IL MINISTRO DELLA DIFESA
                             su proposta
                       DEL MINISTRO PER I BENI
                      E LE ATTIVITA' CULTURALI
                           di concerto con
                      IL MINISTRO DELL'INTERNO

  Visto  il  decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, concernente
l'istituzione  del  Ministero  per i beni e le attivita' culturali, a
norma dell'art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59;
  Vista  la  legge  21 dicembre  1999, n. 513, concernente interventi
straordinari  nel settore dei beni e delle attivita' culturali, e, in
particolare,   l'art. 3,  comma 1,  che  autorizza  il  potenziamento
organico  del  Comando  carabinieri  per  la  tutela  del  patrimonio
artistico (T.P.A.);
  Vista   la   legge  29 dicembre  2000,  n. 400,  recante  ulteriori
disposizioni   in  materia  di  beni  e  attivita'  culturali  e,  in
particolare,  l'art. 5, che definisce la consistenza del personale di
cui  alla  citata  legge  n. 513  del  1999  in soprannumero rispetto
all'organico dell'Arma dei carabinieri previsto dalle leggi vigenti;
  Visto  il  decreto  del  Presidente della Repubblica 6 luglio 2001,
n. 307,  concernente  il regolamento sull'organizzazione degli uffici
di  diretta  collaborazione  del  Ministro  per i beni e le attivita'
culturali e, in particolare, l'art. 8;
  Visto  il  decreto  del Presidente della Repubblica 10 giugno 2004,
n. 173,  recante il regolamento di organizzazione del Ministero per i
beni e le attivita' culturali;
  Visto  il  decreto  legislativo  22 gennaio 2004, n. 42, recante il
Codice  dei  beni  culturali  e  del paesaggio, ai sensi dell'art. 10
della legge 6 luglio 2002, n. 137;
  Visto   il  decreto  legislativo  24 marzo  2006,  n. 156,  recante
disposizioni  correttive  ed integrative al decreto legislativo n. 42
del 2004, in relazione ai beni culturali;
  Visto il decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 198, concernente il
riordino dei ruoli e la modifica delle norme di reclutamento, stato e
avanzamento del personale non direttivo e non dirigente dell'Arma dei
carabinieri, a norma dell'art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216;
  Vista la legge 31 marzo 2000, n. 78, recante: ┬źDelega al Governo in
materia  di  riordino  dell'Arma dei carabinieri, del Corpo forestale
dello  Stato,  del  Corpo della Guardia di finanza e della Polizia di
Stato.  Norme  in materia di coordinamento delle Forze di polizia┬╗ e,
in  particolare, l'art. 11, sulle attivita' specializzate delle Forze
di   polizia   diverse   dalla  Polizia  di  Stato  presso  le  varie
amministrazioni;
  Visto il decreto legislativo 5 ottobre 2000, n. 298, concernente il
riordino  del  reclutamento, dello stato giuridico e dell'avanzamento
degli  ufficiali dell'Arma dei carabinieri, a norma dell'art. 1 della
citata legge n. 78 del 2000;
  Visto  il decreto ministeriale 5 marzo 1992, istitutivo del Comando
carabinieri  per  la tutela del patrimonio artistico (T.P.A.), la cui
denominazione   e'   stata   successivamente  modificata  in  Comando
carabinieri  per  la  tutela  del  patrimonio  culturale  (T.P.C.), a
seguito  della  riorganizzazione  del  Ministero  per  i  beni  e  le
attivita' culturali, da cui lo stesso Comando dipende funzionalmente;
  Visti  i  decreti  interministeriali  in  data  4 novembre  1996  e
14 novembre   2000,   pubblicati,   rispettivamente,  nelle  Gazzette
Ufficiali  22  novembre  1996, n. 274 e 30 novembre 2000, n. 280, che
hanno  istituito  i  nuclei  periferici  del  Comando  in  argomento,
rispettivamente,   in  Milano  (Monza),  Venezia,  Bologna,  Firenze,
Napoli, Bari, Palermo e in Genova, Torino, Cosenza, Sassari;
  Visto  il  decreto interministeriale 8 marzo 2006, pubblicato nella
Gazzetta  Ufficiale  13 giugno  2006,  n. 135,  con il quale e' stato
istituito il Nucleo carabinieri T.P.C. di Ancona e stabilita la nuova
dotazione  complessiva  di  personale  del Comando carabinieri per la
tutela del patrimonio culturale;
  Visto  il  decreto-legge  18 maggio  2006,  n. 181, convertito, con
modificazioni,   dalla   legge   17 luglio   2006,   n. 233,  recante
disposizioni  urgenti in materia di riordino delle attribuzioni della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri;
  Visto  il  decreto-legge  3 ottobre  2006,  n. 262, convertito, con
modificazioni,   dalla   legge   24 novembre  2006,  n. 286,  recante
disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria;
  Considerato  che l'attivita' di prevenzione e repressione attinente
alla  tutela e alla salvaguardia del patrimonio culturale, nonche' al
recupero  dei  beni culturali e del materiale scientifico e didattico
relativo ai beni stessi, e' svolta su tutto il territorio nazionale e
che,  al  fine di rendere piu' efficace l'azione di salvaguardia e di
recupero  dei beni culturali, si rende necessario istituire una nuova
Sezione  distaccata  con sede a Siracusa, alle dirette dipendenze del
Nucleo carabinieri T.P.C. di Palermo;
  Vista  la  nota  n. 117222  in  data 30 novembre 2006 della Regione
Siciliana,  concernente  il  formale  assenso  all'istituzione  della
Sezione  carabinieri  T.P.C. di Siracusa, con l'impegno ad assumere i
relativi  oneri  a  proprio carico, in analogia a quanto gia' in atto
per il Nucleo carabinieri T.P.C. di Palermo;
  Ritenuto altresi' necessario, di conseguenza, ridefinire l'organico
complessivo  del  Comando  carabinieri  per  la tutela del patrimonio
culturale;

                              Decreta:

                               Art. 1.

  1.  E' istituita la Sezione carabinieri tutela patrimonio culturale
(T.P.C.)  di  Siracusa,  con  competenza  areale  sulle  province  di
Siracusa,  Ragusa,  Catania  e  Messina.  Essa  opera alle dipendenze
gerarchiche,  disciplinari  e d'impiego del Nucleo carabinieri per la
tutela   del   patrimonio   culturale  (T.P.C.)  di  Palermo.  Quando
necessario,  nell'ambito delle direttive del Ministro per i beni e le
attivita'  culturali,  la  Sezione  carabinieri  T.P.C.  di  Siracusa
procede  anche  a dirette intese con gli organi centrali e periferici
del Ministero per i beni e le attivita' culturali.