PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

ORDINANZA 1 marzo 2020 

Ulteriori  interventi  urgenti  di  protezione  civile  in  relazione
all'emergenza relativa al rischio sanitario  connesso  all'insorgenza
di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili. (Ordinanza  n.
643). (20A01395) 
(GU n.53 del 2-3-2020)
 
                      IL CAPO DEL DIPARTIMENTO 
                       della protezione civile 
 
  Visto  il  decreto  legislativo  2  gennaio  2018,  n.  1,  ed   in
particolare gli articoli 25, 26 e 27; 
  Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31  gennaio  2020,
con la quale e' stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza
sul territorio  nazionale  relativo  al  rischio  sanitario  connesso
all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili; 
  Vista l'ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile
n. 630 del 3 febbraio 2020,  recante  «Primi  interventi  urgenti  di
protezione civile in  relazione  all'emergenza  relativa  al  rischio
sanitario connesso all'insorgenza di patologie  derivanti  da  agenti
virali trasmissibili»; 
  Viste le ordinanze  del  Capo  del  Dipartimento  della  protezione
civile n. 631 del 6 febbraio 2020, n. 633 del 12  febbraio  2020,  n.
635 del 13 febbraio 2020, n. 637 del 21 febbraio 2020, n. 638 del  22
febbraio 2020, n. 639 del 25 febbraio 2020, n. 640  del  27  febbraio
2020, n. 641 del 28 febbraio 2020 e n.  642  del  29  febbraio  2020,
recanti  «Ulteriori  interventi  urgenti  di  protezione  civile   in
relazione  all'emergenza  relativa  al  rischio  sanitario   connesso
all'insorgenza   di   patologie   derivanti    da    agenti    virali
trasmissibili»; 
  Visto il decreto del Capo del Dipartimento della protezione  civile
rep. n. 414  del  7  febbraio  2020  recante:  «Nomina  del  soggetto
attuatore del Ministero della salute per la gestione delle  attivita'
connesse alla gestione dell'emergenza relativa al  rischio  sanitario
connesso all'insorgenza  di  patologie  derivanti  da  agenti  virali
trasmissibili»; 
  Visto il decreto del Capo del Dipartimento della protezione  civile
rep. n. 532 del 18 febbraio 2020  recante:  «Integrazione  compiti  e
funzioni del soggetto attuatore, nominato con decreto  del  Capo  del
Dipartimento della protezione civile rep. n. 414 del 7 febbraio 2020,
per la gestione delle attivita' connesse alla gestione dell'emergenza
relativa al rischio sanitario connesso  all'insorgenza  di  patologie
derivanti da agenti virali trasmissibili»; 
  Visto il decreto-legge 23 febbraio  2020,  n.  6,  recante  «Misure
urgenti  in  materia  di  contenimento  e   gestione   dell'emergenza
epidemiologica da COVID-19»; 
  Tenuto conto della necessita'  di  coadiuvare  il  Ministero  della
salute nelle attivita' di comunicazione e informazione  dei  dati  in
merito alla diffusione del contagio e all'evolversi della  situazione
epidemiologica connessa all'insorgenza  di  patologie  derivanti  dal
COVID-19; 
  Tenuto conto  delle  esigenze  del  Dipartimento  della  protezione
civile conseguenti all'evoluzione del contesto emergenziale  in  atto
che richiedono un impiego maggiore di risorse umane; 
  Vista la richiesta del Ministero della salute  prot.  2618  del  29
febbraio 2020; 
  Acquisita l'intesa del Presidente della Conferenza delle regioni  e
delle province autonome in data 01 marzo 2020; 
 
                              Dispone: 
 
                               Art. 1 
 
          Esigenze del Dipartimento della protezione civile 
         e del Soggetto attuatore del Ministero della salute 
 
  1. In relazione al contesto emergenziale indicato in  premessa,  il
Dipartimento della protezione civile ed il soggetto attuatore di  cui
al decreto del Capo del Dipartimento rep. n. 414 del 7 febbraio  2020
sono autorizzati ciascuno a conferire  fino  a  cinque  incarichi  di
collaborazione coordinata e continuativa, della durata non  superiore
al termine di vigenza dello stato di emergenza, in deroga all'art. 7,
commi 5-bis, 6 e 6-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. 
  2. Ai relativi oneri, quantificati in euro 24.000,00 su base annua,
per ciascun incarico, si provvede a valere, per  quanto  riguarda  il
Dipartimento della protezione civile sulle risorse finanziarie di cui
all'art. 7 dell'ordinanza del Capo del Dipartimento della  protezione
civile n. 630 del 3 febbraio 2020 e per quanto riguarda  il  soggetto
attuatore di cui al decreto del Capo del Dipartimento rep. n. 414 del
7 febbraio 2020 a valere sulla  contabilita'  speciale  intestata  al
medesimo  soggetto  attuatore  di  cui  all'ordinanza  del  Capo  del
Dipartimento della protezione civile n. 635 del 13 febbraio 2020. 
  La presente ordinanza sara'  pubblicata  nella  Gazzetta  Ufficiale
della Repubblica italiana. 
 
    Roma, 1º marzo 2020 
 
                                   Il Capo del Dipartimento: Borrelli