IL DIRETTORE GENERALE 
      per la vigilanza sugli enti cooperativi e sulle societa' 
 
  Visto l'art. 2545-septiesdecies del codice civile; 
  Visto l'art. 1 della legge n. 400/1975; 
  Visto il decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, convertito nella legge
7 agosto 2012, n. 135; 
  Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico in  data  17
gennaio 2007 concernente la rideterminazione dell'importo  minimo  di
bilancio per la nomina del commissario liquidatore negli scioglimenti
per atto d'autorita' di  societa'  cooperative,  ai  sensi  dell'art.
2545-septiesdecies del codice civile; 
  Visto il decreto del  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri  29
luglio 2021, n.  149,  recante  «Regolamento  di  organizzazione  del
Ministero dello sviluppo economico»; 
  Visti in particolare gli articoli 7  e  21-quinquies  della  citata
legge n. 241/1990; 
  Visto il decreto ministeriale del 26 aprile 2010,  n.  69/SAA/2010,
con il quale la societa' cooperativa «Societa' cooperativa L'Orchidea
a r.l.», con sede in Nova Siri (MT) - (codice fiscale n. 00475510772)
e' stata sciolta ai sensi  dell'art.  2545-septiesdecies  del  codice
civile e il dott. Dante  Tirico  ne  e'  stato  nominato  commissario
liquidatore; 
  Vista la richiesta di applicazione di misure cautelari personali  e
reali avanzata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale  di
Potenza e la conseguente ordinanza n. 2262/2021  R.G.  G.I.P.  emessa
dal giudice per le  indagini  preliminari,  con  la  quale  e'  stata
disposta nei confronti del dott.  Dante  Tirico  e  altri  la  misura
cautelare personale degli arresti domiciliari, nonche'  il  sequestro
preventivo dei beni; 
  Tenuto conto che nella fattispecie, sussistendo evidenti e motivate
ragioni di pubblico interesse, si e' provveduto ai sensi dell'art.  7
della legge 7 agosto 1990, n. 241 a dare comunicazione dell'avvio del
procedimento di  revoca  all'interessato  con  nota  ministeriale  n.
0377627 del 3 dicembre 2021, in applicazione dell'art.  21-quinquies,
secondo comma, della legge n. 241/1990 e che, nel termine a suo tempo
concesso,  il  commissario  non  ha   presentato   osservazioni   e/o
controdeduzioni, bensi' in data 10 dicembre  2021  ha  comunicato  le
proprie dimissioni immediate da tutti gli incarichi per i quali aveva
gia' ricevuto avvio di revoca; 
  Considerata la gravita'  dei  fatti  accertati  e  venuto  meno  il
rapporto fiduciario con il predetto professionista, questa  Autorita'
di  vigilanza  ritiene  di  dover  procedere  alla  sua  sostituzione
mediante revoca e non a causa di dimissioni; 
  Ritenuto necessario dover disporre in via d'urgenza la revoca e  la
contestuale sostituzione del  dott.  Dante  Tirico  dall'incarico  di
commissario liquidatore della societa' cooperativa sopra indicata; 
  Considerato che in data 15 febbraio 2022, presso  questa  Direzione
generale, e' stata effettuata l'estrazione a sorte del professionista
cui affidare l'incarico di Commissario liquidatore nell'ambito  della
terna segnalata, ai sensi dell'art. 9 della legge 17 luglio 1975,  n.
400,  dalla   Confederazione   cooperative   italiane,   associazione
nazionale  di  rappresentanza  assistenza,  tutela  e  revisione  del
movimento cooperativo alla quale il sodalizio risulta aderente, e che
da tale operazione e' risultata l'individuazione del  nominativo  del
dott. Cosimo Gigante; 
 
                              Decreta: 
 
                               Art. 1 
 
  Per le gravi ed urgenti motivazioni indicate in premessa, ai  sensi
dell'art.  21-quinquies  della  legge   n.   241/1990,   il   decreto
ministeriale del 26 aprile 2010, n.  69/SAA/2010  e'  revocato  nella
parte relativa alla nomina del dott. Dante Tirico  quale  commissario
liquidatore  della   societa'   cooperativa   «Societa'   cooperativa
L'Orchidea a r.l.», con sede in Nova Siri (MT);  pertanto,  il  dott.
Dante Tirico e' revocato dall'incarico conferitogli.