Art. 263 bis 
 
Modifica all'articolo 27 del codice del consumo, di  cui  al  decreto
  legislativo  6  settembre  2005,  n.  206,  in  materia  di  poteri
  dell'Autorita' garante della concorrenza e del mercato. 
  1. Dopo il comma 3 dell'articolo 27 del codice del consumo, di  cui
al decreto legislativo 6 settembre  2005,  n.  206,  e'  inserito  il
seguente: 
    « 3-bis. L'Autorita' garante della concorrenza e del mercato,  in
conformita' a quanto disposto dall'articolo 9  del  regolamento  (UE)
2017/2394 del Parlamento europeo e del  Consiglio,  del  12  dicembre
2017, puo' ordinare, anche in via cautelare, ai fornitori di  servizi
di connettivita'  alle  reti  internet,  ai  gestori  di  altre  reti
telematiche o di telecomunicazione  nonche'  agli  operatori  che  in
relazione   ad   esse   forniscono   servizi    telematici    o    di
telecomunicazione la rimozione di iniziative o attivita' destinate ai
consumatori italiani e diffuse attraverso le reti  telematiche  o  di
telecomunicazione  che  integrano  gli   estremi   di   una   pratica
commerciale scorretta. I destinatari dei predetti ordini, disposti ai
sensi del primo periodo, hanno l'obbligo di  inibire  l'utilizzazione
delle reti delle  quali  sono  gestori  o  in  relazione  alle  quali
forniscono servizi, al fine di evitare la  protrazione  di  attivita'
pregiudizievoli per i consumatori e poste in essere in violazione del
presente  codice.  In  caso  di  inottemperanza,  senza  giustificato
motivo, a quanto disposto dall'Autorita' garante della concorrenza  e
del  mercato  ai  sensi  del  primo  periodo  del   presente   comma,
l'Autorita' stessa puo' applicare una sanzione amministrativa fino  a
5.000.000 di euro ». 
  2. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare  nuovi
o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.