Art. 38 
 
                             Zona rossa 
 
  1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi  del  virus
COVID-19, con ordinanza del Ministro della salute, adottata ai  sensi
dell'art. 1, comma 16-quater, del decreto-legge 16  maggio  2020,  n.
33, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2020, n. 74,
sono  individuate  le  regioni  nel  cui  territorio   si   manifesti
un'incidenza settimanale dei contagi superiore a cinquanta casi  ogni
centomila abitanti e che si collocano in uno scenario almeno di  tipo
3 e con  un  livello  di  rischio  almeno  moderato,  secondo  quanto
stabilito dal  documento  di  ┬źPrevenzione  e  risposta  a  COVID-19;
evoluzione della strategia e pianificazione nella fase di transizione
per il periodo autunno invernale┬╗, condiviso dalla  Conferenza  delle
regioni e Province autonome di Trento  e  Bolzano  l'8  ottobre  2020
(allegato 25). 
  2. Con ordinanza  del  Ministro  della  salute  adottata  ai  sensi
dell'art. 1, comma 16-bis, quinto periodo, del  citato  decreto-legge
n. 33 del 2020, d'intesa con il Presidente della regione interessata,
in ragione  dell'andamento  del  rischio  epidemiologico  certificato
dalla Cabina di regia di cui al decreto del Ministro della salute  30
aprile 2020, puo' essere in ogni momento  prevista,  in  relazione  a
specifiche    parti    del    territorio    regionale,    l'esenzione
dell'applicazione delle misure di cui agli articoli da 40 a 48. 
  3. Il Ministro della  salute,  con  frequenza  almeno  settimanale,
secondo  il  procedimento  di  cui  all'art.  1,  comma  16-bis,  del
decreto-legge n. 33 del 2020, verifica il permanere  dei  presupposti
di cui ai commi 1 e 2 e provvede all'aggiornamento dell'ordinanza  di
cui al comma 1, fermo restando  che  la  permanenza  per  quattordici
giorni in un livello di rischio o scenario inferiore a quello che  ha
determinato le misure restrittive comporta la nuova  classificazione.
Le ordinanze di cui ai commi 1 e  2  sono  efficaci  per  un  periodo
minimo di quindici giorni, salvo che dai risultati  del  monitoraggio
risulti necessaria l'adozione di  misure  piu'  rigorose,  e  vengono
comunque meno allo scadere del termine di efficacia del  decreto  del
Presidente del Consiglio dei ministri sulla cui base  sono  adottate,
salva  la  possibilita'  di  reiterazione.  Conformemente  a   quanto
previsto dall'art. 1, comma 16-ter, del decreto-legge n. 33 del 2020,
l'accertamento della permanenza per quattordici giorni in un  livello
di rischio o scenario inferiore a quello che ha determinato le misure
restrittive, effettuato ai  sensi  dell'art.  1,  comma  16-bis,  del
decreto-legge n. 33 del 2020, come verificato dalla Cabina di  regia,
comporta l'applicazione, per  un  ulteriore  periodo  di  quattordici
giorni, delle misure relative allo scenario immediatamente inferiore,
salvo che la Cabina di regia ritenga congruo un periodo inferiore.