DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 14 giugno 2002 

Dichiarazione  dello stato di emergenza nel territorio delle province
di  Torino,  Biella, Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola, colpito
dall'eccezionale evento atmosferico del 4, 5 e 6 giugno 2002.
(GU n.143 del 20-6-2002)
              IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

  Visto l'art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
  Visto l'art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
  Visto  il  decreto-legge  7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
  Visto  il  decreto  del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9
maggio  2002,  con il quale e' stato dichiarato lo stato di emergenza
nel   territorio  delle  province  di  Novara,  Verbano-Cusio-Ossola,
Vercelli,  Biella  ed  Alessandria  colpito  dall'eccezionale  evento
atmosferico del 3, 4 e 5 maggio 2002;
  Visto  il  decreto  del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6
giugno  2002,  con il quale e' stato dichiarato lo stato di emergenza
nel  territorio  delle  province  di  Cuneo,  Torino  ed Asti colpito
dall'eccezionale evento atmosferico del 9, 10 e 11 maggio 2002;
  Vista  la  nota  n. 13022/S1/S1.45 del 7 giugno 2002 del presidente
della  regione  Piemonte, con la quale si comunica che le eccezionali
precipitazioni  dei  giorni  4,  5  e 6 giugno 2002 hanno evidenziato
l'insorgere  di  situazioni  critiche nei territori delle province di
Torino,  Biella, Vercelli, Novara e Verbano-Cusio-Ossola da correlare
a dissesti di carattere idrogeologico;
  Considerato  che l'eccezionale ondata di maltempo dei giorni 4, 5 e
6 giugno 2002 ha causato ingenti danni ad infrastrutture pubbliche ed
a beni privati residenziali e produttivi, aggravando in molti casi le
conseguenze  degli  eccezionali  eventi  meteorologici  del  3, 4 e 5
maggio 2002 e del 9, 10 e 11 maggio 2002;
  Considerato  inoltre  che  e' necessario fronteggiare la situazione
determinatasi mediante l'utilizzo di mezzi e poteri straordinari;
  Ritenuto   quindi   necessario   attuare   tutti   gli   interventi
straordinari  per  il superamento dell'emergenza, ricorrendo nel caso
di  specie,  i presupposti di cui all'art. 5, comma 1, della legge 24
febbraio 1992, n. 225;
  Vista  la  deliberazione  del Consiglio dei Ministri adottata nella
riunione  del  14  giugno  2002 su proposta del Ministro dell'interno
delegato per il coordinamento della protezione civile;
                              Decreta:
  Ai  sensi  e  per  gli effetti dell'art. 5, comma 1, della legge 24
febbraio  1992,  n.  225, e' dichiarato, per la durata di dodici mesi
dalla  data  della  presente dichiarazione, lo stato di emergenza nel
territorio  delle  province  di  Torino,  Biella,  Vercelli, Novara e
Verbano-Cusio-Ossola  colpito dall'eccezionale evento atmosferico del
4, 5 e 6 giugno 2002.
  Il  presente  decreto  verra'  pubblicato  nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
    Roma, 14 giugno 2002

                                               Il Presidente
                                         del Consiglio dei Ministri
                                                 Berlusconi
  Il Ministro dell'interno
delegato per il coordinamento
  della protezione civile
         Scajola