Modalità e Tariffe per la Pubblicazione delle Inserzioni in Gazzetta Ufficiale
(Ministero del Tesoro - Decreto del 24 dicembre 2003 - G.U. n. 36 del 13 febbraio 2004)
Introduzione
Le inserzioni vengono pubblicate nella Gazzetta Ufficiale in:
  • Parte I, V Serie Speciale - Contratti Pubblici che, istituita nel 2007, ha lo scopo di dare pubblicità ai procedimenti di gara della pubblica amministrazione; (si pubblica il lunedì, il mercoledì ed il venerdì)
  • Parte II - Foglio delle inserzioni, in cui vengono pubblicate inserzioni commerciali o giudiziarie di soggetti pubblici e privati; (si pubblica il martedì, il giovedì ed il sabato)
In particolare nella Parte V vengono pubblicati gli annunci commerciali della PA che rientrano nelle seguenti tipologie:
  • Avvisi e bandi di gara;
  • Esiti di gara;
  • Avvisi di annullamento, differimento e rettifica di bandi e procedure di gara;
  • Aste immobiliari ed altre procedure ad evidenza pubblica.
Nella Parte II vengono invece pubblicati sia annunci commerciali che annunci giudiziari, quali:
  • Convocazioni d’assemblea;
  • Ammortamenti;
  • Richieste e dichiarazioni di assenza e di morte presunta;
  • Espropri;
  • Concessioni demaniali;
  • Varianti ai piani regolatori;
  • Cariche associative;
  • Specialità medicinali, presidi sanitari e medico chirurgici;
  • Ecc...
torna su
Regole tipografiche e redazionali
Allo scopo di garantire la leggibilità, il testo dell’inserzione non dovrà essere compattato: sarà cura dell’inserzionista lasciare uno spazio dopo ogni segno di interpunzione e andare a capo ad ogni capoverso o sezione.
  • La ragione sociale/ente deve essere sempre riportata per intero in maiuscolo.
  • L’oggetto dell’inserzione deve essere riportato per intero.
  • L’oggetto dell’inserzione deve essere riportato sempre tutto in minuscolo, saranno maiuscole esclusivamente le iniziali delle parole che lo richiedono.
  • Firme sempre in minuscolo, le iniziali in maiuscolo.
  • Provincia e località sempre in minuscolo, le iniziali in maiuscolo.
  • Il testo dell’inserzione NON deve mai essere riportato per intero in maiuscolo salvo le iniziali di ciascun capoverso.
Le inserzioni relative a bandi e avvisi inviate per la pubblicazione dovranno comunque essere conformi nei contenuti alle disposizioni del D.lgs. 12 aprile 2006, n. 163 (denominato anche "Codice"), pubblicato nella G.U. n. 100 del 2 maggio 2006.

In particolare, in base al combinato disposto degli artt. 66 e 124 del Codice, i bandi e avvisi di gara vanno pubblicati integralmente in GURI e per estratto in almeno due dei principali quotidiani a diffusione nazionale e regionale.
Pertanto, la pubblicazione del bando per estratto è prevista esclusivamente sui quotidiani nazionali e regionali, e non nella GURI, nella quale va pubblicato il bando integrale corredato dai requisiti minimi previsti dalla normativa vigente.
Conformemente a tale ratio, non sono ammissibili, né tantomeno in linea con la suddetta normativa, bandi ed avvisi di gara pubblicati per estratto e contenenti il mero rinvio a siti internet per la consultazione integrale del bando stesso.
Per quanto concerne le informazioni che devono figurare nei bandi e negli avvisi di gare di appalto pubbliche si rinvia alle prescrizioni di cui all’ All. IX A - B e C del D.lgs 163/2006.

Allo scopo di migliorare la leggibilità e la veste tipografica, si raccomanda di redigere l’ inserzione, suddividendola in SEZIONI ed andando a capo almeno per ciascuna SEZIONE, seguendo a titolo indicativo il seguente schema:
  • SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE, scritto in MAIUSCOLO.
    • denominazione;
    • indirizzi;
    • punti di contatto.
  • SEZIONE II: OGGETTO DELL’APPALTO.
    • tipo di appalto;
    • luogo di esecuzione;
    • luogo di consegna o di prestazione dei servizi;
    • informazioni relative all’accordo quadro se del caso;
    • vocabolario comune per gli appalti;
    • eventuale divisione in lotti;
    • quantitativo o entità dell’appalto;
    • durata dell’appalto o termine di esecuzione;
    • eventuali opzioni.
    • Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.
  • SEZIONE III: INFORMAZIONI DI CARATTERE GIURIDICO, ECONOMICO, FINANZIARIO E TECNICO.
    • eventuali cauzioni e garanzie richieste;
    • condizioni di partecipazione.
    • Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.
  • SEZIONE IV: PROCEDURA.
    • criteri di aggiudicazione;
    • informazioni di carattere amministrativo;
    • termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione;
    • periodo minimo durante il quale l’offerente è vincolato alla propria offerta.
    • Le sopraindicate rubriche vanno riportate preferibilmente in maiuscolo e/o in grassetto, scrivendo in corsivo il restante testo.
  • SEZIONE V : (EVENTUALE).
  • SEZIONE VI : ALTRE INFORMAZIONI.
Con l’entrata in vigore della Legge 13 agosto 2010, n. 136, come modificata dal D.L. n. 187/2010 sono soggette all’obbligo di richiesta del CIG tutte le fattispecie contrattuali di cui al D.Lgs. 163/2006 indipendentemente dalla procedura di scelta del contraente adottata e dall’importo del contratto. Il CIG, rilasciato dall’Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici, va pertanto indicato contestualmente alla richiesta di pubblicazione dell’inserzione. Ogni ulteriore informazione potrà essere reperita sul sito dell’AVCP: http://www.avcp.it.

torna su
Modalità trasmissione inserzioni
I testi delle inserzioni da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale possono essere trasmessi con le seguenti modalità: In alternativa è possibile rivolgersi alle librerie concessionarie autorizzate alla trasmissione cartacea delle inserzioni, il cui elenco è consultabile all’indirizzo: http://gazzettaufficiale.it/librerieconcessionarie.

Allo scopo di evitare spiacevoli disguidi si raccomanda agli inserzionisti di trasmettere il testo dell’inserzione una sola volta, utilizzando un’unica modalità di trasmissione tra quelle sopra citate.

La pubblicazione dell’inserzione nella Gazzetta Ufficiale viene effettuata il 6° giorno feriale successivo a quello dei ricevimento da parte dell’Ufficio inserzioni.

Invio per posta

I testi delle inserzioni trasmessi per posta devono pervenire in originale, trascritti a macchina o con carattere stampatello, redatti in carta da bollo o uso bollo con l’applicazione di una marca da €16,00 ogni quattro pagine o 100 righe; eventuali esenzioni da tale imposta dovranno essere documentate all’atto dell’invio o della consegna

Le inserzioni, a norma delle vigenti disposizioni di legge in materia, devono riportare, in originale, la firma chiara e leggibile del responsabile della richiesta; il nominativo e la qualifica del firmatario devono essere trascritti a macchina o con carattere stampatello.

L’importo delle inserzioni deve essere versato sul c/c postale n. 16715047 intestato a Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. Roma e l’attestazione del pagamento - in originale - dovrà essere allegata alla documentazione.

Consegna a mano alla libreria di stato

I testi delle inserzioni consegnati a mano direttamente allo sportello della Libreria dello Stato "Spazio Verdi" (apertura dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13,00) devono essere prodotti in originale, trascritti a macchina o con carattere stampatello, redatti in carta da bollo o uso bollo con l’applicazione di una marca da €16,00 ogni quattro pagine o 100 righe; eventuali esenzioni da tale imposta dovranno essere documentate all’atto dell’invio o della consegna.

Le inserzioni a norma delle vigenti disposizioni di legge in materia, devono riportare, in originale, la firma chiara e leggibile del responsabile della richiesta; il nominativo e la qualifica del firmatario devono essere trascritti a macchina o con carattere stampatello.

L’importo delle inserzioni deve essere versato in contanti o con assegno circolare intestato all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato presso la Libreria dello Stato "Spazio Verdi".

Qualora l’inserzione sia consegnata direttamente alla Libreria dello Stato da persona diversa dal firmatario, è necessario presentare delega scritta rilasciata dal firmatario stesso o da altro soggetto autorizzato dall’ente inserzionista e, come previsto dalla legge, copia fotostatica di un valido documento d’identità del delegante. Il delegato dovrà invece esibire un valido documento d’identità all’atto della consegna.

Trasmissione via PEC

Nel rispetto dei requisiti della normativa vigente in Italia e nell’Unione europea i testi delle inserzioni possono essere trasmessi digitalmente al seguente indirizzo di Posta Elettronica Certificata: protocollo@pec.ipzs.it.

La trasmissione via PEC è possibile:

  • per gli atti esenti dall’applicazione dell’imposta di bollo;
  • per gli atti, soggetti all’imposta di bollo, per i quali sia stata rilasciata l’autorizzazione al pagamento in modo virtuale.

La trasmissione via PEC deve rispondere ai seguenti requisiti:

  • i testi delle inserzioni, devono essere inviati in formato PDF come allegato del messaggio PEC trasmesso all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato all’indirizzo di Posta Elettronica Certificata protocollo@pec.ipzs.it
  • i testi delle inserzioni devono essere sottoscritti con firma digitale dello stesso soggetto firmatario dell’inserzione da pubblicare.
  • È necessario trasmettere copia dell’attestazione del pagamento effettuato per l’inserzione, congiuntamente alla richiesta di pubblicazione contenente i dati fiscali ed anagrafici per l’emissione della fattura e per la spedizione della Gazzetta Ufficiale.

Si informano gli inserzionisti in possesso della firma digitale che è disponibile il nuovo Portale IOL - Inserzioni on-line per la pubblicazione on-line delle inserzioni in Gazzetta Ufficiale (vedi sezione Inserzioni on-line).

Regole generali

  • Non si accettano inserzioni con densità di scrittura superiore a 77 caratteri per riga (Il numero dei caratteri per riga - comprendente come carattere anche gli spazi vuoti e i segni di punteggiatura - è sempre riferito all’utilizzo dell’intera riga di mm. 133, del foglio di carta bollata o uso bollo).
  • Le indicazioni di denominazione sociale, sede legale, capitale sociale, iscrizione registro imprese, codice fiscale e partita IVA, devono essere riportate su righe separate.
  • I numeri (costituiti da una o più cifre) all’interno di prospetti ed elenchi (costituiti da una o più cifre) devono seguire l’ordine progressivo in senso orizzontale. Per esigenze tipografiche, ogni riga può contenere un massimo di sei gruppi di numeri.
  • Per le inserzioni relative a "convocazioni di assemblea di società per azioni" si precisa che nell’indicare la data di convocazione è necessario considerare i tempi ordinari di pubblicazione di 6 giorni e i seguenti termini legali che decorrono dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale:
    • 15 giorni "convocazione di assemblea di società per azioni non quotate"
    • 30 giorni "convocazione di assemblea di società per azioni quotate in mercati regolamentati".
    Nella richiesta d’inserzione per le "convocazioni d’assemblea di società per azioni" dovrà essere indicato se trattasi di società con azioni quotate in mercati regolamentati italiani o di altri Paesi dell’Unione Europea
  • Per gli avvisi giudiziari, è necessario che il relativo testo sia accompagnato da copia del provvedimento emesso dall’Autorità competente; tale adempimento non occorre per gli avvisi già vistati dalla predetta Autorità.

A fronte di ciascuna inserzione viene emessa fattura e, quale giustificativo dell’inserzione, viene spedita una copia della Gazzetta Ufficiale nella quale è avvenuta la pubblicazione. I fascicoli della Gazzetta ufficiale disguidati saranno reintegrati se richiesti all’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato - via e-mail all’indirizzo informazioni@ipzs.it o via fax al numero 06-85082721 - entro sessanta giorni dalla data della loro pubblicazione. Per ulteriori informazioni contattare il Numero Verde 800864035.

Tariffe ufficiali inserzioni cartacee
Per rigo o frazione di rigo € 20,58 (IVA compresa)
Per rigo o frazione di rigo (comprese comunicazioni o avvisi relativi a procedure di esproprio per pubblica utilità) € 8,08 (IVA compresa)
torna su
 
Inserzioni on-line
IOL inserzioni on-line è la consolidata ed evoluta piattaforma web di IPZS che permette agli inserzionisti di effettuare la pubblicazione degli annunci nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana:
  • comodamente dal proprio ufficio;
  • senza necessità di spedizione degli annunci agli Sportelli IPZS;
  • in massima sicurezza transazionale;
  • con massima certezza del rispetto del contenuto degli annunci;
  • senza oneri aggiuntivi rispetto a quelli sostenuti per la pubblicazione;
  • con una significativa riduzione dei tempi di pubblicazione (da 6 a 3 giorni lavorativi).
Per informazioni circa l’accesso alla piattaforma ci si può rivolgere a:
DIREZIONE RELAZIONI CON LA CLIENTELA E VENDITE - Product Management Gazzetta Ufficiale
GAZZETTA UFFICIALE
e-mail: informazioni@gazzettaufficiale.it
Via Salaria 1027, 00138 ROMA


L’elenco degli intermediari (LIBRERIE CONCESSIONARIE e AGENZIE) autorizzati alla raccolta e trasmissione telematica delle inserzioni è consultabile all’inditizzo: http://www.gazzettaufficiale.it/librerieconcessionarie.
torna su
mef Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato