AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI DI TRIESTE

CONCORSO

Avviso pubblico relativo ad un incarico quinquennale, rinnovabile, di
direttore della S.C. di radiologia dell'Ospedale Maggiore, disciplina
radiodiagnostica - area della medicina diagnostica e dei servizi.
(GU n.14 del 19-2-2008)
    In  esecuzione della determinazione n. 55 del 30 gennaio 2008 del
responsabile  della  S.C.  gestione delle risorse umane, e' aperto il
termine  dell'avviso  pubblico  relativo ad un incarico quinquennale,
rinnovabile,  di  direttore  della  S.C.  di  radiologia del presidio
ospedaliero  dell'Ospedale  Maggiore, disciplina «Radiodiagnostica» -
area della medicina diagnostica e dei servizi.
    L'incarico  e'  disciplinato  da  contratto  di  diritto privato,
implica  il  rapporto  di  lavoro  esclusivo,  da' titolo a specifico
trattamento economico, ha durata quinquennale e puo' essere rinnovato
per lo stesso periodo o periodo inferiore.
    Per  la partecipazione all'avviso, i candidati dovranno essere in
possesso dei requisiti specifici previsti dall'art. 5 del decreto del
Presidente della Repubblica n. 484 del 10 dicembre 1997:
      a) iscrizione  al  relativo  albo professionale, ove esistente,
attestata  da certificato di data non anteriore a sei mesi rispetto a
quella  di  scadenza  del  bando, ovvero iscrizione al corrispondente
albo  professionale  di  uno  dei  paesi  dell'Unione  europea, fermo
restando in questo caso l'obbligo dell'iscrizione all'albo in Italia,
prima dell'assunzione in servizio;
      b) anzianita'  di  servizio  di sette anni, di cui cinque nella
disciplina  o  in  disciplina  equipollente, e specializzazione nella
disciplina o in disciplina equipollente;
      c) curriculum  professionale  ai sensi dell'art. 8 (decreto del
Presidente  della  Repubblica n. 484/1997) in cui sia documentata una
specifica  attivita'  professionale  ed  adeguata esperienza ai sensi
dell'art. 6 (decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997);
      d) attestato  di  formazione  manageriale,  conseguito ai sensi
dell'art. 7 del decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997.
    Si  precisa  che,  ex  art.  15,  comma  2, 3, 4, del decreto del
Presidente della Repubblica n. 484/1997:
      fino all'espletamento del primo corso di formazione manageriale
gli incarichi di responsabile di struttura complessa, sono attribuiti
con  il possesso dei requisiti sopra indicati, ad eccezione di quello
previsto   al   punto  d),  fermo  restando  l'obbligo  di  acquisire
l'attestato  di  formazione  manageriale  entro  un  anno dall'inizio
dell'incarico  (ex  combinato  disposto  art.  15,  comma  8  decreto
legislativo n. 502/1992 e art. 13 decreto legislativo n. 229/1999);
      fino all'emanazione dei provvedimenti di cui all'art. 6 comma 1
(decreto del Presidente della Repubblica n. 484/1997), per l'incarico
di  dirigente di struttura complessa si prescinde dal requisito della
specifica attivita' professionale, richiamata dal punto c).
    Limitatamente  ad  un quinquennio dalla data di entrata in vigore
del  regolamento  di  cui  al decreto del Presidente della Repubblica
n. 484/1997, coloro che sono in possesso dell'idoneita' conseguita in
base  al  pregresso  ordinamento,  possono accedere agli incarichi di
responsabile  di struttura complessa nella corrispondente disciplina,
anche  in  mancanza  dell'attestato  di formazione manageriale, fermo
restando,   l'obbligo,  nei  casi  di  assunzione  dell'incarico,  di
acquisire l'attestato nel primo corso utile.
    Limitatamente  ad  un quinquennio dalla data di entrata in vigore
del  medesimo  regolamento,  per  le  discipline di nuova istituzione
l'anzianita'  di servizio e la specializzazione possono essere quelle
relative ai servizi compresi o conferiti nelle nuove discipline.
    L'accertamento  del  possesso  dei  requisiti e' effettuato dalla
Commissione  di  cui all'art. 15-ter, comma 2 del decreto legislativo
n. 502/1992, e successive modificazioni.
    I  requisiti  prescritti  devono  essere  posseduti  alla data di
scadenza del termine dell'avviso per le domande di ammissione.
    Per  la  determinazione e valutazione dell'anzianita' di servizio
utile  per  l'accesso  al  posto, si fa riferimento a quanto previsto
negli  articoli  10,  11,  12  e  13 del decreto del Presidente della
Repubblica n. 484/1997.
    Nei  certificati  di servizio devono essere indicate le posizioni
funzionali  o  le  qualifiche attribuite, le discipline nelle quali i
servizi  sono  stati  prestati, nonche' le date iniziali e finali dei
relativi periodi di attivita'.
    La   commissione   di  cui  all'art.  15-ter,  comma  2,  decreto
legislativo   n.   502/1992   e   successive  modificazioni,  accerta
l'idoneita'   dei   candidati   sulla  base  del  colloquio  e  della
valutazione del curriculum professionale.
    I  contenuti del curriculum professionale concernono le attivita'
professionali    e    di   studio,   direzionali-organizzative,   con
riferimento:
      a) alla  tipologia  delle  istituzioni  in cui sono allocate le
strutture  presso  le quali il candidato ha svolto la sua attivita' e
la tipologia delle prestazioni erogate dalle strutture medesime;
      b) alla posizione funzionale del candidato nelle strutture e le
sue  competenze  con  indicazione  di  eventuali  specifici ambiti di
autonomia professionale con funzioni dirigenziali;
      c)   alla   tipologia   quali-quantitativa   delle  prestazioni
effettuate dal candidato;
      d) ai  soggiorni di studio o di addestramento professionale per
attivita' attinenti alla disciplina in rilevanti strutture italiane o
estere  di  durata  non  inferiore  a  tre  mesi,  con esclusione dei
tirocini obbligatori;
      e) all'attivita'  didattica  presso  corsi  di  studio  per  il
conseguimento di diploma universitario, laurea e/o specializzazione o
presso   scuole   per   la  formazione  di  personale  sanitario  con
l'indicazione delle ore annue di insegnamento;
      f) alla  partecipazione a corsi, congressi, convegni e seminari
anche   effettuati   all'estero,  nonche'  alle  pregresse  idoneita'
nazionali
    Nella   valutazione   del   curriculum  e'  altresi  valutata  la
produzione   scientifica  strettamente  pertinente  alla  disciplina,
pubblicata  su riviste italiane e straniere caratterizzate da criteri
di  filtro nell'accettazione dei lavori, nonche' il suo impatto sulla
comunita' scientifica.
    I  contenuti  del  curriculum  possono essere autocertificati dal
candidato ai sensi della legge 4 gennaio 1968, n. 15, come modificata
dalla legge n. 127/1997 e dal decreto del Presidente della Repubblica
n. 403/1998,  ad  esclusione  dei titoli indicati alla lettera c), ed
alle pubblicazioni.
    Le  domande  di partecipazione all'avviso, e le documentazioni ad
esse  allegate, dovranno esser fatte pervenire al seguente indirizzo:
Al    direttore   generale   dell'Azienda   ospedaliero-universitaria
«Ospedali  riuniti  di  Trieste», via del Farneto, 3 - 34142 Trieste,
entro  il  trentesimo  giorno  successivo  a  quello  della  data  di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
    Qualora  detto  giorno  sia  festivo,  il termine e' prorogato al
primo giorno successivo non festivo.
    Per le domande inoltrate tramite raccomandata a.r., fara' fede la
data risultante dal timbro postale di spedizione.
    Per  le  domande  presentate  a  mano presso l'ufficio protocollo
dell'azienda,  il  termine  per la consegna scade all'ora di chiusura
dell'ufficio  stesso  (orario  di  sportello  dal lunedi' a giovedi':
8-16, venerdi': 8-13).
    L'ammissione al concorso e' gravata da una tassa di euro 3.87, in
nessun caso rimborsabile.
    Alla  domanda  dovra',  pertanto,  essere  allegata  la  relativa
quietanza,  pagamento  diretto  presso  la  cassa  dell'Azienda,  via
Farneto  n. 3  - IV piano - stanza 410 (dal lunedi' al giovedi' dalle
ore  10  alle 12,30 e dalle 13,45 alle 14,45, venerdi' dalle ore 9,30
alle  11,30),  ovvero  per  mezzo  di vaglia postale, ovvero su conto
corrente  postale  n. 14166342  intestato  al  Servizio  di tesoreria
dell'Azienda  con indicazione specifica del concorso di cui trattasi,
nella causale del versamento.
    Per  l'ammissione  al  concorso  gli  aspiranti  devono  indicare
obbligatoriamente  nella  domanda,  oltre  al  possesso dei requisiti
specifici:
      a) il  nome  e  cognome,  la  data,  il  luogo  di  nascita, la
residenza;
      b) il possesso della cittadinanza italiana o equivalente;
      c) il  comune  d'iscrizione  delle  liste  elettorali, ovvero i
motivi  della  non  iscrizione  o  della  cancellazione  delle  liste
medesime;
      d) eventuali condanne penali riportate;
      e) i titoli di studio posseduti;
      f) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
      g) gli    eventuali    servizi    prestati   presso   pubbliche
amministrazioni,  nonche'  le  cause  di  risoluzione, ove occorse di
precedenti rapporti di pubblico impiego.
    La domanda deve essere firmata dal candidato, pena esclusione.
    Alla  domanda deve essere allegato, pena l'esclusione: oltre alle
certificazioni  relative  ai requisiti specifici di cui ai punti a) e
b)  dell'art.  5  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica n.
484/1997,  un  curriculum formativo e professionale, redatto in carta
libera, datato e firmato.
    I  concorrenti  possono  allegare  altresi'  tutti  i documenti e
pubblicazioni  (edite a stampa), titoli scientifici e di carriera, in
originale  o  in  copia  autenticata in carta semplice, che intendano
opportuno  presentare,  nel  proprio  interesse  agli  effetti  della
valutazione.
    I concorrenti dovranno allegare ancora:
      1) un elenco in triplice copia, datato e firmato, dei documenti
presentati;
      2) quietanza del pagamento della tassa concorsuale;
      3) una fotocopia semplice di un documento di identita' in corso
di validita'.
    L'incarico  verra'  conferito  dal  direttore  generale  ai sensi
dell'art. 15-ter  del  decreto  legislativo n. 502/1992, e successive
modificazioni,   sulla   base  della  valutazione  di  idoneita'  dei
candidati  formulata dalla commissione esaminatrice, previo colloquio
e  valutazione  di  curricula  professionali degli aspiranti, tenendo
conto   che   il   parere  di  questa  commissione  sara'  vincolante
limitatamente all'individuazione degli «idonei e non idonei».
    Ai  sensi  dell'art.  13  del  C.C.N.L. dell'area della dirigenza
medica,  l'incarico  sara'  attivato a seguito di stipula di apposito
contratto individuale di lavoro subordinato.
    All'assegnatario  dell'incarico  verra' attribuito il trattamento
economico  previsto  dal  C.C.N.L.  di  lavoro  vigente alla data del
conferimento   dell'incarico  per  l'area  di  specifica  competenza,
nonche'  la  specifica retribuzione di posizione nella misura fissata
dalle   disposizioni  regolamentari  aziendali,  tenuto  conto  delle
successive  modificazioni ed integrazioni come previsto dal combinato
disposto  degli  articoli 15 del decreto legislativo n. 502/1992 e 13
del decreto legislativo n. 229/1999.
    L'assegnatario  dell'incarico  attribuito  senza  l'attestato  di
formazione  manageriale  di cui all'art. 7 del decreto del Presidente
della  Repubblica  n. 484/1997, e' tenuto ad acquisire l'attestato al
primo  corso  utile.  Il mancato superamento del primo corso attivato
dalla   regione   successivamente   al   conferimento  dell'incarico,
determina la decadenza dall'incarico stesso.
    L'assegnatario  dell'incarico  e'  tenuto ad espletare la propria
attivita'   lavorativa   con   l'osservanza  degli  orari  di  lavoro
stabiliti, in applicazione dell'art. 17 del C.C.N.L.
    Ferme  restando  le  verifiche annuali relative al raggiungimento
degli  obiettivi fissati dalla programmazione aziendali, il dirigente
sara'  sottoposto a verifica al termine dell'incarico, come stabilito
dal  citato art. 15 del decreto legislativo n. 502/1992, e successive
modificazioni, con le procedure ivi disciplinate.
    L'amministrazione  si  riserva,  a suo insindacabile giudizio, la
facolta'  di  sospendere o revocare il presente avviso, anche in modo
parziale, e di non conferire l'incarico messo a concorso.
    Per  quanto  non  previsto  si  fa  riferimento alla normativa in
materia  di  cui  al  decreto  legislativo  n. 502/1992, e successive
modificazioni ed integrazioni, e relative norme di rinvio, al decreto
legislativo  n. 229/1999 e al decreto del Presidente della Repubblica
n. 484/1997.
    Per  informazioni  e  chiarimenti in merito, i candidati potranno
rivolgersi  all'U.O.  concorsi,  selezioni,  assunzioni  -  Struttura
complessa  gestione  delle  risorse umane, via del Farneto, 3 - 34142
Trieste - Tel. 040/3995123-5071.