REGIONE PUGLIA

CONCORSO

Avviso  pubblico  per  il conferimento di un incarico quinquennale di
dirigente  medico, direttore di struttura complessa, presso l'azienda
unita' sanitaria locale TA di Taranto.
(GU n.63 del 10-8-2007)
    In  esecuzione  alla  deliberazione  n. 275  del  22 giugno 2007,
adottata   dal   commissario  straordinario  con  l'osservanza  della
normativa  di  cui  al  decreto  legislativo n. 502/1992 e successive
modificazioni  ed  integrazioni  ed  al  decreto del Presidente della
Repubblica  n. 484  del  10 dicembre 1997, e' indetto avviso pubblico
per  il conferimento di un incarico quinquennale di dirigente medico,
direttore della struttura complessa di neurologia.
Requisiti generali di ammissione:
    1) cittadinanza  italiana, fatte salve le equiparazioni stabilite
dalle  leggi  vigenti,  o  cittadinanza  di uno dei Paesi dell'Unione
europea.  I  cittadini  degli Stati membri dell'Unione europea devono
avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
    2) idoneita'  fisica  all'impiego.  L'accertamento dell'idoneita'
fisica  all'impiego  e'  effettuato a cura dell'amministrazione prima
della  immissione  in  servizio. Il personale dipendente da pubbliche
amministrazioni e' dispensato dalla visita medica;
    3) godimento  dei diritti civili e politici. Non possono accedere
agli  impieghi  coloro  che  siano  esclusi  dall'elettorato attivo e
coloro  che  siano  stati destituiti o dispensati dall'impiego presso
pubbliche  amministrazioni  per  aver  conseguito  l'impiego medesimo
mediante  la  produzione  di documenti falsi o viziati da invalidita'
non sanabile.
Requisiti particolari di ammissione:
    1) laurea in medicina e chirurgia;
    2) iscrizione  all'albo professionale dei medici. L'iscrizione al
corrispondente  albo  professionale  di  uno  dei  Paesi della Unione
europea   consente   la  partecipazione  all'avviso  pubblico,  fermo
restando   l'obbligo   dell'iscrizione   all'albo   in  Italia  prima
dell'assunzione in servizio;
    3) anzianita'  di  servizio  (maturata  negli  enti e nelle forme
indicate  nell'art. 10  del  decreto  del Presidente della Repubblica
n. 484/1997)  di sette anni, di cui cinque nella disciplina specifica
o   disciplina   equipollente  e  specializzazione  nella  disciplina
specifica  o in disciplina equipollente ovvero anzianita' di servizio
di dieci anni nella disciplina specifica. Ai sensi di quanto previsto
dal  decreto  ministeriale  23 marzo  2000,  n. 184,  nell'ambito del
requisito di anzianita' di servizio di sette anni richiesto ai medici
in  possesso  di specializzazione, sono valutabili i servizi prestati
in  regime  convenzionale  presso  strutture a diretta gestione delle
aziende  sanitarie  e  del  Ministero  di sanita', in base ad accordi
nazionali.  Detta valutazione verra' fatta con riferimento all'orario
settimanale  svolto  rapportato  a quello dei medici dipendenti delle
aziende sanitarie;
    4) curriculum  professionale  di  cui  all'art. 8 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 484/1997;
    5) ai  sensi  dell'art. 15,  comma  2  del decreto del Presidente
della  Repubblica  n. 484/1997, fino all'espletamento del primo corso
di  formazione manageriale di cui all'art. 7 dello stesso decreto del
Presidente della Repubblica, l'incarico di dirigente medico direttore
di  struttura complessa e' attribuibile con il possesso dei requisiti
di  cui  ai  punti 1),  2),  3),  4)  sopra riportati, fermo restando
l'obbligo  di  acquisire  l'attestato  di  formazione manageriale nel
primo corso utile;
    6) ai  sensi  del  comma  4  del  citato  art. 15 del decreto del
Presidente   della   Repubblica   n. 484/1997   gli   incarichi  sono
attribuibili   ai   medici  in  possesso  della  idoneita'  nazionale
conseguita  in base al pregresso ordinamento, restando comunque fermo
l'obbligo  di  acquisire  l'attestato  di  formazione manageriale nel
primo corso utile.
    I  predetti  requisiti,  particolari  e  generali,  devono essere
posseduti  alla  data  di scadenza del termine stabilito nel presente
bando per la presentazione della domanda di ammissione.
    L'accertamento  dei  requisiti  specifici  sara' effettuato dalla
commissione di esperti.
Domanda di ammissione.
    Coloro  che  aspirano  a  ricoprire  il  posto di cui al presente
avviso  devono  presentare al servizio protocollo dell'azienda U.S.L.
TA/1, viale Virgilio, 31 - 74100 Taranto, entro e non oltre le ore 12
del trentesimo giorno dalla data di pubblicazione del presente avviso
nella  Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana (ove tale termine
dovesse  coincidere  con  un  giorno  festivo,  lo  stesso  s'intende
prorogato  al  giorno immediatamente successivo non festivo), domanda
datata  e  firmata,  indirizzata  al direttore generale dell'azienda,
redatta in carta semplice.
    La   mancata   sottoscrizione  della  domanda  di  partecipazione
comporta l'esclusione dal concorso.
    Le  domande  si  considerano  prodotte  in  tempo  utile anche se
spedite  a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro la data
indicata  quale  termine  ultimo. A tal fine fa fede il timbro a data
dell'ufficio postale accettante.
    Non saranno prese in considerazione le domande inoltrate oltre il
termine  sopra  indicato  e  verra'  considerata,  pertanto, priva di
effetto ogni riserva di integrazione della documentazione.
    Nella  domanda  i candidati dovranno dichiarare, sotto la propria
responsabilita':
      1) il cognome e nome;
      2) la data ed il luogo di nascita;
      3) la   residenza   (con  l'esatta  indicazione  del  c.a.p.  e
l'eventuale numero telefonico);
      4) la cittadinanza;
      5) il  godimento  dei  diritti  civili e politici, indicando il
comune  di  iscrizione nelle liste elettorali, ovvero il motivo della
non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
      6) le  eventuali  condanne penali riportate (anche se sia stata
concessa  amnistia,  condono,  indulto  o  perdono  giudiziale)  e  i
procedimenti penali eventualmente pendenti presso qualunque autorita'
giudiziaria;
      7) il possesso del diploma di laurea in medicina e chirurgia e,
se   previsto   quale   requisito   essenziale,   il  possesso  della
specializzazione richiesta, con l'indicazione delle date e delle sedi
di conseguimento;
      8) la provincia di iscrizione all'albo professionale;
      9) i   servizi  resi  presso  pubbliche  amministrazioni  e  le
eventuali  cause  di  risoluzione dei precedenti rapporti di pubblico
impiego;
      10) il  domicilio,  con indicazione del c.a.p., presso il quale
dovranno  essere inviate le comunicazioni relative all'avviso. A tale
scopo   il   candidato  dovra'  comunicare  le  eventuali  successive
variazioni  di  indirizzo  in  tempo  utile  a mezzo raccomandata con
avviso  di ricevimento. In caso di mancata indicazione varra' ad ogni
effetto la residenza di cui al precedente punto 3).
    L'amministrazione  dell'azienda non assume alcuna responsabilita'
in  caso  di  dispersione  di comunicazioni o della mancata o tardiva
comunicazione del cambiamento di indirizzo, nÕ per eventuali disguidi
postali  o,  comunque, imputabili a fatto di terzi, a caso fortuito o
forza   maggiore,   nÕ   per   mancata  restituzione  dell'avviso  di
ricevimento in caso di spedizioni per raccomandata.
Documentazione da allegare.
    Alla  domanda  di  partecipazione gli aspiranti devono allegare i
seguenti documenti:
      1) certificazione   attestante   il   possesso  dell'anzianita'
(eventualmente  integrata da specializzazione) di cui al punto 3) dei
requisiti  particolari previsti dal presente bando ovvero certificato
di idoneita' per la posizione funzionale apicale nella disciplina;
      2) curriculum professionale redatto in carta semplice, datato e
firmato;
      3) tutta la documentazione che i candidati riterranno opportuno
presentare  agli effetti della formulazione dell'elenco degli idonei.
Al fine della valutazione assume maggiore rilevanza la documentazione
relativa  all'attivita'  svolta  nella  disciplina relativa al posto.
Nella  certificazione  relativa  ai servizi devono essere chiaramente
indicate  le  posizioni  funzionali  e  le  qualifiche attribuite, le
discipline  nelle quali i servizi sono stati prestati, nonchÕ le date
iniziali   e   terminali   dei   vari  periodi  di  attivita'.  Nella
certificazione  relativa ai servizi resi presso le aziende del S.S.N.
deve  essere  attestato  se  ricorrono  o  meno  le condizioni di cui
all'ultimo  comma  dell'art. 46  del  decreto  del  Presidente  della
Repubblica n. 761/1979. Nella certificazione relativa ai servizi resi
in  regime  convenzionale  presso  strutture a diretta gestione delle
aziende del S.S.N. e del Ministero della sanita' deve essere indicato
l'orario di attivita' settimanale;
      4) fotocopia  di  un  documento  di  riconoscimento in corso di
validita';
      5) elenco  in  carta semplice ed in triplice copia dei titoli e
documenti  presentati,  numerati  progressivamente  in  relazione  al
corrispondente allegato alla domanda.
    La  mancata presentazione di uno dei titoli o documenti di cui al
punto 1),  nelle  forme previste dalla normativa vigente, costituira'
motivo di esclusione dal concorso.
Forme di presentazione della documentazione.
    Tutti i titoli di cui sopra possono essere prodotti in originale,
in copia autenticata o sotto forma di autocertificazione.
    Le  autocertificazioni,  effettuate attraverso copie fotostatiche
ovvero  mediante dichiarazioni complete di tutti quei dati rilevabili
dal  documento  originale, devono essere sottoscritte dal concorrente
il  quale deve dichiarare, sotto la sua responsabilita' penale, oltre
che  la  conformita'  delle  copie all'originale, anche la conoscenza
delle  sanzioni  previste dalle vigenti disposizioni di legge in caso
di  falsita'.  Tali  dichiarazioni  possono essere fatte a tergo o in
calce a ciascun documento oppure a termine dell'elenco dei documenti.
Qualora  il  titolo autocertificato non fosse chiaramente descritto o
mancasse  di  elementi  essenziali  per la sua valutazione, non sara'
tenuto  in  considerazione.  In particolare, nelle autocertificazioni
relative   ai   servizi  resi  presso  pubbliche  amministrazioni  il
candidato  deve  specificare: esatta denominazione ed indirizzo delle
stesse;  posizione  funzionale e disciplina di inquadramento; periodo
di servizio con precisazione dei rapporti part-time e delle eventuali
interruzioni  del  rapporto  d'impiego  e  loro  motivo; posizione in
ordine  a  quanto  previsto  dall'art. 46  del decreto del Presidente
della  Repubblica  n. 761/1979.  A mente dell'art. 70 del decreto del
Presidente  della  Repubblica  n. 445/2000,  l'azienda  si riserva il
diritto  di  procedere  ad  idonei  controlli sulla veridicita' delle
dichiarazioni  rese.  Qualora dal controllo emerga la non veridicita'
delle dichiarazioni, il candidato decadra' dai benefici eventualmente
conseguiti, ferma restando la responsabilita' penale.
    Le  pubblicazioni, delle quali devono potersi evidenziare, a pena
di non valutazione, il nome e la data della rivista editrice, possono
essere  prodotte  o  nei  modi  sopra  indicati  o  in dattiloscritto
provvisto  di  documento  attestante  l'accettazione per la stampa da
parte della casa editrice.
    Agli  atti  e  documenti,  comprese  le pubblicazioni, redatti in
lingua  straniera  (salvo  che non si tratti di lingua inglese), deve
essere allegata la traduzione in lingua italiana, in calce alla quale
il   medesimo   concorrente  dovra'  certificare,  sotto  la  propria
responsabilita' penale, che la stessa e' conforme al testo straniero.
I  documenti  in  lingua  straniera  privi  della  traduzione o della
sopraindicata certificazione non saranno valutati.
    Non  saranno tenuti in alcuna considerazione i documenti e titoli
presentati oltre il termine di scadenza previsto per la presentazione
delle domande.
Composizione della commissione di esperti.
    In  ordine  a  quanto  previsto  dall'art. 15  del  decreto-legge
n. 502/1992  e  successive modificazioni ed integrazioni, l'idoneita'
dei  candidati  e'  accertata  da  una  commissione di esperti. Detta
commissione,   nominata   dal  direttore  generale  dell'azienda,  e'
composta  dal direttore sanitario, che la presiede, e da due esperti,
dirigenti  medici  del  Servizio  sanitario  nazionale preposti ad un
struttura  complessa  della  disciplina oggetto dell'incarico, di cui
uno prescelto dal direttore generale ed uno designato dal collegio di
direzione dell'azienda.
Attivita' della commissione di esperti.
    La  commissione  provvede,  in  primo luogo, all'accertamento dei
requisiti particolari per l'ammissione alla selezione.
    Le  prove  sulla  cui base la commissione deve formulare l'elenco
degli   idonei  sono  costituite  dalla  valutazione  del  curriculum
professionale  di  cui  all'art. 8  del  decreto del Presidente della
Repubblica n. 484/1997 e da un colloquio.
    La  data  e la sede del colloquio saranno comunicate ai candidati
con  lettera  raccomandata  con  avviso di ricevimento spedita almeno
venti  giorni  prima  della  data del colloquio medesimo al domicilio
indicato  nella  domanda  di  ammissione  o  a  quello  risultante da
successiva   comunicazione  di  modifica.  I  candidati  che  non  si
presenteranno  a  sostenere  il  colloquio  nel  giorno,  ora  e sede
stabiliti  saranno  dichiarati  decaduti,  quale  che  sia  la  causa
dell'assenza, anche se indipendente dalla loro volonta'.
    Il  giudizio relativo al curriculum verra' formulato in relazione
alla valenza della documentazione relativa all'attivita' strettamente
correlata  con l'ambito di competenza della funzione da conferire. Al
fine  della  predetta  valutazione  da  parte  della  commissione, ai
candidati  e'  richiesta  la  presentazione, oltre che del curriculum
professionale,  anche  di una documentata comprovazione della propria
attivita' professionale nella disciplina.
    Gli    elementi    documentali    qualificanti   del   curriculum
professionale, con particolare riferimento all'ultimo decennio, sono:
      1)        attivita'       professionali,       di       studio,
direzionali-organizzative, con riferimento:
        alla  tipologia  delle  istituzioni  in  cui sono allocate le
strutture  presso  le quali il candidato ha svolto la sua attivita' e
alla tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;
        alla  posizione  funzionale  del candidato nelle strutture ed
alle  sue  competenze con l'indicazione di eventuali specifici ambiti
di autonomia professionale con funzioni di direzione;
        alla  tipologia  qualitativa e quantitativa delle prestazioni
effettuate dal candidato;
        ai  soggiorni  di studio o di addestramento professionale per
attivita' attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o
estere  di  durata  non  inferiore  a  tre  mesi,  con esclusione dei
tirocini obbligatori;
        all'attivita'  didattica  presso  scuole universitarie per il
conseguimento  di  diploma universitario, laurea o specializzazione o
presso   scuole   per  la  formazione  di  personale  sanitario,  con
l'indicazione delle ore annue di insegnamento;
        alla  partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari,
anche effettuati all'estero;
      2. la   produzione  scientifica  strettamente  pertinente  alla
disciplina, edita su riviste italiane e straniere.
    Al   fine  della  valutazione  assume  particolare  rilevanza  la
documentazione  relativa  all'attivita'  nell'ambito  della specifica
disciplina.
    Dopo  la  valutazione dei curricula i candidati saranno convocati
per  sostenere  un colloquio diretto alla valutazione delle capacita'
professionali,  con  riferimento  anche alle esperienze professionali
documentate,   nonchÕ   all'accertamento   le   capacita'  gestionali
organizzative e di direzione.
    La commissione, al termine della valutazione del curriculum e del
colloquio,  esplicita un parere complessivo motivato, pervenendo alla
formulazione   di   un   giudizio   di   idoneita'  o  non  idoneita'
all'incarico.  La  commissione,  quindi,  in ordine a quanto previsto
dall'art. 10  della legge regionale 3 agosto 2006, n. 25, nell'ambito
di  coloro  che  sono  risultati idonei, individua tre nominativi che
propone al direttore generale per la nomina.
Conferimento dell'incarico.
    L'incarico  verra'  conferito  ai sensi dell'art. 15-ter, comma 2
del  decreto  legislativo  n. 502/1992  e successive modificazioni ed
integrazioni, sulla base del parere formulato dalla commissione degli
esperti  e  tenendo  conto  che  il  parere  di  tale  commissione e'
vincolante  solo  limitatamente  alla  individuazione  della terna di
idonei.
    Il  direttore  generale,  nell'ambito  di  detta terna di idonei,
scegliera' il candidato cui conferire l'incarico.
    La   decorrenza   dell'incarico  sara'  stabilita  nel  contratto
individuale di lavoro.
    L'incarico  di  dirigente medico direttore di struttura complessa
implica il rapporto di lavoro esclusivo.
    Con  l'accettazione  dell'incarico  e  la  presa  di  servizio si
intendono implicitamente accettate, senza riserve, tutte le norme che
disciplinano  e  disciplineranno lo stato giuridico ed il trattamento
economico   il   personale   dirigente,  comprese  quelle  a  livello
aziendale.
    Il  trattamento economico dovuto e' quello previsto dai contratti
collettivi  nazionali  del  lavoro  nel tempo vigenti e dagli accordi
raggiunti in sede aziendale con la contrattazione decentrata.
    L'incarico,  di  durata  quinquennale,  potra'  essere rinnovato,
previa   verifica  positiva  da  effettuarsi  da  parte  di  apposita
commissione,  costituita  ai  sensi dell'art. 15, comma 5 del decreto
legislativo  n. 502/1992  e successive modificazioni ed integrazioni.
Il  dirigente  non  confermato  nell'incarico  e'  destinato ad altra
funzione con la perdita del relativo specifico trattamento economico.
    L'assegnazione   o  la  proroga  dell'incarico  quinquennale  non
modifica  la  modalita'  di  cessazione  del  rapporto  d'impiego per
compimento  del  limite  massimo  di  eta'.  In  ogni  caso la durata
dell'incarico viene correlata al raggiungimento del predetto limite.
Adempimenti del candidato al quale e' conferito l'incarico.
    La  partecipazione  all'avviso implica l'accettazione di tutte le
disposizioni di legge vigenti in materia.
    Il  concorrente  al  quale e' conferito l'incarico sara' invitato
dall'azienda   sanitaria,   ai   fini  della  stipula  del  contratto
individuale  di  lavoro,  a  presentare, nel termine di trenta giorni
dalla  data  di comunicazione, a pena di decadenza, la documentazione
comprovante    le    dichiarazioni   contenute   nella   domanda   di
partecipazione al concorso.
    L'accertamento  dell'idoneita' fisica all'impiego e' effettuata a
cura  dell'azienda  U.S.L.,  prima della immissione in servizio ed e'
diretta  ad  accertare  che  l'interessato  abbia l'idoneita' fisica,
generica   e   specifica,   per   l'espletamento  delle  mansioni  di
destinazione.
    Il  concorrente al quale e' conferito l'incarico sara' dispensato
dalla  visita  medica  e dalla presentazione dei documenti di rito se
dipendente  di  ruolo  di  pubblica  amministrazione  o  di istituto,
ospedale  o  ente  di  cui  agli  articoli 25  e 26, primo comma, del
decreto  del Presidente della Repubblica n. 761/1979, in sostituzione
dei  quali  dovra'  produrre  un  certificato dell'amministrazione di
provenienza  attestante  tale  sua  qualita'  e  la sua permanenza in
servizio.
    Il concorrente al quale viene conferito l'incarico deve acquisire
l'attestato  di formazione manageriale nel primo corso utile, pena la
decadenza dall'incarico medesimo.
    La  nomina decorrera', agli effetti giuridici ed economici, dalla
data di effettiva assunzione in servizio. Il nominato dovra' assumere
servizio,  sotto  pena di decadenza, salvo giustificati motivi, entro
trenta giorni dal termine indicato nella lettera di nomina.
Norme finali e di rinvio.
    Per  quanto  non esplicitamente contemplato nel presente bando si
intendono  richiamate,  a  tutti  gli  effetti,  le  norme  di  legge
applicabili in materia.
    L'amministrazione   dell'azienda  si  riserva  la  facolta',  per
legittimi   ed  insindacabili  motivi,  di  prorogare,  sospendere  o
revocare il presente bando senza che per gli aspiranti insorga alcuna
pretesa o diritto.
    Con   la   presentazione  della  domanda  di  partecipazione,  si
intendono accettate tutte le clausole del presente bando e si intende
tacitamente   concessa   l'autorizzazione  al  trattamento  dei  dati
personali,  ai  soli  fini  del presente avviso, ai sensi della legge
31 dicembre 1996, n. 675.
    Decadra'  dall'impiego  chi  conseguira'  la  nomina  mediante la
presentazione  di  documenti  falsi  o  viziati  da irregolarita' non
sanabile.
    I  documenti  potranno  essere  restituiti ai candidati risultati
idonei, solo dopo sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione
ufficiale  dell'esito  del  presente  avviso.  In  caso  di eventuali
ricorsi dinanzi al competente organo giurisdizionale, la restituzione
di  cui  sopra  potra' avvenire solo dopo l'esito di tali ricorsi. La
restituzione  dei  documenti  presentati  potra' avvenire anche prima
della scadenza dei suddetti termini per il candidato non presentatosi
al   colloquio,   ovvero,  per  chi,  prima  dell'insediamento  della
commissione,   dichiari   su   carta   semplice  di  rinunciare  alla
partecipazione  del presente avviso. Trascorsi cinque anni dalla data
di  conferimento  dell'incarico,  verranno  attivate  le procedure di
scarto  della documentazione relativa al presente avviso ad eccezione
degli  atti  oggetto  di  contenzioso  che  saranno  conservati  sino
all'esaurimento del contenzioso medesimo.
    Per  eventuali  chiarimenti o informazioni gli aspiranti potranno
prendere  visione  del  presente  bando,  dopo la pubblicazione nella
Gazzetta  Ufficiale, al sito Internet: www.auslta1.it, sul quale sono
stati  inseriti  i fac-simili della domanda di partecipazione a delle
dichiarazioni   per  eventuali  autocertificazioni,  oppure  potranno
rivolgersi  all'ufficio  concorsi  (tel. 099/7786715)  presso la sede
degli  uffici  dell'azienda  U.S.L. TA/1 - viale Virgilio, 31 - 74100
Taranto.