Art. 17. 
  1. Nella programmazione  e  pianificazione  dei  piani  di  ricerca
scientifica applicata alla sanita' umana e animale ed alla salubrita'
dell'ambiente, saranno preferiti, ove possibile: 
    a) quelli che non si avvalgono di sperimentazione animale; 
    b) quelli che si avvalgono di metodi alternativi; 
    c) quelli che utilizzano un minor numero di animali e  comportino
procedimenti meno dolorosi; 
    d) le ricerche su protocolli per il minore impiego di specie e di
numero di animali; 
    e) le ricerche intese allo studio di metodi alternativi. 
  2. Il Ministro della sanita' con proprio decreto da emanarsi  entro
un anno dall'entrata in vigore  del  presente  decreto  stabilisce  i
requisiti necessari ai fini di cui all'art. 4, commi 6 e 7.