MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

DECRETO 10 maggio 2002 

Individuazione,   ai  sensi  dell'art.  103,  comma  2,  del  decreto
legislativo  30  dicembre  1999,  n.  507,  dell'Ufficio centrale del
Ministero  delle  attivita'  produttive,  competente  a  ricevere  il
rapporto di cui all'art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689.
(GU n.159 del 9-7-2002)
               IL MINISTRO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

  Visto  il  decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, in materia
di   depenalizzazione   dei   reati  minori  e  riforma  del  sistema
sanzionatorio,  emanato  ai  sensi  dell'art. 1 della legge 25 giugno
1999, n. 205;
  Visto,  in  particolare,  l'art.  103,  comma 2, del citato decreto
legislativo  n.  507  del 1999, secondo cui i Ministeri competenti ad
applicare le sanzioni amministrative per le violazioni depenalizzate,
provvedono ad individuare con decreto del Ministro, gli uffici, anche
periferici,  ai quali deve essere inviato il rapporto di cui all'art.
17 della legge 24 novembre 1981, n. 689;
  Vista  la  legge  24 novembre  1981,  n.  689, recante modifiche al
sistema penale;
  Visto  il  decreto  ministeriale  21 luglio  2000,  concernente  la
riorganizzazione  degli  uffici  dirigenziali di livello non generale
del Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato;
  Visto  il  decreto  legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive
modificazioni,  recante  riforma  dell'organizzazione  del Governo, a
norma dell'art. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59;
  Visto  il decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 2001, n.
175,  recante  regolamento  di  organizzazione  del  Ministero  delle
attivita' produttive, di seguito denominato Ministero;
  Visto  il decreto-legge 12 giugno 2001, n. 217, convertito in legge
dalla legge 3 agosto 2001, n. 317;
  Visto  l'art. 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, n. 449, il
quale  stabilisce  che con regolamento, da emanare ai sensi dell'art.
17,  comma  2,  della  legge  23 agosto 1988, n. 400, su proposta del
Ministro  delle  finanze, di concerto con il Ministro dell'industria,
del  commercio  e dell'artigianato e con il Ministro dell'interno, si
procede alla revisione organica della disciplina dei concorsi e delle
operazioni a premio, nonche' delle manifestazioni di sorte locali;
  Visto  l'art. 124 del regio decreto-legge 19 ottobre 1938, n. 1933,
convertito,  con  modificazioni,  dalla  legge 5 giugno 1939, n. 973,
come  sostituito dall'art. 19, comma 5, della legge 27 dicembre 1997,
n. 449;
  Visto  il  decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001,
n.  430,  recante Regolamento concernente la revisione organica della
disciplina  dei  concorsi  e delle operazioni a premio, nonche' delle
manifestazioni di sorte locali, ai sensi dell'art. 19, comma 4, della
legge 27 dicembre 1997, n. 449;
  Ritenuto  di  dover  provvedere conformemente a quanto disposto dal
richiamato art. 103 del citato decreto legislativo n. 507 del 1999;
  Considerato  che  la competenza in materia di vigilanza e controllo
sui  concorsi  e  sulle  operazioni  a  premio  e' stata assegnata al
Ministero  dal  decreto  del  Presidente  della Repubblica n. 430 del
2001,  e  che  occorre provvedere all'individuazione del soggetto cui
deve,  essere  inviato il rapporto, ai sensi dell'art. 17 della legge
n. 689 del 1981;
                              Decreta:
                               Art. 1.
  l.  Il rapporto di cui all'art. 17 della legge 24 novembre 1981, n.
689,  ai  sensi  del  decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, a
seguito  dell'accertamento delle violazioni depenalizzate, in materia
di  concorsi  operazioni  a premio di cui al titolo I del decreto del
Presidente  della  Repubblica  26 ottobre  2001,  n. 430, deve essere
presentato alla Direzione generale per l'armonizzazione del mercato e
la tutela dei consumatori.
  Il   presente   decreto,  inviato  alla  Corte  dei  conti  per  la
registrazione,   e'   pubblicato   nella   Gazzetta  Ufficiale  della
Repubblica italiana.
    Roma, 10 maggio 2002
                                                 Il Ministro: Marzano
Registrato alla Corte dei conti il 17 giugno 2002,
Ufficio  di  controllo  atti  Ministeri  delle  attivita' produttive,
registro n. 1
   Ministero delle attivita' produttive, foglio n. 334