IL MINISTRO 
                   PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 
 
  Vista  la  legge  23  agosto  1988,  n.  400,  recante  «Disciplina
dell'attivita'  di  governo  e  ordinamento  della   Presidenza   del
Consiglio dei ministri»; 
  Vista la legge 14 gennaio 1994, n.  20,  recante  «Disposizioni  in
materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti»; 
  Visto il decreto  legislativo  12  maggio  1995,  n.  195,  recante
«Attuazione dell'art. 2 della legge 6 marzo 1992, n. 216, in  materia
di procedure per disciplinare i contenuti del rapporto di impiego del
personale delle Forze di polizia e delle Forze armate»; 
  Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante  «Norme
generali  sull'ordinamento   del   lavoro   alle   dipendenze   delle
amministrazioni pubbliche.»; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica 18 giugno 2002, n.
164, recante «Recepimento dell'accordo  sindacale  per  le  Forze  di
polizia ad ordinamento civile e dello schema di concertazione per  le
Forze di polizia ad  ordinamento  militare  relativi  al  quadriennio
normativo 2002-2005 ed al biennio economico 2002-2003»; 
  Visto il  decreto  legislativo  29  maggio  2017,  n.  95,  recante
«Disposizioni in materia  di  revisione  dei  ruoli  delle  Forze  di
polizia, ai sensi dell'art. 8, comma 1, lettera  a),  della  legge  7
agosto  2015,  n.  124,  in   materia   di   riorganizzazione   delle
amministrazioni pubbliche» e, in particolare, l'art. 46  nella  parte
in cui prevede per i dirigenti delle Forze di polizia ad  ordinamento
civile l'istituzione di un'area  negoziale,  limitata  agli  istituti
normativi  in  materia  di  rapporto  di  lavoro  e  ai   trattamenti
accessori; 
  Visto in particolare, il comma 4 del richiamato art. 46 del decreto
legislativo n. 95 del 2017, che rinvia ad un decreto del Ministro per
la  semplificazione  e  la  pubblica  amministrazione  le   modalita'
attuative di quanto previsto dai commi 2 e 3 dello stesso articolo; 
  Visto il comma 7 del medesimo art. 46 del decreto legislativo n. 95
del 2017, che prevede che fino  all'adozione  del  primo  decreto  di
recepimento delle procedure negoziali di cui al comma 1, al personale
dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento  civile  e  a  quello
delle Forze di polizia ad ordinamento militare e delle  Forze  armate
continuano ad applicarsi le disposizioni vigenti; 
  Visto che lo stesso decreto legislativo n. 95 del 2017 ha previsto,
con decorrenza 1° gennaio 2018, una nuova disciplina per il personale
dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, con l'accesso
alla  dirigenza  anche  dei  vice  questori  aggiunti  e   qualifiche
corrispondenti della Polizia di Stato e dei  commissari  coordinatori
penitenziari del Corpo  di  polizia  penitenziaria,  nonche'  con  la
contestuale  istituzione  di  un'area  negoziale  per   il   medesimo
personale dirigente; 
  Visto l'art. 1, comma 680, della legge 27 dicembre  2017,  n.  205,
che destina, per l'anno 2018, per l'anno 2019 e a decorrere dall'anno
2020, una parte dello stanziamento  ivi  previsto,  da  definire  con
decreto del Presidente del Consiglio dei ministri,  per  l'attuazione
dell'art. 46 del decreto legislativo n. 95 del 2017; 
  Visto il decreto del Ministro per la semplificazione e la  pubblica
amministrazione del 2 marzo 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
del 22 maggio 2018, n. 117  recante  «Modalita'  attuative  dell'area
negoziale dei dirigenti delle Forze di polizia ad ordinamento civile,
ai sensi dell'art. 46, comma 4, del  decreto  legislativo  29  maggio
2017, n. 95.»; 
  Visto il decreto del Ministro per la pubblica  amministrazione  del
12 dicembre 2018 recante «Individuazione della delegazione  sindacale
che  partecipa  alle  trattative  per  la  definizione   dell'accordo
sindacale,  per  il  triennio  2018/2020,  riguardante  il  personale
dirigente delle Forze di polizia ad ordinamento  civile  (Polizia  di
Stato e Corpo della polizia penitenziaria)»; 
  Ritenuto  opportuno   garantire   l'esercizio   delle   prerogative
sindacali alle organizzazioni sindacali del personale dirigente della
Polizia di Stato e  del  Corpo  di  polizia  penitenziaria  risultate
rappresentative ai sensi del decreto del  Ministro  per  la  pubblica
amministrazione del 12 dicembre 2018 fino all'adozione del decreto di
recepimento dell'accordo sindacale di cui all'art. 46, comma  3,  del
decreto legislativo n. 97 del 2017; 
  Visto il decreto del Presidente della Repubblica  31  maggio  2018,
con il quale l'on. sen.  avv.  Giulia  Bongiorno  e'  stata  nominata
Ministro senza portafoglio; 
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  1°
giugno 2018, con il quale l'on. sen. avv. Giulia Bongiorno,  Ministro
senza portafoglio, e' stato  conferito  l'incarico  per  la  pubblica
amministrazione; 
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  27
giugno 2018, con il quale il Ministro per la pubblica amministrazione
e' stato delegato, ai sensi dell'art. 1,  comma  1,  lettera  a),  ad
esercitare le funzioni in materia di «lavoro pubblico, organizzazione
delle pubbliche amministrazioni e sistemi di  gestione  orientati  ai
risultati»; 
  Sentiti i Ministri dell'interno, della giustizia,  dell'economia  e
delle finanze e della difesa; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
  1. All'art. 7, comma 1, lettera c) del decreto del Ministro per  la
semplificazione e la  pubblica  amministrazione  del  2  marzo  2018,
recante «Modalita' attuative dell'area negoziale dei dirigenti  delle
Forze di polizia ad ordinamento civile, ai sensi dell'art. 46,  comma
4, del decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 95.»,  le  parole  «per
l'anno 2018» sono sostituite dalle seguenti «fino all'emanazione  del
decreto del Presidente della  Repubblica  di  recepimento  del  primo
accordo  sindacale  di  cui  all'art.  46,  comma  3,   del   decreto
legislativo 29 maggio 2017, n. 95». 
  Il presente decreto e' inviato ai competenti organi di controllo  e
sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. 
 
    Roma, 13 agosto 2019 
 
                                               Il Ministro: Bongiorno 

Registrato alla Corte dei conti il 13 settembre 2019 
Ufficio controllo atti  P.C.M.  Ministero  della  giustizia  e  degli
affari esteri  e  della  cooperazione  internazionale,  reg.ne  succ.
n.1825