UNIVERSITA' DEL SALENTO

CONCORSO

Concorso  per  l'assegnazione  di  n.  65  borse  di  studio  per  la
   incentivazione    e    la    razionalizzazione   della   frequenza
   universitaria - a.a. 2008/2009.
(GU n.100 del 23-12-2008)
   L'Universita'   del  Salento,  in  conformita'  alle  disposizioni
previste  dalla  legge 2-12-1990, art. 17 «Norme Generali sul Diritto
agli  Studi  Universitari»  ed  alle  disposizioni  del  decreto  del
Presidente  del  Consiglio  dei  Ministri  9  aprile  2001, in quanto
applicabili  istituisce,  per l'a.a. 2008/2009, con decreto rettorale
n. 2555 in data 02 dicembre 2008 il concorso per l'assegnazione di n.
65   borse   di   studio   finalizzate   all'incentivazione   e  alla
razionalizzazione   della   frequenza  universitaria,  ai  sensi  del
Regolamento attuativo in materia indicato nelle premesse.
   Le   borse   di   studio   finalizzate   alla   incentivazione   e
razionalizzazione   della  frequenza  universitaria  sono  di  durata
annuale e sono confermabili per gli studenti iscritti all'Universita'
del  Salento  a  corsi di laurea triennale o magistrale a ciclo unico
per  un  periodo  pari  a  sei  semestri a partire dall'anno di prima
iscrizione.
   L'importo massimo della borsa di studio e' stabilito in:

=====================================================================
     €     |    1.584,57     |      per studenti {in sede}
=====================================================================
     €     |    2.317,57     |     per studenti {pendolari}
     €     |    4.203,97     |    per studenti {fuori sede}

   Possono   partecipare  al  concorso  gli  studenti  che  si  siano
immatricolati  per  l'a.a.  2008-2009  ai corsi di studio triennale o
magistrale  a ciclo unico attivati presso l'Universita' del Salento e
che siano in possesso dei seguenti requisiti:
    a)  appartenenza  per l'a.a. 2008-2009 ad un nucleo familiare con
Indicatore  della  Situazione  Economica Equivalente (ISEE/ISEEU) non
superiore ad € 15.375,00;
    b)  appartenenza  ad  un  nucleo  familiare,  calcolato  per  una
famiglia  di  3 persone, con indicatore della Situazione Patrimoniale
(ISP) non superiore a € 58.548,00;
    c)   aver   prodotto   per   l'a.a.   2008-2009,  all'atto  della
presentazione  della  domanda, l'autocertificazione contenente i dati
sulle condizioni economiche del nucleo familiare.
   La  domanda di partecipazione al concorso indirizzata al Magnifico
Rettore,   da   presentarsi  entro  il  45°  giorno  successivo  alla
pubblicazione del presente bando di concorso nella Gazzetta Ufficiale
della  Repubblica  Italiana,  dovra'  essere compilata esclusivamente
seguendo  la procedura guidata, on line, reperibile sul Portale degli
Studenti - http://studenti.unile.it;
   Tutte  le  informazioni  relative  al  concorso  e potranno essere
richieste al Capo Ufficio
   Diritto   allo   Studio,   Grazia   Paiano  (Tel.0832/292222,  Fax
0832292230- mailto:grazia.paiano@ateneo.unile.it).
   Per  la conferma delle borse di studio, ai sensi e per gli effetti
dell'art.6  comma  4  del  decreto  del  Presidente del Consiglio dei
Ministri 9/04/01, sono richiesti i seguenti requisiti:
    a)  per  il secondo anno, 25 crediti entro il 10 agosto dell'anno
di   presentazione  della  domanda,  nonche'  il  soddisfacimento  di
eventuali  obblighi  formativi ove previsti all'atto dell' ammissione
ai corsi;
    b)  per  il terzo anno 80 crediti entro il 10 agosto dell'anno di
presentazione della domanda;
   Ai  sensi  e  per  gli effetti dell'art. 6 comma 6 del decreto del
Presidente  del  Consiglio  dei Ministri 9/04/01 per il conseguimento
dei   requisiti  di  merito  di  cui  al  comma  precedente  si  puo'
utilizzare,  in  aggiunta  ai  crediti  effettivamente conseguiti, un
«bonus»,  maturato  sulla  base dell'anno di corso frequentato con le
seguenti modalita':
    a)   5   crediti,  se  utilizzato  per  la  prima  volta  per  il
conseguimento del beneficio per il secondo anno accademico;
    b)   12  crediti,  se  utilizzato  per  la  prima  volta  per  il
conseguimento del beneficio per il terzo anno accademico;
    La  quota  di  «bonus»  non  utilizzata  nell'anno  accademico di
riferimento puo' essere utilizzata nell'anno successivo.