IL DIRETTORE DELL'AGENZIA

  Visto  il  decreto  legislativo  30 luglio 1999, n. 300, di riforma
dell'organizzazione  del Governo, a norma dell'art. 11 della legge 15
marzo 1997, n. 59;
  Visto lo statuto dell'Agenzia delle dogane, deliberato dal Comitato
direttivo  in  data  5  dicembre  2000, integrato con delibere del 14
dicembre 2000 e del 30 gennaio 2001;
  Visto  il  regolamento di amministrazione dell'Agenzia delle dogane
deliberato  dal  Comitato direttivo il 5 dicembre 2000 coordinato con
le  modifiche  approvate  nella  seduta  del Comitato direttivo del 7
maggio  2001,  ed in particolare l'art. 7, che definisce la struttura
organizzativa  e  le  attivita' degli uffici delle dogane e l'art. 9,
comma  2, il quale stabilisce che il direttore dell'Agenzia con uno o
piu'  atti interni assume i provvedimenti necessari per l'attivazione
delle  nuove unita' organizzative e per l'assegnazione delle relative
risorse;
  Visto  il decreto ministeriale n. 1390 del 28 dicembre 2000, che ha
reso  esecutive,  a decorrere dal 1° gennaio 2001, le agenzie fiscali
previste  dagli  articoli dal 62 al 65 del citato decreto legislativo
30 luglio 1999, n. 300;
  Vista  la  nota  prot.  35852  del  22  luglio 2004 della Direzione
regionale  per  la  Lombardia  relativa  alla proposta di istituzione
dell'ufficio delle dogane di Mantova;
  Ritenuta la necessita' di attivare i nuovi uffici delle dogane;
  Considerato,  infine,  che  al  riguardo  e'  stata preventivamente
attivata la informativa con le organizzazioni sindacali;

                             A d o t t a

                     la seguente determinazione:
                               Art. 1.
   Istituzione e attivazione dell'ufficio delle dogane di Mantova

  A far data dal 6 settembre 2004 viene istituito ed attivato, in via
sperimentale,  l'Ufficio  delle  dogane  di Mantova, dipendente dalla
Direzione regionale per la Lombardia.
  Viene   altresi'   istituita   e   attivata  la  sezione  operativa
territoriale di Frassino.
  Alla data di cui al comma 1 sono soppressi:
    la dogana di Mantova;
    la  ripartizione  di  Mantova  dell'ufficio tecnico di finanza di
Brescia;
    l'ufficio  finanziario  di fabbrica operante presso la raffineria
della societa' Italiana energia e servizi S.p.a. di Mantova.
  L'Ufficio   delle  dogane  di  Mantova  che  comprende  la  sezione
operativa  di  cui  al  comma  2,  ha  competenza  territoriale sulla
provincia  di  Mantova ed assume le competenze della soppressa dogana
di   Mantova  e,  relativamente  alla  provincia  di  Mantova,  della
circoscrizione  doganale di Brescia e dell'ufficio tecnico di finanza
di Brescia.
  La  sezione operativa territoriale di Frassino assume le competenze
del  soppresso  ufficio  finanziario  di  fabbrica operante presso la
raffineria  della  societa'  Italiana  energia  e  servizi  S.p.a. di
Mantova.
  La  circoscrizione  doganale  di  Brescia  e  l'ufficio  tecnico di
finanza  di  Brescia  mantengono  la  competenza  territoriale  sulle
province di Brescia e Cremona.
  Al   direttore   dell'Ufficio   delle  dogane  di  Mantova  vengono
attribuite  le  specifiche  competenze  del direttore della soppressa
dogana  di  Mantova  e,  relativamente alla provincia di Mantova, del
direttore  della  circoscrizione  doganale di Brescia e del direttore
dell'Ufficio tecnico di finanza di Brescia.
  A decorrere dalla data di cui al comma 1, l'Ufficio delle dogane di
Mantova e' strutturato, in conformita' a quanto previsto dall'art. 7,
comma 3, del regolamento di amministrazione ai fini dello svolgimento
delle  funzioni  assegnate, nelle aree di gestione dei tributi, delle
verifiche  dei controlli e delle attivita' antifrode, di gestione del
contenzioso  e  di  assistenza  e  informazione  agli  utenti e in un
ufficio  di  staff  per  le  attivita'  di programmazione e controllo
operativo,  affari generali gestione risorse e audit interno, analisi
dei rischi e audit di impresa.
  Il  responsabile  dell'area gestione dei tributi dell'Ufficio delle
dogane  di  Mantova  assume  le  competenze, in materia contabile, di
ricevitore  capo  ed  ha  alle  sue  dirette  dipendenze  il cassiere
dell'area  stessa ed il cassiere della sezione operativa territoriale
di cui al comma 2.
  Fino all'emanazione del regolamento di servizio del personale degli
uffici   delle   dogane   rimangono  in  vigore  le  disposizioni  di
regolamento  di servizio per il personale delle dogane, approvato con
regio  decreto  22 maggio  1941,  n.  1132, e quelle per il personale
delle  imposte di fabbricazione, approvato con decreto del Presidente
della Repubblica 10 gennaio 1962, n. 83, in quanto applicabili.
    Roma, 5 agosto 2004
                                                Il direttore: Guaiana