickeya  spp.,  Candidatus  Liberibacter
         solanacearum, Candidatus Phytoplasma solani, Potato  spindle
         tuber viroid, Potato leaf roll virus, Potato virus A, Potato
         virus M, Potato virus S, Potato virus X e Potato virus Y; 
      b) la percentuale numerica di piante in crescita  non  conformi
         alla varieta' e la percentuale numerica delle piante di  una
         varieta'    diversa    non    devono    essere     superiori
         complessivamente allo 0,01%; 
      c) il numero massimo di generazioni sul  campo  e'  limitato  a
         quattro; 
      d) gli ORNQ, o i sintomi causati dai rispettivi ORNQ, non  sono
         presenti  sui  tuberi-seme  di  patate  pre-base  in  misura
         superiore alle soglie indicate nella seguente tabella: 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |di ORNQ sulle piante in|
       |                             |    crescita per i     |
       |ORNQ o sintomi causati dagli | tuberi-seme di patate |
       |            ORNQ             |       pre-base        |
       +=============================+=======================+
       |Gamba nera (Dickeya Samson et|                       |
       |al. spp. [1DICKG];           |                       |
       |Pectobacterium Waldee emend. |                       |
       |Hauben et al. spp. [1PECBG]) |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Liberibacter      |                       |
       |solanacearum Liefting et al. |                       |
       |[LIBEPS]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Phytoplasma solani|                       |
       |Quaglino et al. [PHYPSO]     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Sintomi di mosaico causati da|                       |
       |virus e sintomi causati da   |                       |
       |Potato leaf roll virus       |                       |
       |[PLRV00]                     |         0,1%          |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Potato spindle tuber viroid  |                       |
       |[PSTVD0]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |     di ORNQ sulla     |
       |                             |discendenza diretta dei|
       |ORNQ o sintomi causati dagli | tuberi-seme di patate |
       |            ORNQ             |       pre-base        |
       +=============================+=======================+
       |Sintomi di virosi            |         0,5%          |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
   2. La conformita' ai requisiti di cui al paragrafo 1, lettere b) e
      d), e' verificata mediante ispezioni ufficiali  sul  campo.  In
      caso di dubbi, tali ispezioni sono integrate da prove ufficiali
      sulle foglie. 
   3. Qualora vengano  utilizzati  metodi  di  micropropagazione,  la
      conformita' a quanto stabilito dal paragrafo 1, lettera a),  e'
      verificata mediante una prova ufficiale,  oppure  mediante  una
      prova realizzata sotto  sorveglianza  ufficiale,  sulla  pianta
      madre. 
   4. Qualora vengano utilizzati  metodi  di  selezione  clonale,  la
      conformita' a quanto stabilito dal paragrafo 1, lettera a),  e'
      verificata mediante una prova ufficiale,  oppure  mediante  una
      prova  realizzata  sotto  sorveglianza  ufficiale,  sul   ceppo
      clonale. 
 
   II- Tuberi-seme di patate pre-base classe PBTC e PB dell'Unione 
 
   1. I requisiti per i tuberi-seme di patate pre-base  della  classe
PBTC dell'Unione sono stabiliti come segue: 
      a) non devono essere presenti nelle colture piante non conformi
         alla varieta' o piante di una varieta' diversa; 
      b) le  piante,  compresi  i  tuberi,  sono  prodotte   mediante
         micropropagazione; 
      c) le piante, compresi i tuberi, sono prodotte in una struttura
         protetta e in un  mezzo  di  coltura  indenne  da  organismi
         nocivi; 
      d) i tuberi non  devono  essere  moltiplicati  oltre  la  prima
         generazione; 
      e) le piante devono rispettare le seguenti  soglie  per  quanto
         riguarda la presenza di  ORNQ,  o  di  sintomi  causati  dal
         rispettivo ORNQ, come specificato nella tabella seguente: 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |di ORNQ sulle piante in|
       |                             |    crescita per i     |
       |                             | tuberi-seme di patate |
       |ORNQ o sintomi causati dagli | pre-base della classe |
       |            ORNQ             |   PBTC dell'Unione    |
       +=============================+=======================+
       |Gamba nera (Dickeya Samson et|                       |
       |al. spp. [1DICKG];           |                       |
       |Pectobacterium Waldee emend. |                       |
       |Hauben et al. spp. [1PECBG]) |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Liberibacter      |                       |
       |solanacearum Liefting et al. |                       |
       |[LIBEPS]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Phytoplasma solani|                       |
       |Quaglino et al. [PHYPSO]     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Sintomi di mosaico causati da|                       |
       |virus e sintomi causati da   |                       |
       |Potato leaf roll virus       |                       |
       |[PLRV00]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Potato spindle tuber viroid  |                       |
       |[PSTVD0]                     |          0 %          |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |     di ORNQ sulla     |
       |                             |discendenza diretta dei|
       |                             | tuberi-seme di patate |
       |ORNQ o sintomi causati dagli | pre-base della classe |
       |            ORNQ             |   PBTC dell'Unione    |
       +=============================+=======================+
       |Sintomi di virosi            |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
   2. I requisiti per i tuberi-seme di patate pre-base  della  classe
PB dell'Unione sono stabiliti come segue: 
      a) requisiti concernenti i tuberi-seme di patate: 
         i) la percentuale  numerica  di  piante  non  conformi  alla
            varieta' e la  percentuale  numerica  di  piante  di  una
            varieta' diversa non devono superare complessivamente  lo
            0,01%; 
        ii) le piante devono rispettare le seguenti soglie per quanto
            riguarda la presenza di ORNQ, o di  sintomi  causati  dai
            rispettivi ORNQ, come specificato nella tabella seguente: 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |di ORNQ sulle piante in|
       |                             |    crescita per i     |
       |                             | tuberi-seme di patate |
       |ORNQ o sintomi causati dagli | pre-base della classe |
       |            ORNQ             |    PB dell'Unione     |
       +=============================+=======================+
       |Gamba nera (Dickeya Samson et|                       |
       |al. spp. [1DICKG];           |                       |
       |Pectobacterium Waldee emend. |                       |
       |Hauben et al. spp. [1PECBG]) |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Liberibacter      |                       |
       |solanacearum Liefting et al. |                       |
       |[LIBEPS]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Candidatus Phytoplasma solani|                       |
       |Quaglino et al. [PHYPSO]     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Sintomi di mosaico causati da|                       |
       |virus e sintomi causati da   |                       |
       |Potato leaf roll virus       |                       |
       |[PLRV00]                     |         0,1%          |
       +-----------------------------+-----------------------+
       |Potato spindle tuber viroid  |                       |
       |[PSTVD0]                     |          0%           |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
 
       =======================================================
       |                             |Soglia per la presenza |
       |                             |     di ORNQ sulla     |
       |                             |discendenza diretta dei|
       |                             | tuberi-seme di patate |
       |ORNQ o sintomi causati dagli | pre-base della classe |
       |            ORNQ             |    PB dell'Unione     |
       +=============================+=======================+
       |Sintomi di virosi            |         0,5%          |
       +-----------------------------+-----------------------+
 
 
          III- Tuberi-seme di patate di base e certificati 
 
   1. I requisiti minimi per  i  tuberi-seme  di  patate  di  base  e
certificati sono stabiliti come segue: 
      a) Nel caso dei tuberi-seme di patate di base,  la  percentuale
            numerica di  piante  non  conformi  alla  varieta'  e  la
            percentuale numerica di piante di  una  varieta'  diversa
            non  sono  superiori  complessivamente  a  0,1%  e  nella
            discendenza diretta non sono superiori complessivamente a
            0,25 %. 
      b) Nel caso  dei  tuberi-seme   di   patate   certificati,   la
            percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
            e la percentuale  numerica  di  piante  di  una  varieta'
            diversa non sono  superiori  complessivamente  a  0,5%  e
            nella   discendenza   diretta    non    sono    superiori
            complessivamente a 0,5 %. 
      c) I tuberi-seme di patate di cui ai punti a e b  soddisfano  i
            seguenti requisiti per quanto  riguarda  la  presenza  di
            organismi nocivi regolamentati non da quarantena  (ORNQ),
            o  di  malattie  causate  dagli  ORNQ,  e  le  rispettive
            categorie, come specificato nella tabella seguente: 
 
=====================================================================
|                        |                       |  Soglia per le   |
|                        | Soglia per le piante  |    piante per    |
| ORNQ o sintomi causati |  per tuberi-seme di   |  tuberi-seme di  |
|       dagli ORNQ       |    patate di base     |patate certificati|
+========================+=======================+==================+
|Gamba nera (Dickeya     |                       |                  |
|Samson et al. spp.      |                       |                  |
|[1DICKG]; Pectobacterium|                       |                  |
|Waldee emend. Hauben et |                       |                  |
|al. spp. [1PECBG])      |         1,0%          |       4,0%       |
+------------------------+-----------------------+------------------+
|Candidatus Liberibacter |                       |                  |
|solanacearum Liefting et|                       |                  |
|al. [LIBEPS]            |          0%           |        0%        |
+------------------------+-----------------------+------------------+
|Candidatus Phytoplasma  |                       |                  |
|solani Quaglino et al.  |                       |                  |
|[PHYPSO]                |          0%           |        0%        |
+------------------------+-----------------------+------------------+
|                        | e sintomi causati da  |                  |
|Sintomi di mosaico      |Potato leaf roll virus |                  |
|causati da virus        |     [PLRV00] 0,8%     |       6,0%       |
+------------------------+-----------------------+------------------+
|Potato spindle tuber    |                       |                  |
|viroid [PSTVD0]         |          0%           |        0%        |
+------------------------+-----------------------+------------------+
 
 
=====================================================================
|                          |   Soglia per la    |   Soglia per la   |
|                          |discendenza diretta |discendenza diretta|
|  ORNQ o sintomi causati  | di tuberi-seme di  | di tuberi-seme di |
|        dagli ORNQ        |   patate di base   |patate certificati |
+==========================+====================+===================+
|Sintomi di virosi         |        4,0%        |       10,0%       |
+--------------------------+--------------------+-------------------+
 
   2. Il numero massimo di generazioni di tuberi-seme  di  patate  di
      base e' quattro e le generazioni complessive di tuberi-seme  di
      patate pre-base in campo e di tuberi-seme  di  patate  di  base
      sono sette. Il numero massimo  di  generazioni  provenienti  da
      tuberi-seme di patate certificati e' due. Se la generazione non
      e' indicata nell'etichetta ufficiale i tuberi-seme di patate in
      questione sono ritenuti  appartenere  alla  generazione  limite
      consentita per la categoria di appartenenza. 
   3. I requisiti per i tuberi-seme di patate di base della «classe S
      dell'Unione» sono i seguenti: 
      a) la percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
         e la percentuale numerica di piante di una varieta'  diversa
         non devono essere superiori complessivamente allo 0,1%; 
      b) la percentuale numerica di piante  in  crescita  colpite  da
         gamba nera non deve essere superiore allo 0,1%; 
      c) nella discendenza diretta la percentuale numerica di  piante
         che presentano sintomi di virosi non deve  essere  superiore
         all'1,0%; 
      d) la percentuale numerica di piante in crescita che presentano
         sintomi di mosaico e la percentuale numerica di  piante  che
         presentano sintomi causati  da  virus  dell'accartocciamento
         delle  foglie  di  patata  non   devono   essere   superiori
         complessivamente allo 0,2%; 
      e) il  numero  di  generazioni,  comprese  le  generazioni   di
         pre-base sul campo e le generazioni di base, e'  limitato  a
         cinque; 
      f) se la generazione non e' indicata  nell'etichetta  ufficiale
         le patate in questione sono  considerate  appartenenti  alla
         quinta generazione; 
   4. I requisiti per i tuberi-seme di patate di base  della  «classe
      SE dell'Unione» sono i seguenti: 
      a) la percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
         e la percentuale numerica di piante di una varieta'  diversa
         non devono essere superiori complessivamente allo 0,1%; 
      b) la percentuale numerica di piante  in  crescita  colpite  da
         gamba nera non deve essere superiore allo 0,5%; 
      c) nella discendenza diretta la percentuale numerica di  piante
         che presentano sintomi di virosi non deve  essere  superiore
         al 2,0%; 
      d) la percentuale numerica di piante in crescita che presentano
         sintomi   di   mosaico   o   sintomi   causati   dal   virus
         dell'accartocciamento delle foglie di patata non deve essere
         superiore complessivamente allo 0,5%; 
      e) il  numero  di  generazioni,  comprese  le  generazioni   di
         pre-base sul campo e le generazioni di base, e'  limitato  a
         sei; 
      f) se la generazione non e' indicata  nell'etichetta  ufficiale
         le patate in questione sono  considerate  appartenenti  alla
         sesta generazione; 
   5. I requisiti per i tuberi-seme di patate di base della «classe E
      dell'Unione» sono i seguenti: 
      a) la percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
         e la percentuale numerica di piante di una varieta'  diversa
         non devono essere superiori complessivamente allo 0,1%; 
      b) la percentuale numerica delle piante in crescita colpite  da
         gamba nera non deve essere superiore all'1,0%; 
      c) nella discendenza diretta la percentuale numerica di  piante
         che presentano sintomi di virosi non deve  essere  superiore
         al 4,0%; 
      d) la percentuale numerica di piante in crescita che presentano
         sintomi   di   mosaico   o   sintomi   causati   dal   virus
         dell'accartocciamento delle foglie di patata non deve essere
         superiore complessivamente allo 0,8%; 
      e) il  numero  di  generazioni,  comprese  le  generazioni   di
         pre-base sul campo e le generazioni di base, e'  limitato  a
         sette; 
      f) se la generazione non e' indicata  nell'etichetta  ufficiale
         le patate in questione sono  considerate  appartenenti  alla
         settima generazione; 
   6. I requisiti per  i  tuberi-seme  di  patate  certificati  della
      «classe A dell'Unione» sono i seguenti: 
      a) la percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
         e la percentuale numerica di piante di una varieta'  diversa
         non devono essere superiori complessivamente allo 0,2%; 
      b) la percentuale numerica delle piante in crescita colpite  da
         gamba nera non deve essere superiore al 2,0%; 
      c) nella discendenza diretta la percentuale numerica di  piante
         che presentano sintomi di virosi non deve  essere  superiore
         all'8,0%; 
      d) iv) la  percentuale  numerica  di  piante  in  crescita  che
         presentano sintomi di mosaico o sintomi  causati  dal  virus
         dell'accartocciamento delle foglie di patata non deve essere
         superiore complessivamente al 2,0%; 
   7. I requisiti per  i  tuberi-seme  di  patate  certificati  della
      «classe B dell'Unione» sono i seguenti: 
      a) la percentuale numerica di piante non conformi alla varieta'
         e la percentuale numerica di piante di una varieta'  diversa
         non devono essere superiori complessivamente allo 0,5%; 
      b) la percentuale numerica delle piante in crescita colpite  da
         gamba nera non deve essere superiore al 4,0%; 
      c) nella discendenza diretta la percentuale numerica di  piante
         che presentano sintomi di virosi non deve  essere  superiore
         al 10,0%. 
      d) la percentuale numerica di piante in crescita che presentano
         sintomi   di   mosaico   o   sintomi   causati   dal   virus
         dell'accartocciamento delle foglie di patata non deve essere
         superiore complessivamente al 6,0%; 
 
E) Oleaginose e da fibra 
 
   1. I  precedenti   colturali   del   campo   non   devono   essere
      incompatibili con la produzione di sementi della specie e della
      varieta' coltivata  ed  il  campo  di  produzione  deve  essere
      sufficientemente esente da  piante  provenienti  dalla  coltura
      precedente. 
      Gli ibridi di Brassica napus  devono  essere  coltivati  su  un
      terreno  sul  quale  non  siano  state  coltivate  Brassicaceae
      (Cruciferae) negli ultimi cinque anni. 
   2. La coltura deve essere conforme alle  norme  seguenti  relative
      alle  distanze  da  fonti  vicine  di   polline   che   possono
      determinare una impollinazione estranea indesiderabile: 
 
        =====================================================
        |             Coltura             | Distanze minime |
        +=================================+=================+
        |Brassica spp. diversa da Brassica|                 |
        |napus; Cannabis sativa diversa da|                 |
        |Cannabis sativa monoica;         |                 |
        |Carthamus tinctorius; Carum      |                 |
        |carvi; Sinapis alba:             |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base                             |      400 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate                      |      200 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |Brassica napus:                  |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di varieta' diverse dagli   |                 |
        |ibridi.                          |      200 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di ibridi                   |      500 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di varieta' diverse  |                 |
        |dagli ibridi.                    |      100 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di ibridi.           |      300 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |Cannabis sativa, Cannabis sativa |                 |
        |monoica:                         |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base                             |     5.000 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate                      |     1.000 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |Helianthus annuus:               |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di ibridi                   |     1.500 m     |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di varieta' diverse  |                 |
        |dagli ibridi                     |      750 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate                      |      500 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |Gossypium hirsutum e/o Gossypium |                 |
        |barbadense                       |                 |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di linee parentali di       |                 |
        |Gossypium hirsutum               |      100 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di linee parentali di       |                 |
        |Gossypium barbadense             |      200 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di varieta' non      |                 |
        |ibride e di ibridi intraspecifici|                 |
        |di Gossypium hirsutum prodotti   |                 |
        |senza maschiosterilita'          |                 |
        |citoplasmatica                   |      30 m       |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di ibridi            |                 |
        |intraspecifici di Gossypium      |                 |
        |hirsutum prodotti con            |                 |
        |maschiosterilita' citoplasmatica |      800 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di varieta' non      |                 |
        |ibride e di ibridi intraspecifici|                 |
        |di Gossypium barbadense prodotti |                 |
        |senza maschiosterilita'          |                 |
        |citoplasmatica                   |      150 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di ibridi            |                 |
        |intraspecifici di Gossypium      |                 |
        |barbadense prodotti con          |                 |
        |maschiosterilita' citoplasmatica |      800 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi di |                 |
        |base di ibridi interspecifici    |                 |
        |stabili di Gossypium hirsutum e  |                 |
        |Gossypium barbadense             |      200 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di ibridi            |                 |
        |interspecifici stabili di        |                 |
        |Gossypium hirsutum e Gossypium   |                 |
        |barbadense e di ibridi prodotti  |                 |
        |senza maschiosterilita'          |                 |
        |citoplasmatica                   |      150 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
        |-per la produzione di sementi    |                 |
        |certificate di ibridi di         |                 |
        |Gossypium hirsutum e Gossypium   |                 |
        |barbadense prodotti con          |                 |
        |maschiosterilita' citoplasmatica |      800 m      |
        +---------------------------------+-----------------+
 
Queste distanze possono non essere osservate se esiste una protezione
sufficiente contro qualsiasi impollinazione estranea indesiderabile. 
 
   3. La coltura  deve  possedere  sufficienti  identita'  e  purezza
      varietale oppure, nel caso di una coltura di una linea  inbred,
      sufficiente  identita'  e   purezza   relativamente   ai   suoi
      caratteri. 
      Per la produzione  di  sementi  di  varieta'  ibride  le  dette
      disposizioni si applicano anche ai  caratteri  dei  componenti,
      compresa maschiosterilita' o il ripristino della fertilita'. 
      In particolare, le colture di Brassica juncea, Brassica  nigra,
      Cannabis sativa, Carthamus tinctorius, Carum  carvi,  Gossypium
      spp. e gli ibridi di Helianthus  annuus  e  di  Brassica  napus
      devono rispondere alle norme o alle condizioni seguenti: 
      A) Brassica juncea, Brassica nigra, Cannabis sativa,  Carthamus
         tinctorius, Carum carvi  e  Gossypium  spp.,  diversi  dagli
         ibridi. 
         Il  numero  di  piante  della  coltura  riconoscibili   come
         manifestamente non conformi alla varieta' non puo' superare: 
          - 1 per 30 m² per le sementi di base; 
          - 1 per 10 m² per le sementi certificate. 
      B) Ibridi di Helianthus annuus: 
        a) la percentuale in  numero  di  piante  riconoscibili  come
           manifestamente  non  conformi  alla  linea  inbred  o   al
           componente non puo' superare: 
 
+------------------------------------------------------------+------+
|aa) per la produzione di sementi di base                    |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|i) linea inbred                                             |0, 2% |
+------------------------------------------------------------+------+
|ii) ibridi semplici                                         |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|- genitore maschile, piante che hanno emesso polline        |      |
|allorche' il 2% o piu' delle piante femminili presentano    |      |
|fiori ricettivi                                             | 0,2% |
+------------------------------------------------------------+------+
|- genitore femminile                                        | 0,5% |
+------------------------------------------------------------+------+
|bb) per la produzione di sementi certificate:               |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente maschile, piante che hanno emesso polline      |      |
|allorche' il 5% o piu' delle piante femminili presentano    |      |
|fiori ricettivi                                             | 0,5  |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente femminile                                      | 1,0% |
+------------------------------------------------------------+------+
 
        b) Per la produzione di sementi di  varieta'  ibride,  devono
           essere rispettate le norme o le altre condizioni seguenti: 
          aa) le piante  del  componente  maschile  emettono  polline
             sufficiente  durante  la  fioritura  delle  piante   del
             componente femminile; 
          bb) se il componente femminile presenta  stigmi  ricettivi,
             la percentuale di piante di tale  componente  che  hanno
             emesso o emettono il polline non deve superare lo 0,5%; 
          cc) per la produzione di sementi  di  base  la  percentuale
             totale in numero  di  piante  del  componente  femminile
             riconoscibili  come  manifestamente  non  conformi  alla
             linea inbred o al componente e che hanno  emesso  o  che
             stanno emettendo il polline non deve superare lo 0,5%; 
          dd) qualora non possa essere soddisfatta la  condizione  di
             cui all'allegato VI, sezione I, lettera D, punto  3,  e'
             rispettata la condizione seguente: 
              - un componente  maschile  sterile  utilizzato  per  la
                produzione di sementi certificate contiene una  linea
                o linee ristoratrici specifiche, in modo  che  almeno
                un  terzo  delle   piante   derivate   dagli   ibridi
                risultanti produca del polline apparentemente normale
                sotto tutti gli aspetti. 
      C) Ibridi  di  Brassica  napus   prodotti   avvalendosi   della
         maschiosterilita': 
        a) la percentuale in  numero  di  piante  riconoscibili  come
           manifestamente  non  conformi  alla  linea  inbred  o   al
           componente non puo' superare: 
 
+------------------------------------------------------------+------+
|aa) per la produzione di sementi di base                    |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|i) linea inbred                                             | 0,1% |
+------------------------------------------------------------+------+
|ii) ibridi semplici                                         |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente maschile                                       | 0,1% |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente femminile                                      | 0,2% |
+------------------------------------------------------------+------+
|bb) per la produzione di sementi certificate:               |      |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente maschile                                       | 0,3% |
+------------------------------------------------------------+------+
|- componente femminile                                      | 1,0% |
+------------------------------------------------------------+------+
 
        b) la maschiosterilita' deve raggiungere almeno il 99% per la
           produzione di sementi di base e il 98% per  la  produzione
           di sementi certificate. Il livello della maschiosterilita'
           deve essere valutato attraverso il controllo  dell'assenza
           di antere fertili nei fiori. 
      D) Ibridi di Gossypium hirsutum e Gossypium barbadense: 
          a) nelle colture destinate alla produzione  di  sementi  di
             base  di  linee  parentali  di  Gossypium   hirsutum   e
             Gossypium barbadense la purezza varietale  minima  delle
             linee  parentali  sia  femminili   che   maschili   deve
             raggiungere il 99,8% nel momento in cui  il  5%  o  piu'
             delle piante portaseme hanno fiori ricettivi al polline.
             Il livello della maschiosterilita' della linea parentale
             portaseme deve essere valutato attraverso  il  controllo
             della presenza di antere sterili nei fiori  e  non  deve
             essere inferiore al 99,9%; 
          b) nelle  colture  destinate  alla  produzione  di  sementi
             certificate  di  ibridi  di   Gossypium   hirsutum   e/o
             Gossiypium barbadense la purezza  varietale  minima  sia
             del  genitore  portaseme  sia  della   linea   parentale
             emettente il  polline  deve  raggiungere  il  99,5%  nel
             momento in cui il 5% o piu' delle piante da  seme  hanno
             fiori   ricettivi   al   polline.   Il   livello   della
             maschiosterilita' della linea parentale  portaseme  deve
             essere valutato attraverso il controllo  della  presenza
             di antere sterili nei fiori e non deve essere  inferiore
             al 99,7%. 
   4. La coltura e'  praticamente  esente  da  organismi  nocivi  che
      riducano il valore di utilizzazione e la qualita' dei materiali
      di moltiplicazione. La coltura  soddisfa  inoltre  i  requisiti
      relativi agli organismi  nocivi  da  quarantena  rilevanti  per
      l'Unione, agli organismi nocivi da quarantena rilevanti per  le
      zone protette e agli  organismi  nocivi  regolamentati  non  da
      quarantena ("ORNQ") previsti negli atti di esecuzione  adottati
      a norma del  regolamento  (UE)  2016/2031,  nonche'  le  misure
      adottate  a  norma  dell'articolo  30,  paragrafo  1,  di  tale
      regolamento. 
      La presenza di ORNQ sulle colture soddisfa i seguenti requisiti
      indicati nella tabella: 
    

---------------------------------------------------------------------
                           Funghi e oomiceti
---------------------------------------------------------------------
|             |             | Soglie per | Soglie per |             |
|   ORNQ o    |  Piante da  |     la     |     la     |Soglie per la|
|   sintomi   |  impianto   | produzione | produzione |produzione di|
|causati dagli|  (genere o  | di sementi | di sementi |   sementi   |
|    ORNQ     |   specie)   |  pre-base  |  di base   | certificate |
+-------------+-------------+------------+------------+-------------+
| Plasmopara  | Helianthus  |     0%     |     0%     |     0%      |
|  halstedii  |  annuus L.  |            |            |             |
|  (Farlow)   |             |            |            |             |
|Berlese & de |             |            |            |             |
|Toni [PLASHA]|             |            |            |             |
+-------------+-------------+------------+------------+-------------+

    
   5. La rispondenza alle norme summenzionate o ad  altre  condizioni
      viene esaminata, nel  caso  delle  sementi  di  base,  mediante
      ispezioni  ufficiali  sul  campo  e,  nel  caso  delle  sementi
      certificate, mediante ispezioni ufficiali sul campo o ispezioni
      effettuate  sotto  sorveglianza  ufficiale  che  devono  essere
      effettuate alle seguenti condizioni: 
      A. lo stato colturale e lo stadio  di  sviluppo  della  coltura
         devono consentire un esame adeguato. 
      B. Nel caso di colture diverse da ibridi di Helianthus  annuus,
         Brassica napus, Gossypium hirsutum  e  Gossypium  barbadense
         avra' luogo almeno una ispezione. 
         Nel caso di ibridi di Helianthus annuus avranno luogo almeno
         due ispezioni. 
         Nel caso degli ibridi di Brassica napus avranno luogo almeno
         tre ispezioni: una  prima  del  periodo  di  fioritura,  una
         all'inizio della fioritura e una alla fine  del  periodo  di
         fioritura. 
         Nel caso degli ibridi di Gossypium  hirsutum  e/o  Gossypium
         barbadense  avranno  luogo   almeno   tre   ispezioni:   una
         all'inizio della  fioritura,  una  prima  della  fine  della
         fioritura e una alla fine della fioritura dopo rimozione, se
         del caso, delle piante parentali emittenti di polline. 
      C. L'ampiezza, il numero e la  distribuzione  delle  parti  del
         campo che formano oggetto di ispezione al fine di  esaminare
         la rispondenza alle condizioni fissate nel presente allegato
         devono essere determinati secondo metodi appropriati. 
 
F) Ortive 
 
Ai fini della certificazione ufficiale,  le  condizioni  cui  debbono
sottostare le colture sono le seguenti: 
   1. devono  presentare  identita'  e  purezza  varietale  in  grado
      sufficiente; 
   2. le colture delle sementi di base devono essere assoggettate  ad
      almeno una ispezione ufficiale in campo; per le  sementi  della
      categoria certificata si deve procedere ad almeno una ispezione
      in campo, controllata ufficialmente mediante  sondaggi  su  non
      meno del 20% delle colture di ogni singola specie; 
   3. lo stato colturale del campo di produzione nonche' lo stato  di
      sviluppo  della  coltura   devono   consentire   un   controllo
      sufficiente dell'identita' e della  purezza  varietale  nonche'
      dello stato sanitario; 
   4. le  distanze  minime  fra  le  colture   vicine   che   possano
      determinare una impollinazione estranea indesiderabile,  devono
      essere le seguenti: 
      A) Beta vulgaris: 
          1) rispetto a qualsiasi fonte di polline  del  genere  Beta
             non compresa: sotto 1000 m; 
          2) rispetto a fonti di polline  di  varieta'  della  stessa
             sottospecie  appartenente  a  un   gruppo   diverso   di
             varieta': 
             a. per le sementi di base: 1.000 m; 
             b. per le sementi certificate: 600 m; 
          3) rispetto a fonti di polline  di  varieta'  della  stessa
             sottospecie appartenente allo stesso gruppo di varieta': 
             a. per le sementi di base: 600 m; 
             b. per le sementi certificate: 300 m 
      B) Specie di Brassica: 
          1) rispetto a fonti di polline estraneo che puo'  provocare
             una notevole degradazione delle varieta' della specie di
             Brassica: 
             a. per le sementi di base: 1.000 m; 
             b. per le sementi certificate: 600 m; 
          2) rispetto ad altre fonti di  polline  estraneo  che  puo'
             incrociarsi con varieta' delle specie Brassica: 
             a. per le sementi di base: 500 m; 
             b. per le sementi certificate: 300 m; 
      C) Cicoria industriale: 
          a. rispetto  ad  altre  specie  dello   stesso   genere   o
             sottospecie: 1.000 m; 
          b. rispetto ad altre varieta' di cicoria industriale: 
             - per le sementi di base: 600 m; 
             - per le sementi certificate: 300 m. 
      D) altre specie: 
          1) rispetto a fonti di polline estraneo che puo'  provocare
             una notevole degradazione di varieta'  di  altre  specie
             risultanti da impollinazione incrociate: 
             a. per le sementi di base: 500 m; 
             b. per le sementi certificate: 300 m; 
          2) rispetto ad altre fonti di  polline  estraneo  che  puo'
             incrociarsi con varieta' di altre specie  risultanti  da
             impollinazione incrociata: 
             a. per le sementi di base: 300 m; 
             b. per le sementi certificate: 100 m. 
         Tali distanze possono non essere  osservate  se  esiste  una
         protezione  sufficiente  contro   qualsiasi   impollinazione
         estranea indesiderabile. 
   5. La coltura e'  praticamente  esente  da  organismi  nocivi  che
      riducano il valore di utilizzazione e la qualita' dei materiali
      di moltiplicazione. 
      La coltura soddisfa inoltre i requisiti relativi agli organismi
      nocivi da quarantena rilevanti  per  l'Unione,  agli  organismi
      nocivi da quarantena rilevanti per  le  zone  protette  e  agli
      organismi  nocivi  regolamentati  non  da  quarantena  ("ORNQ")
      previsti  negli  atti  di  esecuzione  adottati  a  norma   del
      regolamento (UE) 2016/2031, nonche' le misure adottate a  norma
      dell'articolo 30, paragrafo 1, di tale regolamento.