N. 11 RICORSO PER LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE 4 marzo 2014

Ricorso per questione di legittimita' costituzionale depositato in cancelleria il 4 marzo 2014 (della Provincia autonoma di Bolzano). Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Destinazione di maggiori gettiti di tributi erariali a confluire, nelle misure annuali indicate, nel "Fondo per interventi strutturali di politica economica" - Istituzione di un "Fondo per la riduzione della pressione fiscale" e destinazione ad esso, a decorrere dal 2014, delle maggiori entrate derivanti dal contrasto all'evasione fiscale - Riserva allo Stato, per il quinquennio 2014-2019, delle nuove e maggiori entrate erariali derivanti dai decreti-legge n. 138 e n. 201 del 2011, destinazione integrale delle stesse a copertura degli oneri per il servizio del debito pubblico, e fissazione con successivo decreto del MEF, sentiti i Presidenti delle Giunte regionali interessate, delle modalita' di individuazione del maggior gettito attraverso separata contabilizzazione - Possibilita' di intese tra lo Stato e le singole autonomie speciali, entro il 30 giugno 2014, per concordare misure alternative alle riserve di gettito all'erario - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciata introduzione unilaterale di riserve di gettito statale al di fuori delle previsioni e in assenza dei requisiti stabiliti dallo statuto speciale e dalle norme di attuazione - Violazione dell'autonomia finanziaria provinciale, della disciplina statutaria dei rapporti finanziari tra Stato e Province autonome e del principio dell'accordo bilaterale per la loro modificazione - Violazione del giudicato costituzionale in relazione alla sentenza della Corte costituzionale n. 241 del 2012 - Violazione del principio della certezza dell'entrata e vanificazione della previsione statutaria dell'intesa forte con lo Stato - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, commi 157, 179, 431, lett. b), 435, 508 e 511. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), Titolo VI, in particolare artt. 75, 75-bis, 79, 80, 81, 82, 83 e 84, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268, in particolare artt. 9, 10 e 10-bis; d.P.R. 28 marzo 1975, n. 474; d.P.R. 26 gennaio 1980, n. 197; Costituzione, artt. 81 e 136; legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, commi 106 e 108; legge 24 dicembre 2012, n. 243, art. 12. Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Determinazione dei contributi alla finanza pubblica dovuti dalle Regioni e dalle Province autonome per il triennio 2015-2017 e dagli enti locali per gli anni 2016 e 2017 - Previsione di contributi aggiuntivi alla finanza pubblica a carico della Provincia di Bolzano, sia in termini di miglioramento del patto di stabilita', sia mediante ulteriori accantonamenti a valere sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciato contrasto con le norme statutarie che stabiliscono le forme di concorso delle Province autonome agli obiettivi di finanza pubblica statale - Violazione del principio dell'accordo per la regolazione dei rapporti finanziari con lo Stato - Lesione di potesta' delle Province autonome in materia di finanza locale - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, commi 429, 526 e 527. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), Titolo VI, in particolare artt. 75, 75-bis, 79, 80, 81, 82, 83 e 84, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268; legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, commi 106 e 108. Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Contenimento della spesa per la sanita' pubblica - Riduzioni per l'anno 2015 e a decorrere dal 2016 del livello del finanziamento del servizio sanitario nazionale cui concorre ordinariamente lo Stato e previsione di criteri e modalita' di ripartizione della riduzione tra le Regioni e le Province autonome - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciato contrasto con le norme statutarie che stabiliscono le forme di concorso delle Province autonome agli obiettivi di finanza pubblica statale - Violazione del principio dell'accordo per la regolazione dei rapporti finanziari con lo Stato - Violazione di potesta' legislative e amministrative, di fonte statutaria o costituzionale, spettanti alla Regione Trentino-Alto Adige e alle Province autonome in materia di ordinamento degli enti sanitari e ospedalieri, organizzazione dei propri uffici e del relativo personale, igiene e sanita', ivi compresa l'assistenza sanitaria e ospedaliera, e tutela della salute - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, comma 481. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), artt. (4, n. 7), 8, n. 1), 9, n. 10), e 16, Titolo VI, in particolare artt. 75, 75-bis, 79, 80, 81, 82, 83 e 84, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268; d.P.R. 28 marzo 1975, n. 474; d.P.R. 26 gennaio 1980, n. 197; Costituzione, art. 117, comma terzo, in combinato disposto con l'art. 10 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, commi 106 e 108. Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Previsione di ulteriori concorsi alla finanza pubblica a carico della Provincia autonoma di Bolzano fino al 2017 mediante riduzione tabellare di spese - Previsione, nell'ambito delle sanzioni relative all'inosservanza del patto di stabilita' interno riferito anche alle Province autonome, del divieto di assumere personale a qualsiasi titolo e di stipulare contratti di servizio elusivi del divieto - Conferma per il 2013 dell'operativita' degli adempimenti prescritti per sanare l'eventuale inosservanza del patto di stabilita' - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciata imposizione unilaterale di forme di contribuzione finanziaria ulteriori rispetto a quelle definite dallo statuto speciale e dalle norme di attuazione - Violazione del principio dell'accordo bilaterale per la modificazione dei rapporti finanziari dello Stato con le Province autonome e delle norme statutarie che li disciplinano - Interferenza con l'autonomia finanziaria e con l'organizzazione provinciale - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale - Richiamo all'impugnazione proposta con precedente ricorso (n. 30 del 2013) avverso l'art. 1, commi 455, 461 e 463, della legge n. 228 del 2012. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, commi 499, 500, 502 e 504, i primi tre modificativi rispettivamente dei commi 454, 455 e 461 e l'ultimo abrogativo (a decorrere dall'esercizio 2014) del comma 463 dell'art. 1 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), Titolo VI, in particolare artt. 79, 80 e 81, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268; legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, commi 106 e 108. Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Previsione che per i comuni delle Province autonome (e delle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d'Aosta) la compensazione del minor gettito dell'IMU determinato da nuove norme statali avviene unicamente attraverso un minor accantonamento per l'importo di 5,8 milioni di euro a valere sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali - Previsione che, dall'anno 2014, per i medesimi comuni non si tiene conto del minor gettito IMU derivante dal comma 707 della legge di stabilita' 2014 - Conferma della applicabilita' dell'art. 13, comma 17, del decreto legge n. 201 del 2011 nei territori delle Province autonome (e delle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle d'Aosta) - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciata reiterazione del meccanismo degli accantonamenti sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali come strumento ordinario di regolamentazione dei rapporti finanziari tra Stato e Province autonome, in particolare in materia di finanza locale - Violazione delle norme statutarie e attuative che regolano tali rapporti, del principio dell'accordo per modificarli e delle competenze provinciali in materia di finanza locale - Violazione dell'assetto statutario delle competenze provinciali - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale - Richiamo alle impugnazioni proposte con precedenti ricorsi (n. 40 del 2012, n. 30 del 2013 e n. 1 del 2014 ) avverso gli artt. 13, comma 17, del decreto-legge n. 201 del 2011, e 3, comma 2-bis, del decreto legge n. 102 del 2013. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, commi 711, 712 e 729, l'ultimo modificativo dell'art. 1, comma 380, della legge 24 dicembre 2012, n. 228. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), Titolo VI, in particolare artt. 75, 75-bis, 79, 80 e 81, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268, in particolare artt. 9, 10, 10-bis, 16, 17, 18 e 19; legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, commi 106 e 108. Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Previsione che, ai fini del rispetto del patto di stabilita' interno, gli enti territoriali delle Regioni a statuto speciale devono calcolare il complesso delle spese per il personale al netto dell'eventuale contributo erogato dalle Regioni - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciata introduzione di norma di dettaglio - Violazione dell'autonomia finanziaria provinciale e (se piu' favorevole) della competenza concorrente in materia di coordinamento della finanza pubblica - Inosservanza del regime di adeguamento della legislazione provinciale - Violazione della competenza provinciale a stabilire gli obblighi relativi al patto di stabilita' e a provvedere alle funzioni di coordinamento nei confronti degli enti locali - Incidenza sulle competenze delle Province autonome in materia di organizzazione dei propri uffici e del personale - Lesione dell'autonomia finanziaria degli enti locali e della competenza provinciale in materia di finanza locale - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, comma 213 (modificativo dell'art. 4, comma 9-bis, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125). - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), artt. 8, n. 1), e 16, Titolo VI, in particolare artt. 79, 80 e 81; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 266, in particolare art. 2; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268, in particolare artt. 16 e 17; Costituzione, art. 117 (comma terzo). Bilancio e contabilita' pubblica - Legge di stabilita' 2014 - Previsione che una somma pari a 70 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016 e' destinata dal sistema delle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura al sostegno dell'accesso al credito delle piccole e medie imprese attraverso il rafforzamento dei confidi, senza effetti di aumento sulla determinazione della misura annuale del diritto camerale - Ricorso della Provincia autonoma di Bolzano - Denunciata violazione del sistema delle relazioni finanziarie della Regione Trentino-Alto Adige e delle Province autonome con lo Stato - Attribuzione alle Province autonome di funzioni finanziarie e di coordinamento anche nei confronti delle camere di commercio - Violazione dei principi di ragionevolezza, di leale collaborazione e di delimitazione temporale. - Legge 27 dicembre 2013, n. 147, art. 1, comma 55. - Statuto speciale della Regione Trentino-Alto Adige (d.P.R. 31 agosto 1972, n. 670), (art. 4, primo comma, n. 8), Titolo VI, in particolare art. 79, e artt. 103, 104 e 107; d.lgs. 16 marzo 1992, n. 268; (d.P.R. 31 luglio 1978, n. 1017, art. 2; legge della Regione Trentino-Alto Adige/S├╝dtirol 17 aprile 2003, n. 3, art. 1). (14C00059) (GU 1a Serie Speciale - Corte Costituzionale n.16 del 9-4-2014)

mef Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato
Realizzazione Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A.