REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA

CONCORSO

Avviso  per  l'attribuzione  di  un  incarico  di dirigente medico di
medicina interna responsabile di struttura complessa, presso l'A.S.S.
n. 2 "Isontina" di Gorizia.
(GU n.12 del 11-2-2003)
    In  esecuzione  della determinazione n. 84 del 31 gennaio 2003 e'
indetto   avviso   pubblico  per  il  conferimento  dell'incarico  di
dirigente  medico  di  medicina  interna  responsabile  di  struttura
complessa   per   l'ospedale   di   Gorizia  da  conferire  ai  sensi
dell'art. 13  del  decreto  legislativo 19 giugno 1999, n. 229, e del
decreto  del Presidente della Repubblica n. 484 del 10 dicembre 1997,
previo  colloquio  e  valutazioni  del curriculum professionale degli
interessati.
    L'incarico  e'  disciplinato  da contratto di diritto privato, ha
durata  da 5 a 7 anni, da' titolo a specifico trattamento economico e
potra' essere rinnovato.
    Per  la  partecipazione all'avviso i candidati dovranno essere in
possesso  dei requisiti generali previsti dall'art. 1 del decreto del
Presidente della Repubblica 10 dicembre 1997 n. 483:
      a) cittadinanza  italiana,  salve  le  equiparazioni  stabilite
dalle  leggi  vigenti,  o  cittadinanza  di uno dei Paesi dell'Unione
europea;
      b) idoneita' fisica all'impiego:
        1)  l'accertamento  all'idoneita'  fisica  all'impiego  - con
l'osservanza   delle  norme  in  tema  di  categorie  protette  -  e'
effettuato  a  cura  dell'U.S.L. o dell'A.O. prima dell'immissione in
servizio;
        2) il personale dipendente da pubbliche amministrazioni ed il
personale  dipendente  dagli  istituti, ospedali ed enti, di cui agli
articoli  25  e  26,  comma  1,  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica  20 dicembre  1979  n. 761,  e'  dispensato  dalla  visita
medica;
      c) titolo di studio per l'accesso alle rispettive carriere.
    Dovranno  inoltre  essere  in  possesso  dei  requisiti specifici
previsti  dall'art. 5  del  decreto  del  Presidente della Repubblica
n. 484  del  10 dicembre 1997, dal decreto 23 marzo 2000 n. 184 e dal
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2001:
      a) iscrizione  all'albo  professionale attestata da certificato
di  data  non  anteriore a sei mesi rispetto a quella di scadenza del
bando.  L'iscrizione  al corrispondente albo professionale di uno dei
Paesi  dell'Unione europea consente la partecipazione alla selezione,
fermo  restando  l'obbligo  dell'iscrizione  all'albo in Italia prima
dell'assunzione in servizio;
      b) anzianita'  di  servizio  di sette anni, di cui cinque nella
disciplina   o  disciplina  equipollente,  e  specializzazione  nella
disciplina  o  in  una  disciplina  equipollente ovvero anzianita' di
servizio di dieci anni nella disciplina (come previsto dagli articoli
10,  11,  12  e  13  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica
n. 484/1997,  dal  decreto  23 marzo  2000  n. 184  e dal decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2001);
      c) curriculum  in  cui  sia documentata una specifica attivita'
professionale ed adeguata esperienza.
    Si    prescinde   dal   requisito   della   specifica   attivita'
professionale   fino   all'emanazione   dei   provvedimenti   di  cui
all'art. 6,  comma  1,  del  decreto  del Presidente della Repubblica
n. 484/1997.
    I contenuti del curriculum professionale concernenti le attivita'
professionali,  di studio, direzionali - organizzative vanno valutati
con riferimento:
        1)  alla  tipologia delle istituzioni in cui sono allocate le
strutture  presso  le quali il candidato ha svolto la sua attivita' e
alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;
        2) alla posizione funzionale del candidato nelle strutture ed
alle  sue competenze con indicazione di eventuali specifici ambiti di
autonomia professionale con finzioni di direzione;
        3)   alla   tipologia   qualitativa   e   quantitativa  delle
prestazioni effettuate dal candidato;
        4)  ai  soggiorni  di studio o di addestramento professionale
per  attivita'  attinenti  alla  disciplina  in  rilevanti  strutture
italiane  o  estere di durata non inferiore a tre mesi con esclusione
dei tirocini obbligatori;
        5)  alla  attivita'  didattica  presso corsi di studio per il
conseguimento    di   diploma   universitario,   di   laurea   o   di
specializzazione  ovvero presso scuole per la formazione di personale
sanitario con indicazione delle ore annue di insegnamento;
        6)   alla  partecipazione  a  corsi,  congressi,  convegni  e
seminari,  anche effettuati all'estero, valutati secondo i criteri di
cui   all'art. 9   del   decreto   del  Presidente  della  Repubblica
n. 484/1997, nonche' alle pregresse idoneita' nazionali.
    Nella  valutazione  del  curriculum  e'  presa in considerazione,
altresi',  la  produzione  scientifica  strettamente  pertinente alla
disciplina,    pubblicata    su   riviste   italiane   o   straniere,
caratterizzate  da  criteri  di  filtro nell'accettazione dei lavori,
nonche'  il  suo impatto sulla comunita' scientifica. I contenuti del
curriculum,  esclusi  quelli  di  cui al punto 3) e le pubblicazioni,
possono  essere  autocertificati  dal  candidato ai sensi della legge
4 gennaio 1968 n. 15 e successive modificazioni;
      d) attestato  di  formazione  manageriale  non  richiesto  fino
all'espletamento  del  primo  corso  di  formazione  manageriale  con
l'obbligo  pero'  di  acquisirlo  nel  primo  corso utile nel caso di
attribuzione dell'incarico, pena la decadenza dall'incarico stesso.
    La  domanda  di  ammissione, in carta libera, e la documentazione
allegata  dovranno  essere inoltrate al seguente indirizzo: Direttore
generale  dell'A.S.S. n. 2 "Isontina" via Fatebenefratelli 34 - 34170
Gorizia  mediante  raccomandata  con  avviso  di  ricevimento  ovvero
presentazione diretta all'ufficio protocollo dell'azienda (nei giorni
feriali  -  sabato  escluso  -  dalle  ore  8  alle  ore 17) entro il
trentesimo   giorno  successivo  alla  data  di  pubblicazione  nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica.
    Per  le  domande  inoltrate tramite raccomandata RR, che comunque
dovranno pervenire entro l'ottavo giorno successivo alla scadenza del
termine, fara' fede, per la spedizione, la data risultante dal timbro
postale.
    Nella  domanda  di  ammissione  gli aspiranti devono dichiarare e
sottoscrivere a pena di esclusione:
      a) la data, il luogo di nascita e la residenza;
      b) il   possesso   della   cittadinanza   italiana,   salvo  le
equiparazioni  stabilite  dalle  leggi vigenti, o cittadinanza di uno
dei  Paesi  dell'Unione europea. In base all'art. 3 del D.P.C. n. 174
del  7 febbraio  1994  i  cittadini  degli  Stati  membri dell'Unione
europea devono possedere i seguenti requisiti:
        godere  dei  diritti  civili  e politici anche negli Stati di
appartenenza o di provenienza;
        essere  in  possesso, fatta eccezione della titolarita' della
cittadinanza  italiana,  di  tutti gli altri requisiti previsti per i
cittadini della Repubblica;
        avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
      c) il  comune nelle cui liste elettorali sono iscritti ovvero i
motivi  della  loro  non iscrizione o della cancellazione dalle liste
medesime;
      d) le eventuali condanne penali riportate;
      e) i titoli di studio posseduti;
      f) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
      g) i   servizi   prestati   come   impiegati  presso  pubbliche
amministrazioni  e  le  eventuali  cause  di cessazione di precedenti
rapporti di pubblico impiego;
      h) il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essergli
fatta  ogni  necessaria comunicazione. In caso di mancata indicazione
vale la residenza di cui alla lettera a).
    Le  mancate  dichiarazioni  di  cui  ai  punti  d)  e g) verranno
considerate  come il non aver riportato condanne penali, il non avere
procedimenti  penali  in corso e il non aver prestato servizio presso
pubbliche amministrazioni.
    L'Amministrazione  declina  fin  d'ora  ogni  responsabilita' per
dispersione  di  comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del
recapito  da  parte  dell'aspirante  o  da  mancata,  oppure  tardiva
comunicazione  del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o
per  eventuali  disguidi postali o telegrafici non imputabili a colpa
dell'amministrazione stessa.
    I  candidati  devono  produrre, a pena di esclusione, i documenti
relativi  ai requisiti specifici previsti dall'art. 5 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 484 del 10 dicembre 1997 e dal decreto
23 marzo 2000 n. 184.
    Dovra'  inoltre  essere  allegato  un  elenco datato e firmato in
triplice copia dei documenti e dei titoli presentati.
    I  documenti  e  i titoli dovranno essere presentati nei seguenti
modi:
      con  la  produzione  degli  stessi  in  originale  o  in  copia
autenticata  o  in  copia  dichiarata conforme all'originale mediante
dichiarazione  sostitutiva  di  atto  di notorieta' (vedi allegato A)
ovvero autocertificati nei casi e nei limiti previsti dalla normativa
vigente.
    Si  precisa  che  i  titoli  di  studio  e  l'iscrizione all'albo
professionale  possono  essere autocertificati mediante dichiarazione
sostitutiva  di  certificazione  di  cui  all'art. 46 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 445/2000 (vedi allegato B).
    I   rimanenti  titoli  possono  essere  autocertificati  mediante
dichiarazione  sostitutiva  di  atto di notorieta' di cui all'art. 47
del   decreto  del  Presidente  della  Repubblica  n. 445/2000  (vedi
allegato C).
    Le pubblicazioni devono essere edite a stampa o prodotte in copia
autenticata  o  in  copia  dichiarata conforme all'originale mediante
dichiarazione  sostitutiva di atto di notorieta' di cui agli articoli
19 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000 (vedi
allegato A).
    Le  dichiarazioni  sostitutive  di  atto  di  notorieta'  di  cui
all'art. 47  del  decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000
sono  valide  se  sottoscritte  in  presenza del dipendente addetto a
riceverle oppure se accompagnate da copia fotostatica di un documento
di identita' di chi le ha sottoscritte.
    L'accertamento  del  possesso  dei requisiti di ammissione verra'
effettuato dalla commissione nominata dal direttore generale ai sensi
dell'art. 15-ter, comma 2, del decreto legislativo n. 502/1992, cosi'
come  modificato  dall'art. 13  del  decreto  legislativo  n. 229 del
19 giugno  1999  che  predisporra'  anche l'elenco degli idonei sulla
base di:
      a) un   colloquio   che   vertera'  su  argomenti  inerenti  la
disciplina  oggetto  del  presente  avviso,  nonche' sui compiti, ivi
compresi  quelli  organizzativi e di direzione, propri della funzione
da conferire;
      b) valutazione del curriculum professionale.
    Il direttore generale procedera' all'attribuzione dell'incarico.
    Il  trattamento  economico  spettante  sara'  quello previsto dal
C.C.N.L. vigente.
    L'incarico  comporta  l'obbligo  di  un  rapporto  esclusivo  con
l'azienda  e  la conseguente incompatibilita' con ogni altro rapporto
di lavoro, dipendente o in convenzione, con altre strutture pubbliche
e private.
    Per  informazioni  e  per  ricevere  copia  del  presente avviso,
rivolgersi  all'A.S.S. n. 2 "Isontina" - via Fatebenefratelli n. 34 -
34170 Gorizia - ufficio concorsi - tel. 0481/592521-592522.
    E'     possibile    la    consultazione    su    sito    Internet
http://www.aziendasanitaria.go.it
Il  dirigente responsabile del servizio amministrazione del personale
Maioli