IL DIRETTORE GENERALE 
 
  Visto il decreto del Ministro della salute  dell'8  novembre  2011,
registrato dall'Ufficio centrale  del  bilancio  al  registro  Ā«Visti
sempliciĀ», foglio n. 1282, in data 14 novembre 2011, con cui e' stato
nominato Direttore generale  dell'Agenzia  italiana  del  farmaco  il
Prof. Luca Pani, a decorrere dal 16 novembre 2011; 
  Visto il decreto del  Ministro  della  salute  di  concerto  con  i
Ministri della funzione pubblica e dell'economia e finanze in data 20
settembre  2004,  n.245  recante  norme  sull'organizzazione  ed   il
funzionamento dell'Agenzia italiana del farmaco, a norma del comma 13
dell'art. 48 sopra citato come  modificato  dal  decreto  n.  53  del
Ministro della salute, di concerto con i  Ministri  per  la  pubblica
amministrazione e la semplificazione e dell'economia e delle  finanze
del 29 marzo 2012; 
  Visto il parere della Commissione tecnica scientifica nella  seduta
del 3-4 luglio 2013, che ritiene possibile  aggiungere  il  nefrologo
tra gli specialisti prescrittori del medicinale PROLIA (denosumab); 
  Vista la determinazione n. 580 del 9  giugno  2014,  relativa  alla
modifica del regime di fornitura del medicinale per uso umano  PROLIA
(denosumab), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 16 giugno  2014,
Serie generale n. 137; 
  Visto il parere della Commissione tecnica scientifica nella  seduta
del 21 ottobre 2014, che, prendendo atto delle richieste della ditta,
stabilisce la modificazione del regime di fornitura da RNRL a RRL con
i medesimi specialisti gia' individuati; 
 
                             Determina: 
 
                               Art. 1 
 
 
                    Modifica regime di fornitura 
 
  Alla  specialita'  medicinale  PROLIA  (denosumab)  si  applica  il
seguente regime di  fornitura:  Medicinale  soggetto  a  prescrizione
medica limitativa, vendibile al pubblico su prescrizione  di'  centri
ospedalieri o di specialisti - internista,  ortopedico,  reumatologo,
fisiatra, eriatra, endocrinologo, ginecologo, nefrologo (RRL). 
  Restano invariate le altre condizioni negoziali.