MINISTERO DELLA DIFESA

COMUNICATO

Conferimento di onorificenze al Merito aeronautico
(GU n.127 del 1-6-2004)
                           Medaglia d'oro
    Con  decreto  del  Presidente  della Repubblica 28 aprile 2004 al
maresciallo  di  prima cl. ATSO O.B. Armando Castaldo, nato a Napoli,
il   14 maggio   1961,  e'  concessa  la  medaglia  d'Oro  al  valore
aeronautico con la seguente motivazione:
      «Sottufficiale operatore di bordo e verricellista di elicottero
AB212  della  squadriglia  collegamenti  e  soccorso  di  Linate,  in
servizio  di  allarme,  veniva  chiamato  ad  operare  in  condizioni
ambientali  difficili  per il soccorso di tre persone rimaste isolate
nel  mezzo  di un fiume in piena a causa di una alluvione. Nonostante
l'instabilita'  del  velivolo  dovuta  ad  una  avaria del sistema di
stabilizzazione,  e  pur  in  condizioni di scarsa visibilita' dovuta
all'orario  notturno,  operava  con  il verricello con grande perizia
riuscendo a tirare a bordo dell'elicottero le persone in pericolo. Il
maresciallo   Armando  Castaldo  ha  dimostrato,  nella  circostanza,
eccellenti  qualita'  professionali,  elevato  spirito  di servizio e
grande abnegazione. Tali qualita' risaltano maggiormente tenuto conto
che  altro  elicottero,  in  migliori  condizioni di visibilita', era
stato  costretto  a  desistere dal recupero a causa delle difficolta'
che  l'intervento  presentava».  -  Montecavanero  (Cuneo), 17 luglio
2002.
    Con  decreto  del  Presidente  della Repubblica 28 aprile 2004 al
maresciallo  di  seconda  cl.  ATSO  O.B. Carlo Marra, nato a Bellona
(Caserta)  il  27  settembre  1970,  e' concessa la medaglia d'Oro al
valore aeronautico con la seguente motivazione:
      «Sottufficiale   aerosoccorritore  di  elicottero  AB212  della
squadriglia  collegamenti  e  soccorso  di  Linate,  in  servizio  di
allarme,   veniva   chiamato  ad  operare  in  condizioni  ambientali
difficili per il soccorso di tre persone rimaste isolate nel mezzo di
un fiume in piena a causa di una alluvione. Nonostante l'instabilita'
del  velivolo  dovuta ad una avaria del sistema di stabilizzazione, e
pur  in  condizioni di scarsa visibilita' dovuta all'orario notturno,
si calava senza indugio con il verricello riuscendo ad issare a bordo
le  persone  in  pericolo.  Il maresciallo Carlo Marra ha dimostrato,
nella circostanza, eccellenti qualita' professionali, elevato spirito
di   servizio   e   grande   abnegazione.   Tali  qualita'  risaltano
maggiormente   tenuto   conto   che  altro  elicottero,  in  migliori
condizioni  di  visibilita',  era  stato  costretto  a  desistere dal
recupero  a  causa  delle difficolta' che l'intervento presentava». -
Montecavanero (Cuneo), 17 luglio 2002.
    Con  decreto  del  Presidente  della Repubblica 28 aprile 2004 al
capitano  AARNN  pil.  Luca  Lautizi,  nato a Roma l'8 agosto 1970, e
concessa  la  medaglia  d'Oro  al  valore aeronautico con la seguente
motivazione:
      «Leader  di  una  formazione di due velivoli F104/ASA-M, subito
dopo  il  decollo  subiva  una  gravissima  avaria  al  motore che lo
obbligava  ad  un  rientro  in  emergenza. Nonostante le innumerevoli
difficolta'   e   complicazioni  ambientali  dovute  alle  condizioni
meteorologiche  marginali,  alla necessita' di atterrare su una pista
straniera   con  controllori  del  traffico  aereo  non  esperti  del
particolare  velivolo ed alla presenza di un giovane gregario in ala,
l'ufficiale   gestiva   con  lucida  determinazione  ogni  fase  dell
emergenza,  impartendo  precise disposizioni al gregario ed agli enti
del  traffico  aereo  locali  per  garantire  la  propria e la altrui
incolumita'.  manovra  va  infine con non comune perizia il velivolo,
portandolo  ad  un perfetto atterraggio. Esempio di rara capacita' di
pilotaggio,  il  capitano Luca Lautizi ha fronteggiato con coraggiosa
determinazione  difficolta'  tecniche  non indifferenti, con tempi di
reazione  minimi, senza mai perdere l'indispensabile concentrazione e
la certezza delle proprie capacita' aviatorie». - Cielo di Raf Valley
(Regno Unito), 10 giugno 2002.
                         Medaglia d'argento
    Con  decreto  del  Presidente  della Repubblica 28 aprile 2004 al
capitano AARNN pil. Salvatore Trincone, nato a Pozzuoli (Napoli) il 4
gennaio 1972, e' concessa la medaglia d'argento al valore aeronautico
con la seguente motivazione:
      «Gregario  di  una  formazione  di  due F-16, al rientro da una
missione   subiva   una  avaria  al  carrello  principale  mentre  si
apprestava   all'atterraggio.  Non  avendo  avuto  esito  positivo  i
tentativi  di  riciclare il carrello ed ormai prossimo alla emergenza
carburante  decideva, con coraggiosa determinazione, di effettuare un
atterraggio  senza carrello. L'intera manovra di avvicinamento veniva
condotta  con  non  comune perizia ed il pilota riusciva ad atterrare
senza  arrecare  danni a cose e persone, causando solo lievi danni al
velivolo   che   riprendeva   a   volare   dopo   pochi   giorni.  La
professionalita'  ed  il  coraggio  dimostrati  nella circostanza dal
capitano  Salvatore Trincone sono state anche oggetto di segnalazione
all'Ambasciata  italiana  di  Washington  da  parte  delle  autorita'
militari  americane.  Esempio  di  rara  capacita'  di pilotaggio, di
coraggio  e  determinazione  nella gestione di una grave emergenza di
volo». - Cielo di Tucson (Arizona), 13 novembre 2002.