IL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
                 nella riunione del 6 novembre 2020 
 
  Visto il decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 14  novembre  2019
con la  quale  e'  stato  dichiarato,  per  12  mesi  dalla  data  di
deliberazione, lo stato di emergenza nel  territorio  del  Comune  di
Venezia interessato dagli eventi meteorologici verificatisi a partire
dal giorno 12 novembre 2019 e con la quale sono stati stanziati  euro
20.000.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze  nazionali  di  cui
all'art. 44, comma 1, del decreto legislativo n. 1 del 2018; 
  Considerato che la dichiarazione dello stato di emergenza e'  stata
adottata per fronteggiare situazioni che per intensita' ed estensione
richiedono l'utilizzo di mezzi e poteri straordinari; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 13  febbraio  2020
che ha previsto un ulteriore stanziamento per la realizzazione  degli
interventi nel territorio del Comune  di  Venezia  interessato  dagli
eventi meteorologici verificatisi a partire dal  giorno  12  novembre
2019, pari euro 84.047.295,59, a valere sul Fondo  per  le  emergenze
nazionali di cui al citato art. 44, comma 1, del decreto  legislativo
n. 1 del 2018; 
  Vista l'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile
del 16  novembre  2019  n.  616  recante:  ┬źDisposizioni  urgenti  di
protezione   civile   in   conseguenza   degli   eccezionali   eventi
meteorologici verificatisi a partire dal giorno 12 novembre 2019  nel
territorio del Comune di Venezia┬╗; 
  Visto, in particolare, l'art. 1, comma 1, della citata ordinanza n.
616 del 2019 che nomina  il  sindaco  di  Venezia  quale  Commissario
delegato  per  il  superamento  all'emergenza,  il  quale,  ai  sensi
dell'art. 25, comma 7, del suddetto  decreto  legislativo  n.  1  del
2018, opera in regime straordinario fino alla scadenza dello stato di
emergenza; 
  Vista la nota del 28 ottobre  2020  del  Presidente  della  Regione
Veneto con la quale e' stata richiesta  la  proroga  dello  stato  di
emergenza ed e' stata trasmessa la nota del sopra citato  commissario
delegato del 22 ottobre 2020 con cui si rappresentata  la  necessita'
di mantenere il regime straordinario e derogatorio vigente; 
  Considerato che gli interventi per il superamento del  contesto  di
criticita' sono tuttora in corso e che, quindi, l'emergenza non  puo'
ritenersi conclusa; 
  Ritenuto che la predetta situazione  emergenziale  persiste  e  che
pertanto  ricorrono,  nella  fattispecie,  i   presupposti   previsti
dall'art. 24, comma 3, del citato decreto legislativo n. 1 del  2018,
per la proroga dello stato di emergenza; 
  Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri; 
 
                              Delibera: 
 
  1. In considerazione di quanto esposto in premessa, ai sensi e  per
gli effetti dall'art. 24, comma 3, del decreto legislativo 2  gennaio
2018, n. 1, e' prorogato, di dodici mesi, lo stato di  emergenza  nel
territorio  del  Comune   di   Venezia   interessato   dagli   eventi
meteorologici verificatisi a partire dal giorno 12 novembre 2019. 
  La presente delibera  sara'  pubblicata  nella  Gazzetta  Ufficiale
della Repubblica italiana. 
 
    Roma, 6 novembre 2020 
 
                                                  Il Presidente       
                                           del Consiglio dei ministri 
                                                      Conte