IL PRESIDENTE 
                     DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
 
  Vista la convenzione sulle  esposizioni  internazionali  firmata  a
Parigi il 22 novembre 1928, resa esecutiva con regio decreto-legge 13
gennaio 1931, n. 24, convertito nella legge 9 aprile 1931, n. 893,  e
successive modificazioni, in  particolare  apportate  dal  protocollo
firmato a Parigi il 10 maggio  1948,  reso  esecutivo  con  legge  13
giugno 1952, n. 687, dal protocollo  del  16  novembre  1966  ed  dal
protocollo firmato a Parigi il 30 novembre 1972, reso  esecutivo  con
legge 3 giugno 1978, n. 314; 
  Visto, in particolare, gli articoli 12 e 13 della convenzione; 
  Visto l'articolo 14 del  decreto-legge  25  giugno  2008,  n.  112,
convertito, con modificazioni, con legge 6 agosto 2008, n. 133, cosi'
come modificato dall'articolo 5 del decreto-legge 26 aprile 2013,  n.
43; 
  Visto l'articolo 5 del decreto-legge 26 aprile 2013, n. 43, recante
┬źDisposizioni volte ad accelerare la realizzazione di Expo 2015┬╗; 
  Visto in particolare il comma 1, lettera a),  dell'articolo  5  del
predetto decreto-legge n. 43 del 2013; 
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri  22
ottobre 2008 e successive modificazioni ed integrazioni; 
  Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 agosto
2012 recante la nomina del Commissario generale  di  sezione  per  il
Padiglione Italia, ai sensi dell'articolo 13 della convenzione  sulle
esposizioni universali del 1928; 
  Visto il decreto  del  Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri  9
ottobre 2012 recante la costituzione di una struttura di supporto del
Commissario generale di sezione per il Padiglione Italia; 
  Sentito il Presidente della regione Lombardia; 
  Sentito il Presidente della provincia di Milano; 
  Sentito il Sindaco della citta' di Milano; 
  Ritenuto necessario sostituire il citato decreto del Presidente del
Consiglio dei Ministri 22 ottobre 2008 allo scopo  di  procedere,  in
attuazione dell'articolo 5 del decreto-legge 26 aprile 2013,  n.  43,
ad  una  riorganizzazione  degli  organismi  per  la  gestione  delle
attivita' connesse allo svolgimento del  grande  evento  EXPO  Milano
2015 e per  semplificare  le  procedure  ed  i  processi  volti  alla
infrastrutturazione e all'allestimento del sito  espositivo  di  Expo
Milano 2015, delle  opere  connesse  e  degli  interventi  funzionali
all'Evento inseriti  nelle  programmazioni  comunali,  provinciali  e
regionali; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
 
                       Oggetto dell'intervento 
 
  1. Al fine di assicurare la tempestiva predisposizione delle  opere
necessarie  per  la  realizzazione  dell'EXPO  Milano  2015   e   per
l'adempimento delle obbligazioni internazionali assunte  dal  Governo
della Repubblica italiana nei confronti del Bureau International  des
Expositions (di seguito,  BIE)  secondo  il  dossier  di  candidatura
predisposto dal Comitato promotore, sono ridefiniti gli  organi  e  i
soggetti di cui agli articoli 2 e seguenti del presente  decreto  con
le relative competenze. 
  2. Gli organi e i soggetti di cui al presente decreto, istituiti ai
sensi dell'articolo 14, comma 2, decreto-legge  25  giugno  2008,  n.
112, hanno  l'esclusivo  compito  di  porre  in  essere,  secondo  le
rispettive  competenze  di  seguito   specificate,   gli   interventi
necessari per la realizzazione dell'EXPO Milano 2015. 
  3. Gli interventi di cui al comma 2 consistono nelle opere  di  cui
agli allegati 1 e 2 al presente decreto, nonche' nelle  attivita'  di
organizzazione e di gestione dell'evento, secondo quanto previsto nel
dossier di candidatura e successive modifiche, approvato dal BIE.