IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 
 
  Vista la legge 30 dicembre 1986, n. 936, e successive modificazioni
ed integrazioni, recante norme sul Consiglio nazionale  dell'economia
e del lavoro (CNEL); 
  Visto, in particolare, l'art. 2 della legge n. 936  del  1986,  che
prevede  la  ripartizione  dei   quarantotto   rappresentanti   delle
categorie  produttive  in  ventidue  rappresentanti  dei   lavoratori
dipendenti, di cui tre  in  rappresentanza  dei  dirigenti  e  quadri
pubblici e privati, nove rappresentanti  dei  lavoratori  autonomi  e
delle professioni e diciassette rappresentanti delle imprese; 
  Visto, altresi', l'art. 7, comma 4, della legge n.  936  del  1986,
secondo il quale, in caso di decesso, dimissioni, decadenza o  revoca
di un membro rappresentante delle categorie produttive, la nomina del
successore e' effettuata entro trenta giorni dalla comunicazione  del
presidente del CNEL all'organizzazione od organo designante, cui  era
stato attribuito il rappresentante da  surrogare,  sulla  base  della
designazione da parte della stessa organizzazione od organo e con  le
modalita' di cui all'art. 4 della stessa legge; 
  Visto il proprio decreto in data 23 marzo 2018, con il  quale  sono
chiamati a far parte del CNEL, per un quinquennio,  i  rappresentanti
delle  categorie  produttive,  e,  in  particolare,  il  dott.  Carlo
Capoccioni, su designazione dell'Associazione bancaria italiana; 
  Vista la nota prot. n. 249 in data 6 febbraio 2019, con la quale il
presidente del CNEL ha  comunicato  le  dimissioni  del  dott.  Carlo
Capoccioni da consigliere del CNEL; 
  Vista la nota prot. n. 302 in data 21 febbraio 2019, con  la  quale
il presidente dell'Associazione bancaria italiana  ha  comunicato  la
designazione del prof. Giuseppe Ghisolfi in  sostituzione  del  dott.
Carlo Capoccioni; 
  Considerato che si rende necessario procedere alla sostituzione del
suddetto consigliere e che, ai sensi  dell'art.  7,  comma  5,  della
legge n. 936 del 1986, la nomina del nuovo consigliere avviene per un
tempo pari a quello per cui sarebbe rimasto in carica il  consigliere
sostituito; 
  Vista la deliberazione del Consiglio dei  ministri  adottata  nella
riunione del 7 marzo 2019; 
  Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
  Il prof. Giuseppe Ghisolfi e'  nominato  componente  del  Consiglio
nazionale  dell'economia  e  del  lavoro,  in  rappresentanza   della
categoria Ā«impreseĀ», in  sostituzione  del  dott.  Carlo  Capoccioni,
dimissionario. 
  Il presente decreto sara' trasmesso alla Corte  dei  conti  per  la
registrazione. 
 
    Dato a Roma, addi' 12 marzo 2019 
 
                             MATTARELLA 
 
                                Conte, Presidente del  Consiglio  dei
                                ministri 

Registrato alla Corte dei conti il 25 marzo 2019 
Ufficio controllo atti  P.C.M.  Ministeri  della  giustizia  e  degli
affari esteri e della cooperazione internazionale,  reg.ne  succ.  n.
644