IL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
                  nella riunione del 22 giugno 2022 
 
  Visto il decreto legislativo 2 gennaio 2018, n. 1; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 4 giugno 2021  con
la  quale  e'  stato  dichiarato,  per  dodici  mesi  dalla  data  di
deliberazione, lo stato di  emergenza  in  conseguenza  degli  eventi
meteorologici verificatesi nei giorni dal 4 al 12 dicembre  2020  nel
territorio delle Provincie di Udine, di Pordenone  e  dei  Comuni  di
Trieste e di Muggia, in Provincia di Trieste  e  con  la  quale  sono
stati stanziati euro 3.900.000,00 a valere sul Fondo per le emergenze
nazionali di cui all'art. 44, comma 1, del decreto legislativo  n.  1
del 2018; 
  Considerato che la dichiarazione dello stato di emergenza e'  stata
adottata per fronteggiare situazioni che per intensita' ed estensione
richiedono l'utilizzo di mezzi e poteri straordinari; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 29 dicembre  2021,
con la quale lo stanziamento di risorse di cui all'art. 1,  comma  3,
della citata delibera del 4 giugno 2021 e' stato  integrato  di  euro
1.850.000,00 a valere sul Fondo per le  emergenze  nazionali  di  cui
all'art. 44, comma 1, del richiamato decreto  legislativo  n.  1  del
2018, per gli interventi di cui alle lettere b)  e  c)  del  comma  2
dell'art. 25 del medesimo decreto legislativo; 
  Vista l'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile
del 2 luglio 2021, n. 783 recante: Ā«Interventi urgenti di  protezione
civile in conseguenza degli eventi meteorologici che, nei giorni  dal
4 al 12 dicembre 2020, hanno colpito il territorio delle Provincie di
Udine, di Pordenone e dei Comuni di Trieste e di Muggia in  Provincia
di TriesteĀ»; 
  Vista la nota del 30  maggio  2022  del  Presidente  della  Regione
Friuli-Venezia Giulia - Commissario delegato con la  quale  e'  stata
richiesta la proroga dello stato di emergenza; 
  Considerato che gli interventi per il superamento del  contesto  di
criticita' sono tuttora in corso e che, quindi, l'emergenza non  puo'
ritenersi conclusa; 
  Ritenuto che ricorrono, nella fattispecie, i  presupposti  previsti
dall'art. 24, comma 3, del citato decreto legislativo n. 1 del  2018,
per la proroga dello stato di emergenza; 
  Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri; 
 
                              Delibera: 
 
  1. In considerazione di quanto esposto in premessa, ai sensi e  per
gli effetti dall'art. 24, comma 3, del decreto legislativo 2  gennaio
2018, n. 1, e' prorogato, di  ulteriori  dodici  mesi,  lo  stato  di
emergenza in conseguenza degli eventi meteorologici verificatesi  nei
giorni dal 4 al 12 dicembre 2020 nel territorio  delle  Provincie  di
Udine, di Pordenone e dei Comuni di Trieste e di Muggia, in Provincia
di Trieste. 
  La presente delibera  sara'  pubblicata  nella  Gazzetta  Ufficiale
della Repubblica italiana. 
 
                     Il Presidente del Consiglio dei ministri: Draghi