IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, 
                  DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA 
 
  Vista la legge 14 novembre 2000, n. 338 e successive  modificazioni
ed integrazioni - disposizioni in materia di alloggi e residenze  per
studenti universitari - e in particolare la normativa sulle procedure
e sugli stanziamenti relativi; 
  Vista la legge 23 dicembre 2000, n. 388, art. 144, comma 18; 
  Visto l'art. 17 della legge 16 gennaio 2003, n.  3,  con  il  quale
viene affidata alla Cassa  depositi  e  prestiti  la  gestione  delle
risorse destinate  agli  interventi  di  cui  alla  citata  legge  n.
338/2000; 
  Visto il decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269,  convertito,  con
modificazioni, dalla legge  24  novembre  2003,  n.  326,  il  quale,
all'art. 5, commi 1  e  3,  dispone  la  trasformazione  della  Cassa
depositi e prestiti in societa' per azioni (di seguito CDP S.p.a.); 
  Visto il decreto ministeriale 9 maggio 2001, n. 117, con  il  quale
e' stata istituita la ┬źCommissione paritetica alloggi e residenze per
studenti universitari┬╗ di cui all'art. 1,  comma  5  della  legge  n.
338/2000 (di seguito Commissione); 
  Visto il decreto ministeriale 21 luglio 2015, n. 504, con il  quale
e' stata da ultimo rinnovata la richiamata commissione che ha operato
in prorogatio fino al 4 settembre 2018; 
  Considerato che e'  in  corso  di  perfezionamento  l'iter  per  il
rinnovo della richiamata commissione; 
  Tenuto conto che, in applicazione dell'art. 1, comma 5 della  legge
n. 338/2000, la spesa  per  il  funzionamento  della  commissione  e'
determinata per un importo massimo non superiore all'1% dei  medesimi
fondi di cui all'art. 1 della legge n. 338/2000 e che di  tali  spese
si deve tenere conto nella predisposizione del presente piano; 
  Vista la legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilita' per il
2016),  che  in  tabella  C  ha  previsto  lo   stanziamento   di   €
18.052.000,00 per l'E.F. 2016 per le esigenze di cui  alla  legge  n.
338/2000; 
  Visto il decreto ministeriale 29 novembre 2016, n. 937  (registrato
alla Corte dei conti il 29 dicembre 2016, reg. 4620),  con  il  quale
sono state disciplinate procedure e modalita'  per  la  presentazione
dei progetti e  per  l'erogazione  dei  finanziamenti  relativi  agli
interventi per alloggi e residenze universitarie, nonche' la relativa
copertura finanziaria, relativamente al IV bando - legge n. 338/2000; 
  Visto il D.D. 11 gennaio  2017,  n.  26,  con  il  quale  e'  stato
adottato  il  modello  informatizzato  per  la   formulazione   delle
richieste di cofinanziamento per gli interventi relativi agli alloggi
e residenze per studenti universitari di cui al  citato  IV  bando  -
legge n. 338/2000; 
  Tenuto conto in  particolare  dell'art.  3,  comma  1  del  decreto
ministeriale  n.  937/2016,  con  il  quale  sono  state  fissate  le
tipologie di interventi ammissibili al cofinanziamento  statale,  tra
le quali la tipologia di cui al punto A2) relativa agli interventi di
efficientamento   e/o   miglioramento   energetico    di    strutture
universitarie; 
  Visto l'art. 7, comma 5 del citato decreto ministeriale n. 937/2016
(IV bando - legge n. 338/2000) che, ai fini della realizzazione degli
interventi per alloggi e residenze per studenti universitari  di  cui
all'art. 3, comma 1, lettera A2) del medesimo decreto,  ha  destinato
complessivamente fino ad un massimo di 15.000.000,00 di euro a valere
sul richiamato stanziamento di € 18.052.000,00 relativo all'E.F. 2016
di cui alla legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di  stabilita'  per
il 2016) - tabella C, specificando altresi' che le somme di cui sopra
eventualmente residuate dal presente piano in  quanto  non  risultate
necessarie alla copertura degli interventi di cui all'art.  3,  comma
1, lettera A2) ammessi al cofinanziamento, devono essere destinate al
cofinanziamento  delle  altre  tipologie   di   intervento   previste
dall'art. 3, comma 1 del decreto ministeriale n. 937/2016 nell'ambito
del secondo piano triennale; 
  Considerato  che  l'anzidetto  stanziamento  di   €   18.052.000,00
iscritto in bilancio  per  l'E.F.  2016  in  favore  della  legge  n.
338/2000 sul capitolo 7273 dello stato di previsione della spesa  del
Ministero  dell'istruzione  dell'universita'  e  della  ricerca   (di
seguito  MIUR)  e'  stato  impegnato  per  le  finalita'  di  cui  al
richiamato IV bando - legge n. 338/2000 con decreto  dirigenziale  di
impegno n. 3325/2016, con il quale € 25.000,00 sono  stati  impegnati
per spese commissione di cui all'art. 5 della legge n. 338/2000 ed  i
restanti € 18.027.000,00 per la realizzazione  degli  interventi  per
alloggi e residenze per  studenti  universitari  di  cui  al  decreto
ministeriale n. 937/2016 (IV bando - legge n. 338/2000); 
  Tenuto conto che, in osservanza dell'art. 17 della legge 16 gennaio
2003, n.  3,  il  MIUR  ha  stipulato  in  data  30  giugno  2005  la
convenzione   con   la   CDP   S.p.a.    (approvata    con    decreto
interministeriale MIUR/MEF del 27  settembre  2005,  registrato  alla
Corte dei conti il 17 novembre 2005, registro n. 5, foglio  367)  per
l'affidamento alla stessa della gestione  dei  fondi  destinati  alla
realizzazione di alloggi e residenze per studenti universitari di cui
alla  legge  n.  338/2000,  ivi   stabilendo   una   commissione   da
corrispondere a CDP S.p.a. per  tale  attivita'  nella  misura  dello
0,45% dell'erogato (oltre IVA se dovuta) per le attivita' di cui alle
lettere b), c), d), comma 2, dell'art. 4 della convenzione  stessa  e
dello 0,59% (oltre IVA se dovuta) dei fondi stanziati (al netto delle
spese di funzionamento della commissione), per le  attivita'  di  cui
alle lettere a) ed e), comma 2 dell'art. 4 della convenzione stessa; 
  Tenuto  conto  che,  a  fronte  della  necessita'  di  disciplinare
l'attivita' di gestione delle  nuove  risorse  finanziarie  destinate
agli interventi di cui al decreto ministeriale n. 937/2016 (IV  bando
- legge n. 338/2000), e' in corso di sottoscrizione tra il MIUR e  la
CDP S.p.a. apposito atto aggiuntivo alla citata convenzione tipo  del
30 giugno 2005, con  il  quale  verra'  confermata  la  misura  della
commissione spettante a CDP S.p.a.  nel  senso  gia'  indicato  nella
convenzione tipo; 
  Tenuto conto che con riferimento alle attivita' di cui alle lettere
b), c), d), comma 2 dell'art. 4 della convenzione citata (coperte con
lo 0,45% dei fondi erogati), CDP S.p.a. emette fatture per i compensi
dovuti, esenti da IVA, ex art. 10 del decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 633/1972 e successive modificazioni ed integrazioni; 
  Tenuto conto che con riferimento alle attivita' di cui alle lettere
a) ed e), comma 2 dell'art. 4 della convenzione citata  (coperte  con
lo 0,59% dei fondi stanziati), sono emesse  fatture  per  i  compensi
dovuti oltre IVA; 
  Tenuto conto, pertanto, della necessita' di accantonare, oltre allo
0,59% di cui sopra, anche le somme che saranno necessarie per coprire
l'IVA eventualmente dovuta; 
  Considerato che potrebbero essere in previsione manovre  economiche
volte ad aumentare l'attuale aliquota IVA (22%) fino al  23%  e  che,
pertanto, in via del tutto cautelativa, appare opportuno accantonare,
oltre al richiamato 0,59%, anche un ulteriore  0,14%,  che  unito  ai
citati 0,45% e 0,59%  porta  ad  un  accantonamento  complessivo  per
eventuali compensi CDP S.p.a. pari all'1,18%; 
  Considerato che degli accantonamenti per compensi da  corrispondere
a CDP S.p.a. sulle nuove risorse stanziate (al netto delle  spese  di
funzionamento della commissione) per il IV bando di cui alla legge n.
338/2000, deve sin d'ora  tenersi  conto  nella  predisposizione  del
presente piano nella misura sopra indicata e  convenuta  con  la  CDP
S.p.a. con la citata convenzione tipo del 30 giugno 2005; 
  Vista  la  graduatoria   definitiva   degli   interventi   ritenuti
ammissibili al cofinanziamento statale con riguardo  agli  interventi
di cui all'art. 3, comma 1, lettera A2) del decreto  ministeriale  n.
937/2016 (IV bando - legge n. 338/2000), riportata all'allegato A che
costituisce  parte  integrante  del  presente  decreto,  nonche'   la
proposta di piano triennale, entrambe approvate, ai  sensi  dell'art.
6, comma 2 e art. 7, comma 8 del decreto  ministeriale  n.  937/2016,
dalla commissione nella seduta dell'8 novembre  2017,  riportando  un
importo di cofinanziamento ministeriale di € 5.664.307,00; 
  Considerato che la citata proposta  di  piano  triennale  approvata
dalla commissione contiene l'elenco  dei  progetti  di  tipologia  A2
ammessi al cofinanziamento con quota parte dell'esercizio finanziario
2016; 
  Tenuto conto che nell'ambito della suddetta proposta  di  piano  la
commissione ha ritenuto  ammissibili  al  cofinanziamento  tutti  gli
interventi per i  quali  e'  stata  presentata  relativa  domanda  di
cofinanziamento; 
  Tenuto conto, pertanto, della  seguente  tabella  riepilogativa  di
tutte le risorse destinate alla realizzazione  degli  interventi  per
alloggi e residenze per studenti universitari  relativi  all'art.  3,
comma 1, lettera A2) del decreto ministeriale n. 937/2016 (IV bando -
legge n. 338/2000) di cui al presente piano: 
 
              Parte di provvedimento in formato grafico
 
  Visto il comma 8 dell'art. 7 del decreto ministeriale n.  937/2016,
in  base  al  quale  si  prevede  che  il  Ministro   dell'istruzione
dell'universita' e della ricerca, sulla base della proposta formulata
dalla commissione, con proprio decreto, adotta i piani triennali  che
individuano  gli  interventi  ammessi  al   cofinanziamento   e,   in
particolare, per  cio'  che  qui  rileva,  il  primo  piano  per  gli
interventi di cui all'art. 3, comma 1, lettera A2) del IV bando; 
  Visto l'art. 7, comma 6 del decreto ministeriale n. 937/2016  nella
parte in cui dispone che il  medesimo  comma  6  non  si  applica  al
presente piano; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
 
                              Premesse 
 
  1. Le premesse formano parte integrante e sostanziale del  presente
atto.