IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA 
 
  Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,  e  successive
modificazioni; 
  Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante ┬źNorme in  materia
di  organizzazione  delle  universita',  di  personale  accademico  e
reclutamento, nonche' delega al Governo per incentivare la qualita' e
l'efficienza del sistema universitario┬╗; 
  Visto in particolare l'art. 18, comma 1, lettera b), della legge 30
dicembre 2010, n. 240, ai sensi del  quale  ai  procedimenti  per  la
chiamata  di  professori  di  prima  e  di  seconda  fascia   possono
partecipare altresi' gli studiosi stabilmente impegnati all'estero in
attivita' di  ricerca  o  insegnamento  a  livello  universitario  in
posizioni di livello pari a quelle oggetto del bando, sulla  base  di
tabelle di corrispondenza, aggiornate ogni  tre  anni,  definite  dal
Ministro, sentito il C.U.N.; 
  Vista la legge 9 maggio 1989, n. 168, concernente l'istituzione del
Ministero dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica; 
  Visto l'art. 5, comma 9, della legge 24 dicembre 1993, n. 537; 
  Visto l'art. 17, comma 125, della legge 15 maggio 1997, n.  127,  e
successive modificazioni ed integrazioni; 
  Visto l'art. 1, comma 9, della legge 4 novembre  2005,  n.  230,  e
successive modifiche e integrazioni; 
  Visto il decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n.  270,  pubblicato
nella Gazzetta Ufficiale 12 novembre 2004, n. 266; 
  Visti i pareri generali espressi dal C.U.N.  nell'adunanza  del  16
dicembre 2015 (prot. n. 511 del 12 gennaio 2016) e nell'adunanza  del
14 gennaio 2016 (prot. n. 1479 del  21  gennaio  2016)  relativamente
all'aggiornamento della tabella di corrispondenza di cui all'art. 18,
comma  1,  lettera  b)  della  legge  30  dicembre  2010,  n.  240  e
all'applicazione di quanto previsto all'art. 24, comma 3, lettera  b)
della stessa legge n. 240 e di quanto disposto  all'art.  1  comma  9
della legge 4 novembre 2005, n. 230 e  successive  modificazioni  (da
ultimo all'art. 29, comma 7 della legge n. 240/2010); 
  Viste le note del C.U.N. del 16 e del 21 giugno 2016; 
  Ritenuta l'opportunita' di  recepire  le  indicazione  fornite  dal
C.U.N. con i citati pareri; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
    
  1. Al fine di garantire la piena applicazione  di  quanto  previsto
all'art. 18, comma 1, lettera b), e all'art. 24, comma 3, lettera b),
della legge 30 dicembre 2010, n.  240,  nonche'  di  quanto  disposto
dall'art. 1, comma  9,  della  legge  4  novembre  2005,  n.  230,  e
successive   modifiche   e   integrazioni,   sono   determinate    le
corrispondenze di cui alla tabella  allegata  che  costituisce  parte
integrante del presente decreto.