IL MINISTRO DEL LAVORO
                     E DELLA PREVIDENZA SOCIALE
  Viste le risultanze della ispezione ordinaria in data 30  settembre
1991  e  dei  successivi  accertamenti effettuati nei confronti della
societa'  cooperativa  agricola  "Assistenza  rurale  ACLI-C.A.R.   -
Societa'  cooperativa a responsabilita' limitata", con sede in Massa,
in liquidazione, dalle quali si rileva che  l'ente  predetto  non  ha
attivita' sufficienti per il pagamento dei debiti;
  Ritenuta  la necessita' di sottoporre la cooperativa in parola alla
procedura della liquidazione coatta amministrativa;
  Visti gli articoli 2540 del codice civile  e  194  e  seguenti  del
regio decreto 16 marzo 1942, n. 267;
  Vista la relazione del direttore generale della cooperazione;
  Tenuto   conto   delle  designazioni  effettuate  dall'associazione
nazionale di rappresentanza e tutela del  movimento  cooperativo  cui
l'ente  predetto aderisce, ai sensi dell'art. 9 della legge 17 luglio
1975, n. 400;
                              Decreta:
  La societa' cooperativa agricola "Assistenza rurale  ACLI-C.A.R.  -
Societa'  cooperativa a responsabilita' limitata", con sede in Massa,
in liquidazione, costituita per rogito notaio dott. La Rosa  Carmelo,
repertorio  n.  3501 in data 19 maggio 1982, e' posta in liquidazione
coatta amministrativa ai sensi e per gli effetti di cui agli articoli
2540 del codice civile e 194 e seguenti del regio  decreto  16  marzo
1942,  n.  267,  ed  il sig. rag. Giuseppe Brogi, residente in via P.
Nenni, 15, Castel S. Niccolo' (Arezzo), ne  e'  nominato  commissario
liquidatore.
  Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale delle
Rapubblica italiana.
   Roma, 22 aprile 1992
                                                  Il Ministro: MARINI