REGIONE PIEMONTE

CONCORSO

Avviso  per  il  conferimento  di incarico di struttura complessa del
ruolo  sanitario - medici, presso l'azienda sanitaria locale n. 22 di
Acqui Terme - Novi Ligure - Ovada.
(GU n.47 del 17-6-2003)
    In attuazione della determinazione del direttore del dipartimento
amministrativo  dell'intestata  ASL  n. 22,  n. 387 in data 26 maggio
2003  avente  ad  oggetto  «Indizione  procedura  di  avviso  per  il
conferimento di incarico ad un posto di dirigente medico direttore di
struttura   complessa  -  disciplina  direzione  medica  di  presidio
ospedaliero»  per  l'ospedale  di  Acqui  Terme, si rende noto che e'
stato stabilito di procedere, con l'osservanza delle norme previste e
richiamate  dal decreto legislativo 19 giugno 1999, n. 229, e decreto
del   Presidente   della  Repubblica  10  dicembre  1997  n. 484,  al
conferimento  di  incarico nel ruolo sanitario, profilo professionale
dirigente   medico,   posizione  funzionale  direttore  di  struttura
complessa, disciplina direzione medica di presidio ospedaliero.

            Requisiti richiesti per accedere all'incarico

    Possesso  alla  data di scadenza del termine per la presentazione
delle domande di ammissione:
      iscrizione   all'albo   dell'Ordine  dei  medici  attestata  da
certificato  in  data  non  anteriore a sei mesi rispetto a quella di
scadenza del bando.
    L'iscrizione  al  corrispondente  albo  professionale  di uno dei
Paesi  dell'Unione Europea consente la partecipazione alla selezione,
fermo  restando  l'obbligo  dell'iscrizione  all'Albo in Italia prima
dell'assunzione in servizio;
      anzianita'  di  servizio  di  sette  anni,  di cui cinque nella
disciplina   o  disciplina  equipollente,  e  specializzazione  nella
disciplina  o  in  una  disciplina  equipollente ovvero anzianita' di
servizio di dieci anni nella disciplina.
    L'anzianita'  di  servizio  richiesta deve essere maturata presso
amministrazioni  pubbliche,  istituti  di ricovero e cura a carattere
scientifico,   istituti   o   cliniche   universitarie   e   istituti
zooprofilattici sperimentali salvo quanto previsto dagli articoli 11,
12, 13 dcl decreto del Presidente della Repubblica 484/1997. Ai sensi
dell'art. 1  del  decreto 23 marzo 2000, n. 184 «Regolamento relativo
ai  criteri  per  la  valutazione  del  servizio  prestato  in regime
convenzionale  ai fini della partecipazione ai concorsi per l'accesso
al  secondo livello dirigenziale del personale del Servizio sanitario
nazionale  ai  sensi  dell'art. 72, comma 13, della legge 23 dicembre
1998,  n. 448»,  ai  fini  dell'accesso  all'incarico di direzione di
struttura  complessa  del Servizio sanitario nazionale e' valutabile,
nell'ambito  del  requisito  di  anzianita' di servizio di sette anni
richiesto  ai medici in possesso della specializzazione, dall'art. 5,
comma  1,  lettera  b),  del  decreto del Presidente della Repubblica
10 dicembre   1997,   n. 484,   il   servizio   prestato   in  regime
convenzionale  a  rapporto  orario  presso  le  strutture  a  diretta
gestione  delle  aziende  sanitarie  e del Ministero della sanita' in
base ad accordi nazionali;
      curriculum  in  cui  sia  documentata  una  specifica attivita'
professionale ed adeguata esperienza ai sensi dell'art. 6 del decreto
del  Presidente  della  Repubblica  10  febbraio  1997,  n. 484; fino
all'emanazione  dei  provvedimenti  di cui all'art. 6 del decreto del
Presidente  della Repubblica citato, si prescinde dal requisito della
specifica attivita' professionale;
      attestato  di formazione manageriale. Fino all'espletamento del
primo  corso  di formazione manageriale di cui all'art. 7 del decreto
del  Presidente della Repubblica 10 febbraio 1997, n. 484, l'incarico
di  direttore di struttura complessa, e' attribuito senza l'attestato
di  formazione  manageriale,  fermo  restando  l'obbligo di acquisire
l'attestato  nel  primo corso utile. Il mancato superamento del primo
corso,   attivato   dalla  regione  successivamente  al  conferimento
dell'incarico,  determina la decadenza dall'incarico stesso (art. 15,
punto 8 del decreto legislativo 229/1999);
      cittadinanza  italiana,  salve le equiparazioni stabilite dalle
leggi   vigenti,   o  cittadinanza  di  uno  dei  paesi  appartenenti
all'Unione europea;
      idoneita'  fisica  all'impiego.  L'accertamento  dell'idoneita'
fisica   all'impiego   sara'   effettuato  prima  dell'immissione  in
servizio.

                        Domanda di ammissione

    La domanda di ammissione dovra':
      essere redatta in carta libera;
      contenere,  oltre alla precisa indicazione dell'incarico al cui
conferimento  si  intende  partecipare, esatta dichiarazione sotto la
propria  responsabilita',  dei  sottoindicati  estremi  di identita',
titoli  e  requisiti  del  concorrente,  provvisoriamente sostitutiva
della  relativa  documentazione  probatoria,  che  sara'  chiamato  a
presentare,  nei termini piu' oltre stabiliti, il candidato utilmente
collocato negli elenchi degli idonei cui verra' conferito l'incarico:
        1)  cognome  e  nome  in  stampatello  se  la domanda non sia
dattiloscritta;
        2) luogo e data di nascita e residenza;
        3)  cittadinanza  italiana, ovvero i requisiti sostitutivi di
cui   all'art. 11   del   decreto  del  Presidente  della  Repubblica
20 dicembre  1979, n. 761. Sono, altresi', richiamate le disposizioni
dell'art. 37  del  decreto  legislativo  n. 29/1993  e del successivo
decreto  del  Presidente  del Consiglio dei Ministri 7 febbraio 1994,
n. 174,  relativi  ai  cittadini  degli  Stati  membri  della  Unione
europea;   in   applicazione   dell'art. 7,   punto  1)  del  decreto
legislativo  3  febbraio  1993,  n. 29,  e'  garantita parita' e pari
opportunita'  tra  uomini  e  donne  per  l'accesso  al  lavoro ed il
trattamento sul lavoro;
      4)  il  comune  nelle  cui  liste  elettorali il concorrente e'
iscritto,  ovvero i motivi della non iscrizione o cancellazione dalle
stesse;
      5) le eventuali condanne penali riportate;
      6)  i titoli di studio posseduti con l'esatta indicazione della
data  del  conseguimento  e  della  scuola  che li ha rilasciati ed i
requisiti specifici di ammissione richiesti dall'avviso;
      7) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
      8)    gli   eventuali   servizi   prestati   presso   pubbliche
Amministrazioni  e  le  cause di cessazione di precedenti rapporti di
pubblico impiego;
      9)   l'indirizzo   al   quale   dovranno  essere  trasmesse  le
comunicazioni relative all'avviso;
      10) l'autorizzazione all'azienda al trattamento dei propri dati
personali, ai sensi della legge 31 dicembre 1996, n. 675, finalizzato
agli adempimenti per l'espletamento della procedura concorsuale.
    Ai  sensi  dell'art. 10 comma 1 della citata legge, si rende noto
che i dati personali forniti dai candidati saranno raccolti contro il
Servizio  personale  per  le  finalita'  di  gestione  del concorso e
saranno  trattati  anche  successivamente all'eventuale instaurazione
del  rapporto  di  lavoro per le finalita' inerenti alla gestione del
rapporto  medesimo.  Il  conferimento di tali dati e' obbligatorio ai
fini   della   valutazione  dei  requisiti  di  partecipazione,  pena
l'esclusione dalla procedura medesima. L'interessato gode dei diritti
di  cui all'art. 13 della citata legge, i quali potranno essere fatti
valere nei confronti del direttore generale dell'ASL n. 22;
      essere sottoscritta dal candidato, ai sensi dell'art. 3 comma 5
della  legge  15 maggio  1997, n. 127, la firma in calce alla domanda
non e' piu' soggetta ad autenticazione.

       Modalita' e termini per la presentazione della domanda

    La  domanda  e  la  documentazione ad essa allegata devono essere
inoltrate:
      a  mezzo  del  Servizio pubblico postale al seguente indirizzo:
A.S.L.  n. 22  -  Ufficio  protocollo  - Sede di Novi ligure - via E.
Raggio, 12 - C.A.P. 15067;
    ovvero
      direttamente     all'Ufficio    protocollo    dell'A.S.L.    22
all'indirizzo di cui sopra.
    Le  domande  indirizzate al direttore generale e redatte in carta
semplice ai sensi della legge 23 agosto 1988, n. 370, unitamente alla
documentazione allegata, devono pervenire entro il termine perentorio
del  trentesimo  giorno  successivo  alla  data  di pubblicazione del
presente bando per estratto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
    Qualora  detto  termine  cada  in  un  giorno festivo, il termine
medesimo e' prorogato al primo giorno non festivo successivo.
    Le  domande  si  considerano  prodotte  in  tempo  utile anche se
spedite  a  mezzo  di raccomandata con avviso di ricevimento entro il
termine  sopra  indicato.  A  tal  fine  fa  fede  il  timbro  a data
dell'Ufficio postale accettante.
    L'Amministrazione  declina  fin  d'ora  ogni  responsabilita' per
dispersione  di  comunicazioni dipendenti da inesatte indicazioni del
recapito   da  parte  dell'aspirante  o  da  mancata  oppure  tardiva
comunicazione  del cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, o
per   eventuali   disguidi  postali  o  telegrafici  non  iniputabili
all'Amministrazione   stessa,   il   ritardo  nella  presentazione  o
nell'arrivo  della  domanda  alla sede sopraindicata, quale ne sia la
causa,   anche  se  non  imputabile  al  candidato,  importa  la  non
ammissibilita' alla selezione.

               Certificazioni da allegare alla domanda

    Alla domanda di partecipazione gli aspiranti devono allegare:
      a) titoli specifici:
        certificato  di iscrizione all'albo dell'Ordine dei medici in
data  non  anteriore  a  sei  mesi  rispetto a quella di scadenza del
bando;
        certificato  attestante  l'anzianita'  di  servizio  di sette
anni,  di  cui  cinque  nella  disciplina di cui al presente avviso o
disciplina  equipollente e specializzazione nella disciplina o in una
disciplina  equipollente, ovvero anzianita' di servizio di dieci anni
nella disciplina;
      b) curriculum  professionale,  ai sensi dell'art. 8 decreto del
Presidente della Repubblica 484/1997;
      c) dettagliato elenco cronologico delle pubblicazioni;
      d) elenco  in  triplice  copia, in carta semplice, dei titoli e
documenti  presentati,  numerati  progressivamente  in  relazione  al
corrispondente  titolo  e  con  indicazione  del  relativo  stato (se
originale o fotocopia autenticata);
      e) ricevuta  vaglia postale inviato al tesoriere dell'A.S.L. 22
-  Cassa  di  Risparmio  di  Alessandria  -  filiale  di Novi Ligure,
comprovante  il  pagamento  della  tassa  di  concorso  di euro 3,88,
precisando la causale;
      f) fotocopia  non  autenticata della carta di identita' o altro
documento di riconoscimento in corso di validita', nei casi e per gli
effetti di seguito specificati.
    I   titoli  devono  essere  prodotti  in  originale  o  in  copia
autenticata  ai  sensi di legge ovvero autocertificati nei casi e nei
limiti  previsti  dalla  normativa  vigente,  mediante  dichiarazioni
sostitutive  di  certificazioni (art. 46 decreto del Presidente della
Repubblica  28 dicembre  2000,  n. 445) ovvero mediante dichiarazioni
sostitutive  dell'atto  di notorieta' (art. 47 decreto del Presidente
della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445).
    La   dichiarazione   sostitutiva  dell'atto  di  notorieta'  puo'
riguardare  anche  il fatto che la copia di un atto o di un documento
conservato  o rilasciato da una pubblica amministrazione, la copia di
una  pubblicazione  ovvero la copia di titoli di studio o di servizio
sono conformi all'originale.
    La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta', qualora non
sia  stata  sottoscritta  dall'interessato in presenza del dipendente
addetto, dovra' essere inviata unitamente a fotocopia di documento di
riconoscimento in corso di validita' (v. precedente punto f).
    Le pubblicazioni devono essere edite a stampa.
    La  certificazione  relativa  ai  servizi  prestati  deve  essere
sottoscritta  dal  rappresentante legale dell'Ente o da funzionario a
cio'  delegato.  Nella  certificazione  relativa  ai servizi prestati
ovvero  nella  dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' deve
essere  attestato se ricorrono o meno le condizioni di cui all'ultimo
comma  dell'art. 46  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica
n. 761/1979.  In  caso  positivo,  l'attestazione  deve  precisare la
misura della riduzione del punteggio di anzianita'.
    Nei  certificati  di servizio devono essere indicate le posizioni
funzionali  o  le  qualifiche attribuite, le discipline nelle quali i
servizi sono stati prestati, nonche' le date iniziali e terminali dei
relativi periodi di attivita'.
    La  Commissione  non potra' prendere in considerazione titoli non
documentati  formalmente  o  non comprovati con dichiarazioni rese ai
sensi  del  decreto  del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000
n. 445.

                       Modalita' di selezione

    L'accertamento  del  possesso  dei  requisiti e' effettuato dalla
commissione   nominata   con   le  modalita'  e  i  criteri  previsti
dall'art. 15  ter del decreto legislativo n. 502/1992 come sostituito
dall'art. 13 del decreto legislativo n. 229/1999.
    La  Commissione  di  cui  all'art. 15-ter del decreto legislativo
502/1992  come  sostituito  dall'art. 13  del  decreto legislativo n.
229/1999 accertera' l'idoneita' dei candidati sulla base:
      1)  di  un  colloquio  diretto alla valutazione delle capacita'
professionali   del   candidato   nella   specifica   disciplina  con
riferimento  anche alle esperienze professionali documentate, nonche'
all'accertamento  delle  capacita'  gestionali,  organizzative  e  di
direzione  del  candidato  stesso  con  riferimento  all'incarico  da
svolgere.
      2)   Della   valutazione  del  curriculum  professionale  degli
aspiranti.
    Nel  curriculum  professionale  sono  valutate  distintamente  le
attivita'   professionali,   di   studio,  direzionali-organizzative,
formalmente documentate, con riferimento:
      a) alla  tipologia  delle  istituzioni  in cui sono allocate le
strutture  presso le quali il candidato ha svolto la sua attivita' ed
alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;
      b) alla  posizione  funzionale del candidato nelle strutture ed
alle sue competenze, con indicazione di eventuali specifici ambiti di
autonomia professionale con funzioni dirigenziali;
      c) alla  tipologia qualitativa e quantitativa delle prestazioni
effettuate dal candidato;
      d) ai  soggiorni di studio o di addestramento professionale per
attivita' attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o
estere  di  durata  non  inferiore  a  tre  mesi,  con esclusione dei
tirocini obbligatori;
      e) alla  attivita'  didattica  presso  corsi  di  studio per il
conseguimento    di   diploma   universitario,   di   laurea   o   di
specializzazione  ovvero presso scuole per la formazione di personale
sanitario, con indicazione delle ore annue di insegnamento;
      f) alla partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari,
anche  effettuati  all'estero,  valutati  secondo  i  criteri  di cui
all'art. 9  del  decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997,
nonche' alle pregresse idoneita' nazionali.
    Nella  valutazione  del  curriculum  e'  presa in considerazione,
altresi',  la  produzione  scientifica  strettamente  pertinente alla
disciplina,    pubblicata    su   riviste   italiane   o   straniere,
caratterizzate  da  criteri  di  filtro nell'accettazione dei lavori,
nonche' il suo impatto stilla comunita' scientifica.
    La  data  e la sede del colloquio saranno comunicate agli ammessi
tramite  lettera  raccomandata  con avviso di ricevimento al recapito
indicato nella domanda.

                        Conferimento incarico

    L'incarico  verra'  conferito  dal  direttore  generale  ai sensi
dell'art. 15-ter  del  decreto  legislativo  30 dicembre 1992 n. 502,
come  modificato  dall'art. 13  del decreto legislativo 229/99, sulla
base  di  una rosa di candidati idonei selezionata dalla commissione,
previo  colloquio  e  valutazione  del curriculum professionale degli
aspiranti.  L'incarico  ha durata quinquennale, puo' essere rinnovato
per lo stesso periodo o per periodo piu' breve.
    Il dirigente e' sottoposto, oltre che a verifica triennale, anche
a  verifica  al  termine  dell'incarico;  le  verifiche concernono le
attivita'  professionali  svolte  e  i  risultati  raggiunti  e  sono
effettuate   da  parte  di  apposito  collegio  costituito  ai  sensi
dell'art. 155,  comma  5  del  decreto  legislativo 30 dicembre 1992,
n. 502   come   modificato   dall'art. 13   del  decreto  legislativo
n. 229/1999.  L'esito positivo delle verifiche costituisce condizione
per  la  conferma dell'incarico. Inoltre il dirigente e' sottoposto a
verifica da parte del nucleo di valutazione; tale verifica concerne i
risultati di gestione.
    L'incarico  e'  revocato,  secondo  le  procedure  previste dalle
disposizioni  vigenti e dai contratti collettivi nazionali di lavoro,
in  caso  di:  inosservanza delle direttive Impartite dalla Direzione
generale  o  dalla direzione del dipartimento; mancato raggiungimento
degli  obiettivi  assegnati;  responsabilita'  grave  e reiterata; in
tutti  gli  altri  casi previsti dai contratti di lavoro. Nei casi di
maggiore  gravita',  il direttore generale puo' recedere dal rapporto
di  lavoro, secondo le disposizioni del codice civile e dei contratti
collettivi nazionali di lavoro.
    L'incarico   di  direzione  di  struttura  complessa  implica  il
rapporto di lavoro esclusivo ai sensi dell'art. 15-quater del decreto
legislativo  n. 502/1992  come  modificato  dall'art. 13  del decreto
legislativo n. 229/1999.
    Il  trattamento  economico  annuo  lordo  e'  quello previsto dai
contratti  collettivi  nazionali  di lavoro per il personale medico e
veterinario.

     Adempimenti del candidato al quale e' conferito l'incarico

    L'Azienda,  prima di procedere alla stipulazione del contratto di
lavoro  individuale ai fini dell'assunzione, invita il destinatario a
presentare,  entro il termine di trenta giorni, i seguenti documenti:
estratto  dell'atto  di  nascita,  stato  di famiglia, certificato di
residenza,  di  cittadinanza  italiana,  di  iscrizione  nelle  liste
elettorali,  foglio matricolare o certificato di riforma; certificato
generale del casellario giudiziale; altri titoli che danno diritto ad
usufruire  della  riserva,  precedenza  e  preferenza  a  parita'  di
valutazione.
    In luogo della documentazione sopra indicata l'interessato potra'
presentare  una dichiarazione sostitutiva di certificazione, la quale
potra'  essere redatta utilizzando apposito modulo disponibile presso
gli uffici del Servizio personale.
    L'amministrazione   si   riserva   la   facolta'   di  prorogare,
sospendere,  revocare  o  modificare  in tutto o in parte il presente
avviso   a  suo  insindacabile  giudizio,  qualora  ne  rilevasse  la
necessita' o l'opportunita' per ragioni di pubblico interesse.
    Per  quanto non particolarmente contemplato nel presente bando si
intendono  qui  richiamate,  a  tutti gli effetti, le disposizioni di
legge e regolamentari vigenti in materia.
    Copia  del presente avviso potra' essere richiesto presso le sedi
dell'A.S.L. n. 22 - via E. Raggio n. 12 - 15067 Novi Ligure - e - via
Alessandria  n. 1  -  15011  Acqui Terme. Per eventuali informazioni,
anche  in relazione all'ammissione, gli aspiranti potranno rivolgersi
all'ufficio  Organizzazione  sviluppo  risorse  umane dell'A.S.L. 22,
Sede  di  Novi  Ligure  -  tel. 0143/332293  e  Sede di Acqui Terme -
tel. 0144/777646.