IL MINISTRO DELL'ECONOMIA 
                           E DELLE FINANZE 
 
  Visto il decreto-legge 23 ottobre 2018,  n.  119,  convertito,  con
modificazioni,  dalla  legge  17  dicembre   2018,   n.136,   recante
┬źdisposizioni urgenti in materia fiscale e finanziaria┬╗; 
  Visto, in particolare, l'art. 20-quater, del  citato  decreto-legge
23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni,  dalla  legge
17 gennaio 2018, n. 136,  con  il  quale,  considerata  l'eccezionale
turbolenza nei mercati finanziari, e' stato  consentito  ai  soggetti
che non adottano i principi contabili internazionali  di  valutare  i
titoli non destinati a permanere durevolmente nel loro patrimonio  in
base al loro valore di iscrizione cosi' come  risultante  dall'ultimo
bilancio annuale regolarmente approvato anziche' al valore desumibile
dall'andamento  del  mercato,  fatta  eccezione  per  le  perdite  di
carattere durevole e che tale  misura,  in  relazione  all'evoluzione
della situazione di turbolenza dei mercati  finanziari,  puo'  essere
estesa  agli   esercizi   successivi   con   decreto   del   Ministro
dell'economia e delle finanze; 
  Considerato che il  citato  articolo  20-quater  prevede  che  tale
misura, in relazione all'evoluzione della  situazione  di  turbolenza
dei mercati  finanziari,  possa  essere  reiterata  con  decreto  del
Ministro dell'economia e delle finanze; 
  Ritenuto opportuno estendere tali misure anche a tutto  l'esercizio
2019, considerato il permanere di una situazione di  volatilita'  dei
corsi e quindi di turbolenza dei mercati finanziari; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
  1. Le disposizioni di cui all'art. 20-quater, del decreto-legge  23
ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla  legge  17
dicembre 2018, n. 136, si applicano anche per tutto l'esercizio 2019. 
  Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana. 
 
    Roma, 15 luglio 2019 
 
                                                    Il Ministro: Tria