DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 30 settembre 2010 

Indirizzi interpretativi  relativi  all'applicazione  della  legge  8
aprile   2010,   n.   55,   recante   disposizioni   concernenti   la
commercializzazione  di  prodotti  tessili,   della   pelletteria   e
calzaturieri. (10A14116) 
(GU n.282 del 2-12-2010)
 
 
 
                            IL PRESIDENTE 
                     DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 
 
  Vista  la  legge  23  agosto  1988,  n.  400,  recante  «Disciplina
dell'attivita'  di  Governo  e  ordinamento  della   Presidenza   del
Consiglio dei Ministri», e in particolare, l'art. 5 comma 2,  lettera
e) che attribuisce al Presidente del Consiglio dei Ministri il potere
di  emanare  direttive  per  assicurare  l'imparzialita',   il   buon
andamento e l'efficienza degli uffici pubblici; 
  Vista  la  legge  8  aprile  2010,  n.  55,  recante   disposizioni
concernenti  la  commercializzazione  di  prodotti   tessili,   della
pelletteria e calzaturieri; 
  Visto, in particolare, l'art. 4 che prevede che le disposizioni  di
cui agli articoli 1 e 3 acquistano efficacia dal 1° ottobre 2010; 
  Considerato   che,   secondo   i    criteri    dell'interpretazione
sistematica, tutte le disposizioni della  precitata  legge  8  aprile
2010, n. 55, possono considerarsi  applicabili  solo  successivamente
all'esperimento della procedura di informazione comunitaria ai  sensi
della direttiva 98/34/CE ed in relazione a quanto recato dal  decreto
interministeriale previsto dall'art. 2, comma 1 della legge medesima; 
  Rilevato che sull'argomento della applicabilita', alla data del  1°
ottobre 2010, del complesso delle disposizioni della legge  8  aprile
2010, n. 55, sono stati richiesti ai Ministeri competenti chiarimenti
da parte dell'Agenzia delle dogane  in  qualita'  di  Amministrazione
primariamente interessata all'applicazione degli articoli 1 e 3 della
stessa legge in prossimita' del 1° ottobre 2010; 
  Constatato che sull'argomento si sono espressi  i  Ministeri  dello
sviluppo economico, dell'economia e delle finanze e  il  Dipartimento
per il coordinamento delle politiche comunitarie di questa Presidenza
del Consiglio; 
  Ritenuta   pertanto   la   necessita'   di   formulare    indirizzi
interpretativi delle citate disposizioni alle  amministrazioni  dello
Stato   nonche'   di   assicurare   comportamenti   uniformi    delle
amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1,  comma  2,  del  decreto
legislativo  31  marzo  2001,  n.  165,   eventualmente   interessate
dall'applicazione delle precitata normativa; 
  Sentiti il Ministro dell'economia  e  delle  finanze,  il  Ministro
dello sviluppo economico ed il Ministro delle politiche europee; 
 
                                Emana 
 
 
                       la seguente direttiva: 
 
  1.1. In riferimento alla  concreta  applicabilita'  della  legge  8
aprile 2010, n. 55, a far data dal 1° ottobre 2010, si rappresenta  a
tutte le  amministrazioni  dello  Stato  che  le  nuove  disposizioni
sull'etichettatura dei prodotti finiti ed  intermedi  e  sull'impiego
dell'indicazione  «Made  in  Italy»  nei   settori   tessile,   della
pelletteria  e  calzaturiero  potranno  considerarsi   effettivamente
applicabili  solo  dopo  l'adozione  del  decreto   interministeriale
previsto dall'art. 2 della legge in argomento. 
  1.2.   In   attesa   dell'adozione    del    sopracitato    decreto
interministeriale, valevole per la necessaria disciplina di dettaglio
integrativa di quella di fonte primaria, continueranno ad  applicarsi
le norme del codice doganale comunitario  (Reg.  CEE  n.  2913/92)  e
delle relative disposizioni di applicazione (Reg. CEE n. 2454/93). 
  1.3. Le amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, comma  2,  del
decreto legislativo 31 marzo 2001, n. 165, eventualmente  interessate
dall'applicazione  della  precitata  normativa,  sono   invitate   ad
attenersi agli indirizzi della presente direttiva. 
    Roma, 30 settembre 2010 
 
                                            Il Presidente: Berlusconi 
 

Registrato alla Corte dei conti il 26 ottobre 2010 
Ministeri istituzionali -  Presidenza  del  Consiglio  dei  Ministri,
registro n. 17, foglio n. 208