IL MINISTRO DEL TESORO
  Vista la legge 12 marzo 1968, n. 326, recante  provvidenze  per  la
razionalizzazione  e  lo  sviluppo  della  ricettivita' alberghiera e
turistica;
  Visto l'art.  109,  comma  2,  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica 24 luglio 1977, n. 616;
  Visto il proprio decreto in data 22 dicembre 1987, pubblicato nella
Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica italiana n. 31 dell'8 febbraio
1988 modificato dal decreto del 27 dicembre  1990,  pubblicato  nella
Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  italiana n. 29 del 4 febbraio
1991, concernente criteri e modalita' di determinazione del tasso  da
assumere come base per il calcolo del contributo in conto interessi a
carico  dello  Stato  e  delle  regioni  sulle  operazioni di credito
turistico-alberghiero;
  Visto il proprio decreto del 21  dicembre  1991  con  il  quale  la
maggiorazione  forfettaria,  da  riconoscere agli istituti di credito
per gli oneri relativi alle operazioni di credito agevolato  previste
dalle  leggi  citate  in  premessa e' stata fissata, per l'anno 1992,
nella misura dell'1,05 per cento;
  Visto il proprio decreto del 26  febbraio  1992,  pubblicato  nella
Gazzetta  Ufficiale della Repubblica italiana n. 52 del 3 marzo 1992,
con il quale il tasso di riferimento per  le  operazioni  di  credito
turistico-alberghiero   effettuate   dalle  casse  di  risparmio  con
provvista non riveniente dal collocamento di  titoli  obbligazionari,
per  il bimestre marzo-aprile 1992, e' stato determinato nella misura
del 13,55 per cento, di cui 1,05 per cento a titolo di  maggiorazione
forfettaria;
  Vista  la  lettera  con  la  quale  la Banca d'Italia ha fornito la
comunicazione  prevista  dal  citato  decreto  ministeriale  del   22
dicembre  1987  per la determinazione del tasso di riferimento per il
bimestre maggio-giugno 1992 relativo alle operazioni sopra indicate;
  Ritenuta valida la  predetta  comunicazione  e  dovendosi,  quindi,
provvedere in merito;
                              Decreta:
  Ai  sensi e per gli effetti dell'art. 14 della legge 12 marzo 1968,
n. 326, nonche' dell'art. 109, comma 2, del  decreto  del  Presidente
della  Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, il tasso di riferimento per
le operazioni di credito turistico-alberghiero effettuate dalle casse
di risparmio con provvista non riveniente dal collocamento di  titoli
obbligazionari,  per  il  bimestre maggio-giugno 1992, e' determinato
nella misura del 13,70 per cento annuo posticipato, di cui  1,05  per
cento a titolo di maggiorazione forfettaria.
  Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
   Roma, 29 aprile 1992
                                                   Il Ministro: CARLI